Dimenticatevi la Russia; perché la Cina è così interessata alla Polonia?

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

 

John Mac Ghlionn – The Epoch Times – 31 agosto 2022

 

Un vero amico, si dice, è colui che arriva quando gli altri se ne vanno. Mentre il mondo volta le spalle alla Russia, un paese ha scelto di fare il contrario. Quel paese è la Cina. L’alleanza tra Pechino e Mosca si rafforza di giorno in giorno.

Dopo che la presidente della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, si è recata a sorpresa a Taiwan, il Cremlino ha subito fatto eco all’avvertimento del Partito Comunista Cinese (PCC) agli Stati Uniti. L’amministrazione Biden sta andando come un sonnambulo verso la guerra con la Cina? Onestamente, nessuno di noi, nemmeno gli esperti, conosce la risposta a questa domanda. Quello che sappiamo, però, è che se gli Stati Uniti entreranno in guerra con la Cina, la Russia darà il suo pieno appoggio a quest’ultima. Ciò rende interessante il crescente interesse della Cina per la Polonia, vicina e arcinemica della Russia.

Il 29 luglio, CTGN, la rete statale sotto il controllo del dipartimento di propaganda del PCC, ha pubblicato un articolo piuttosto interessante sul desiderio di Cina e Polonia di “condurre una cooperazione di alta qualità nell’ambito della Belt and Road Initiative (BRI)“. Il leader cinese Xi Jinping e Andrzej Duda, il presidente polacco, hanno avuto una telefonata e hanno promesso di “approfondire la cooperazione pratica in vari campi come “commercio e interconnettività” e “sviluppo verde ed economia digitale“.

I due Paesi, secondo Xi, devono sforzarsi di formare un legame più forte. Duda, chiaramente d’accordo, ha accolto con favore l’idea di un maggior numero di aziende cinesi che investono in Polonia.

In realtà, Pechino e Varsavia sono da tempo stretti alleati. Nel 2016, la Cina ha istituito la Banca asiatica per gli investimenti in infrastrutture (con sede a Pechino), una banca multilaterale di sviluppo che ora vanta oltre 100 membri. La Polonia ha fatto storia diventando il primo Paese dell’Europa centro-orientale a farne parte.

Come ha osservato in precedenza la ricercatrice polacca Patrycja Pendrakowska, le relazioni sino-polacche sono al loro punto più forte dal 1991, quando la Polonia ha dato l’addio al comunismo (pur abbracciando, un po’ ironicamente, un Paese comunista). Da quando la Polonia è diventata membro della Banca asiatica per gli investimenti infrastrutturali, i funzionari del governo polacco hanno svolto un ruolo attivo in vari forum e vertici cinesi.

Oltre a numerose visite a livello statale, i due Paesi hanno deciso di aprire un consolato generale a Chengdu, una città sub-provinciale che funge da capitale della provincia cinese del Sichuan. Inoltre, “un nuovo posto di rappresentante del Ministero dell’Agricoltura e dello Sviluppo rurale è stato istituito presso l’Ambasciata polacca a Pechino più o meno nello stesso periodo in cui” il consolato ha aperto le sue porte, ha aggiunto l’accademico polacco.

Quando si parla di Polonia, non si sottolineerà mai abbastanza l’importanza strategica del Paese centroeuropeo.

Il leader cinese Xi Jinping (L) e il presidente polacco Andrzej Duda (R) mangiano mele polacche mentre salutano l’arrivo del primo treno China Railway Express a Varsavia il 20 giugno 2016.

 

Situata nel cuore dell’Europa, la Polonia ha effettuato importanti investimenti nelle proprie strade e ferrovie, nonché nelle infrastrutture aeree e marittime. Come osserva l’Agenzia polacca per gli Investimenti e il Commercio, la posizione della Polonia “all’intersezione delle principali vie di trasporto sia sulla direttrice nord-sud che su quella est-ovest” la rende “un luogo di investimento perfetto per le aziende che desiderano esportare i loro prodotti sia a est che a ovest“. Questo fatto non sfugge al PCC.

Philippe Le Corre, ricercatore senior non residente del Programma Europa del Carnegie Endowment for International Peace, ha evidenziato come le relazioni economiche tra Europa e Cina si siano rafforzate nell’ultimo decennio. La Cina è oggi il principale partner commerciale dell’Unione europea. Fino all’anno scorso, in modo piuttosto preoccupante, erano gli Stati Uniti il primo partner commerciale dell’UE.

Oltre a essere un Paese di importanza strategica, la Polonia, il settimo Paese più grande d’Europa, ha un’abbondanza di minerali naturali. Infatti, è oggi uno dei principali produttori mondiali di carbone, rame, zinco, piombo, zolfo, salgemma e minerali utilizzati nell’edilizia. La Cina potrebbe guardare alla Polonia per avere assistenza, dato che continua a scarseggiare di forniture di carbone.

Un altro elemento che scarseggia in Cina (e non solo) è lo zinco. Come ha sottolineato l’autore Colin Sandell-Hay, lo zinco è oggi il quarto metallo più utilizzato a livello mondiale; si prevede che la domanda triplicherà entro la fine del decennio. Utilizzato nella produzione di pannelli solari e di vari tipi di batterie, Sandell-Hay prevede “carenze di produzione potenzialmente significative nei prossimi anni“.

Lo zinco svolge un ruolo fondamentale anche nell’industria dei componenti automobilistici. Come hanno sottolineato gli analisti SPC, “se si guarda sotto il cofano, si ispeziona l’impianto di alimentazione o si smonta il telaio di un’automobile moderna, è probabile che si trovino molte parti e componenti zincati“. Considerando che la Cina è oggi il più grande produttore di veicoli al mondo, con oltre 26 milioni di veicoli prodotti solo lo scorso anno, e che la Polonia è ricca di depositi di zinco, ci si aspetta che le relazioni sino-polacche si intensifichino.

Questo è particolarmente vero se la Polonia viene espulsa dall’UE. Nell’ottobre dello scorso anno, la Corte suprema dell’UE ha insistito sul fatto che la Polonia stava ricadendo nei suoi vecchi schemi comunisti. L’UE ha intimato al governo polacco di rimettersi in carreggiata. Inoltre, Bruxelles ha inflitto ai polacchi pesanti multe (1 milione di euro al giorno). Il governo polacco è rimasto fermo e si è rifiutato di adeguarsi. A causa di questo rifiuto, la Polonia ha accumulato oltre 250 milioni di euro di multe arretrate.

Se il governo polacco continuerà a ignorare le richieste dell’UE, è molto probabile che Bruxelles chiuda la porta a Varsavia. Quando si chiude una porta, tuttavia, se ne apre un’altra. Se Varsavia si congeda da Bruxelles, è molto probabile che le relazioni con Pechino diventino ancora più cordiali.

 

 

Link: https://www.theepochtimes.com/forget-russia-why-is-china-so-interested-in-poland_4696157.html?utm_source=uschinanoe&utm_campaign=uschina-2022-09-01&utm_medium=email&est=G8wKOvnWT8oZGkgUOwCiAbL71OTDxc7ulWtf2WkFFPdssAm%2B4QSLtlwFP4mxJBvH4Xk3IA%3D%3D

 

Scelto e tradotto (IMC) da Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
63 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
63
0
È il momento di condividere le tue opinionix