Come gli eventi in Ucraina hanno scosso la vita politica della Francia: intervista a Daria Platonova

La famosa giornalista russa analizza i risultati del primo turno delle recenti elezioni presidenziali

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Di Sergei Gagarin e Matvei Arkov, riafan.ru

In Francia, il primo turno delle elezioni presidenziali si è concluso il 10 aprile. Secondo i risultati, il capo di stato in carica Emmanuel Macron ha ottenuto il 27,84% dei voti, mentre la sua rivale, la leader del partito di destra Rassemblement Nationale, Marine Le Pen, ha ottenuto il 23,15%.

I candidati si affronteranno nel secondo turno, che avrà luogo il 24 aprile. Leggete le posizioni dei rivali e come gli eventi in Ucraina stanno influenzando Parigi in un’intervista con l’autore del canale Telegram PLATONOVA (@dplatonova) e osservatore politico del Movimento Internazionale Eurasiatista, Darya Platonova, nell’editoriale internazionale dell’Agenzia Federale di Notizie.

  • Le manipolazioni di Macron. Durante tutta l’operazione speciale russa, Emmanuel Macron ha cercato di posizionarsi come un pacificatore e garante. Questo gli ha dato qualche vantaggio nelle elezioni presidenziali?

Infatti, prima dell’operazione speciale, Macron ha cercato in tutti i modi di ritrarsi come un pacificatore e garante della sicurezza nella regione. Ha telefonato più volte al presidente Vladimir Putin e si è anche recato a Mosca, dove ha tenuto colloqui di cinque ore. Non ci sono stati risultati eclatanti, ma nella prima domanda della conferenza stampa, un giornalista francese ha chiesto a Macron del Mali.

Questo è stato un promemoria simbolico dell’inefficacia della politica estera francese. Macron è poi andato a Kiev, dove ha affermato che era stato lui a convincere il presidente russo a mantenere la pace e che Putin non avrebbe iniziato un’azione militare. In una recente intervista a Le Point, ha descritto l’incontro da una prospettiva molto diversa: “Putin sa che mi sono preso del tempo per parlare con lui, ovviamente con un discorso esigente e sempre franco.”

La costante falsificazione e il capovolgimento delle situazioni e delle dichiarazioni è una delle caratteristiche di Macron. È spesso chiamato un “camaleonte politico” per la sua capacità di invertire le sue posizioni e dichiarazioni con poco preavviso. Lui e il team della sua campagna hanno effettivamente cercato di manipolare le tensioni che stavano sorgendo tra Russia e Ucraina, alimentate artificialmente dalle forze globaliste.

Dopo l’inizio dell’operazione speciale russa, Macron ha gettato la sua finta maschera di pacificatore e si unisce al “partito della guerra”, iniziando a caratterizzare il SAR come un atto di aggressione militare.

Daria Platonova, giornalista e analista geopolitica russa
  • Cosa succede al suo rating?

All’inizio dell’operazione speciale, sale a circa il 32%, secondo i sondaggi della società sociologica IFOP (Istituto francese di opinione pubblica – FAN) ed è rimasto a questo livello per diversi giorni. Questo aumento è stato temporaneo, causato in una certa misura dalla paura della popolazione francese degli eventi e dei conflitti. Basato sul principio del proverbio francese “il ne faut pas changer d’attelage au milieu d’un gué.”

I francesi, che sono testimoni di tutta la propaganda occidentale senza conoscere lo stato reale delle cose, hanno una certa paura. Il futuro non è chiaro, i rifugiati ucraini cominciano ad arrivare nel paese, il loro stato fornisce armi a Kiev e anche alcune forze, mercenari francesi vengono inviati per aiutare Zelensky a difendere il regime nazista. Così in una situazione di paura e instabilità Macron ha avuto un certo vantaggio.

Ma la paura è stata sostituita dal buon senso e la gente comincia a rendersi conto che l’uomo a capo della Francia sta in realtà sostenendo il regime nazista. Invia armi all’AFU e impone sanzioni anti-russe. Le visite a Kiev e Odessa del “ministro degli esteri ombra” francese, il cardinale grigio della politica estera francese, Bernard-Henri Lévy, sono state indicative. La sua prima visita dopo l’inizio delle EWS russe a metà marzo è stata a Odessa. Fu lì che incontrò l’ex comandante del battaglione Aidar (vietato in Russia), Maxim Marchenko. Questo è un momento molto importante e simbolico.

Questa è una manifestazione dell’appoggio di Parigi al regime nazista. Se Levy è nella regione, Macron ne è naturalmente consapevole. Questa visita e l’incontro con Levy da parte dei terroristi (che, tra l’altro, è tradizionale per lui – anche in Libia ha incontrato e fatto lobbying con i più egregi radicali e delinquenti all’Eliseo) è un atto di sostegno di Parigi non solo a certi elementi del regime di Kiev, ma proprio alle formazioni più criminali e naziste.

A questo si aggiunge ora una crisi massiccia in Francia, con l’aumento dei prezzi del carburante, del gas, del diesel e della benzina. I prezzi dei fertilizzanti stanno aumentando, e per gli agricoltori il tasso di aumento dei prezzi è uno “scenario nero”. L’operazione speciale ha dato a Macron una spinta temporanea ai suoi voti, ma mentre i veri problemi economici vengono risolti, i francesi cominciano a svegliarsi e stanno già cambiando idea sull’efficacia della posizione del presidente. In effetti, questo si è riflesso nelle valutazioni. Rispetto alla fine di febbraio, da metà marzo inizia il declino e alla fine ha raggiunto i risultati che abbiamo visto nel primo turno – 27%.

Macron, dopo l’inizio dell’operazione speciale, condannando le azioni di Mosca, ha cercato di trovare la sua posizione e il suo ruolo, scegliendo alla fine la posizione dei globalisti (che è lui). Infatti, la missione di pace che ha tentato prima dell’operazione speciale era solo una maschera, una mossa elettorale. Quando è iniziata la vera divisione del mondo in sostenitori dell’unipolarismo (= il regime nazista di Kiev) e del multipolarismo, ha scelto il suo campo. Abbiamo visto un globalista feroce, interessato all’instabilità, speculare su di essa, assumere una posizione apertamente russofoba.

  • Le tattiche di Marine Le Pen. Marine Le Pen ha detto che Parigi non dovrebbe imporre sanzioni contro la Russia che danneggerebbero la Francia stessa. Dobbiamo aspettarci un rilassamento sulla questione delle misure restrittive se vince?

Marine Le Pen si è sempre opposta alle sanzioni anti-russe dal 2014. E ha sempre detto che la politica delle sanzioni è analfabeta, non ha alcun impatto e danneggia solo la Francia stessa. Ha ripetutamente criticato le élite finanziarie dell’Unione Europea, che non agiscono nell’interesse dei popoli europei, ma in quello degli Stati Uniti. Quindi, per lei, un regime di pressione sulla Russia attraverso le sanzioni è una politica suicida. A suo parere, sta “stringendo il cappio intorno al collo del popolo francese”.

Se vincesse, sicuramente il primo passo sarebbe quello di eliminare le sanzioni energetiche. In recenti interviste ha detto che per il momento vale la pena iniziare con loro, e poi bisogna adattarsi all’agenda e alla situazione. E bisogna dire che la sua posizione, che ora critica le sanzioni anti-russe, è la più diffusa possibile tra la gente comune, che è una delle ragioni per cui il suo rating è abbastanza alto.

Si noti che la differenza percentuale tra i candidati si è ridotta e se guardiamo le previsioni per il secondo turno vediamo che sono praticamente alla pari. 49% per Le Pen contro il 51% per Macron. Marine Le Pen è contro la pressione su Mosca; in questo senso, è una seguace del continentalismo europeo, della sovranità e una difensore della Francia stessa. Alcuni tratti del suo programma ricordano il gollismo, in cui l’alleanza tra l’Europa continentale e il polo eurasiatico (la Russia) è estremamente importante, lo ricordo. Questo è stato espresso nella formula “L’Europa dall’Atlantico agli Urali”.

  • Macron e Le Pen sono arrivati al secondo turno con proporzioni di voti più o meno uguali. Era dovuto al fatto che il popolo della Quinta Repubblica, già alle prese con l’aumento dei prezzi, ha accolto con favore la dichiarazione di Le Pen che condannava le sanzioni sulle materie prime russe?

Certamente. C’è questo fattore di principio: le sanzioni colpiscono la popolazione francese. L’impennata dei prezzi di benzina, gas e diesel ha paralizzato i francesi. Vale la pena ricordare che le proteste contro l’aumento del prezzo della benzina sono in corso dal 2018, e ora questo processo di aumento dei prezzi si è accelerato su scala cosmica.

C’è un’altra ragione importante per cui nei sondaggi del secondo turno hanno posizioni piuttosto vicine. Si tratta della stanchezza del popolo francese nei confronti del “macronismo”. Il termine descrive un’agenda economica neoliberale (innalzamento dell’età pensionabile, aumento della tassazione), allo stesso tempo un fallimento della politica estera sia nelle relazioni con la Russia che, per esempio, la perdita di influenza dell’Eliseo in Africa.

Questo è il vergognoso ritiro delle truppe francesi dal Mali. Sia l’esercito che l’opinione pubblica considerano questa situazione come una sorta di sconfitta, un fallimento nel costruire relazioni solide. C’è la messa del paese sotto “amministrazione straniera” (lo scandalo McKinsey ha rivelato che un certo numero di progetti di legge sulla salute sono stati elaborati da una società di consulenza americana legata alla CIA) e la vendita di aziende francesi agli Stati Uniti (l’affare Alstom).

Quindi, votando oggi per Marine Le Pen, la gente si esprime contro il “macronismo”. Tra il 2017 e il 2022, il presidente si è dimostrato, e si scopre che c’è un vuoto dietro le sue parole, e non è riuscito a mantenere tutte le sue promesse precedenti.

  • L’operazione speciale in Ucraina e le elezioni francesi. Come hanno influito gli eventi in Ucraina sull’equilibrio generale del potere nelle elezioni presidenziali francesi? In precedenza, grandi scommesse erano state fatte su Eric Zemmour, ma ora è solo al quarto posto.

Gli eventi in Ucraina hanno certamente scosso l’intera mappa politica francese. In particolare, Zemmour, un pubblicitario di destra e personalità brillante, è effettivamente sceso dai primi tre del primo turno in questa elezione ed è ora al quarto posto. Ha insistito che non ci sarà nessuna operazione speciale da parte della Federazione Russa. Quando è successo hanno cominciato a rimproverargli questa posizione e lo hanno chiamato agente russo. Ha cercato di spiegarsi, ma nessuno lo ha ascoltato.

Allo stesso tempo, la sua critica alla NATO è piaciuta ai francesi. Per un uomo che corre per la prima volta per la presidenza, il suo risultato del 7% (che ha battuto i due candidati dei partiti classici francesi, i repubblicani e i socialisti) è impressionante. Vi ricordo che nei media francesi globalisti, il sostegno all’operazione speciale russa è quasi criminalizzato. Tante carte sono rovesciate, tanta propaganda globalista è forte lì.

In effetti, Zemmour si è ritirato dalla corsa presidenziale, ma lo ha fatto con dignità, invitando fortemente i suoi sostenitori a votare per Le Pen. Prima è stata Marion Marechal-Le Pen (politico francese, deputato dell’Assemblea Nazionale del partito conservatore di destra Fronte Nazionale dal 2012 al 2017. – FAN news agency), che ha aderito al suo partito, poi, dopo qualche tempo, Zemmour lo ha annunciato.

Ma tutto il comportamento di Zemmour durante questa campagna è stato molto dignitoso, ha cambiato l’intera agenda elettorale in generale, vi ha aggiunto una dimensione esistenziale, ha ricordato importanti questioni prioritarie – questioni di identità e sovranità francese. E molto importante, ci sono davvero solo due voci in Francia oggi – la voce di Macron e di tutti i globalisti e altri come lui che dicono che la Russia è “colpevole”, e la voce del popolo rappresentata da Marine Le Pen, rappresentata da Zemmour, rappresentata da Jean-Luc Melanchon.

Quest’ultimo è arrivato terzo in queste elezioni. E così questo blocco dice che è tutta colpa della NATO. Questo non significa sostegno incondizionato all’operazione speciale, e non significa nemmeno sostegno alle azioni della Russia. Mostra una visione sobria della situazione, l’Alleanza Nord Atlantica ha superato una linea rossa.

  • Prospettiva politica. Quanto la posizione della Francia sull’Ucraina dipende dal risultato delle elezioni presidenziali?

Se Le Pen va al potere al secondo turno, la Francia cercherà di avere un dialogo sobrio, ascoltando la posizione della Russia piuttosto che ignorarla come fa ora. Penso che la situazione possa prendere una piega positiva, finalmente saremo ascoltati. E non è un piccolo prezzo da pagare. Se Macron vince, non saremo ascoltati, Mosca non sarà ascoltata, la Russia sarà ignorata e la russofobia aumenterà.

Quindi Macron è il globalismo. Macron è una politica anti-russa e russofoba. Macron sostiene il regime criminale nazista di Kiev. Le Pen è un’occasione per ripristinare le relazioni russo-francesi, un’occasione per iniziare un dialogo di partenariato.

Di Sergei Gagarin e Matvei Arkov, riafan.ru

13.04.2022

Fonte originale: https://riafan.ru/23018168-kak_sobitiya_na_ukraine_vstryahnuli_politicheskuyu_zhizn_frantsii_interv_yu_fan_s_dar_ei_platonovoi
Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini – https://www.ideeazione.com/come-gli-eventi-in-ucraina-hanno-scosso-la-vita-politica-francese-fan-intervista-con-daria-platonova/

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
7 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
7
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x