Home / Notizie dall'Italia / Fake News: dacci oggi il nostro virus quotidiano

Fake News: dacci oggi il nostro virus quotidiano

partiti-sondaggi-m5s

DI ROSANNA SPADINI

comedonchisciotte.org

Seratona a Otto e mezzo (La7) … infatti mentre madame Bilderberg diceva che il M5S stava perdendo 2 punti percentuali nei sondaggi e sarebbe stato sotto il Partito Democratico, il Fatto Quotidiano smentiva clamorosamente riportando i sondaggi Index Research, rilevanti che il M5S perde è vero 2 punti percentuali, scendendo al 30,4%, ma resta attualmente il primo partito, mentre il Partito Democratico paga ancora l’effetto del referendum e le divisioni arrivate fin dentro l’assemblea, quindi resta paralizzato al 28,5%. Cifra che dice due cose: è lontano anni luce il 40% delle europee ed è lontano anche il 40% del SI’ al referendum e sul quale tutti i vertici del Pd hanno detto di poter contare per ripartire.

Ma naturalmente madame Bilderberg non si è limitata a questo, rivelando nell’intervista a Paolo Berdini, assessore all’urbanistica, anima pura della sinistra d’ingegno, tutto il suo livore malizioso verso i 5 Stelle. Berdini infatti l’ha ulteriormente smentita appoggiando con convinzione il programma della giunta, contro le Olimpiadi e contro le colate di cemento di un nuovo stadio della Roma Calcio, per cui 1 milione e 200mila metri cubi di cemento dovrebbero rappresentare un bene pubblico. Berdini ha poi chiarito il caso della metropolitana C di Roma, che dopo il Mose di Venezia e il Tav è annoverata fra le opere pubbliche più costose d’Italia ed è un caso da manuale di sperpero di denaro pubblico. Iniziata nel 1990, dopo una serie impressionante di errori, consulenze d’oro e progetti rifatti più volte, il progetto ha visto più che raddoppiare la cifra iniziale dei 3 miliardi. Dunque ora i fondi sono stati prosciugati, e i lavori dovranno probabilmente interrompersi in primavera, perché per il proseguimento il governo nazionale pretende 500 milioni di euro, a differenza del governo inglese, che contribuisce con un miliardo e mezzo alla costruzione dei nuovi lavori della metropolitana di Londra.

partiti-sondaggi-m5sInfatti il seguito dei lavori della metropolitana richiederebbe a tutti i romani di colmare la voragine del debito causata dalla mala politica, senza aprire una discussione proficua sul destino del debito pubblico, il comune di Roma effettivamente ha una partecipazione del 17% di Roma metropolitane e dunque dovrebbe accollarsi circa 500 milioni aggiuntivi per perpetuare il sistema di potere affaristico.

Paolo Berdini conosce bene la materia, perché autore di testi quali “Roma Moderna”, un libro fondamentale sulla storia dell’urbanistica romana e “Le città fallite. I grandi comuni italiani e la crisi del welfare urbano”, che si interroga sulle cause della cancellazione del sistema dei servizi urbani che ha caratterizzato l’intero Novecento.

Ma il tema rovente della serata è stato quello della bocciatura del Bilancio previsionale del comune, definito da madame Bilderberg un evento “tragicamente orribile, mai avvenuto nella storia di Roma”.  Naturalmente tutte le fake della stampa nazionale si sono immediatamente posizionate per il gioco al massacro …

virginia-raggi-conti-bocciatiDall’arcipelago affaristico abituato a trarre sostentamento sistematico dalle grandi opere (Olimpiadi), parte il Messaggero (Gruppo Caltagirone) «Raggi, conti bocciati: è paralisi. Dal salario accessorio alle multe, ecco tutte le falle del bilancio» Mancherebbe un programma «adeguato» per recuperare le multe arretrate e gli affitti dello sterminato patrimonio immobiliare del Comune, non ci sarebbe traccia del piano per dismettere le partecipate gravate da debiti milionari, i bonus dei 23mila dipendenti capitolini sarebbero distribuiti senza nessun controllo, le entrate straordinarie previste dal Comune per il prossimo anno sarebbero sproporzionate … bla bla bla

campidoglio-paralisi-bocciato-bilancioContinua Il Nuovo Corriere (di Roma e del Lazio) «Campidoglio, è paralisi. Con i conti bocciati si ferma tutto».  La mazzata dei conti bocciati, quando si era da poco risolta la crisi politica con il rimpastino sarebbe pesantissima e rischierebbe di essere paralizzante. Come ne uscirà la Raggi? Una delle opzioni sarebbe il commissariamento, ma a quel punto salterebbe davvero tutto. Insomma siamo alla paralisi amministrativa, perché i problemi legati alle amministrazioni precedenti dovrebbero essere gestiti meglio. Mancherebbe dunque un programma «adeguato» per recuperare le multe arretrate e bla bla bla …  Ecco perché l’Organo di revisione economico-finanziaria ha bocciato la manovra di bilancio. «Non ci sono spazi sufficienti per rispettare l’equilibrio finanziario», scrivono i revisori presieduti da Federica Tiezzi, che in privato ammette: «Negli atti della giunta abbiamo notato tanta ingenuità e approssimazione, probabilmente dettata dall’inesperienza…». Giudizio quantomeno politico e del tutto inadeguato per un organo che si dice indipendente.

stefano-costantini-caporedattore-della-cronaca-di-roma-di-repubblicaProsegue Repubblica (De Bendetti-Renzi-Gentiloni-PD) … «Campidoglio, bocciato per la prima volta il bilancio previsionale. Opposizioni: “A casa, a casa”» … L’organo di revisione economica del comune di Roma ha dato parere negativo alla manovra dell’amministrazione Cinque Stelle: «Non è in equilibrio finanziario». Per la prima volta nella storia del Campidoglio, il bilancio di previsione andrebbe  in tilt. A calare la scure sulla manovra 2017-2019 è l’Oref, l’organo di revisione economico-finanziaria del Comune. La bocciatura è arrivata dopo quattro ore di sospensione dei lavori in aula Giulio Cesare ed è stata annunciata dal presidente dell’Assemblea capitolina Marcello De Vito dopo un’accesa conferenza con i capigruppo delle opposizioni.

Stefano Costantini, caporedattore della Cronaca di Roma di Repubblica, commenta: «L’amministrazione Raggi non supererebbe il primo vero esame importante, per colpa di alcuni errori, anche grossolani e da principianti. Anche se probabilmente non vi sarà commissariamento, ora si apre un nuovo scenario».

de-vito-annuncia-bocciatura-bilancio-proteste-in-aulaAlla notizia le opposizioni si sono scatenate, Alessandro Onorato, capogruppo della Lista Marchini (interessata alle Grandi Opere) ha paventato l’ipotesi del default perché «il fondo passività è sballato, non copre i debiti fuori bilancio e le passività potenziali. Le municipalizzate sono fuori controllo, ha fatto bene l’Oref a dirlo chiaramente. Ora bisogna rifare il bilancio».  «La richiesta che facciamo noi – ha aggiunto Michela Di Biase del Pd – è di mandare subito il parere di nuovo in giunta perché così non è possibile procedere alla votazione del bilancio. Ci esporremmo a un possibile esposto della Corte dei conti. In sostanza nel dispositivo si dice che non si rispettano gli spazi di finanza pubblica». Duro pure il commento di Fabrizio Ghera, capogruppo di Fratelli d’Italia: «Dopo cinque mesi di assoluta incapacità amministrativa, i grillini raggiungo un record storico nella storia del Comune di Roma: la bocciatura dell’Oref sul bilancio. Sindaco commissariato, giunta ‘rossa’ e maggioranza alla sbando. Ecco chi sono i 5 Stelle».

bilancio-bocciato-fqAnche il Fatto Quotidiano, definito maldestramente l’house organ dei 5 Stelle, semina disinformazione grossolana «Roma, bilancio bocciato: difficile ok entro l’anno. Ma con la proroga concessa dal governo c’è tempo fino a fine febbraio. Se però non arriverà l’approvazione del consiglio entro il 31 dicembre, eventualità improbabile, il 2017 comincerà in gestione provvisoria: dipartimenti e municipi potranno spendere solo l’importo di una mensilità del totale dell’anno precedente. Saranno garantiti i servizi minimi, ma frenati tutti gli investimenti e posticipato quel poco di programmazione prevista nel documento non approvato dall’Oref. I conti di Roma non tornano: troppi debiti fuori bilancio e passività potenziali che non sono state considerate a dovere. Ma anche dubbi sulle entrate non strutturali e sulla riscossione dei tributi, e un programma deficitario (per non dire nullo) nella razionalizzazione delle partecipate, vera zavorra della Capitale. Insomma, il bilancio di previsione 2017 è praticamente un disastro, e va rifatto». 

Intervistata dall’ HuffingtonPost (ossia Repubblica-DeBenedetti-PD), Federica Tiezzi dell’Oref (Organismo di Revisione Economico-Finanziaria) si dice colpita dall’ingenuità dell’amministrazione M5S. Dai termini inappropriati impiegati nelle voci di bilancio, dal candore di chi ha redatto il documento. «Quando con gli altri revisori ho visto il documento di bilancio, ho notato molta approssimazione. Sarà stata sicuramente l’inesperienza, ne sono convinta...» … «Come revisori abbiamo dovuto constatare che c’è il rischio di non rispettare l’equilibrio di bilancio, perché i saldi di finanza pubblica sono strettissimi e i rischi per le passività potenziali sono enormi» … «Si potrebbe dire che il Comune non ha abbastanza soldi in cassa da spendere. Non hanno i mezzi per poter coprire tutte le spese» … «Di sicuro il Comune ora dovrà riscrivere la manovra, non ce la faranno per la fine del mese, c’è una proroga. Avranno più tempo per rispettare i rilievi. Ma il Campidoglio dovrà predisporre una programmazione adeguata, più concreta in termini di idee e di risultati da raggiungere».

assessore-mazzillo-bilancioChe disgrazia !! peccato che la realtà sia ben diversa e lo ha chiarito lo stesso Andrea Mazzillo, assessore al Bilancio «Valuteremo le prescrizioni e le osservazioni dell’Oref, in modo che la giunta possa adottare al più presto un nuovo schema di bilancio da sottoporre all’Assemblea capitolina. I revisori contabili sono stati particolarmente rigorosi nella loro analisi e noi vogliamo raccogliere questa sfida al rigore. Analoghi rilievi effettuati dall’Oref in passato non hanno mai prodotto pareri negativi e le valutazioni espresse oggi sono riferibili non al bilancio corrente ma a criticità ereditate dalle passate amministrazioni. Le consideriamo un’opportunità per migliorare ulteriormente il documento fondamentale per l’azione amministrativa per il prossimo triennio. Cominceremo affrontando il riconoscimento dei debiti fuori bilancio, che consentirà di dare ossigeno ai debitori e fornitori di Roma Capitale, e dunque alle imprese. Spiace solo che non ci siano, a questo punto, i tempi tecnici per poter approvare il bilancio entro il 31 dicembre. Ci sono comunque i tempi per predisporre un nuovo schema di bilancio ed approvarlo entro i termini stabiliti dalle norme (28 febbraio 2017) visto che con largo anticipo eravamo pronti ad approvare il Bilancio, una cosa più unica che rara. Non si ferma la nostra azione amministrativa improntata a principi di trasparenza e rigore contabile. Come riconosciuto dallo stesso Oref, questo è un bilancio vero, ispirato a criteri di prudenza e credibilità. Dopo le opportune modifiche lo riproporremo, con più forza e determinazione di prima.»

Dunque dove stanno di casa le fake news? Perché, se ogni spesa deve avere la sua copertura, non si spiega come sia stato possibile arrivare ad avere 13,6 miliardi di debiti (cifra arrotondata per difetto) senza che i bilanci non siano MAI stati bocciati da diversi anni. Quando negli anni passati si accumulavano le spese del debito quelli dell’Oref non si erano MAI posti il problema delle coperture? Forse dormivano sonni beati o erano semplicemente compiacenti? Da oltre 20 anni tutti i bilanci romani sono stati quindi veritieri, puntuali, completi, dettagliati, realistici, aggiornati? E intanto il debito della Capitale s’ingigantiva sempre più …

Infatti il bilancio previsionale si chiama così perché dovrebbe essere approvato prima dell’inizio dell’anno, ma i ritardi sono stati numerosi nella storia del Campidoglio:

– Alemanno: Bilancio 2011 approvato 8 luglio 2011 (7 mesi dopo)
– Alemanno: Bilancio 2012 approvato 5 novembre 2012 (11 mesi dopo)
– Alemanno: Bilancio 2013 MAI approvato (approvato da Marino Dicembre 2013, 12 mesi dopo)
– Marino: Bilancio 2014 approvato 31 luglio 2014 (7 mesi dopo)
– Marino: Bilancio 2015 approvato il 27 marzo 2015 (3 mesi dopo)
– Tronca: Bilancio 2016 approvato 18 marzo 2016 (3 mesi dopo)
– Raggi: Bilancio 2017 approvato 15/11/16 (1 mese prima, ora in revisione).

Ma in tutti questi casi nessuno si è strappato i capelli o ha urlato allo scandalo, eppure quelli erano i professionisti della politica, mica come questi principianti, incompetenti, incapaci, pivellini, imbranati, apprendisti stregoni del M5S.

Lo chiarisce un giornalista in questo caso onesto, come Franco Bechis, di certo non un pentastellato, che fa giustizia di tutto il ciarpame putrescente andato in onda a reti unificate sulla stampa mainstream.

I demoni della nostra realtà sociale dominano le variabili, governano il presente e prevedono il futuro … non credono al caso, alla sorte e alla fortuna, ma le determinano e perseguono in ordine rigoroso il loro esclusivo interesse … dunque non facciamoci infettare dai virus e sorseggiamo le fake a piccoli sorsi, impedendone una proliferazione insalubre e preservando gli ultimi barlumi di intelligenza. L’ecosistema ce ne renderà merito.

 

Rosanna Spadini

Fonte: www.comedonchisciotte.org

24.12.2016

 

Pubblicato da Rosanna

Sono docente di italiano, latino e storia in un Liceo Classico, la mia insolita passione è quella di andare alla ricerca della "verità" nelle vicende contemporanee, attraverso il flusso ridondante delle informazioni, il mio vizio assurdo invece consiste nell'amare l'anonimato più della notorietà, la responsabilità più del narcisismo, l'impegno sociale più del letargo intellettuale ...
  • Adriano Pilotto

    Ben fatto e ben detto.

  • CarloBertani

    Senz’altro è come dici tu, Rosanna: è la vendetta dei poteri forti e pesanti di Roma, i poteri del cemento, che hanno visto svanire il “sogno” olimpico. Ma è altro il problema, non qualche errore d’ingenuità.
    Domani, quando il M5S (probabilmente) erediterà il potere in Parlamento e nel Paese, sarà possibile governare l’Italia contro tutto e contro tutti, contro l’UE, gli USA, contro i grandi poteri finanziari, contro le banche d’affari, contro Morgan & Stanley, contro il BIldenberg, contro la Trilaterale…sarà possibile governare il Paese senza confinarlo in una sorta di “Corea del Nord” europea?
    Me lo chiedo onestamente – in senso intellettuale intendo – giacché nella vita ne ho viste tante, e non è una sorta di “dittatura parlamentare” che mi rovinerebbe il sonno.
    Questo è, a parer mio, il grande problema che dovremo porci, non l’altalena delle proiezioni elettorali che, così distanti dalle elezioni, lasciano il tempo che trovano.
    Un saluto affettuoso e auguri di Buone Feste
    Carlo Bertani

    • Caro Carlo, dato che apprezzo la tua abilità critica, mi meraviglia questa sfiducia nella potenzialità culturale e politica del MoV di cambiare le sorti non solo del Paese, ma anche dell’Europa … se l’Italia minacciasse anche solo di uscire dall’euro, crollerebbe inesorabilmente quel castello di ipocrisie finanziarie (esempio Target2 o Mes), che ancora sorreggono la dittatura in atto, che mira a depredare il popolo italiano dei suoi risparmi, visto che le famiglie possiedono un risparmio privato piuttosto ambito, che mira a rapinarle del loro benessere economico, del welfare, del lavoro … quindi nessuna “Corea del Nord” europea, perché tutto il sistema euro sarebbe destinato a franare e probabilmente si tornerebbe alle valute nazionali o ad un euro a più velocità … non capisco nemmeno perché, solo l’idea di eliminare la casta e tutte le nefandezze che ha commesso, possa provocare ansie così risentite, verso una forza politica che tenta in tutti i modi, con regole interne anche piuttosto rigorose, di mantenersi coerente e rispettosa verso il mandato popolare … ma su un punto forse anch’io sono dubbiosa, ad esempio sul fatto che il sistema possa permettere al MoV di prendere il potere, perché ora cambieranno la legge elettorale in loro favore, per esorcizzare ogni possibile rigurgito di vittoria da parte dei pentastellati, costringendoli ad ammucchiate elettorali sgradevoli, che loro hanno sempre giustamente rifiutato, perché costringono inevitabilmente ad accettare compromessi … credo purtroppo che il MoV sarà relegato ad una eterna opposizione sterile, così come era accaduto per il PCI in passato … grazie e ricambio di cuore gli auguri !!

      • Primadellesabbie

        Penso che avrete torto tutti: i 5* saranno “costretti” a governare questo Paese.

        Se volete/vogliamo, aiutarli sarebbe bene fare in modo che si abituino a questa idea.

        Questo non farà scomparire i nemici, esterni ed interni. I poteri nemici ci sono e ci saranno, in forze come sempre, e faranno in modo di usare i 5* per i loro scopi, come fanno da sempre e con tutti.

        Pensierino – Corrompere, spaventare…funziona con gente preparata ad essere corrotta e spaventata. Chi non lo fosse, tra l’altro, potrebbe fare sbagli clamorosi, e danni a non finire, alla causa…

        • Beh … spero che tu abbia ragione, io ricordo che al tempo del PCI esisteva una conventio ad excludendum che gli ha sempre impedito di prendere il potere … certo il partito era comunque riuscito a spartirselo in qualche modo con la DC, attraverso una sorta di consociativismo non dichiarato, ma comunque esistente, che garantiva la rappresentanza ai diversi gruppi politici, riusciva a gestire i conflitti interclassisti, garantiva in qualche misura la stabilità governativa, procurava la sopravvivenza degli accordi di divisione del potere e il perdurare di una specie di democrazia bloccata, in cui era impossibile ogni tipo di ricambio … vedremo quale imbroglio si inventerà stavolta il sistema.

      • CarloBertani

        Rosanna, ho letto questo articolo su “L’Espresso” che mi sembra “roba grossa”. Che ne dici? E’ una montatura? Giunti a questi livelli, mi sa che oltra il fumo c’è anche un po’ d’arrosto.
        Ecco il link:

        http://espresso.repubblica.it/attualita/2016/12/22/news/i-segreti-di-raffaele-marra-1.291980?ref=HEF_RULLO

        Ciao
        Carlo

        • Ok … bisogna tener presente che l’Espresso è il cugino di Repubblica, quindi le notizie vengono amplificate ed anche deformate … della vicenda mi sono fatta un’altra idea … che la Raggi sia un po’ troppo ingenua, questo è fuori dubbio, però è anche una tosta, che ha le idee chiare, e soprattutto fedele ai valori del MoV … quindi ha tenuto Marra e la Muraro, perché erano due persone competenti che conoscevano la macchina infernale, di cui lei aveva assolutamente bisogno anche per sentirsi più sicura (fare il sindaco di Roma non è una passeggiata) … per di più Marra è molto competente, molto attivo, ha tre lauree e aveva la fedina penale pulita … perfino Travaglio che lo aveva conosciuto, lo difendeva … non credo che ci siano tutte queste dietrologie sbandierate dall’Espresso, anzi credo che la Raggi sia assolutamente estranea a queste ipotesi di ricatto (non si capisce di quale genere) … credo anche che i poteri forti della capitale, Caltagirone in testa, che si sono visti negare le Olimpiadi, lo Stadio, la Metropolitana e le Grandi Opere in genere siano inferociti contro la sindaca e faranno di tutto per farla cadere … siamo solo all’inizio …

          • zebra11

            Per me un ruolo chiave ce l’ha la Raineri. Perche’ l’han mandata da Milano??chi??e perche’ poi l’han cacciata??

    • Antonio XV

      Non credo che vi sia una “vendetta dei poteri forti” contro la povera Virginia… Anzi, credo che i “poteri forti” Virginia l’abbiano voluto e ce l’abbiano messa… Forse, come diceva la Taverna, si è trattato di un complotto dei poteri forti per far vincere la bella Virginia, e farne vedere che dietro l’immagine non vi è nulla… Feltri, che è uomo acuto, aveva dato questa profezia: vorrei che a Roma vincessero i 5s, così tutti vedono che sono degli incapaci, e così si leveranno dalle palle… Dei “sondaggi” è cosa di cui non mi occupo e non mi preoccupo… Da romano ho altri criteri di giudizio… Certo, se Virginia fa i miracoli, sanando tutti i mali di Roma, non sarò io cittadino romano a dolermene, ma a sette mesi non vedo nessun segnale positivo… La svolta non la vedo… Rossana abita a Parma… Leggo che sei nato a Biella… e sei del Nord… Non so che dire, ma mi viene in mente un proverbio delle mie parti… È più savio un pazzo in casa proprio che un savio in casa altrui…

  • Arcadia

    INVITO A SCOMPARIRE ……..

    PERDETE 2 MINUTI E LEGGETE L’ENNESIMO CAPOLAVORO DI MARCO TRAVAGLIO !!!!!!!

    L’altro giorno l’ho scritto sul filo del paradosso. Ma più passano i giorni più il discorso mi pare serio. I 5Stelle non ce la possono fare a governare Roma, né tantomeno l’Italia. Un po’ per i loro errori e carenze, evidenti e noti a tutti. Ma soprattutto perché non si può governare una nazione corrotta e una capitale infetta soli contro tutti. Quindi lo ammettano onestamente, si scusino per non essere all’altezza delle aspettative, si ritirino in un eremo a studiare e prepararsi per una prossima occasione e nel frattempo lascino il campo agli altri: gli uomini di mondo e di partito, quelli bravi, competenti e capaci. Esaminiamo a mente fredda tre scene.

    1) Virginia Raggi al Quirinale saluta mesta decine di sedie vuote attorno a sé mentre i politici veri, quelli che hanno spolpato l’Italia e depredato Roma, si avvinghiano e si abbracciano per augurarsi un nuovo anno pieno di soddisfazioni (per loro) e grassazioni (per noi). Gentiloni salva Mediaset dai francesi cattivi, B. lo aiuta a salvare Mps disossato dalla banca del buco, una mano lava l’altra, e chissenefrega se B. è un pregiudicato circondato da condannati (Cuffaro, Dell’Utri, Previti, e ora anche Formigoni e Scopelliti).

    2) L’Oref (i revisori dei conti) boccia il bilancio della Raggi dopo aver avallato tutti quelli (perlopiù falsi) delle giunte precedenti che hanno disossato la Capitale, con le opposizioni e i giornali che evocano lo spettro del commissariamento (e pazienza se il parere dell’Oref non è vincolante e se per approvare i bilanci comunali c’è tempo fino al 27 febbraio, tant’è che in 20 anni nessuna giunta ha mai rispettato la scadenza del 31 dicembre).

    3) Giornaloni e tg amplificano i casi giudiziari dei 5Stelle e nascondono quelli, infinitamente più gravi, dei partiti. Intendiamoci: non è una novità, nè un complotto. È un fatto culturale, una forma mentis (anzi dementis) che impregna tutto l’establishment e non si lascia scalfire neppure dall’evidenza. Quasi tutti i politici, i giornalisti, i manager pubblici e privati si sentono inquilini esclusivi di un mondo a parte, chiuso in se stesso, impermeabile a ogni intrusione esterna. Basta osservarli nei Porftolio di Pizzi e nei Cafonal di Dagospia: si fiutano, si strusciano, si palpano, si baciano, si riconoscono anche a occhi bendati, al tatto e all’olfatto. E non ammettono estranei. Con i barbari a 5Stelle speravano di cavarsela come 25 anni fa coi leghisti: comprandoseli. Per ora non ci sono riusciti.

    Quando la Raggi dice no al magnamagna olimpico, sono sinceramente increduli, sgomenti. Come si permette questa marziana teleguidata da un “ex comico” di non dire Signorsì, come tutti, come sempre? Da allora, la sindaca Raggi e chiunque le si avvicini diventa un appestato, un lebbroso, un paria da sputtanare e isolare. Lei ci mette del suo, collaborando con errori marchiani alla propria mostrificazione. Ma il resto, il grosso lo fa il Sistema, inventandosi di tutto. Notizie false. Liaison amorose. Persino nuove categorie giuridiche, come quelle che campeggiavano l’altroieri sulle prime pagine: “Ora Raggi può finire indagata”, “Vicino l’avviso di garanzia” (Repubblica), “Probabile invito a comparire per abuso d’ufficio” (Messaggero), “Avviso di garanzia in arrivo” (Giornale), “Raggi presto indagata” (Unità). Nemmeno ai tempi di Tangentopoli si era arrivati a tanto: gli avvisi, così come le iscrizioni, o ci sono o non ci sono. Si possono prevedere, ma aprire le prime pagine dei giornali su un oracolo, fra l’altro piuttosto trascurabile (si parla della promozione del dirigente comunale del Turismo, non di tangenti), fa ridere e pena. Tantopiù che alle tangenti milionarie contestate ai vertici Eni, sulle prime pagine (tranne la nostra) non c’è una riga. E il caso del sindaco Sala, che non “potrebbe essere indagato”, ma lo è tre volte, viene liquidato con molti elogi alla sua comica autosospensione durata tre giorni. Con le interviste di Cantone sulla sua proverbiale onestà, seguite dalla denuncia contro la Raggi. E con il suo annuncio alla Nazione: “Incontro proficuo coi magistrati: sono innocente, resto sindaco”.

    Ieri poi c’era quella cosetta rivelata dal Fatto: il generale Del Sette che non “potrebbe essere”, ma è indagato per aver spifferato segreti e cimici di un’inchiesta che sta a cuore a papà Renzi: in prima pagina, zero tituli. In fondo è solo il comandante generale dei Carabinieri, mica il capo del Personale del Campidoglio. Oggi, se vorrete trovare traccia del ministro renziano Lotti indagato per la stessa soffiata, dovrete munirvi di microscopio elettronico. E vedrete che la notizia saranno le sue dichiarazioni perentorie: “L’accusa non esiste, i pm mi sentano”. Già, perché gli indagati del Sistema non attendono pazientemente che i pm li convochino (come le perfide Muraro & Raggi): sono loro a convocare i pm per interrogarli. Poi emettono pure la sentenza. Ciò che vale per l’oligarchia, non vige per gli intrusi. All’oligarchia tutto è permesso, ai marziani tutto è vietato. Il Foglio, cui non difetta la spudoratezza, lo scrive da giorni: i 5Stelle vanno arrestati e posti fuorilegge perché – assicura Sabino Cassese, l’ex giudice costituzionale prediletto da Re Giorgio – “qui si parla di eversione”. Evviva la faccia, finalmente uno che ha il coraggio di dire ciò che tutto il Sistema pensa: chi sta fuori dal giro non deve governare e, se sventuratamente vince, non potendosi abolire le elezioni, si aboliranno i vincitori. Alzi la mano chi pensa che, in un Paese così, anche se per miracolo smettessero di fare autogol, i 5Stelle potrebbero mai governare.

    Buon Natale a tutti.
    Marco Travaglio, FQ 24/12/2016

    • Apollonio

      Beh..! non c’è che dire, ” chi si accontenta gode “è una bella gara tra M5S e PD tra chi è più s…..o..!
      in pratica il M5S si scusa e dice: datemi tempo ed anch’io farò meglio, sono inesperto sto imparando …! viceversa Piddinia ribatte noi rubavamo ma almeno funzionava ..!
      questa gara appassiona molto i grillini di Don Chisciotte, risulta stucchevole per gli osservatori
      Marco Travaglio direttore dell” organo ufficiale di propaganda del M5S non si ricorda quando scriveva questo di capolavoro….
      “Appena la Raggi l’ha chiamato come vicecapo di gabinetto – scriveva il direttore del Fatto – è diventato il paria, l’appestato, l’uomo nero”

      L’arresto di Raffaele Marra non è stato a tutti gli effetti un fulmine a ciel sereno. Da mesi molti addetti ai lavori, molti quotidiani nazionali, molti esponenti politici (tra cui una buona parte del M5S) mettono in evidenza, un giorno sì e l’altro pure, il passato oscuro di quello che Virginia Raggi ha definito “uno dei 23mila dipendenti del Campidoglio” ma che fino a ieri difendeva a spada tratta.

      Tra i pochi che, invece, hanno sempre difeso il funzionario capitolino c’è il direttore del Fatto Quotidiano Marco Travaglio, noto ‘giustizialista ’ mediatico, reinventatosi, in questo caso, paladino del garantismo. Il 17 settembre, a proposito di Marra, in un editoriale pubblicato sul Fatto Travaglio scriveva:

      Raffaele Marra, ex finanziere plurilaureato, è un dirigente pubblico passato dal ministero dell’Agricoltura all’Unire, dal Comune alla Regione, dalla Rai di nuovo al Comune. Ha collaborato con le giunte Alemanno e Polverini, come pure con Zingaretti e di Marino, almeno finché non lo cacciavano, il che avveniva regolarmente perché troppo “giacobino” (parola di Alemanno), cioè perché denunciava un sacco di porcherie in Procura. Appena la Raggi l’ha chiamato come vicecapo di gabinetto, è diventato il paria, l’appestato, l’uomo nero. Per smorzare la tensione, la sindaca l’ha spostato al Personale. Invano: Marra continua a occupare ogni giorno una o due pagine dei giornaloni.

      Roberta Lombardi, in un tweet, lo definisce “un virus”? Il tweet finisce su tutte le prime pagine, col contorno di notizie inventate di sana pianta (la Raggi che chiama in lacrime Grillo e Casaleggio per chiedere protezione e minacciare di andarsene e dire sì alle Olimpiadi: telefonata mai avvenuta, lacrime mai versate, minacce mai pronunciate; o la Raggi che nasconde i pareri negativi di Cantone sulle nomine di Marra e Romeo: il parere su Marra non esiste e quello su Romeo è positivo). E dire che il Comune di Roma ne ha 200, di dirigenti, di cui 8 tra indagati e condannati, ma mai rimossi né citati sui giornali. Marra invece è incensurato, e questo forse è il problema: , siccome comprò casa dal costruttore Scarpellini allo stesso prezzo stimato da una perizia della banca Barclays che gli erogò il mutuo, senza mai firmare un atto riguardante Scarpellini (all’epoca si occupava di incremento delle razze equine), “la Procura sembra voler fare chiarezza”. Ergo, è il mostro di Lochness.

      Qualche giorno prima, in una immaginaria lettera scritta da Virginia Raggi, Travaglio si occupò del caso Marra segnalando che aveva sempre denunciato le illegalità in cui si imbatteva:

      Molti nel Movimento diffidano di Marra e Romeo, considerandoli troppo vicini a me o fidandosi dei giornaloni che li diffamano ogni giorno impunemente. Marra è dipinto come l’uomo nero di Alemanno, mentre da dirigente pubblico ha sempre denunciato in Procura le illegalità in cui si imbatteva, inimicandosi la destra alemanniana come la sinistra pidina. Finora nessuno mi ha spiegato che cosa avrebbero fatto di male Marra e Romeo, dunque – in mancanza di novità – li confermo nei rispettivi incarichi, perché di loro mi fido e un sindaco eletto dal popolo ha tutto il diritto di scegliersi i collaboratori. Così, se farò bene, sarà merito anche mio; se fallirò, sarà tutta colpa mia.

    • Beh … mi sembra che tutti loro ci credano, a partire da Grillo (che non so chi glielo ha fatto fare, visto che era ed è milionario di suo) … a volte le utopie hanno cambiato la storia, soprattutto in un momento di transizione politico culturale come questo … dopo il Brexit e Trump, è sempre più probabile un cambiamento di rotta anche in Italia, quando il vento del “populismo” soffia così forte e lo spirito del tempo condiziona le categorie della coscienza … per esempio ieri l’ONU ha votato una risoluzione che esclude nuovi insediamenti israeliani nei Territori e, per la prima volta, gli Usa si sono astenuti, non esercitando il diritto di veto … viviamo tempi di mutazione degli equilibri, dunque perché non approfittarne ?

      • zebra11

        Art. 17.
        (Incentivi)
        1. Al fine di agevolare la fiscalità generale, l’importo mensile del reddito di cittadinanza è
        incrementato del 5 per cento in favore dei beneficiari che accettano di ricevere l’erogazione
        sulla carta prepagata nominativa di cui al comma 2, utilizzando almeno il 70 per cento
        dell’importo della mensilità precedente in acquisti effettuati tramite la medesima carta prepagata.

        • Ti ricordo che il governo ha stanziato circa 20 miliardi di euro per il salvataggio delle banche, forse sarebbe stato meglio destinarli al reddito minimo garantito, e mentre in Italia giacciono in Parlamento proposte di legge mai discusse, nel resto d’Europa sono in vigore forme di sostegno e sussidi non destinati solo ai disoccupati … dal modello scandinavo all’esperimento francese, a quello tedesco, quello del MoV, la cui proposta di legge andrebbe comunque discussa in parlamento, dice così “La proposta prevede, per inoccupati, disoccupati e precari, un beneficio individuale in denaro pari a 7.200 euro l’anno, da corrispondere in importi mensili di 600 euro, rivalutati annualmente sulla base degli indici sul costo della vita dell’Istat. L’importo cresce se si hanno dei familiari a carico. Se il nucleo familiare è di due persone il coefficiente sale e il reddito minimo diventa di mille euro; tre persone 1.330 euro; quattro 1.630 euro; cinque 1.900 euro…”
          http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/04/18/cosa-dice-la-proposta-di-legge-sul-reddito-minimo-garantito/567017/

  • Antonio XV

    Rossana, sei accurata come sempre… Mi avevi detto che eri di Parma?… Ed io non ti avevo detto che su Parma in quanto Parma non mettevo lingua?… Ma vuoi mettere Pizzarotti con la bella Virginia?… Trovo oziosa la tua analisi ed ancora più oziosa da parte mia una controanalisi… Non passa giorno senza che la bella Virginia sempre più delude le pietre della via… Io almeno non ho il rimorso di averla votato… Mi sono astenuto, ma adesso tutto il m5s romano, prima baldanzoso, è in grave sofferenza ed imbarazzo…

    • Buon Natale e Buon Anno anche a te !! Ma nel confronto tra la Raggi e Pizzarotti vince di gran lunga lei … almeno lei non ha tradito i valori del MoV, ha rifiutato l’abbuffata sulle grandi opere, prima le olimpiadi, ora il nuovo stadio, il bilancio previsionale è stato presentato in anticipo rispetto ai tempi, mentre i sindaci precedenti lo avevano presentato l’anno successivo, anche molti mesi dopo … Pizzarotti invece a Parma è chiamato The Privatizer, perché ha privatizzato tutto il possibile, e ha fatto accordi con IREN, permettendo alla multiutility di avviare l’inceneritore di nuova generazione, che ora brucia i rifiuti anche di Reggio Emilia, e i prossimi anni brucerà altri rifiuti di altre province, quindi Parma vince il guinnnes dei primati dell’incenerimento, inquinando la food valley di fumo pestilenziale impregnato di nanoparticelle tumorali … un tempo non molto lontano IREN (AMPS) era comunale e naturalmente faceva un servizio pubblico efficiente nell’interesse dei cittadini, poi gradatamente si è trasformata in ENIA, una multiutility azienda partecipata che collaborava con il comune nella gestione dei servizi energetici e nell’assegnazione delle tariffe … infine dopo un altro step una nuova trasformazione in IREN appunto, partecipata sempre più privatizzata, che naturalmente si fa gli affari suoi, sempre più privati, sulle spalle dei cittadini … chiamasi “capitalismo municipale”, dove gli interessi vanno al privato e gli oneri al pubblico, in uno scambio di favori con il comune, che non ha più nulla di vantaggioso … così come accade per una sanità sempre più privatizzata, che naturalmente sacrifica il pubblico … stile privatizzazioni americane, lo stesso stile importato anche in Italia da quella che viene chiamata “globalizzazione” e in realtà è solo nuovo imperialismo … informati meglio caro …

      • Antonio XV

        Questa volta ho letto con più attenzione il tuo articolo e confermo quella che era stata la mia prima impressione: non conosci Roma e i suoi problemi. Il tuo sostegno a Virginia è “ideologico”… Di Pizzarotti ho letto la sua biografia e ne ho fatto una scheda… Il giudizio è duplice: a) politico b) amministrativo. Sul giudizio politico non ho esitazioni a schierarmi dalla parte di Pizzarotti, anche se ritengo che abbia sbagliato a lasciare il m5s… Doveva restare e raccogliere l’opposizione interna al m5s, che esiste è consistente ma è repressa peggio che nel peggior fascismo; b) sul piano amministrativo mi convincono di più le spiegazioni che fornisce nel libro che non quelle che tu qui riferisci. Ma ripeto: non voglio entrare in un giudizio sulla conduzione amministrativa di una città dove mi sono fermato di passaggio al massimo un paio d’ore… Non avrei però esitazioni a mandarmi Virginia a Parma e prendermi Pizzarotti a Roma… sotto tutti i punti di vista… etici, politici, amministrativi… Scusami, Rosanna, ma ti dico quel che penso e lo penso all’interno del M5s fintantoché non riusciranno ad espellermi… Per Virginia, un criterio di giudizio sono anche le piccole cose, magari di quelle che non si possono dire, ma sono forti nella formazione del proprio giudizio… E non ne passa uno, ed ogni giorno è peggio dell’altro… Su Olimpiadi, Bilancio, Metropolitane parlino pure gli esperti, o che credono di essere tali o hanno fama di esser tali… Io fondo i miei giudizi su ciò di cuo sono certo ed ho prove sufficienti… Ma a proposito di metropolitani, mi viene in mente un giudizio di un mio collega tedesco: (se non ricordo male), in otto anni a Monaco hanno fatto una intera rete metropolitana che ha cambiato la vita dei cittadini… A Roma in otto anni non si riesce a fare un tratto di metropolitana… Con Virginia torneremo alla circolazione con gli asini…

        • Se Roma tornerà alla circolazione con gli asini, vuol dire che se lo sarà meritato … vedo che non hai capito molto del M5S … non importa, faranno a meno anche di te

          • zebra11

            150 nuovi bus per Roma. La novita’ e’ che son alimentati a gasolio.

            Pero’ Euro 6 ehhh.

    • alvise

      forse non hai sentito e visto il filmato di Bechi. Bechi ha criticato aspramente la Raggi ma…. sentilo e poi posta, solo allora per quanto mi riguarda sarai credibile, per ora fai solo una sterile critica senza sentire più campane. Bechi non fa una analisi personale, che, allora si che ci starebbero le critiche, ma cita dati e date, quindi se lo senti e convieni su date e dati, non ti pare di essere un tantino in contraddizione?

      • Antonio XV

        Guarda che la mia preoccupazione non è quella di riuscire a te o altri “credibile”… Non me lo sogno neppure. Se mai è il contrario: il mio diritto a non bere ciò che tu o altri vorresti farmi credere su cose che vivo sulla mia pelle da almeno 50 anni… Più campane? In 50 anni se non sentito tutte le campane di Roma che son tante, di certo ne ho sentite molte… Se a te sta bene la Raggi, te la tieni.. Non so se hai votato a Roma, potevi votarla e l’avrai votata, e te la meriti… Io mi sono astenuto e credo che sia stata la scelta politica migliore… Il tempo è galantuomo… A sette mesi di “palingenesi” raggiana di risultati tangibili nessuno ne vede e dubita di vederne per il tempo a venire… Bechi chi? con una o due c? Se non sono capace di un giudizio autonomo, che chiaramente vale per me e solo per me, non mi sento più sicuro a dipendere di ciò che dice chicchessia…

        • alvise

          Ovviamente intendevo Bechis, ho solo sbagliato a non inseire la S finale. Guarda che Bechis è solo secondario, non è che Bechis o altri siano oracoli, quello che conta è se un pincopallino qualunque cita dati veri, e quello che dice Bechis (fatti che conoscevo già) è la realtà dei fatti. E’ come se citasse i sette re di Roma e tu diresti che non sono mai esistiti. Può anche darsi, non c’eravamo per confermarlo, ma la storia è quella. Bechis ha fatto la stessa cosa, ha citato la storia economico-comunale di Roma, citando le date delle passate giunte comunali coi loro bilanci fuori tempo, e tu disconosci i dati citati perchè insinui che vogliamo, o voglio, farti “bere”quello che voglio o voglamo farti credere. Perchè dovresti credere quello che invece è tangibile? I problemi così enfatizzati della previsione del bilancio del comune, non è mai stato così discusso e manipolato dai media come ora che c’è il 5 stelle. Se senti Bechis (che ripeto, cita dati veri) non ti viene un pò la nausea facendoti conoscere di come ti hanno trattato le passate giunte?

  • gilberto6666

    Il caso romano è chiaramente amplificato e strumentalizzato, la giunta sembra quasi commissariata dal vertice pentastellato, timoroso

    • Forse non hai capito gilberto6666 che le rivoluzioni non si fanno con i baci perugina, ma occorrono idee chiare e coerenza politica, la Raggi è rimasta fedele ai valori del MoV, ma ha avuto la leggerezza di fare alcune scelte sbagliate, nonostante gli stessi suoi colleghi l’avessero avvertita … non tanto per la Muraro, che praticamente non ha avuto responsabilità dirette nelle gestioni precedenti, se non per la parte tecnica, e una volta sbrigatasi delle accuse irrisorie, potrebbe anche tornare a riprendere il suo ruolo (Luigi de Magistris ha cambiato 23 assessori in 4 anni), quanto per Marra, che però era stato nominato da Marino … ancora una volta, il bravo giornalista Franco Bechis fa chiarezza in un articolo pubblicato su Dagospia …
      http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/sindaco-marinato-bechis-caro-marino-ecco-delibera-che-dimostra-138303.htm

      • gilberto6666

        Non ho capito che è in corso la Rivoluzione!

        • Beh certo … per capirlo bisognerebbe riflettere sul meccanismo fondamentale del potere, che è quello di fare squadra, anche il potere criminale globale esercitato dalle élite finanziarie non può che praticare tale meccanismo … per esempio un effetto evidente che la vittoria di Trump sta esercitando sugli equilibri mondiali è proprio quello di mettere in crisi alleanze consolidate, alleanze a prova di bomba, incrollabili e granitiche … sembra invece che le cose stiano cambiando, si è attivato un processo di contrasti, di divisioni all’interno del fronte avversario, le cui possibili conseguenze saranno presto evidenti … uguale per i 5 Stelle, che mirano ad un ricambio totale della casta politica, cercano di cambiare la politica contingente e la stessa cultura politica, fanno opposizione dura … per di più non si alleano con NESSUNO … questa è la loro forza, coniata da quel genio politico che è stato Casaleggio … purtroppo molti non hanno capito il loro programma che è veramente rivoluzionario , e non hanno capito l’impatto rivoluzionario che le proposte del movimento hanno esercitato sulla scena politica italiana, per esempio la casta sta cercando di difendersi proprio con questa macchina del fango che diffonde fandonie preconfezionate e dossieraggi ad libitum … la nuova strategia di democrazia diretta, mai conosciuta in Italia, ha poche regole, ma molto precise, rigorose e ancora una volta rivoluzionarie :
          1) vincolo di mandato (eviterebbe il trasformismo)
          2) limite del mandato (due legislature e a casa, evita il radicarsi del lobbismo)
          3) senza finanziamenti pubblici né ai partiti né ai giornali (quindi più trasparenza dei finanziamenti e della stampa)
          4) difesa della costituzione, welfare, scuola pubblica, sanità pubblica
          5) Glass-Steagall Act, divisione tra banche commerciali e banche speculative
          6) nazionalizzazione Bankitalia
          7) fuori dall’euro e rrvisione dei trattati capestro
          8) no-opere pubbliche inutili, no-tav, no-muos, no-triv
          9) no agli inceneritori e per la raccolta differenziata a difesa dell’ambiente
          10) per le energie rinnovabili
          11) no-Equitalia
          12) Reddito minimo garantito
          Certo, forse tu ti aspettavi la ghigliottina, la marsigliese, la bastiglia … però anche solo riuscissero a strappare alcune di queste conquiste, credo che dovremmo accontentarci …

          • Antonio XV

            La rivoluzione è una cosa seria… Qui siamo al ridicolo!

      • Antonio XV

        Ma quali valori? Quello dello Studio sanmarco? Ma che mi vai a dire, Rosanna? Hai mai sentito parlare di una certa Petrassi? È stata fatta fuori per aver fatto meno di quello che ha fatto la Raggi con le sue frequentazioni dello studio Sanmarco… che non è remota… Per favore, stattene a Parma!

        • Di complottisti ce ne sono abbastanza in giro per il web … non pensavo che si arrogassero anche il diritto di possedere l’unica verità esistente …

  • Apollonio

    A proposito di fake news ..!
    Sondaggi politici, news elettorali al 24 dicembre 2016: per Ipsos, Demos, Swg, demopolis, index, PD supera M5S, che è in flessione nonostante il referendum, solo il sondaggista del Fatto Quotidiano vede M5S primo partito…che sia questa una Fake news…???
    Buon Natale a Rosanna e a tutti i tifosi Grillini.

    http://www.centrometeoitaliano.it/attualita/sondaggi-elettorali-politici-ad-oggi-23-12-2016-la-crisi-del-m5s-causa-roma-46069/?refresh_cens

  • il gobbo

    Era chiaro sin (e sicuramente prima)dal principio che tutti avrebbero remato contro.
    Roma: “il grande inganno”

  • Ronte

    Ancora percentuali e numerini. E ancora la ‘nostra’ Rosanna che si pone a difesa del M5S, come se nulla fino a oggi fosse successo.
    Il M5S agisce all’interno di un Sistema che lo nutre al pari degli altri partiti borghesi, e di certo non ha intenzione di cambiarlo. La sua stessa esistenza dipende proprio dalla possibilità di amministrare e governare, e qualora dovesse capeggiare Montecitorio, scomparirebbe con la stessa velocità con cui è apparso.
    Sono pronto a scommettere.
    In ogni modo a nessuno dei protagonisti in scena interessa la sorte della gente (purtroppo ancora succube e ignara), dei lavoratori, dei disoccupati, di tutti i subordinati.

    • Ancora il “nostro” Ronte che propone analisi complottistiche compulsive … dunque perché stiamo qui a discuterne, se voi conoscete perfettamente i retroscena e le dietrologie del potere ? tutto già preordinato, tutto già predisposto … peccato che per il momento (e non si sa fino a quando) ci tocchi ancora subire le politiche della casta, che è ancora al potere … forse ti è sfuggito

  • dadaolta

    Tutto purtroppo ampiamente prevedibile! Ho scritto questo commento sul FQ otto mesi fa, quando la vittoria dei 5Stelle era data ormai per certa.
    “Trappolone sotto il Cupolone…
    Attenti che però al PDue forse non dispiace troppo di perdere Roma.Chissà quante sorprese nasconde nel suo pancione l’Urbe,dopo decenni di cialtroni e intrallazzatori allo “sgoverno”! E se i 5Stelle vanno a sbattere,immaginate il can-can terroristico di gazzettieri e televisionari di regime…
    Nogarin a Livorno è già inguaiato per aver cercato di tappare falle e risolvere casini delle precedenti amministrazioni pidduine (50 mln di debiti di sola nettezza urbana!), tra il “giubilo” dei media.A Roma sarebbe tutto moltiplicato per mille.”

    • Tizio.8020

      Solo in Itaglia ci si becca le colpe di 70 anni di malgoverno altrui.
      E solo se non fai parte del sistema.
      Abbiamo ed abbiamo avuto dei pluricondannati in Parlamento, ma quelli vanno bene.
      Fino a prova contraria, il reato è personale, non trasmissibile.
      Altrimenti, , tanto per fare un esempio, Renzi&Boschi&company sarebbero in galera!

      • Apollonio

        Tizio.8020 ma tu Itagliano, dove eri quando i tuoi eroi predicavano la supponenza e la presunzione con la violenza nelle piazze nei confronti degli altri politici al grido di Onestà ..Onestà..! saltavano calpestando la dignità delle persone anche per un ‘ iscrizione nel registro degli indagati per un ‘ avviso di garanzia…??
        la Moralità non la si predica ma la si pratica..!

        la Moralità non si difende saltando nelle piazze o nei salotti televisivi, facendo i moralisti della Domenica o aggredendo gli altri, presentandosi come i puri e duri, l’ Onestà la dimostri quando ti confronti con i problemi REALI della vita è allora che devi dimostrare di avere le capacità e dei valori che ti consentono di resistere e di importi,..
        Bene .. ma appena i 5 Stelle si sono confrontati con la realtà hanno dimostrato di essere non come gli altri, ma peggio degli altri, considerazioni politiche come ovvio…!
        Prima cosa da notare è la doppia morale una volta arrivati al governo, per gli avversari politici un’ avviso di garanzia è motivo per infangare , per un 5 Stelle eletto invece..: vedremo..! faremo..! la rete deciderà ..! la macchina del fango contro di noi..!, dimostrando un criterio di moralità che vale a giorni alterni.
        Si erano presentati in nome del rinnovamento, del cambiamento, la Rivoluzione…! come sostiene anche nelle risposte di Rosanna Spadini in questo articolo, orbene a Roma avete messo alla guida della città il peggio delle precedenti amministrazioni la Muraro, Marra a prescindere dalle loro vicende giudiziarie, ma strettamente sul piano politico quelli che avevano portato Roma al disastro attuale.
        il M5S aveva detto che voleva introdurre la trasparenza nella vita pubblica e rispettare il voto dei cittadini ..! nessuno sa o riesce a capire chi decide o come si decide a Roma, tutto si decide al chiuso in riunioni tipo Bilderberg, dove la funzione della Sindaca Raggi pare di tipo ornamentale dove decide tutto una società privata con sede a Milano e a Genova e ti manda l’ amico assessore alle Partecipate, l’ altro da Genova ti manda
        l’ assessore all’ ambiente, questo per un cittadino Romano dovrebbe essere inaccettabile che un tutore che sta alle spalle dell’ eletto decida per lui.
        Quindi Tizio.8020 non vi beccate le colpe di 70 anni di malgoverno, ma nel caso dei 5 stelle ci troviamo davanti ad una totale Inconcludenza e incapacità amministrativa e la critica conclusione politica difficile da accettare per voi supporter è che i 5Stelle sono allo stesso tempo Arroganti e Incapaci, qualità uniche nel panorama politico Itagliano.

        • Valdo

          Mamma mia, Apollonio… Quanti luoghi comuni, paragoni insostenibili, ragionamenti tipici del piddino fatto e finito, ma perché non vai a commentare su Repubblica?

          • Apollonio

            Valdo, qui ragionamenti tipici da grillino talebano li fai tu, perché ti limiti solamente a considerazioni risibili e soprattutto fuori luogo,

            dimostrando zero argomenti ..!

            poi etichettare ” piddino ” Apollineo, da un Valdo grillino, equivale alla stessa credibilità delle affermazioni di.. Luigino ( lo stewart del San Paolo ) o alle congiuntiviti del Dibba ..!
            https://youtu.be/mRiP9TOgijkii c

          • Vedi Valdo, Apollonio è uscito or ora dalle pagine di Repubblica … si è addormentato ieri sera con i fogli della Stampa stampati sulla fronte … ha sorseggiato il caffè di prima mattina leggendo il Corriere, si è gustato tutti i programmi della Rai ed anche i talk show de La7 … poi è un follower sfegatato di madame Bilderberg, dell’Annunziata e dell’imenottero brufoloso di porta a porta … e nel pomeriggio darà anche un’occhiatina al Foglio di Giuliano Ferrara … cosa ti vuoi aspettare ??

          • Valdo

            Hai ragione Rosanna… Del resto il suo tentativo di negare la Piddinitas che è in lui mi ricorda quelli che dicono “Io non sono del Pd ma…”… che poi è la nuova moda, negare la propria natura quando poi scopri che mettono i “like” alla pagina di Renzi o di Bersani e votano sì al referendum. Il nostro Apollonio è della stessa risma, dice una montagna di sciocchezze riprese paro paro dal Tg1 e da Otto e mezzo e poi nega di essere piddino. Potrebbe in effetti anche non votare Pd, ma la sua forma mentale è tale e quale. Basti dire che dice che i 5 Stelle predicavano nelle piazze “con la violenza”. Noti manganellatori, in effetti, in dieci anni di manifestazioni (ormai in piazza vanno solo loro) anche oceaniche non hanno mai torto un capello a nessuno… Eh ma loro sono “violenti” perché “Grillo urla”, come se si potessero scuotere le coscienze lobotomizzate e dar voce all’indignazione dei sommersi con il loden e la sobrietà… Apollonio dice un’altra enorme sciocchezza, tipica del pensionato piddino lobotomizzato dai media, quando sostiene il doppiopesismo dei 5 Stelle.Mi pare che i 5 Stelle non abbiano ricevuto finora avvisi di garanzia per reati corruttivi o mi sbaglio? Dunque finora sono stati ONESTISSIMI e COERENTI. Apollonio sa citarci un caso di esponente del M5S che ha avuto un avviso di garanzia e non si è dimesso o non è stato allontanato dal Movimento, come invece fanno sistematicamente i politici degli altri partiti? No, perché non esiste, cara la mia capretta. Certamente ora i 5 Stelle devono sbrigarsi a fare un codice etico, perché non possono essere ostaggio di denunce fasulle o semplicemente “politiche”. Una cosa è un avviso di garanzia per un episodio di corruzione, ben altra per una irregolarità burocratica, se ne sono accorti anche loro e spero procedano. Peraltro non mi pare proprio che i 5 Stelle abbiano chiesto le dimissioni di un avversario politico perché aveva sbagliato una procedura ed era indagato per quello… le hanno sempre chieste a fronte di sospetti di reati ben più gravi. Quindi, il doppiopesismo sta solo nella testa di Apollonio, si tratta del resto di una dei classici argomenti del piddino ignorante o in mala fede. Ripeto: finora ogni volta che a un esponente del M5S è stato notificato un avviso di garanzia, si è sempre dimesso o è stato immediatamente espulso, gli altri sistematicamente non lo fanno. Quindi, dove sta il doppiopesismo????

          • Apollonio

            Valdo vabbè.. arduo per chi non legge un giornale ed è teleguidato da un Blog ammettere le evidenze, o forse sarà qualche brindisi di troppo che intorbidisce la memoria, tanto per rinfrescarti grillino talebano ecco quà :
            Firme False in Emilia, ed eletti che si rifiutano di dimettersi
            , Pizzarotti a Parma , Ricciardi a Palermo, Nogarin a Livorno La Rocca ormai la lista è talmente lunga che i giornali non riescono neppure a tenerne il conto il M5S è a testa testa con il PD
            non solo tra i sondaggi ma anche tra gli indagati, infatti siete compagni simili anche nell’ arrampicarsi sugli specchi e sulle poltrone.
            Comunque capisco le difficoltà grilline a leggere e comprendere i post e la facilità nell’ esecizio risibile dissimulatore infatti è nota la non violenza verbale del Comico Miliardario.

          • Apollonio

            Rosanna,.. ahahah.. ma dai ….!

            tu gli argomenti dovresti averli, stento a credere possibile che una donna di Cultura una Docente del mitico Romagnosi, si riduca a credere che personaggi come il Luigino o il Dibba, possano fare una rivoluzione..? o addirittura guidare un paese come l’ Italia ?

            sarebbe francamente una iattura pari o peggio di Piddinia , come l’ aperitivo della Raggi o Pizzarotti dimostrano , guarda credi te lo dico empaticamente stai puntando su cavalli zoppi, cambia idea, sbagliare
            è lecito perseverare è diabolico…!

            Osservo e leggo tutti, pondero, valuto, non parteggio, sono Elite..!

        • Tizio.8020

          Mi sa che vediamo cose diverse.
          Io vedo politici pluricondannati che continuano a sedere in Parlamento, a fronte di grillini che si dimettono per un semplice “Avviso di garanzia”.
          Che, sia chiaro, non significa assolutamente condanna, ma solo che si viene indagati.
          MI va bene, se questa cosa la applichiamo a tutti.
          Ma credo che ai vari partiti non andrebbe bene.
          Se Marra ha commesso un reato nel 2013, che cavolo c’entra il 5S?
          Come mai nessuno ha inquisito i vari fenomeni che hanno continuato per anni a dare milioni al solito palazzinaro?
          Ma vi rendete conto che la cosa è assurda?
          “Totale inconcludenza” dopo meno di un anno di governo????
          Soccia, ma Renzi che ne ha avuti a disposizione quasi tre cosa ha fatto???
          E badate bene, che il Sindaco NON può governare per decreto…

          • Apollonio

            Tizio.8020 certamente tu vedi cose diverse, altrimenti non scriveresti
            quello che scrivi, oppure non sai leggere…!

  • Antonio XV

    Questa volta ho letto con più attenzione il testo, ma viene riconfermata la mia prima impressione a lettura veloce: Rosanna si è lanciata in una difesa di ufficio, di parte, della sindaca Raggi… Leggo che Rosanna è insegnante di latino… onorevolissimo mestiere per il quale ho tanta nostalgia… ma non mi affiderei a lei, se dovessi chiedere la lettura di un bilancio o farmi spiegare la contabilità di stato… materia sulla quale potrei invece rivolgermi alle massime autorità scientifiche… Non lo faccio, perché non mi è necessario, e non mi interessa molto… Le materie sulle quali posso giudicare Virginia di mia propria scienza ed avendone certezza sono altre e numerose, certamente di minore impatto di un bilancio, o in materia di nomine… Il “libero convincimento” è ciò che caratterizza la decisione di un giudice… Io di Roma, e pure del m5s, boccio Virginia… Rosanna è di Parma e mi pare abbia bocciato Pizzarotti… Io farei volentieri il cambio: le manderei Virginia con tutti i suoi assessori e mi prenderei per Roma Pizzarotti con tutta la sua squadra…

    • A parte che la lingua latina è molto rigorosa, efficace ed estremamente potente nella trasmissione dei concetti fondanti di una conversazione, quindi imparare a tradurre da quella straordinaria lingua significa anche imparare a ragionare, per di più io non ho difeso d’ufficio la sindaca Raggi, al contrario ho difeso i fatti … il giornalismo moderno ha dimenticato di raccontare i fatti e invece si nutre di opinioni, insomma una bella differenza … invece i fatti sono questi:
      – le giunte precedenti hanno presentato il bilancio previsionale parecchi mesi dopo la scadenza
      – Mazzillo lo ha presentato un mese e mezzo prima
      – l’Oref è un organo di revisione per nulla indipendente, tant’è che pronuncia pareri “politici” favorevoli alla casta
      – quanto a Pizzarotti è un traditore del MoV, e un piddino geneticamente modificato, quindi farei volentieri il cambio, forse respirerei aria più pulita …
      https://comedonchisciotte.org/il-doppiogiochismo-del-sindaco-pizzarotti-piddino-geneticamente-modificatoin-salsa-friedman/

  • gix

    Per quanto riguarda i sondaggi ormai sono pubblicità a senso unico, servono per togliere la speranza alla gente e basta, e poi Rosanna, mi meraviglio che nessuno ti abbia detto che i sondaggi del Fatto non fanno testo perché si tratta di un giornale che è palesemente grillino. Guarda, da romano ti dico che stringerei la mano alla Raggi anche solo per tre cose che ha fatto, la prima dire no alle olimpiadi, ma non tanto per una ideologia pauperistica, quanto per la difficoltà di gestire un evento del genere con la politica attuale; vero che si tratta del 2024, ma quello che conta è il segnale moralizzatore, ora e subito. La seconda cosa è stato il discorso all’inaugurazione della nuvola di Fuksas, dove, davanti a Renzi e tutti i sindaci precedenti, la Raggi ha criticato apertamente i ritardi e gli errori che hanno portato a 18 anni l’attesa per l’opera, che peraltro la Raggi stessa ha definito importante. La terza cosa riguarda lo stadio della Roma e le critiche al progetto complessivo. Sul Bilancio, forse la cosa più importante, hai detto tutto bene tu, cara Rosanna, c’è poco da aggiungere. Direi piuttosto che forse è giusto pensare che il M5S debba adottare una tattica opportunistica per governare Roma, non ci sono purtroppo molte alternative. Questo significa certamente da una parte non perdere occasione per dimostrare a tutti la propria diversità di metodo e di principi, quindi anche rispondendo duramente agli attacchi; dall’altra parte è evidente che per governare Roma, essendo il comune circondato da un governo, da una regione e da una provincia clamorosamente contrari, occorre trovare una qualche sorta di compromesso. In questo senso forse si spiega la vicenda Marra, possibile che si sia pensato di utilizzarlo come una sorta di anello di collegamento con i vecchi poteri. Infine, a titolo, per ora, di semplice informazione, chiederei a Rosanna di considerare quanto riportato su varie fonti collegate al Movimento Roosevelt, per una candidatura di Nino Galloni, nell’ambito della giunta Raggi o addirittura come sindaco sostenuto dal M5S.

    • gix , mi meraviglio che nessuno ti abbia fatto notare che il FQ non è per nulla un giornale pentastellato, tranne nelle posizioni di Travaglio, e a giorni alterni di Scanzi … tutti gli altri, Gomez e Padellaro per esempio, sono fortemente condizionati dalla nomenklatura … ascoltali bene quando massacrano il MoV nei vari talk show, anche Scanzi ci si impegna molto bene … quanto al Movimento Roosevelt non mi è mai piaciuto, e mi meraviglio che Nino Galloni abbia preso contatti con quel movimento, perché è sempre stato in odore di massoneria, tanto che sulla sua pagina di presentazione si legge quanto segue “In relazione alla notizia su “nino galloni, dirigente del Movimento Roosevelt di cui è presidente Gioele Magaldi gran maestro della loggia massonica grande oriente democratico, che sponsorizzò il libro del vicesindaco Daniele Frongia”, riportata tra ieri e oggi sul Corriere della Sera e su altri organi di stampa con riferimento alla possibilità che il Sindaco Virginia Raggi proponga a Galloni di diventare Assessore al bilancio del Comune di Roma , precisiamo quanto segue: “ Gioele Magaldi è effettivamente Presidente del Movimento Roosevelt, ed è vero che Nino Galloni è un altissimo dirigente del medesimo MR (Vicepresidente e Supervisore per le proposte economiche). E’ anche esatto che Gioele Magaldi è massone e Gran Maestro del Grande Oriente Democratico. Tuttavia, Nino Galloni non è massone e il Movimento Roosevelt non è una entità massonica, bensì un soggetto politico metapartitico composto in gran parte da cittadini comuni che con la Massoneria nulla hanno a che fare”. Cosi, in una nota congiunta, le dichiarazioni di Gioele Magaldi e Nino Galloni.

      • gix

        Cara Rosanna, per il “Fatto” la mia meraviglia era ovviamente ironica, (so bene che non è a favore dei grillini se non in parte, basta vedere la nuova campagna di opposizione a M5S intrapresa dallo stesso Santoro…) ma sai, qui dentro c’è un vero e proprio fronte antigrillini che si giostra le fonti come più gli fa comodo, e va contrastato in maniera obiettiva. Per quello che riguarda invece Nino Galloni segnalavo le voci che girano ancora adesso, sia di un accordo che avrebbe dovuto esserci a suo tempo per una candidatura sostenuta dal M5S stesso, sia per un soccorso attuale del Movimento Roosevelt, con tutto ciò che potrebbe seguire ad un accordo con la massoneria, benché scoperta. Chiedevo se, a tuo avviso, Nino Galloni, che mi sembra persona più che degna, potesse essere in qualche modo un sostegno e un collegamento con i poteri forti, seppure sia d’accordo con te nell’avere un sano sospetto verso la massoneria non in quanto tale, ma come invischiata in qualunque forma di governo. In sostanza, se è vero che il M5S ci ha già pensato, ad un simile accordo, quando ci sono state le presentazioni per le candidature dei sindaci, potrebbe essere vero che stia ripensando a tale soluzione per superare la presunta crisi attuale.

        • Grazie gix, su quanto dici ora sono pienamente d’accordo … anche sul fatto che Nino Galloni sia una persona onesta e degna di rispetto, per questo ti dicevo che il fatto che lui fosse entrato nel Movimento Roosevelt mi lasciava molto perplessa … comunque non credo che per il momento possa ricoprire un qualche ruolo nella giunta di Roma , forse un domani in un possibile governo 5 stelle del Paese, proprio perché ha una preziosa esperienza e possibili trasparenti agganci con i poteri forti, che lui ha frequentato quando ricopriva cariche di governo … ma c’è sempre di mezzo questa nuova affiliazione che lo potrebbe danneggiare …

      • Apollonio

        ” mi meraviglio che nessuno ti abbia fatto notare che il FQ non è per nulla un giornale pentastellato, tranne nelle posizioni di Travaglio, e a giorni alterni di Scanzi … tutti gli altri, Gomez e Padellaro per esempio, sono fortemente condizionati dalla nomenklatura … ” Quindi un movimento guidato da un massone od ex massone, non mi convince.

        Sono d’ accordo con Rosanna …” tutti gli altri, ” sono pro sistema Euro ed Elite dominante, anche se la posizione pro 5 Stelle del Direttore Travaglio è determinante per la linea del quotidiano, per il resto Galloni, nelle sue posizioni ambigue sul ruolo che dovrebbe avere la B.C.vi sono tutte le caratteristiche del ex DC che cerca di riciclarsi dopo essere stato silurato da banca d’ Italia, lui parla spesso in politichese e di affidare il controllo della B. C. ad un organismo esterno ( praticamente come ora ) .

  • Ronte

    Rispondo a Rosanna e per conoscenza ai praticanti del sito.
    In altri commenti ho scritto e elencato situazioni in cui esponenti del M5S sono indagati. Ma il punto cara Rosanna non è questo, e i miei ragionamenti non si basano di certo sul filone complottista, addirittura compulsivo, come scrivi. Vero il contrario perchè il complottismo è qualcosa che appartiene ai metodi antichi, e dato che oramai tutto si è normalizzato, sciocco crederci ancora. ‘Trame ‘ e comportamenti appartengono alla politica e all’interesse, vuoi personale che di gruppo. Strategie e metodi.
    Un giorno forse ti renderai conto della natura reazionaria, antioperaia e dagli spunti rimarchevoli di fascismo del M5S. Ma ciò non vuol dire prestare simpatia per chi a oggi ha dominato la scena. Vuol dire invece spingere per costruire un fronte di lotta e di classe capace di capovolgere l’intero Sistema, sempre pronto a distruggere tutto e tutti, persino a divorare le menti.
    Fantasie, utopismi? Vedremo…

    • Purtroppo sì, fantasie utopistiche … mi dispiace, ma è così, perché se tu credi che si possa combattere la dittatura finanziaria che sta annientando lo stato sociale, lo stato nazionale, il lavoro e il benessere con quei groppuscoli di sinistra che ancora sopravvivono secondo i vecchi schemi, in un mondo in tragica e veloce mutazione determinata dal neoliberismo e dalla globalizzazione … beh, allora sono solo veramente fantasie utopistiche … quanto ai reati commessi da alcuni 5 stelle, ti ricordo che il reato deriva da responsabilità individuale, forse che i partiti della vecchia nomenklatura di sinistra non hanno mai commesso reati? poi tu attribuisci la nomina di fascista al M5S e non ti rendi conto che il fascismo è già in atto, praticato da questo sistema affaristico criminale al potere, e combattere questo fascismo con uno straccio di democrazia morente non lo vedo possibile …

      • Ronte

        Confermi ciò che intendo…Una volta mi tratti da compulsivo, un’altra che non mi rendo conto di…Sai una cosa? Mi piacerebbe discutere direttamente con te di un pò di cose: Di Marx e di Lenin, del ’68 italiano, del perchè siamo arrivati al punto tale che si interpetra il M5S come movimento di massa quando invece rappresenta il meglio (il peggio) dell’autarchia…
        Quanto vuoi scommettere che se il movimento pentastellato andasse al Governo, durerebbe come si dice, ‘da Natale a Santo Stefano?’.
        Nella mia città stanno facendo dei casini incredibili, così come nelle altre amministrazioni. Roma sta diventando la barzelletta italiana…Figuriamoci…