Comitato Cura Domiciliare Covid19 – Terza conferenza

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

La Redazione di ComeDonChisciotte.org riceve e pubblica il comunicato stampa del Comitato Cura Domiciliare Covid-19 inerente la terza Conferenza Nazionale per le terapie domiciliari precoci, svoltasi sabato 10.07.2021 a Napoli

* * *

Diverse migliaia di persone hanno partecipato sabato sera 10 luglio alla terza Conferenza Nazionale per le terapie domiciliari precoci, con ospiti francesi, organizzata dall’Unione per le Cure, i Diritti e le Libertà e dal Comitato Cura Domiciliare Covid-19, con il Patrocinio del Comune di Napoli, sul lungomare.

Volontariato, ascolto, necessità dei cittadini, riflessioni, a partire dall’inizio dell’emergenza Covid sino alle aspettative future, sono state il centro degli interventi dei medici che da oltre un anno hanno lavorato su base volontaria per supportare i malati Covid a domicilio e in telemedicina.

Ancora una volta è stato chiesto conto del mancato coinvolgimento dei medici del gruppo nella stesura delle linee guida di contrasto al Covid-19, a cui il ministro Speranza non hai dato risposta, ignorando totalmente le richieste e le testimonianze di migliaia di persone.

In piazza è continuata la raccolta delle firme per la petizione indirizzata a Speranza, con l’obiettivo di chiedere al Ministero della Salute proprio di prendere in considerazione il lavoro dei medici sul territorio, come espressamente richiesto dal Senato con il voto dell’8 aprile scorso.

L’avv. Erich Grimaldi ha annunciato che il 27 luglio porterà i cittadini innanzi al ministero della salute per la consegna brevi manu delle firme raccolte a Speranza.

L’avv. Grimaldi, infine, ha annunciato che è in corso di pubblicazione un primo studio, con ospedalizzazioni ridotte allo zero percento, su un gruppo di pazienti trattati in fase precoce, nelle prime 72 ore dall’insorgenza dei sintomi ovvero quel breve lasso di tempo che le linee guida ministeriali suggeriscono per la vigilante attesa.

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
2 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
2
0
È il momento di condividere le tue opinionix