Home / ComeDonChisciotte / BERLUSCONI IRRISO ALL' ESTERO MA AGLI ITALIANI VA BENE COSI ?

BERLUSCONI IRRISO ALL' ESTERO MA AGLI ITALIANI VA BENE COSI ?

DI MASSIMO FINI
Il gazzettino

Nei giorni del G8 ero in Corsica, ho comprato l’Express e sono sobbalzato. Il titolo di copertina recitava a tutta pagina: “Enquête sur le bouffon de l’Europe: Berlusconi”. Era il culmine di una serie di pesantissime critiche portate al premier italiano da vari giornali europei americani, giapponesi, buona parte dei quali liberali: Financial Times, Daily Telegraph, Wall Street Journal, Herald Tribune, El Pais, El Mundo, Youmuri Shimbun, Vremia Novosti, Tagespiel, Le Monde, The Guardian, The New York Times. Poi il G8 è andato bene (nel senso che non è successo nulla di male) e Obama ha risdoganato, sul piano internazionale, Berlusconi definendolo una “leadership forte”, ma i problemi posti dalla figura del Cavaliere al nostro Paese sono rimasti tali e quali. Sono quelli indicati dall’Express che, dopo il titolo irridente, si limita a farne una nuda elencazione.1) Nel maggio del 1990, quando nessun “accanimento giudiziario” di tipo politico poteva essere ipotizzato nei suoi confronti, Berlusconi è stato dichiarato “testimone spergiuro” dalla Corte d’Appello di Venezia (aveva cioè giurato il falso in tribunale dichiarando che stava nella P2 solo da tre giorni mentre era iscritto da tre anni). Fu salvato da un’amnistia voluta dagli odiati comunisti per ripulirsi delle loro rogne (finanziamenti illeciti da Mosca).

2) Proprietario di metà del sistema televisivo nazionale, là dove in nessun Paese liberaldemocratico un uomo politico può possedere nemmeno un giornale di quartiere. Per cercare di spiegare l’”anomalia” italiana, altrimenti incomprensibile ai suoi lettori, il columnist del New York Times Robert Mackey ha scritto:
“Immaginate un mondo dove Donald Trump possedesse la NBC, fosse presidente degli Stati Uniti, offrisse a Miss California, in cambio dei suoi favori, un seggio al Senato, e sarete solo a metà per capire che cosa succede in Italia”.

3) Un colossale conflitto di interessi che si estende dalla Tv all’editoria di carta stampata (è proprietario della più grande casa editrice italiana e di un importante quotidiano) al settore immobiliare, finanziario, assicurativo e persino al calcio, che Berlusconi promise di risolvere nel 1994 ma che da quindici anni sta lì e pesa come un macigno sulla vita politica ed economica italiana.
4) Una serie di leggi “ad personam” e “ad personas” per cavare dagli “impicci giudiziari” sè e i suoi amici, leggi che hanno scardinato codici penali italiani rendendo quasi impossibile il perseguimento di alcuni reati. Berlusconi è stato processato per falso in bilancio, fondi neri, frode fiscale, finanziamenti illeciti, corruzione della Guardia di Finanza, corruzione di magistrati. In alcuni casi se l’è cavata abolendo, per legge, il reato di cui era imputato, in altri con la prescrizione, ma almeno in due occasioni la Cassazione, giudicando sul processo connesso, ha accertato che il Cavaliere quei reati li aveva commessi anche se non erano più perseguibili per il decorso del tempo.

5) “Lodo Alfano” che sottrae il premier a ogni tipo di processo (anche per omicidio) fino alla conclusione del suo mandato, violando il principio-cardine della liberaldemocrazia: l’uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge.
6) Sentenza di primo grado del Tribunale di Milano che ha accertato che Berlusconi ha corrotto con 600mila dollari un testimone, l’avvocato inglese David Mills, perchè rendesse testimonianze false (testimonianze che gli hanno consentito di essere assolto in altri processi).

7) Cena con due giudici della Suprema Corte che dovranno decidere sulla costituzionalità del “lodo Alfano”.

8) Intercettazione delle telefonate Berlusconi-Saccà da cui si evince che il premier usa la Rai-Tv, Ente di Stato, per piazzare favorite, sue o dei suoi amici (i cosidetti casi Noemi ed escort, di cui pur l’Express si occupa, non li prendiamo in considerazione perchè le vicende private del premier, come quelle di qualsiasi altro cittadino, se non si concretano in reati, sono fatti suoi).
Domenica scorsa il Daily Telegraph, quotidiano conservatore britannico, ripercorrendo questa lista ha scritto: “In qualsiasi altro Paese Berlusconi, come politico, sarebbe morto e sepolto da tempo”. Agli italiani invece va bene così.

Massimo Fini
Fonte: http://www.massimofini.it/
Uscito su “Il gazzettino” il 31/07/2009

Pubblicato da Davide

  • Bloody_mary

    Se le alternative sono il forbitissimo Di Pietro e il simpaticissimo Franceschini,gli italiani si fanno andare bene Berlusconi turandosi il naso,
    come direbbe Montanelli,in fondo si puo’ sempre peggiorare,come accadrebbe mandando a Palazzo Chigi uno dei due giacobini forcaioli di cui
    sopra.

  • mendi

    Tutto vero, però al momento non c’è di meglio in Italia.
    Il Berlusca ne ha fatte di cotte e di crude ovviamente, però qualcosa sa fare, a differenza di tutti gli altri buffoni della scena politica italiota.
    Quindi ci teniamo il Cavaliere e speriamo che viva a lungo, con la speranza che nel frattempo “maturi” qualcuno.
    Al momento, guardando i musi di un Franceschini o un Di Pietro, c’è poco da sperare.

  • federasta

    “Bloody_mary” e “mendi” avete pienamente ragione: non vorrete mica eleggere uno come Di Pietro che intende rispettare la Costituzione?!……

  • edoxxx

    All’estero che hanno da sbeffeggiare?

    In Francia che sono Orgogliosi di un Presidente Nano accompagnato a una prostituta?

    In Inghilterra di un presidente che alle europee ha preso il 17 %?

    In Spagna di un presidente gay?

    E in Germania di una ex spia della stasi???

    Che hanno da irridere??

  • maika18

    Per come la penso io in Italia bisognerebbe riportare un po di 1)legalità e ripartire con 2)investimenti veri non da spot o clientelari e, con Berlusconi al governo, tutto questo non potrà sicuramente mai avvenire.
    E’ vero che non ci sono grandi alternative, ma un Di Pietro come “transizione” per riportare un po di 1)legalità per poi passare ad una vera alternativa maturatasi nel frattempo per portare avanti 2)investimenti è l’unica strada per far risalire questo Paese ormai sul baratro.
    Non si tratta di antiberlusconismo, bensi di buon senso e regole indispensabili per una sana e credibile società democratica.

  • nessuno

    Obama prima di presentarsi al G8 è andato in Russia a trattare, ridicolizzando cosi le millantate affermazioni di papi circa una mediazione fra i due
    Cosa che il papi ha ribadito ancora recentemente è un millantatore nato
    La posizione dei due noti forzaitalioti che temono Di Pietro è più che giustificata loro hanno una partita iva da difendere e rivendicano la libertà di evadere.
    Questi sono i tristi figuri che chiedono secoli di galera per “i diversi “e poi eleggono ladri,assassini,sfruttatori e mafiosi in parlamento.
    Fanno parte di quel 23% che sostiene il mafioso di arcore.

  • Galileo

    …e come facciamo a farne una colpa a berluska se sono stati gli odiati comunisti a salvargli il culo?

    Fini, usa il cervello, e non venirci a rompere con questi articoletti pre-feriali.

    Sappiamo perfettamente perchè viene attaccato così duramente dalla stampa estera e non solo. Una volta tanto che fa qualcosa per l’Italia e si sottrae un poco al “dominio” Americano….

  • myone

    Quasi tutti gli italiani dovrebbero essere in carcere o subire un giudizio, e questo la dice lunga su come siamo se volgiamo setacciare le cose.
    E si parte sopratutto dall’alto al basso.
    Berlusconi, sara’ anche stato mezzo delinquente, nel senso buono, nel senso che non ha leso nessuno, ma al pari suo, di delinquenti per bene, ne sono passati, e no ne parliamo della sinistra per il popolo.

    La faro’ breve. A me perclusconi giustizia non me ne importa nulla, perche’ non vedo cosa debba essere giustiziato nell’ oltre. Se non lo e’ stato, e’ perche’ puo’ essere stato assolto. Se avesse ammazzato o fatto ammazzare persone, rubato a qualcuno, allora no sarebbe nemmeno dov’e’.

    Mi dite chi, oltre lui, ha fatto girare le cose da quando e’ presidente del consiglio?
    Chi metteremmo o ci mettete al posto suo?
    Forza, fuori i nomi.
    Franceschetti? Dalema? Prodi? Veltroni? Rutelli? Volete che spazioamo?

    Non c’e’ nessuno altro. E se c’e’, che batti un colpo.
    Finche’ c’e’ questo ordinamento in italia e nel mondo, ora come ora, c’e’ solo lui, e lo dicono i fatti, non le chiacchere.

    Se un giorno, ci sara’ uno nuovo e milgiore, arrivera’ lui, perche’ gli italiani lo voteranno.
    Se un giorno, ci saranno sistemi e modi diversi da ora, non ci saranno nemmeno personaggi come berlusconi, ma nemmeno come tanti altri di peggio.

  • myone

    La legalita’ come legge c’e’, solo che non la applicano.
    Non la applicano sopratutto sopra e nei modi. Certo e’ che non puoi giudicare le intenzioni e nemmeno i modi, perche’ oggettivati da altro.
    Altrimenti la legge diverrebbe politica, ma tante cose si vedono, ma le vedono solo chi c’e’ e chi le subisce, e parliamo di leggi di vita, lavoro, tasse, fatica a vivere, vivere che ora mai e’ anche dannoso in tante cose.
    Se metti un di pietro, ferma l’ economia, e ci fa stare tuti in convento.
    E sappi che la legalita’, fino ad ora, e’ sempre stata misurata, vere o no le motivazioni, sulla gente. Fare cosi, comportarsi cosi, ecc ecc.
    Di transizioni diciamo non totalitarie ( totalitarie fra parentesi), l’ italia ne ha sempre mangiate, e loro ci hanno mangiato.
    Quando mi parli di una sana e credibile societa’, HAI RAGIONE ED E’ LA COSA BASILARE PER TUTTO E PER TUTTI, solo che li, c’e’ ancora da capire come, e di buone volonta’ vere, non ne hanno alcuno, perche’ cambiare radicalmente le cose, significa pure prendere diritti e imporre doveri, a chiunque. Non so’ che motivazione e entusiasmo serva, per fare questo da parte di tutti.
    ciao 18

  • ranxerox

    Ubi maior minor cessat. Aspettiamo perciò, volenti o nolenti, la dipartita del “nostro” e facciamo largo, fra il plauso delle istituzioni tutte, al “loro” nuovo che avanza. Avrà le sembianze di un Obama de noantri e porterà pace e prosperità all’Italia intera, il tutto in 2000 comode rate ad interessi zero. Una vera panacea, ma attenzione: l’uso prolungato può arrecare danni (anche gravi) alla salute. Si consiglierebbe il “fai da te”.

  • tersite

    chiunque se lo sia trovato davanti, faccia a faccia almeno una volta nella vita, guardandolo negli occhi non può non aver notato che si tratta di un uomo di cartapesta, costruito con sacrificio e dedizione da una mandria di sedicenti, inutili, ingombranti avvocati(150000!!!),da un esercito di commercianti pieni di buffi, da preti caduti in disgrazia, da inconsapevoli tarati teledipendenti da consumo tutto calcio e figa, e da altre entità , rintracciabili nel mafioso vivere di tante brave famiglie, tipiche della nostra amata italia!

  • albertgast

    Scrivi: “Berlusconi, sara’ anche stato mezzo delinquente, nel senso buono, nel senso che non ha leso nessuno, ma al pari suo, di delinquenti per bene, ne sono passati, e no ne parliamo della sinistra per il popolo.

    La faro’ breve. A me perclusconi giustizia non me ne importa nulla, perche’ non vedo cosa debba essere giustiziato nell’ oltre. Se non lo e’ stato, e’ perche’ puo’ essere stato assolto. Se avesse ammazzato o fatto ammazzare persone, rubato a qualcuno, allora no sarebbe nemmeno dov’e’.” Io spero che tu stia scherzando e che sia solo una presa in giro da parte tua. Perchè se davvero pensi quello che hai scritto……. Per fare solo un piccolo esempio: pensi che il falso in bilancio sia un reato che interessa solo la ditta che lo commette e non l’intera comunità? Prova ad approfondire, anche solo questo argomento, senza nemmeno sfiorare cosa comportano la corruzione, gli appalti comprati e quant’altro. Quando finalmente ti sarai reso conto, allora non potrai più dire che “non ha rubato a qualcuno”, perchè ha rubato e tanto anche a te. E prova anche a pensare quanto ha rubato a tutti noi, avendo avuto il regalo della concessione per le sue televisioni all’1% del fatturato. In questo caso non c’è reato, ma resta un enorme furto ai danni degli italiani tutti, i quali sono a quel che sembra contentissimi di farsi turlupinare. Chi metterci al suo posto? Rispondo con una domanda: ma possibile che in tutta la destra italiana non ci sia una persona onesta e perbene a cui dare il governo dell’Italia?

  • radisol

    Ascoltate questa bellissima performance di Flavio Oreglio : …………….
    http://www.youtube.com/watch?v=cS59gVBKDZY&eurl=http%3A%2F%2F ………………………………….
    Ne vale veramente la pena ….

  • pietro200

    certo hai ragione, dovremmo andare fieri di essere governati da berlusconi e dalla sua cricca di persone perbene.
    credo tu voglia dire esattamente questo, o sbaglio?

  • pietro200

    “Se metti un di pietro, ferma l’ economia, e ci fa stare tuti in convento.”
    hai ragione, meglio con berlusconi. tutti a puttane, w le puttane.

  • canopus

    Un commento ad alcuni “commenti”. Ho già sentito la frase “Non c’è di meglio”, me la dicono sempre persone che hanno votato Berlusca. Che ognuno voti chi vuole, sia chiaro, ma usare questa scusa per far finta che il cavaliere sia il meglio che l’Italia possa produrre in questo momento è azione quantomeno idiota. E poi, si sa che gli italiani sono un popolo di ladri ed evasori fiscali, è ovvio che a maggioranza apprezzino il nano nostrano. A proposito di nani, nulla di male ad essere bassi di statura, ma almeno il presidente francese non è un nano politicamente parlando. E chiamare prostituta sua moglie è azione indegna, specie detto da chi vota colui che si circonda di giovinette ed escort…

  • radisol

    Che la forza principale di Berluskoni sia non tanto lo scandaloso strapotere mediatico quanto l’assenza di una opposizione istituzionale credibile è un dato oggettivo ….. ma da questo a chiamare quel chierichetto di Franceschini “giustizialista” e “giacobino” ce ne corre …. la colpa principale del PD, oltre al vizio di origine di essere oggettivamente a sua volta un partito di destra liberal/liberista e filoamericano, credo sia stata proprio quella di non aver fatto, le due volte che sono stati al governo, una sacrosanta legge sul conflitto di interessi che impedisse al Cavaliere di potersi ricandidare … se fossero stati “giustizialisti” e “giacobini” l’avrebbero fatta di corsa ….. e, pur con la mia scarsissima simpatia per Di Pietro, ho difficoltà a non considerarlo comunque preferibile al Berluska ……. Ma, a parte l’oggettiva insipienza della opposizione istituzionale, esiste l’opposizione sociale …. basata su obiettivi e battaglie concrete ….. sarà il già abbastanza prevedibile – negli effetti tempestosi della crisi che Berluska ancora pretenderebbe di negare – esplodere di questa opposizione sociale, insieme all’ essere ormai Berluskoni oggettivamente un “anatra zoppa”, a suggerire allo stesso centrodestra in autunno la sua sostituzione …. con Fini o con Tremonti ….. se non addirittura con Draghi ….. accetto scommesse ….

  • pietro200

    “Perchè se davvero pensi quello che hai scritto….”
    parole al vento.
    myone non pensa é proprio cosi’.

  • radisol

    Che la forza principale di Berluskoni sia non tanto lo scandaloso strapotere mediatico quanto l’assenza di una opposizione istituzionale credibile è un dato oggettivo ….. ma da questo a chiamare quel chierichetto di Franceschini “giustizialista” e “giacobino” ce ne corre …. la colpa principale del PD, oltre al vizio di origine di essere oggettivamente a sua volta un partito di destra liberal/liberista e filoamericano, credo sia stata proprio quella di non aver fatto, le due volte che sono stati al governo, una sacrosanta legge sul conflitto di interessi che impedisse al Cavaliere di potersi ricandidare … se fossero stati “giustizialisti” e “giacobini” l’avrebbero fatta di corsa ….. e, pur con la mia scarsissima simpatia per Di Pietro, ho difficoltà a non considerarlo comunque preferibile al Berluska ……. Ma, a parte l’oggettiva insipienza della opposizione istituzionale, esiste l’opposizione sociale …. basata su obiettivi e battaglie concrete ….. sarà il già abbastanza prevedibile – negli effetti tempestosi della crisi che Berluska ancora pretenderebbe di negare – esplodere di questa opposizione sociale, insieme all’ essere ormai Berluskoni oggettivamente un “anatra zoppa”, a suggerire allo stesso centrodestra in autunno la sua sostituzione …. con Fini o con Tremonti ….. se non addirittura con Draghi ….. accetto scommesse ….

  • radisol

    A parte il fatto che non si capisce perchè il berlusconiano di qualche commento sopra se la debba prendere tanto con Sarkosy, che è praticamente l’ultimo alleato rimasto a Berluskoni in Europa …. l’altro, quel “comunistaccio”, ex capo del Kgb, di Putin non fa parte della CEE …. è evidente che chi ha fatto della proprie dimore – e pure del Consiglio dei Ministri e del Parlamento – un mignottificio … e chi ancora lo difende …. non può certo fare illazione alcuna sulla Signora Carla Bruni ….

  • icemark

    Chi c’è meglio di Berlusconi? Beh, praticamente tutti… a parte i leghisti, quelli dell’ultra destra e qualche matto di sinistra che non saprebbe amministrare neanche un condominio… preferisco Fini, Casini e Buttiglione, o Franceschini, Rutelli e di Pietro, ma anche Grillo e Travaglio, pure Barnanard! Anzi, meglio un bell’amministratore di condominio, uno qualsiasi, chiunque anche se ha qualche “impiccio”, sarebbe meglio di Berlusconi!

    Saluti

    PS non sapevo che quasi tutti gli italiani dovrebbero essere in galera o sotto giudizio, forse sono uno dei pochi che si salva, o forse chi vota Berlusconi non è poi così diverso da lui.

  • Tonguessy

    Le cose vanno viste dal punto di vista del Piano di Rinascita Democratica (PRD) che prevedeva di «usare gli strumenti
    finanziari per l’immediata nascita di due movimenti l’uno sulla
    sinistra e l’altro sulla destra» esattamente sull’onda del New World Order. L’importante a tal fine è la frammentazione delle coscienze e delle presenze antisistema. Interessante in tal senso è l’esplulsione di Rizzo dai Comunisti Italiani per aver fatto presente le frequentazioni di Diliberto con Elia Valori, espluso dalla P2 per avere tentato la scalata ai danni di Gelli e, secondo De Magistris, personaggio “ai vertici della massoneria «contemporanea»”.
    http://groups.google.it/group/approfondimenti/browse_thread/thread/c96821cb10bd824?hl=it
    Oppure la scissione Vendola-Ferrero. Tutto per far ben quadrare i conti del PRD, parrebbe. Che poi negli altri paesi le storie siano migliori, beh, Fini questo me lo deve ancora dimostrare. Fanno schifo forse peggio di noi, ma per altri motivi. Vogliamo parlarne?

  • marimari

    BERLUSCONI E’ NOSTRO
    E CE LO GESTIAMO NOI
    NON SI CAPISCE CON CHE DIRITTO QUESTI MEDIA SI IMMISCHIANO CONTINUAMENTE NELLA NOSTRA POLITICA
    E QUESTO è SOLO LA PUNTA DELL’ICEBERG

    IN QUANTO AI CONFLITTI DI INTERESSI POSSIAMO PARLARNE? DELLE PORTE GIREVOLI TRA MONSANTO E GOVERNO USA? DELL’ENORME CONFLITTO DI INTERESSI TRA AGENZIE DI RATING E CORPORATION QUOTATE? DELL’ENORME CONFLITTO DI INTERESSE DI MERDOCK AL MOMENTO DI SMERDARE BERLUSCONI? DI CHENEY E L’HALLIBURTON? DI SARKO E LA BANQUE DE FRANCE PUBBLICA? DI SARKO E EDF E ARVAL E TUTTE LE SOCIETà DI STATO FRANCESI?

    SOLO NOI ITALIANI DOBBIAMO ESSERE SPOLPATI DILEGGIATI UMILIATI E DIRE A CHI CI SPOLPA, SI PADRONI AVETE RAGIONE SEMPRE E COMUNQUE?

    ANCHE MASSIMO FINI, CHE COSA CI RICORDI LE MALEFATTE DI BERLUSCONI A TUTTI ORAMAI ARCINOTE? IO MI SOFFERMEREI DI PIU SULLE MALEFATTE DEI PROPRIETARI DEI MEDIA CHE ORGANIZZANO QUESTA CAMPAGNA STAMPA COSI MERDOSA IGNOBILE E VERGOGNOSA

  • marimari

    Sempre per Massimo Fini:

    certo che è piu semplice andare nel senso della corrente piuttosto che passare ore ed ore a cercare di scoprire CHI E’ CHE HA INTERESSE A INFANGARE BERLUSCONI o A CHI APPARTIENE L’EXPRESS

  • radisol

    Non so a chi appartenga l’ “Express” anche se so che come impostazione, da sempre, è molto simile al suo omonimo italiano e quindi di impostazione “liberal” o “radical” che si voglia e quindi vagamente, ma vagamente assai, riconducibile a sinistra … … ma questo mi sembra un falso problema quando la maggior parte degli attacchi esteri a Berluskoni vengono da periodici conservatori se non apertamente destrorsi …. che ci sia un qualcosa di coordinato in questi attacchi non mi sento di escluderlo … ma non credo siceramente che il motivo principale di questo possano essere gli affarucci in corso tra Berluskoni e Gheddafi, che questi li faceva pure la DC … o quelli un pò meno “ucci” con Putin che comunque non sono nemmeno questi una novità assoluta … credo che il vero “scandalo” riguardante il Berluska sia il suo negare o comunque sminuire oltre ogni evidenza la crisi economica e finanziaria … cosa che fa incazzare tutti quanti i “poteri forti” sia esteri che italiani in cerca di “aiutini” dagli stati rispetto appunto alla “crisi” … ma tutto questo Berluska non lo fa tanto per evitare di dare questi “aiutini”, aiutini che invece quando gli stessi “poteri forti” insistono arrivano comunque regolarmente ( vedi tutte le misure contro le banche che sono state tolte dal Dpef ) …. bensì lo fa perchè è assolutamente incapace a gestire situazioni di crisi … lui deve essere “amato dalle folle”, con lui tutto assolutamente deve “andare bene” ….. ed allora è diventato assolutamente inaffidabile per questi “poteri forti” ….. che preferirebbero certamente un Tremonti, un Fini o meglio ancora un Draghi magari sempre sostenuti dalla stessa coalizione di centrodestra … ma, al di là di tutto questo, la verità vera è che, se anche l’attacco fosse coordinato, non è che questo fatto avvenga sulla base di falsità …. E’ TUTTO TREMENDAMENTE VERO …..

  • myone

    Se berlusca ha fatto falso in bilancio sul suo, c’e’ pure la giustizia, lavori e faccia.
    Se alludi al falso in bilancio del governo, LI, tutti coloro che hanno governato, non hanno falsato i bilanci, li hanno direzionati LEGALMENTE, dove e come hanno voluto.
    Fatto sta’, che berlusca cita tante volte le cooperative rosse, come mezzo economico e imprenditoriale delle sinistre.
    L’ amico prodi, ha falsato il bilancio in propaganda politica, trovando poi buchi che non c’erano, ed arrivando ad un avanzo, che non si e’ mai saputo piu’ che fine abbia fatto.
    Ma il silenzio e’ stato generale. Si vede come si dice qui, che cane non mangia cane.
    Prodi ha giurato che non ci saranno nemmeno un cent di tasse, ne ha vagliate parecchie, e no solo, e’ stato il motere portante ed esecutivo della lira per l’ euro e per l’ unione europea.
    Ne vuoi ancora? Io mi stresso a cercarle.
    Il cambio lira euro, ha rubato a tutti, sopratutto quelli che di imprenditoria o propietari di beni produttivi, non ne hanno propio.
    E allora?
    Il principio e’ questo: che chi va la’, 1 fa’ per il comune, 2 prende dal comune, 1 del 2 se lo gestisce a piacere suo.
    Chi togliamo? nessuno.
    Chi lasciamo per il momento? Chi, anziche’ far andare male anche l’ uno che sostiene i piu’, lo sa reggere alla grande. Punto a capo.
    Ho gia’ detto: e rispondo pure a all’ amico che diceva: ma possibile che non c’e’ nessuno onesto che vadi al governo?
    Chi mandiamo? CHi mettiamo? Nome e cognome prego.
    Dire: un paese deve essere onesto, comporta che prima cosa di ridimensioni, e seconda cosa, non faccia la carita’, ma non si metta competitivo con il mondo, sopratutto nei meandri delle finanze, ma dia lavoro misurato e equilibrii tutto il sistema.
    Ma qui, e’ chiedere un miracolo, e’ chiedere al figlio del pasticcere, di cambiare alimentazione.

  • luxtux

    In francia pero’ hanno i Francesi [lombardia.indymedia.org]

    L.

  • maristaurru

    Sempre la solita solfa, andiamo alla ciccia, altro che le cretinate di certa stampa:

    E se magari per stare un poco meno peggio, un po’ meno disoccupati, un po’ meno tassati, un po’ meno derubati, cercassimo di riprenderci quello che è nostro e che qualcuno ha lasciato in mano a qualcun altro?

    Se per ipotesi cercassimo di riprenderci la BANCA D’ITALIA per esempio. che qualcuno ha REGALATO alle banche, mentre era robbba dello Stato e cioè di noi tutti ?
    Troppo difficile, è vero, se la son giocata bene dai tempi della privatizzazione dell’Iri e la hanno perfezionata nel Dicembre del 2006, DI PIETRO nella occasione che disse? Poco e nulla, quel “conflitto di interessi” delle Banche che posseggono la banca d’Italia non gli parve una gran porcata, e ora stiamo in mutande a blaterar cretinate , allora tutti .. zitti, zitti,
    Diceva il vecchio statuto della Banca d’Italia al articolo 3 che in ogni caso, ( nonostante l’irresponsabile regalo fatto dal pacioccone Prodi alle tre banche pubbliche),
    ..”dovrà essere assicurata la permanenza della partecipazione maggioritaria al capitale della Banca da parte di enti pubblici o di società la cui maggioranza delle azioni con diritto di voto sia posseduta da enti pubblici.”
    Ed allora si aggirò l’ostacolo e nel testo integrale del nuovo statuto Qui sotto il testo integrale del Nuovo Statuto approvato (per decreto il 12/12/2006) dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, Romano Prodi e Tommaso Padoa Schioppa, sparisce l’obbligo di avere uno Stato sovrano che abbia il controllo della Banca d’Italia, da allora le banche controlleranno se stesse, per dire che faranno i comodacci propri cercando di comandare loro al posto del Governo, con tatto e con garbo e molta ipocrisia, ma è quel che fanno ed a certuni la cosa va bene, gli va da Dio..e te credo! Se la sono studiata loro alla faccia di noi tutti, anche vostra .

    Bene, per me quei tre personaggi non hanno fatto una bella cosa, l’hanno pensata dal 92 se non sbaglio, e noi stiamo qui a dire fesserie sul conflitto di interesse che si vuole fare valere solo contro berlusconi, senza toccare gli altri, per cui non lo si fa e voi.. bla.. bla.. bla.. vi hanno svuotato le tasche, venduto il Paese, e non ve ne siete accorti, ora i registi dello sfascio vi dicono che berlusconi non è bravo come loro! E questo è certo, in nessun altro Paese un gruppo di potere è arrivato a vendersi la propria Banca Nazionale.. bisogna esser bravi, anzi no, BRAVISSIMI, certo più bravi di chiunque altro , che sa la prossima volta che vanno al governo che vi potrebbero vendere.. vi resta l’anima? tenetevela stretta che non mi meraviglierei che vi vendessero anche quella a satana.. non mi sento di escluderlo

  • radisol

    Sta storia della Banca d’Italia è vera ma al tempo stesso gli si dà un significato che non ha …. la Banca d’Italia è formalmente in mano alle banche dal lontano 1936, anno in cui, in una più generale riforma bancaria, fu fondata come tale dal Cavaliere Benito Mussolini … solo che da allora fino agli anni novanta del secolo scorso le banche italiane erano al 98 % pubbliche e quindi in qualche modo anche Bankitalia continuava ad essere tale …. ma già dal 1936 – e quindi da parte del fascismo – si era creato l’assurdo per cui Bankitalia era formalmente di proprietà di chi avrebbe dovuto da essa essere controllato … poi, come dicevo, negli anni novanta del secolo scorso si è portata avanti la allucinante teoria che “privato è bello” – e qui c’entrano indubbiamente Ciampi, Prodi e Padoa-Schioppa ma pure Berluskoni e i suoi consiglieri economici, Tremonti in primis – per cui pressochè tutte le banche pubbliche ( e non solo le banche) sono state privatizzate …. e l’assurdo creato da Mussolini è ovviamente diventato ancora più assurdo poichè ai privati che si compravano le banche ( alcuni pure non italiani) è andata in dote anche la quota formale di proprietà di Bnakitalia …. che peraltro i privati di cui sopra sarebbero ben contenti di rivendere oggi allo Stato italiano … peccato che è pressochè impossibile quantificarne il valore e comunque lo Stato non avrebbe i fondi per ricomprare …. conflitto di interessi senz’altro ma che viene da molto lontano e che si potrebbe risovere soltanto con un SACROSANTO ESPROPRIO senza indennizzo alcuno …. cosa che non mi pare però abbia proposto nessuno, nè il centrosinistra ma meno che mai il centrodestra … e che comunque credo sarebbe vietato dalle attuali normative europee in materia ….. quindi cosa c’entra tutto questo con quanto stavamo dicendo ? Se non a tentare, spostando la questione, di difendere l’indifendibile Berluskoni ?

  • Xeno

    quotoal 100% quest’ultimo post di myone

  • castigo

    federasta:

    “Bloody_mary” e “mendi” avete pienamente ragione: non vorrete mica eleggere uno come Di Pietro che intende rispettare la Costituzione?!……

    stai parlando di QUESTO [sitoaurora.splinder.com] di pietro??
    o forse ti riferisci ad un altra persona, si??

  • castigo

    pietro200:

    certo hai ragione, dovremmo andare fieri di essere governati da berlusconi e dalla sua cricca di persone perbene. credo tu voglia dire esattamente questo, o sbaglio?

    no.
    credo voglia dire che sarebbe meglio se si facessero i kazzi loro, considerando che non se la passano poi così bene, a livello di “premier”…..

  • castigo

    maika18:

    Per come la penso io in Italia bisognerebbe riportare un po di 1)legalità e ripartire con 2)investimenti veri non da spot o clientelari e, con Berlusconi al governo, tutto questo non potrà sicuramente mai avvenire. E’ vero che non ci sono grandi alternative, ma un Di Pietro come “transizione” per riportare un po di 1)legalità per poi passare ad una vera alternativa maturatasi nel frattempo per portare avanti 2)investimenti è l’unica strada per far risalire questo Paese ormai sul baratro. Non si tratta di antiberlusconismo, bensi di buon senso e regole indispensabili per una sana e credibile società democratica.

    guarda che “legalità” NON vuol dire Giustizia.
    ne sono la prova le ultime sentenze di processi “eccellenti” come quello per l’omicidio Sandri, o quella per l’omicidio Aldrovandi.
    sentenze perfettamente “legali”…..

  • castigo

    myone:

    La legalita’ come legge c’e’, solo che non la applicano.

    la applicano [www.repubblica.it], la applicano [www.repubblica.it].
    eccome se la applicano [www.repubblica.it]….

    credo sia la Giustizia a latitare un pochetto……
    ma solo poco poco, eh…….

  • maristaurru

    ALT! Prodi ha privatizzato L’IRI e con quella le banche, quando manco Berlusconi sapeva che sarebbe sceso in politica, poi gli allegri compari, madonne pellegrine della sinistra, hanno terminato l’opera, mentre altri dello stesso orto facevano affari alla grnade con le Basnche e non solo in Puglia e non sempre puliti, per poi raccontarci che berlusconi non è pulito, e probabilmente è vero, ma sentirmelo raccontare da chi SO aver danneggiato il proprio Paese, da chi so noon essere pulito, mi da’ sui nervi

    Non mescoliamo le carte secondo il comodo di parte nella speranza assurda che a furia di raccontare scemate, di parlare di escort, bandane e simili cretinate, ci dimentichiamo i fatti con la stessa facilità con cui si può dimenticare la faccia di Franceschini o il Veltron pensiero, ammesso che esistano .
    A voi fa piacere fingere di non sapere, gettare acqua sul fuoco preferito ed appicciarne altro, a me no, per me le fiamme bruciano e fanno male da chiunque vengano e la privatizzazione delle banche di Prodi, il cambio accettato da Ciampi ( però con una lacrimuccia trattenuta, una opera d’arte) per la lira rapportandola all’ECU, informatevi, visto che nessuno ve ne dà conto, e capite che stiamo ancora pagando quelle scelte che ci vengono presentate come obbligate.. già ma perchè, per quale errore e di chi? O meglio : Per favorire chi? altro che cavolate degne del raccontino edificante sulla Susanna Agnelli e la busta di danaro del costruttore ( storia strampalata a voler esser buoni)

    Queste e molte altre porcate HANNO FATTO MALE AL PAESE COME le infinite cretinate che ammanniscono per coprire il malfatto e non solo in economia, e tocca dimenticarle per fare felici quattro mentecatti che continuano a giocare dietro comando a destra contro sinistra mentre il Paese affonda

  • marimari

    A qui a appartenu L’Express

    Période – Actionnaire

    1953-1977 – Famille Servan-Schreiber
    1977-1987 – James Goldsmith
    1987-1995 – CGE (Alcatel-Alsthom)
    1995-1996 – CEP Communication
    1997-1998 – Havas
    1998-2002 – Vivendi
    2003-2004 – Socpresse
    2004-2006 – Dassault
    2006 – Roularta Media Group

    Roulalta appartiene soprattutto a due famiglie belghe che sono due potenze del tipo Frère o Berlusconi, De Nolf e Clayes

    I prodotti di roularta variano dalle riviste a internet e soprattutto molte televisioni http://www.roularta.be/fr/default.htm

    ultimamente il governo berlusconi ha fatto marcia indietro rispetto ai vaccini, ridimensionando giustamente il problema e negando che ci saranno ritardi nei rientri scolastici e soprattutto tremonti con la questione della golden tax…

    Insomma l’expresso appartiene ai concorrenti diretti di berlusconi dal punto di vista televisivo… e mediatico

    per chi non l’avesse capito, vi è una basttaglia finanziaria economica in corso per privatizzare e accapparrarsi le televisioni pubbliche italiane e le altre private

  • radisol

    L’ IRI l’hanno privatizzata i governi del pentapartito con dentro anche i Cicchitto, i Brunetta, i Pisanu, i Sacconi, i Buonaiuti, i La Malfa e gran parte dell’ attuale entourage berlusconiano … Prodi da “Grand commis” ne ha gestito, molto malamente, la cessione pratica ai privati …. Quindi Berluska non era ancora sceso in capo ( che poi per le banche più importanti, come Intesa, Unicredito e Bnl questo non è nemmeno vero) ma era tutta in campo, tra DC, Psi e Pri, la sua squadra di futuri collaboratori … E DA LORO NON HO MAI SENTITO UNA PAROLA DI AUTOCRITICA SU QUELLE SCELTE …. CHE CERTO NON SONO SOLO DI PRODI, ANZI …. Ma, al di là di questo, se Prodi fa schifo ( e non ho un dubbio al mondo su questo) Berluskoni invece va bene ? … E comunque perchè cambiate sempre discorso ?

  • bluerik3

    Grande castigo

  • bluerik3

    Bravissima!!

  • radisol

    Che poi, per essere più precisi, le banche pubbliche che facevano parte dell’ IRI e la cui vendita fu gestita da Prodi ( e non decisa, Prodi è stato eletto deputato solo nel 1996 ed il Ministro del Tesoro all’epoca delle grandi privatizzazioni fu prima Amato e poi Sacconi) erano solo tre, Comit, Credit e Banca di Roma …. Le altre erano sì pubbliche ma non gestite dall’IRI … erano o direttamente gestite dal Ministero del Tesoro (Bnl, Banco Napoli, Banca di Sicilia, Banca di Sardegna ) oppure da regioni, province e comuni … E comunque è bene ricordare che una grande campagna mediatica all’insegna di “privato è bello” fu allora messa in piedi proprio dalle televisioni della Mediaset … sembrava quasi che Tangentopoli fosse una conseguenza del “troppo pubblico” e non un sistema di potere in piedi anche oggi nell’Italia supeprivatizzata …. ed in proposito ricordo anche molti articoli, addirittura sul “Manifesto”, di un certo Lombard, che altri non era che Giulio Tremonti, il quale magnificava la bontà di quelle privatizzazioni rispetto allo sviluppo dell’economia e del Paese …. posizioni, quelle di questa gente pressochè tutta ora arruolata nel centrodestra, del resto assai coerenti coi dogmi neoliberisti che ancora adesso sbandierano ai quattro venti …. quindi, ancora una volta, di che stiamo parlando ?

  • bluerik3

    Ma secondo voi i gruppi di potere stranieri amano l’Italia?
    Come mai non criticano allo stesso modo Putin o Hu Jintao ?

  • radisol

    Che in questo gran casino ci sia anche una guerra per accaparrarsi spazi mediatici, non necessariamente solo televisivi, è realistico ed assai probabile …. anche se credo che questo sia un aspetto comunque secondario … la campagna contro Berluska è partita, è bene ricordarlo, da ambienti italianissimi assai vicini al premier ( Fini, Guzzanti, la signora Lario, Ferrara) e si è poi allargata, complici anche le bugie e le reticenze dello stesso premier, ad ambienti internazionali, all’inizio soprattutto statunitensi …. ora francamente non vedo cosa possa fregare ad Obama ed alla finanza americana delle guerre per il possesso dei media in Europa …. credo che la questione principale rimanga invece quella dell’atteggiamento allucinante di Berluskoni rispetto alla crisi …. e comunque – E’ BENE RICORDARLO – Murdoch, De Nolf e Clayes sono sicuramente dei gran pescecani dell’informazione, tutti a loro volta molto politicamente tendenti a destra e certamente non migliori di Berlukoni, ma non fanno mica i Presidenti del Consiglio …. e su questo proprio fate finta di non sentire ….

  • myone

    ma tumatc, e’ una delle rare cose che mi sono uscite lucide .-(

  • radisol

    Hiu Hintao praticamente ha spesso grandi poteri all’interno di quei gruppi di informazione … cosa sono riusciti a comprarsi direttamente o indirettamente i cinesi, oltre alla totalità del debito pubblico statunitense, neanche riuscite ad immaginarvelo … e comunque non mi sembra che la Cina, a partire dalla questione del Tibet ma anche rispetto ai recenti disordini nelle zone musulmane, non venga criticata dalla stampa occidentale, anzi … quanto a Putin, criticato in Occidente lo è moltissimo, criticarlo in Russia significa spesso finire ammazzati …. peccato però che Putin sia oggi come oggi uno dei pochissimi amici, sicuramente il più “fedele”, che Berluska abbia in campo internazionale … ed anche questo è tutto dire ….

  • myone

    Io penso che le cose alla fine sono poche da dire in questa pagina.
    Chi va al governo, ha bilanci. Tanto prende tanto molla.
    Puo’ prendere di piu’ o uguale, e mollare di piu’ o di meno a secondo delle politiche.
    Chi va al governo, per il momento, sta’ sulla crosta, e non entra nella polpa, per cui,
    si ha a che fare con sitema, leggi, soldi, sia nell’ ambito nazionale che nell’ ambito europeo, e il mercato, e le situazioni sono queste e basta.
    Che avere qualche cazzuto, che va’ diritto e certo per una via, e’ e sarebbe anche educativo, poiche’, e’ da centenni, che gozzovigliano, come una bitumiera che no nsi ferma mai.
    Se tutto e’ sbalgiato, o c’e’ di melgio da fare, chi si proporra’, e sara’ meno cretino di berlusconi, almeno imparera’ che bisogna avere maggioranza, programma di governo, e bisogna tenere il timone fino allla fine.

    Poi, se qualche santo risolutore, riuscira’ a fare una rivoluzione culturale, umanista, intelligente, e di riconversione di tutto un sistema, il che vale a dire di risoluzione, in base alla giustizia, alla vit asotenibile, e a tuti i problemi che comporta la distruzione del pianeta, la riorganizzazione del sistema lavorativo, del benessere ridimensionato ma condiviso di tutti, ecc ecc,
    allora si cambiera’ marcia, soldi permettendo, volonta’ permettendo, e programma trasformativo senza terremoti, ma lineare ed efficace.

    Ma questa e’ un’ altra storia.

  • myone

    dimenticavo….. da come si vedono le cose e da che menti si propongono, in tutti i sensi, nessuno ha un piano totale, e l’ unica cosa che gli rimane, e’ il discredito. Che bassezza.
    Che poverta’. Che miseria. Che meschini.
    Da qui si vede pure, quant’e’ il distacco fra il dire e il fare, il reale e l’ irreale, la capacita’ e l’ incapacita’, la comunicazione e l’ inciucio di propaganda, che fa si, che con il discredito, il colpo di mano lo si lasci fare ad altri, che lo metteranno sempre in quel posto, e poi spariranno come sempre.

  • Truman

    Forse vale la pena di aggiungere un’informazione: in Francia L’Express era distribuito alle edicole insieme ad un manifesto in formato gigante da esporre all’esterno delle edicole. E per la maggior parte avevano messo in mostra il buffone d’Europa in formato king size.

  • maristaurru

    Per rispondere a radisol che mi chiede poco più su di che stiamo parlando:

    Stiamo parlando di una gran porcheria che si è svolta nell’arco di anni e con molti attori principali e secondari, i principali, a mente, furono : Ciampi, Amato, Prodi, Andreatta, Draghi, un aiutino indiretto, ma nei fatti sostanzioso venne da una certa azione di una certa procura di un noto procuratore che dimessosi militò e milita nel centro sinistra, un aiuto divino venne da alcuni decessi utili.
    Nel frattempo il buon Ciampi ci fece perdere una barcata di soldi mettendoci in ginocchio per sempre con una strana operazione in difesa della lira che non stava nè in cielo e nè in terra che si sapeva in partenza essere impossibile, ma che fece guadagnare pare il 500% ad un certo banchiere potente ( Soros) collegato a un certo Prodi, a sua volta collegato ad un certo de benedetti, signore fortunato questo ultimo collegato a tante aziende tutte prese quando erano in buone condizioni a due lire , svuotate e buttate al cesso con l’aiutino di.. .. e potrei continuare per paginate e quintalate di ricchezze degli italiani buttate in vacca da gente che verrà per questo rispettata e premiata, guarda caso dalla stampa di quei paesi che GUDAGNARONO UN FOTTIO dei nostri sudati danari grazie a strani comportamenti di cui gli allegri personaggi non vennero mai chiamati a rispondere .. altro mistero della nostra repubblica, e ora ci volete fare bere la balla sesquipedale che è colpa di Berlusconi se il Paese trinquella e non è colpa di chi se lo è venduto da irresponsabile, o magari è tutta colpa di Cicchitto, allora un signor nessuno, della corte del PSI, credo di ricordare… ma ti rendi conto? Ma neanche Cappuccetto rosso cretina come un bue, ci crederebbe!! Voi ci credete con la forza immagino io , dell’uomo di fede che crede davvero di fare cosa buona e giusta se Dio gli chiede di sacrificare il figlio , lo deve fare.. infatti stiamo e state sacrificando il futuro dei nostri figli sull’altare della cavolate di gente senza qualità, paghi di briciole i fedelissimi e tutti gli altri della soddisfazione di poter sbertucciare un ricco ( Berlusconi) ..che miseria

  • RobertoG

    Non è che le politiche oscene di questo signore e della sua cricca di ministri differiscano poi tanto da quelle dei suoi sedicenti oppositori.
    Sempre di omaggiare i poteri forti si tratta.

    E’ che egli aggiunge un elemento in più, un elemento di guerra psicologica nei confronti del popolo italiano, vero motivo, secondo me, per cui è stato fatto tanto per mantenerlo in sella da parte di tutti.

    Avere come rappresentante della propria nazione un buffone simile, uno che con qualsiasi regola che gli dia fastidio è avvezzo pulirsi le terga e che ha scambiato la sua carica istituzionale per un palcoscenico da utilizzare per soddisfare i propri istinti di protagonismo demente e continuamente sottolineare che così è perche lo vogliono gli italiani (cosa non vera dato lo sostiene solo una minoranza tra l’altro abbondantemenet plagiata dalle sue televisioni spazzatura) ha un effetto depressivo su questi ultimi e genera complessi di colpa il cui effetto non può che portare ad un atteggiamento di maggiore accettazione passiva (come in effetti sta avvenendo) di tutte le porcate che il suo governo ci sta ammansendo.

    E’ così che possono passare senza suscitare grande riprovazioni leggi peggiori di quelle razziali del ’38, oppure si possono fare a pezzi le conquiste dei lavoratori incontrando soltanto indifferenza e rassegnazione.

    E’ un gioco delle parti ben congegnato messo in atto dalla cricca neoliberista occidentale. L’Italia è probabilmente un banco di prova per sperimentare il nuovo mondo che verrà e perchè l’esperimento possa dare buoni frutti ci vuole in popolo reso così: supino e rassegnato per poter essere calpestato meglio.

    Berlusconi funge perfettamente a questo scopo.

  • maristaurru

    probabilmente c’è del vero, ma non siamo stati ridotti così in un giorno, aprirei gli occhi su chi , come e perchè ha portato a termine un sistemantico abbattimento del paese.
    Se togli nei fatti ogni sovranità a quel paese, da quella monetaria, regalata… guardiamo bene nei fatti a chi, come e quando la hanno gettata alla mondezza, chi era fisicamenti che lo ha fatto; se togliamo la libertà di stampain modo surrettizio, e non bastano i giornali del Berkusca, c’è molto di più in pentola.. guardatevi la proprietà della stampa,guuardate ch decide cosa e come fare apparire al mattino, guardate che interessi manda avanti la stampa suadente, chi osteggia sempre e comunque, e chi invece può commettere ogni turpitudine potendo confidare in un occhio strabico e distratto. Ed allora , se gli uni fanno schifo quanto l’altro, perchè perdete tempo solo a sbeffeggiare l’altro ed a sghignazzare su episodi minori, mentre in realtà, dopo aver doverosamente colpito le pecche del Berlusca che rilevate, pure se avreste tempo e mezzi per evidenziare, scoprire,collegare, capire e rivelare le turpitudini di chi ha cominciato la demolizione del Paese con azioni mirate, precise o a volte anche per sola crassa avidità e cultura dell’affarismo ( economisti si dicono , ed hanno tutti una base comune alla fine, trasversali al sistema ed onnipresenti “tecnici” che arrivano quando debbono irresponsabilmente raschiare il barile, vampiri comandati ed impuniti), mentre alla fine della festa ingannati e depredati restiamo solo noi.
    Emblema della razza padrona impunita in questo Paese pecorone e berciante, è la surreale storia dei tantissimi operai Fiat, portati come pecore in piazza da pecorai scaltri che intanto si arricchivano e pranzavano alla tavola del padrone, mentre noi dalla fiscalità generale pagavamo miliardi su miliardi al gruppazzo che se li portava in ben altri paradisi e gli operai italiani facevano la fame , pagati meno di tutti in Europa.. e noi cominciavamo a tirare la cinghia, una storia triste, mai raccontata tutta, sottaciuta, imbellettata, nascosta e la stampa? taceva nella sostanza taceva, evidentemente così faceva comodo.

    Questo paese turpe siamo stati.. sempre dietro a pifferai del piffero, ed ora Fini s ne esce a narrarci della stampa “di fuori” per quel che so della stampa di fuori.. so quale sarebbe l’uso corretto di certi giornali.
    E non è possibile dire dire che anche questa vergogna fiat e il gruppo origine dei molti mali del Paese e della povertà di tante famiglie, è colpa di berlusconi piuttosto di gente che è stata solo gentilmente sfiorata, da critiche pro forma tra inchini e salamelecchi, mentre il popolo bue taceva o al massimo sghignazzava al comando de soliti pastori additando se mai il povero cristo di turno, quello di volta in volta scelto per esser dato in pasto al popolo ? E ce ne son stati tanti di poveri cristi dati in pasto al popolo bue, e la cosa dolorosa è che manco Internet con tutto il materiale “serio” che mette a disposizione, vi è servito, continuate nel complesso a sghignazzare a comando dietro i vari caporioni , gente profumatamente pagata in un modo o nell’altro, per intortarci come leprotti in salmi’.

    Ovvio che non ti conosco o non so affatto se quello che scrivo ti si adatta, ovvio che sto denunciando un “vezzo” che a me pare comune, ovvio che vi sono le così’ dette “isole di eccellenza ” ed altrettanto ovvio che siano sconosciute ai più

  • RobertoG

    Grazie per aver ri-ricordato le innumerevoli colpe dell’ “altra parte” ma, almeno per me, non ce n’era alcun bisogno dato che li considero insieme al loro amico-nemico un’ unica banda di farabutti. E comunque questo non cambia di una virgola il senso del mio intervento.

    Saluti.

  • TitusI

    Ben detto luxtux

  • guido

    Il tutti i commenti c’è del vero.

    Questa è la tragedia del nostro miserabile paese.

  • marimari

    disprezzano per comperare meglio

  • andamarco

    Certo dire FORACAIOLI invece di dire che RISPETTANO LE LEGGI fa veramente comodo… Dovresti solo vergognarti di dire tutte quelle ca**ate! Veniamo sbeffeggiati da tutti nel mondo e voi che lo difendete a spada tratta rispecchiate molto bene il peggio d’Italia, ma probabilmente vi sta bene cosi’…. con lui si puo’ non pagare le tasse!! Che schifo mi fanno certi italiani… Mi vergogno molto ad appartenere a questo staterello…

  • radisol

    Cicchitto, dopo che era uscito il suo nome nelle liste della P2, fu ferocemente scaricato da Craxi ed in dubbiamente in quell’epoca non era nessuno …. Ma Sacconi era invece il Ministro del Tesoro che gestì le prime privatizzazioni, in primis della BNL che era allora la più grande banca italiana e Brunetta era un sottosegretario dello stesso Ministero e La Malfa il segretario di uno pei partiti della coalizione di pentapartito e le redi Mediaset, all’epoca di stretta osservanza craxiana, il principale strumento di propaganda a favore di queste operazioni e, dulcis in fundo, il regionier Tremonti, all’epoca esponente del Patto Segni, un altro dei propagandisti più entusiasti, sia pure scrivendo sotto pseudonimo …..
    Certo, le responsabilità di Ciampi o di Dini ( peraltro anche lui sia pure a corrente alternata arruolato nei berluscones) e, per la parte IRI, anche di Prodi non furono certo da meno, forse anche da più….
    Rimane il fatto che non sta nè in cielo nè in terra una seria differenza di impostazione tra centrodestra e centrosinistra rispetto a queste vicende …. come qualcuno pretenderebbe di far credere qua sopra ….

  • bluerik3

    Di sicuro però non si osano prenderli per i fondelli.

  • albertgast

    Il falso in bilancio riguarda la SUA azienda, quella che adesso si chiama mediaset e prima fininvest.
    Lascia stare tutte le altre tue elucubrazioni.
    L’azienda che era così indebitata da far concorrenza alla parmalat e che ha costretto il tuo amato premier a scendere in politica per non “scendere” in galera.
    Dopodichè, con opportune leggi pro domo sua, è riuscito a diventare uno degli uomini più ricchi del mondo, ANCHE METTENDO LE MANI IN TASCA TUA, che ti credi?
    Prova ad informarti meglio sui danni alla società e soprattutto ai più deboli della società stessa (pensionati minimi, poveri, disoccupati ecc) che arreca il falso in bilancio di una grossa azienda, poi ne riparliamo.
    Tutto il resto è fuffa. E tanto per chiarire, non solo le tasse di Prodi sono rimaste le stesse, non solo rimarranno per almeno tre anni, ma sono già aumentate di uno o,2%. Contento? Per quanto riguarda l’alternativa, dalla risposta si evince che nella destra non c’è nessuno degno di fiducia, nessuna persona per bene. Grazie dell’informazione.

  • turiara

    troll!!

  • turiara

    un altro troll

  • turiara

    diciamola tutta: berluska è IL SERVO degli americani. Tutto preocupato di fare una figuraccia con Obama, pronto come una cagnetta a sniffargli il culo: più truppe in Afganistan, progionieri di Guantanamo in Italia … altro che sottrarsi al dominio …
    Caro Galileo, in quanto ad indagine della realtà, non mi sembra tu abbia del tutto compreso la lezione del tuo grande omonimo!!

  • turiara

    a Galileo

    “…e come facciamo a farne una colpa a berluska se sono stati gli odiati comunisti a salvargli il culo?

    Fini, usa il cervello, e non venirci a rompere con questi articoletti pre-feriali.
    Sappiamo perfettamente perchè viene attaccato così duramente dalla stampa estera e non solo. Una volta tanto che fa qualcosa per l’Italia e si sottrae un poco al “dominio” Americano….”

    diciamola tutta: berluska è IL SERVO degli americani. Tutto preocupato di fare una figuraccia con Obama, pronto come una cagnetta a sniffargli il culo: più truppe in Afganistan, progionieri di Guantanamo in Italia … altro che sottrarsi al dominio … Caro Galileo, in quanto ad indagine della realtà, non mi sembra tu abbia del tutto compreso la lezione del tuo grande omonimo!!

  • marimari

    e la golden tax?
    e il ridimensionamento, per il momento, della suina?
    e l’avere nominato il diritto dei pescatori somali nelle loro acque (altro che pirati…)?
    E l’accordo con gazprom?

  • luxtux

    Si’ tutte cose sacrosante, ma nel frattempo, in Italia, il fascismo avanza, i militari sono per strada, le ronde lo saranno al rientro dalle ferie, in autunno sara’ varata una legge che mettera’ il bavaglio ai blog, la costruzione delle nuove centrali nucleari (sara’ per quello che Sarkozy e Berlusconi sono cosi’ amici?) sara’ garantita dall’esercito perche’ le aree destinate alle centrali saranno zona militare, il parlamento e’ stato prima epurato con una legge elettorale indegna e poi ridotto all’impotenza col ricorso sistematico alla fiducia, le piu’ alte cariche dello stato hanno garantita l’impunita’, sono state varate leggi razziste …

    Ok il signoraggio, le banche, il WTO e gli stracazzi, ma un’occhiata fuori dalla finestra, ogni tanto, non farebbe male.

    E anche un po’ di sano pragmatismo, mi vien da dire.

    L.

  • Galileo

    prima di tirare sentenze vai a leggere…con un po’ di umiltà e curiosità potresti sorprenderti che le cose non stanno come te lo aspetti.

  • Galileo

    Di “Caro Galileo” niente. Io non sono un tuo caro e non voglio esserlo.

    Il tuo è il tipico “ragionamento” (e qui già ti faccio una cortesia pensando che sale dal tuo cervello) da povero sinistro che fanno opposizione solo con gli scandali, ma di politica non ci capiscono un beato….(leggimi il pensiero se ci arrivi)…

  • redme

    strano articolo e strani commenti.. tutta questa scienza per poi rifugiarsi in patetiche difese nazionali..si aprla di governi globali..di governi occulti..e poi ci si incazza se ci toccano il NOSTRO leader..che poi in fondo è sempre meglio del loro…..pietà!
    PS..fini è sempre il solito coglione frustrato

  • albertgast

    Chi ha interesse a infangare berlusconi? Ma ci riesce benissimo da solo!