Francia: allevatori bloccano ipermercati: “Ci stanno schiacciando”

Bloccati diversi ipermercati nella regione di Côtes-d'Armor, intervenuto il prefetto della regione che ha fissato un incontro istituzionale lunedì

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Più di trecento giovani allevatori bretoni oggi hanno protestato in diversi ipermercati della regione Côtes-d’Armor. Sul principio hanno bloccato le vie di accesso, costringendo le forze dell’ordine a creare una deviazione per ripristinare la viabilità della RN12, poi hanno fatto irruzione nelle strutture, impedendo ai clienti di entrare e bruciando i pallet all’esterno. Al Carrefour di Langueux i dimostranti hanno prelevato tutte le carni suine non nazionali con l’etichetta “di provenienza UE” riempiendone diversi carrelli e impedendo di fatto che potessero essere acquistate. Presi di mira anche Leclerc e Lidl.

La protesta è la conseguenza diretta della guerra economica operata dai padroni transnazionali contro i mercati di produzione nazionale attraverso i regolamenti dell’Unione Europea. Mentre i prezzi sugli scaffali salgono sempre di più a causa della “crisi energetica” costruita ad arte dai criminali globalisti per impoverire i popoli sovrani europei, le cifre pagate ai produttori sono ai minimi storici:

“Abbiamo controllato i prezzi e abbiamo trovato il latte a 62 centesimi al litro, il che significa che il contadino non può essere pagato. I grandi e medi rivenditori sono i becchini dell’agricoltura”, ha dichiarato all’AFP [“Agence France-Presse” NdT] Fabienne Garel, presidente della FDSEA [“Fédération nationale des Syndicats d’Exploitants Agricoles” NdT] in Côtes-d’Armor.
“Non glielo permetteremo, spingeremo i negoziati per accettare l’aumento dei nostri prezzi, non lasceremo che ci seppelliscano. Il solo costo di produzione di un chilo di carne di maiale è di 1,80 euro, l’allevatore viene pagato 1,25 euro e viene venduto a 1,65 euro”, ha aggiunto. [Capital]

Il responsabile del settore carni della Carrefour Bertrand Eon, giunto a Langueux, si è impegnato con pubblica firma ad alzare i prezzi, fissando un appuntamento con gli insorti, e anche il prefetto della regione Thierry Mosimann nel pomeriggio ha raggiunto gli allevatori a Lamballe, dicendo che comprende le loro ragioni e fissando con loro un incontro istituzionale per il 31 gennaio. Quindi i dimostranti alle 19 hanno abbandonato il campo, promettendo di ritornare, più forti e più decisi, lunedì.

MDM 29/01/2022

Fonte https://www.capital.fr/economie-politique/bretagne-des-hypermarches-bloques-par-des-eleveurs-en-guerre-contre-des-prix-injustes-1426973

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x