Abbattere il Pantheon dei fondatori e degli eroi dell’Occidente

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

In alternativa, è possibile effettuare un bonifico bancario (SEPA) utilizzando il nostro conto
Titolare del conto: Come Don Chisciotte
IBAN: BE41 9674 3446 7410
BIC: TRWIBEB1XXX
Causale: Raccolta fondi

Di Alastair Crooke, strategic-culture.org

Le euro-élite avevano un disperato bisogno di un sistema di valori per colmare il vuoto. La soluzione, tuttavia, era a portata di mano.

I sostenitori della supremazia americana all’interno degli Stati Uniti si muovono sempre al passo con i tempi, basandosi sulle tendenze prevalenti per reimmaginare la giustificazione del loro “eccezionalismo” attraverso nuove immagini.

L’ascesa della politica identitaria guidata dagli attivisti liberal-woke e orientata alla giustizia sociale ha fornito ai suoi soldati la loro nuova giustificazione. Non si tratta solo di una nuova “politica”, ma di qualcosa di diverso: è un’ideologia che non tollera “l’alterità”, né la contestazione, ma richiede semplicemente la segnalazione di lealtà e di conformità a un codice “progressista” – dimostrando di aver ascoltato il messaggio e di aver visto “la luce”.

In breve, attraverso la conversione della classe dirigente, cercano di sovvertire e rovesciare le vecchie divinità.

A Biden piace rivendicare l’eccezionalità della “nostra democrazia”. È, ha detto (1) nelle sue osservazioni commemorative sugli attacchi dell’11 settembre, “ciò che ci rende unici al mondo… Abbiamo l’obbligo, il dovere, la responsabilità di difendere, preservare e proteggere la ‘nostra democrazia’… È minacciata… La stessa democrazia che quei terroristi l’11 settembre hanno cercato di seppellire nel fuoco, nel fumo e nella cenere”.

Biden, tuttavia, non si riferisce alla democrazia generica nel senso più ampio del termine, ma all’enunciazione dell’egemonia globale dell’America liberal-élite (definita come “la nostra democrazia”).

L’editorialista del Washington Post e collaboratrice di MSNBC, Jennifer Rubin (a lungo citata dal Washington Post come “editorialista repubblicana” per il suo “equilibrio”), ora rifiuta (2) la nozione stessa di argomentazione che ha “lati”, imputando così una falsa razionalità ai conservatori:

Dobbiamo collettivamente, in sostanza, bruciare il Partito Repubblicano (3). Dobbiamo distruggerlo, perché se ci sono sopravvissuti, se ci sono persone che resistono a questa tempesta, lo faranno di nuovo… La danza del Kabuki in cui Trump, i suoi difensori e i suoi sostenitori sono trattati come razionali (persino intelligenti!) deriva da un establishment mediatico che si rifiuta di scartare… questa falsa equivalenza.

E Biden, in un recente discorso a Filadelfia, ha detto più o meno le stesse cose di Rubin: in una sala illuminata da una luce rossa e nera, nella storica Independence Hall, ha inequivocabilmente esteso le minacce provenienti dall’estero per mettere in guardia (4) contro la minaccia di un altro terrore, più vicino a casa: quello di “Donald Trump e dei Repubblicani MAGA”, che, ha detto, “rappresentano un estremismo che minaccia le fondamenta stesse della nostra Repubblica”.

Il precetto centrale di questo messaggio apocalittico si è insinuato oltreoceano per catturare e convertire la classe dirigente di Bruxelles. Non dovrebbe sorprenderci: Il mercato interno dell’UE, basato sulla regolamentazione, aveva proprio lo scopo di sostituire la contesa politica con il managerialismo tecnologico. Ma la mancanza di un discorso energico (il cosiddetto “gap democratico”) è diventata sempre più una lacuna inammissibile.

Le euro-élite avevano un disperato bisogno di un sistema di valori per colmare la lacuna. La soluzione, tuttavia, era a portata di mano:

David Brooks, autore di “Bobos in Paradise” (5) (egli stesso editorialista liberale del New York Times), sosteneva che ogni tanto nasce una classe rivoluzionaria che sconvolge le vecchie strutture. Questa classe di bohémien borghesi, o “bobo” (come li chiamava lui), si stava arricchendo a dismisura ed era arrivata a dominare i partiti di sinistra di tutto il mondo, partiti che in passato erano veicoli della classe operaia (classe che i bobo disprezzano senza riserve).

Brooks ammette che all’inizio era stato conquistato da questi bobo (liberali), ma che questo è stato il suo grande errore: “In qualsiasi modo si vogliano chiamare i [bobo] si sono coalizzati in un’élite bramina insulare e intersecante che domina la cultura, i media, l’istruzione e la tecnologia”. Ma riconosce che: “Non avevo previsto quanto aggressivamente… avremmo cercato di imporre i valori dell’élite attraverso i codici di parola e di pensiero. Ho sottovalutato il modo in cui la classe creativa sarebbe riuscita ad alzare barriere intorno a sé per proteggere il proprio privilegio economico… E ho sottovalutato la nostra intolleranza nei confronti della diversità ideologica”.

In parole povere, questo codice di pensiero, che ritrae i suoi nemici che bramano di seppellire la “nostra democrazia” nel fuoco ardente, è la punta della lancia di Washington. Attingere a questo e al “messianismo” del Club di Roma per la deindustrializzazione ha dato alle euro-élite la loro nuova setta, scintillante di purezza assoluta e virtù inossidabile – colmando la lacuna della democrazia. Il risultato è stato la convocazione di un’avanguardia la cui furia di proselitismo deve essere concentrata sull’“altro”. Con ciò si intende l’insieme dei “non credenti” che dovevano essere portati alla luce, con la coercizione o con la spada.

Noi, in Europa, siamo già nella seconda fase (6) (Roma 313 – 380), che ha visto il progressivo passaggio dalla tolleranza alla persecuzione dei “pagani”. Negli anni ’70 i nuovi zeloti erano già profondamente radicati nelle élite europee e nelle istituzioni del potere statale. E ora ci troviamo nella fase culminante, in cui si cerca di abbattere il pantheon del vecchio ordine, in modo da stabilire un nuovo mondo “deindustrializzato” che laverà via anche i peccati occidentali del razzismo, del patriarcato e dell’eteronormatività.

La Von der Leyen, nel suo discorso sullo “stato dell’Unione” al Parlamento, ha fatto eco a Biden quasi esattamente:

Non dobbiamo perdere di vista il modo in cui gli autocrati stranieri prendono di mira i nostri Paesi. Entità straniere finanziano istituti che minano i nostri valori. La loro disinformazione si sta diffondendo da Internet alle aule delle nostre università… Queste bugie sono tossiche per le nostre democrazie. Pensate a questo: abbiamo introdotto una legislazione per vagliare gli investimenti diretti esteri per quanto riguarda la sicurezza. Se lo facciamo per la nostra economia, non dovremmo fare lo stesso per i ‘nostri valori’? Dobbiamo proteggerci meglio dalle interferenze maligne… Non permetteremo ai cavalli di Troia di un’autocrazia di attaccare le ‘nostre democrazie’ dall’interno.

Moeini e Carment, dell’Institute for Peace & Diplomacy, hanno sostenuto (7) che la politica statunitense ha compiuto un giro completo: all’iniziale avvertimento di Bush al mondo esterno che, nella guerra al terrorismo, o si è “con noi o contro di noi”, a Biden che “arma il mito della nostra democrazia per ottenere vantaggi di parte”. È vero che questo vale anche per l’Europa.

Considerata nel suo insieme, la retorica di Biden mostra come la guerra della sua amministrazione contro il “fascismo MAGA” in patria marci di pari passo con l’obiettivo di sconfiggere militarmente le autocrazie all’estero. Sono diventati due facce della stessa medaglia: i “quasi-fascisti” interni, da un lato, e la Russkiy Mir dall’altro. Questi “pagani” sono in realtà una cosa sola, insiste il nuovo codice di pensiero.

Questa logica è diventata il principio operativo di quella che può essere definita la Dottrina Biden (8), che dovrebbe essere svelata nella prossima Strategia di sicurezza nazionale dell’amministrazione. Essa sostiene che la lotta per la democrazia è incessante, totalizzante e onnicomprensiva: Una ‘battaglia per l’anima’ degli Stati Uniti e la ‘sfida del nostro tempo’ (sconfiggere l’autocrazia). Neutralizzare la presunta minaccia del fascismo in patria, personificata dal MAGA e dall’ex presidente Trump, fa parte di una più ampia lotta apocalittica per difendere l’ordine liberale all’estero.

Nonostante l’unione dei “bobo” americani con la classe guerriera della UE, resta il fatto che molti in tutto il mondo si sono stupiti dell’alacrità con cui la leadership di Bruxelles ha aderito alla “linea” di Biden che sostiene una lunga guerra contro la Russia – una richiesta di conformità europea in questa impresa che appare così chiaramente contraria agli interessi economici e alla stabilità sociale europei. In poche parole, una guerra che sembra irrazionale.

Questa indifferenza suggerirebbe qualcos’altro. Parla piuttosto, a un altro livello, di altre profonde radici emotive europee e di distinte giustificazioni ideologiche.

Per decenni i leader sovietici si sono preoccupati (9) della minaccia del “revanscismo tedesco”. Poiché la Seconda Guerra Mondiale poteva essere vista come una vendetta tedesca per essere stata privata della vittoria nella Prima Guerra Mondiale, non poteva sorgere di nuovo un’aggressiva Drang nach Osten tedesca [spinta verso Est tedesca], specialmente se godeva del sostegno anglo-americano?

Questa preoccupazione si è notevolmente affievolita all’inizio degli anni ’80, ma come ha osservato (10) l’anno scorso un ex ambasciatore indiano, MK Bhadrakumar, è evidente una più ampia inquietudine russa che vede la Germania al culmine di una transizione storica “che presenta un inquietante parallelismo con la transizione da Bismarck nel contesto europeo precedente alla Prima Guerra Mondiale e, successivamente, dalla Repubblica di Weimar alla Germania nazista, che ha portato a due guerre mondiali”. In parole povere, il militarismo tedesco.

Originariamente proposto (11) da un gruppo di politici tedeschi in pensione di entrambi i principali partiti tedeschi, guidati e ispirati dal filosofo Jürgen Habermas, il gruppo nel 2018 ha suggerito che, con la Russia e la Cina che “mettono alla prova sempre più severamente… l’unità dell’Europa, [e] la nostra volontà di difendere il nostro stile di vita”, ci può essere “solo una risposta: la solidarietà”: la creazione di un esercito europeo doveva essere il primo passo verso una “più profonda integrazione della politica estera e di sicurezza basata sulle decisioni a maggioranza” del Consiglio europeo.

Ebbene, questo impulso tedesco al militarismo come via per la solidarietà, l’ordine e la conformità è ora la punta della lancia europea: un Reich della UE.

Il 29 agosto, il Cancelliere Olaf Scholz ha chiesto un’Unione Europea allargata e militarizzata sotto la guida tedesca. Ha affermato che l’operazione russa in Ucraina ha sollevato la questione di “dove sarà la linea di demarcazione in futuro tra questa Europa libera e un’autocrazia neo-imperiale”. Non possiamo semplicemente stare a guardare, ha detto, “mentre Paesi liberi vengono cancellati dalla mappa e scompaiono dietro muri o cortine di ferro” (riprendendo Biden).

In precedenza, il ministro degli Esteri tedesco, Annalena Baerbock, in un discorso tenuto a New York il 2 agosto, aveva delineato (12) la visione di un mondo dominato dagli Stati Uniti e dalla Germania. Nel 1989, il presidente George Bush aveva notoriamente offerto alla Germania una “partnership nella leadership”, ha affermato Baerbock. Ma all’epoca la Germania era troppo impegnata nella riunificazione per accettare l’offerta. Oggi, ha detto, le cose sono cambiate radicalmente: “Ora è arrivato il momento in cui dobbiamo crearlo: un partenariato congiunto per la leadership”.

Richiamando l’attenzione sul fatto che il “partenariato per la leadership” è stato inteso in termini militari, ha affermato che:

In Germania, abbiamo abbandonato la convinzione a lungo sostenuta di ‘cambiare attraverso il commercio’… il nostro obiettivo è rafforzare ulteriormente il pilastro europeo della NATO… e la UE deve diventare un’Unione in grado di trattare con gli Stati Uniti su un piano di parità: in una partnership di leadership.

Come parte di questo ruolo di leadership, Diana Johnstone, ex addetta stampa del gruppo dei Verdi al Parlamento europeo, scrive (13) che Scholz ora appoggia la richiesta di “un graduale passaggio alle decisioni a maggioranza nella politica estera dell’UE” per sostituire l’unanimità richiesta oggi.

Il significato di ciò dovrebbe essere ovvio per i francesi. Storicamente, i francesi hanno difeso la regola del consenso per non essere trascinati in una politica estera che non volevano. I leader francesi hanno sempre esaltato la mitica ‘coppia franco-tedesca’ come garante dell’armonia europea, ma soprattutto per tenere sotto controllo le ambizioni tedesche.

Ma Scholz dice di non volere “una UE di Stati o direzioni esclusive”, il che implica il divorzio definitivo di quella “coppia”. Con una UE di 30 o 36 Stati, osserva Scholz, “è necessaria un’azione rapida e pragmatica”. E possiamo essere certi che l’influenza tedesca sulla maggior parte di questi nuovi Stati membri, poveri, indebitati e spesso corrotti, produrrà la maggioranza necessaria.

In breve, il potenziamento militare della Germania darà corpo alla famosa dichiarazione di Robert Habeck a Washington lo scorso marzo, secondo cui: “Più forte è la Germania, maggiore è il suo ruolo”. Habeck, del partito dei Verdi, è ora il ministro dell’Economia tedesco e la seconda figura più potente dell’attuale governo tedesco.

L’osservazione è stata ben compresa a Washington: servendo l’impero occidentale guidato dagli Stati Uniti, la Germania rafforza il suo ruolo di leader europeo. Così come gli Stati Uniti armano, addestrano e occupano la Germania, la Germania fornirà gli stessi servizi agli Stati più piccoli dell’Unione Europea, in particolare a est, scrive Johnstone.

Probabilmente, nulla di tutto ciò ha la possibilità di prendere forma istituzionale nella UE: eppure, dall’inizio dell’operazione russa in Ucraina, l’ex politico tedesco Ursula von der Leyen ha usato la sua posizione di capo della Commissione UE per imporre sanzioni sempre più drastiche alla Russia, con la conseguente minaccia di una grave crisi energetica europea quest’inverno (ora resa inevitabile dal sabotaggio dei gasdotti Nord Stream). Il suo sostegno all’Ucraina e la sua ostilità alla Russia sono sembrati senza limiti.

Il ministro degli Esteri tedesco del Partito Verde, Annalena Baerbock, è altrettanto intenzionata a “rovinare la Russia”. Fautrice di una “politica estera femminista”, Baerbock esprime la sua politica in termini personali: “Se faccio la promessa alle persone in Ucraina, noi saremo al vostro fianco finché avrete bisogno di noi”, ha detto di recente.

Non si tratta solo di una rivincita di sangue dopo i secoli di guerra della Germania con la Russia. È questo, ma sembra anche spinto dal vecchio ricorso di ogni classe rivoluzionaria che intende rovesciare qualcosa di vecchio.

Come? Con quel vecchio slogan che si usa quando si vuole abbattere un pantheon di vecchi valori ed eroi: “Il faut du sang pour cimenter la revolution” (“Ci deve essere il sangue per cementare la rivoluzione”), diceva Madamme Roland (14) durante la Rivoluzione francese. Siamo alla vigilia di un colpo di stato architettato dall’élite che prende il potere.

Nel IV secolo il cristianesimo latino tentò di smantellare letteralmente un millennio di civiltà antica (denigrata come “pagana”), sopprimendola con la spada e il fuoco, bruciando la sua letteratura (la biblioteca di Alessandria) e sopprimendo il suo pensiero (i catari). Tuttavia, non ci riuscì del tutto. I vecchi valori non volevano scomparire e sono riemersi in forma energica durante il Rinascimento del XII secolo.

Per poi essere nuovamente soppressi dal “razionalismo” illuminista…

Di Alastair Crooke, strategic-culture.org

03.10.2022

Alastair Crooke CMG, ex diplomatico britannico, è fondatore e direttore del Conflicts Forum di Beirut, un’organizzazione che sostiene l’impegno tra l’Islam politico e l’Occidente.In precedenza è stato una figura di spicco dell’intelligence britannica (MI6) e della diplomazia dell’Unione Europea.

 

 

NOTE
(1) https://unherd.com/2022/09/the-american-security-state-comes-home/
(2) https://jonathanturley.org/2022/09/24/washington-post-columnist-calls-for-the-end-of-impartiality-and-balance-in-journalism/
(3) https://jonathanturley.org/2021/02/11/reckless-rhetoric-is-a-reckless-standard-for-an-impeachment-trial/
(4) https://www.whitehouse.gov/briefing-room/speeches-remarks/2022/09/01/remarks-by-president-bidenon-the-continued-battle-for-the-soul-of-the-nation/
(5) https://www.theatlantic.com/magazine/archive/2021/09/blame-the-bobos-creative-class/619492/
(6) https://css.cua.edu/humanitas_journal/church-of-woke/
(7)
vedi nota 1
(8)
https://archive.ph/5vsXz
(9)
vedi nota 6
(10)
https://www.indianpunchline.com/the-sino-russian-alliance-comes-of-age-part-1/
(11) https://americanaffairsjournal.org/2022/05/the-eu-after-ukraine/
(12) https://www.wsws.org/en/articles/2022/08/10/yhbm-a10.html
(13)
https://consortiumnews.com/2022/09/12/diana-johnstone-the-specter-of-germany-is-rising/
(14)
https://www.jstor.org/stable/2124818?read-now=1&seq=2#page_scan_tab_contents

********************************************

Articolo originale di Alastair Crooke: https://strategic-culture.org/news/2022/10/03/tearing-down-the-pantheon-of-western-founders-and-heroes/

Traduzione di Costantino Ceoldo

Pubblicato da Verdiana Siddi per ComeDonChisciotte.org

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
8 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
8
0
È il momento di condividere le tue opinionix