Francia: allevatori bloccano ipermercati: “Ci stanno schiacciando”

Bloccati diversi ipermercati nella regione di Côtes-d'Armor, intervenuto il prefetto della regione che ha fissato un incontro istituzionale lunedì

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Più di trecento giovani allevatori bretoni oggi hanno protestato in diversi ipermercati della regione Côtes-d’Armor. Sul principio hanno bloccato le vie di accesso, costringendo le forze dell’ordine a creare una deviazione per ripristinare la viabilità della RN12, poi hanno fatto irruzione nelle strutture, impedendo ai clienti di entrare e bruciando i pallet all’esterno. Al Carrefour di Langueux i dimostranti hanno prelevato tutte le carni suine non nazionali con l’etichetta “di provenienza UE” riempiendone diversi carrelli e impedendo di fatto che potessero essere acquistate. Presi di mira anche Leclerc e Lidl.

La protesta è la conseguenza diretta della guerra economica operata dai padroni transnazionali contro i mercati di produzione nazionale attraverso i regolamenti dell’Unione Europea. Mentre i prezzi sugli scaffali salgono sempre di più a causa della “crisi energetica” costruita ad arte dai criminali globalisti per impoverire i popoli sovrani europei, le cifre pagate ai produttori sono ai minimi storici:

“Abbiamo controllato i prezzi e abbiamo trovato il latte a 62 centesimi al litro, il che significa che il contadino non può essere pagato. I grandi e medi rivenditori sono i becchini dell’agricoltura”, ha dichiarato all’AFP [“Agence France-Presse” NdT] Fabienne Garel, presidente della FDSEA [“Fédération nationale des Syndicats d’Exploitants Agricoles” NdT] in Côtes-d’Armor.
“Non glielo permetteremo, spingeremo i negoziati per accettare l’aumento dei nostri prezzi, non lasceremo che ci seppelliscano. Il solo costo di produzione di un chilo di carne di maiale è di 1,80 euro, l’allevatore viene pagato 1,25 euro e viene venduto a 1,65 euro”, ha aggiunto. [Capital]

Il responsabile del settore carni della Carrefour Bertrand Eon, giunto a Langueux, si è impegnato con pubblica firma ad alzare i prezzi, fissando un appuntamento con gli insorti, e anche il prefetto della regione Thierry Mosimann nel pomeriggio ha raggiunto gli allevatori a Lamballe, dicendo che comprende le loro ragioni e fissando con loro un incontro istituzionale per il 31 gennaio. Quindi i dimostranti alle 19 hanno abbandonato il campo, promettendo di ritornare, più forti e più decisi, lunedì.

MDM 29/01/2022

Fonte https://www.capital.fr/economie-politique/bretagne-des-hypermarches-bloques-par-des-eleveurs-en-guerre-contre-des-prix-injustes-1426973

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix