ARCIPELAGO TOSCANO: GIOCHI DI GUERRA ?

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

DI GIANNI LANNES
sulatestagiannilannes.blogspot.com

C’entra qualcosa la presenza bellica della Nato nell’Alto Tirreno con una serie di sinistri che hanno funestato l’ex santuario dei mammiferi marini? Le continue esercitazioni militari dell’Alleanza atlantica, ma non solo, in questo mare italiano, con l’uso di potenti radar ma soprattutto l’abuso di dispositivi per la guerra elettronica ha qualche peso? Per la cronaca: si sono spiaggiati delfini e balene a causa di embolie gassose a livello coronarico. Negli ultimi dodici anni nell’area compresa tra l’Isola del Giglio e la terraferma ricadente nel territorio di Grosseto si sono verificati alcuni incidenti.Il 9 ottobre 2001 durante un volo notturno l’elicottero Pegaso del 118 si schianta sulle colline di Poggio Ballone, nei pressi di Grosseto. Muoiono cinque persone. 

Il velivolo era inspiegabilmente fuori rotta: la strumentazione di bordo ed il gps non avvisarono il comandante della presenza di una montagna sulla propria rotta. Il  24 novembre 2007: in pochi  istanti il “Pegaso 2” del 118, elicottero del soccorso sanitario della Regione Toscana precipita e si inabissa ad una profondità di 105 metri, nel mare a meno di mezzo miglio dall’isola del Giglio. Infine il 13 gennaio la nave Concordia che si scaglia a piena velocità contro un ostacolo che il comandante – a quanto ha dichiarato – non verifica esistente. Giochi di guerra?  Poco più a nord, al largo del porto di Livorno il 10 aprile 1991, si è verificata la prima strage della marineria italiana nel secondo dopoguerra. Nella collisione  del traghetto Moby Prince diretto in Sardegna contro la petroliera Agip Abruzzo, muoiono carbonizzate 140 persone (ancora senza giustizia). Anche in questo caso, la causa tecnica della tragedia è stato il mancato funzionamento delle apparecchiature di bordo.

Presidente Monti perché non chiede il conto al potente sovrano USA e restituisce sovranità all’Italia?

Gianni Lannes
Fonte: http://sulatestagiannilannes.blogspot.com
Link: http://sulatestagiannilannes.blogspot.com/2012/01/arcipelago-toscano-giochi-di-guerra.html
16.01.2012

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
41 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
41
0
È il momento di condividere le tue opinionix