“A nome degli ambientalisti, mi scuso per la paura del clima”

Traduciamo e proponiamo  l’articolo di Michael Shellenberger pubblicato e censurato da Forbes, ripubblicato dall’autore su environmentalprogress.org dopo l’oscuramento e già proposto in italiano da scenari economici.

Qui la presentazione dell’articolo dal nostro canale youtube

 

Michael Shellenberger

environmentalprogress.org

A nome degli ambientalisti di tutto il mondo, vorrei scusarmi formalmente per l’allarme climatico che abbiamo creato negli ultimi 30 anni. Il cambiamento climatico sta avvenendo. Non è la fine del mondo. Non è nemmeno il nostro problema ambientale più grave.

Posso sembrare una persona strana a dire tutto questo. Sono stato un’attivista per il clima per 20 anni e un’ambientalista per 30 anni.

Ma in qualità di esperto di energia, a cui il Congresso ha chiesto di fornire una testimonianza obiettiva, e che è stato invitato dall’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) a fungere da Expert Reviewer del suo prossimo Rapporto di Valutazione, sento l’obbligo di scusarmi per come noi ambientalisti abbiamo ingannato il pubblico.

Ecco alcuni fatti che pochi conoscono:

Gli esseri umani non stanno causando una “sesta estinzione di massa”.

L’Amazzonia non sono “i polmoni del mondo”.

Il cambiamento climatico non sta aggravando i disastri naturali

Gli incendi sono diminuiti del 25% in tutto il mondo dal 2003

La quantità di terra che utilizziamo per la carne – il più grande uso di terra dell’umanità – è diminuita di un’area grande quasi quanto l’Alaska

L’accumulo di legna da ardere e di più case vicino alle foreste, non il cambiamento climatico, spiegano perché ci sono più incendi, e più pericolosi, in Australia e in California

Le emissioni di carbonio sono in calo nella maggior parte delle nazioni ricche e sono in calo in Gran Bretagna, Germania e Francia dalla metà degli anni ’70.

I Paesi Bassi sono diventati ricchi e non poveri adattandosi alla vita sotto il livello del mare

Produciamo il 25% di cibo in più di quello di cui abbiamo bisogno e le eccedenze alimentari continueranno ad aumentare man mano che il mondo diventa più caldo

La perdita di habitat e l’uccisione diretta di animali selvatici sono minacce maggiori per le specie in confronto al cambiamento climatico

Il combustibile legnoso è molto più dannoso per le persone e la fauna selvatica rispetto ai combustibili fossili

Per prevenire future pandemie è necessaria un’agricoltura non meno “industriale”.

So che i fatti di cui sopra suoneranno a molte persone come ” negazionismo climatico”. Ma questo dimostra solo il potere dell’allarmismo climatico.

In realtà, i fatti di cui sopra provengono dai migliori studi scientifici disponibili, compresi quelli condotti o accettati dall’IPCC, dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO), dall’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) e da altri importanti organismi scientifici.

Alcuni, quando leggeranno questo, immagineranno che io sia un antiambientalista di destra. Non lo sono. A 17 anni ho vissuto in Nicaragua per solidarietà con la rivoluzione socialista sandinista. A 23 anni ho raccolto fondi per le cooperative di donne guatemalteche. All’inizio dei miei vent’anni ho vissuto in Semi-Amazzonia facendo ricerche con piccoli contadini che combattevano le invasioni di terra. A 26 anni ho aiutato a denunciare le cattive condizioni delle fabbriche Nike in Asia.

A 16 anni sono diventato un ambientalista quando ho organizzato una raccolta fondi per la Rainforest Action Network. A 27 anni ho aiutato a salvare le ultime sequoie antiche non protette della California. A 30 anni ho sostenuto le energie rinnovabili e ho contribuito con successo a persuadere l’amministrazione Obama a investire 90 miliardi di dollari in esse. Negli ultimi anni ho aiutato a salvare un numero sufficiente di centrali nucleari da essere sostituite da combustibili fossili per evitare un forte aumento delle emissioni.

Ma fino all’anno scorso ho evitato per lo più di parlare contro la paura del clima. In parte perché ero imbarazzato. Dopo tutto, sono colpevole di allarmismo come qualsiasi altro ambientalista. Per anni ho definito il cambiamento climatico una minaccia “esistenziale” per la civiltà umana e l’ho definito una “crisi”.

Ma soprattutto avevo paura. Sono rimasto in silenzio sulla campagna di disinformazione sul clima perché avevo paura di perdere amici e finanziamenti. Le poche volte in cui ho richiamato il coraggio di difendere la scienza del clima da coloro che la travisano ho subito dure conseguenze. E così sono rimasta per lo più a guardare e non ho fatto quasi niente, mentre i miei colleghi ambientalisti terrorizzavano il pubblico.

Sono anche rimasto a guardare mentre la gente alla Casa Bianca e molti media cercavano di distruggere la reputazione e la carriera di uno scienziato eccezionale, un brav’uomo e mio amico, Roger Pielke, Jr., un democratico e ambientalista progressista di lunga data che ha testimoniato a favore delle norme sul carbonio. Perché l’hanno fatto? Perché le sue ricerche dimostrano che i disastri naturali non stanno peggiorando.

Ma poi, l’anno scorso, le cose sono andate fuori controllo.

Alexandria Ocasio-Cortez ha detto: “Il mondo finirà tra dodici anni se non affrontiamo il cambiamento climatico”. Il gruppo ambientalista più importante della Gran Bretagna ha dichiarato: “Il cambiamento climatico uccide i bambini”.

Il giornalista verde più influente del mondo, Bill McKibben, ha definito il cambiamento climatico “la più grande sfida che l’uomo abbia mai affrontato” e ha detto che “spazzerà via le civiltà”.

I giornalisti mainstream hanno riferito, ripetutamente, che l’Amazzonia era “i polmoni del mondo” e che la deforestazione era come l’esplosione di una bomba nucleare.

Di conseguenza, la metà delle persone intervistate in tutto il mondo l’anno scorso ha dichiarato di pensare che il cambiamento climatico avrebbe portato all’estinzione dell’umanità. E a gennaio, un bambino britannico su cinque ha raccontato ai sondaggisti di avere incubi sul cambiamento climatico.

Che abbiate o meno dei figli, dovete capire quanto questo sia sbagliato. Ammetto di essere sensibile perché ho una figlia adolescente. Dopo aver parlato della scienza, si è sentita rassicurata. Ma i suoi amici sono profondamente disinformati e quindi, comprensibilmente, spaventati.

Ho quindi deciso che dovevo parlare. Sapevo che scrivere qualche articolo non sarebbe stato sufficiente. Avevo bisogno di un libro per esporre adeguatamente tutte le prove.

E così le mie scuse formali per il nostro allarmismo si presentano sotto forma del mio nuovo libro, Apocalypse Never: Perché l’allarmismo ambientale fa male a tutti noi.

Si basa su due decenni di ricerca e tre decenni di attivismo ambientale. Con 400 pagine, di cui 100 di endnotes, Apocalypse Never tratta di cambiamenti climatici, deforestazione, rifiuti plastici, estinzione di specie, industrializzazione, carne, energia nucleare e fonti rinnovabili.

Alcuni punti salienti del libro:

Le fabbriche e l’agricoltura moderna sono le chiavi per la liberazione dell’uomo e il progresso ambientale

La cosa più importante per salvare l’ambiente è produrre più cibo, in particolare carne, su meno terra

La cosa più importante per ridurre l’inquinamento atmosferico e le emissioni di carbonio è passare dal legno al carbone, al petrolio, al gas naturale e all’uranio.

Il 100% di energie rinnovabili richiederebbe l’aumento dei terreni utilizzati per l’energia dallo 0,5% al 50% di oggi

Dovremmo volere che le città, le fattorie e le centrali elettriche abbiano densità di potenza più alte, non più basse

Il vegetarismo riduce le proprie emissioni di meno del 4%.

Greenpeace non ha salvato le balene, passando dall’olio di balena al petrolio e all’olio di palma.

La carne bovina “ruspante” richiederebbe 20 volte più terra e produrrebbe il 300% in più di emissioni

Il dogmatismo di Greenpeace ha aggravato la distruzione della foresta amazzonica

L’approccio colonialista alla conservazione dei gorilla in Congo ha prodotto un contraccolpo che potrebbe aver portato all’uccisione di 250 elefanti.

Perché siamo stati tutti ingannati?

Negli ultimi tre capitoli di Apocalypse Never I espongo le motivazioni finanziarie, politiche e ideologiche. I gruppi ambientalisti hanno accettato centinaia di milioni di dollari dagli interessi dei combustibili fossili. Gruppi motivati da convinzioni anti-umaniste hanno costretto la Banca Mondiale a smettere di cercare di porre fine alla povertà e a rendere invece la povertà “sostenibile”. E lo stato d’ansia, la depressione e l’ostilità verso la civiltà moderna sono alla base di gran parte dell’allarmismo

Una volta che ci si rende conto di quanto siamo stati male informati, spesso da persone con motivazioni chiaramente sgradevoli o malsane, è difficile non sentirsi ingannati.

Apocalypse Never non farà mai la differenza? Ci sono certamente motivi per dubitarne.

I mezzi di informazione fanno dichiarazioni apocalittiche sul cambiamento climatico dalla fine degli anni Ottanta e non sembrano disposti a fermarsi.

L’ideologia che sta dietro all’allarmismo ambientale – il maltusianismo – è stata ripetutamente smentita per 200 anni eppure è più potente che mai.

Ma ci sono anche motivi per credere che l’allarmismo ambientale, se non cesserà, avrà un potere culturale sempre minore.

La pandemia di coronavirus è una vera e propria crisi che mette in prospettiva la “crisi” climatica. Anche se si pensa che abbiamo reagito in modo eccessivo, Covid-19 ha ucciso quasi 500.000 persone e distrutto le economie di tutto il mondo.

Le istituzioni scientifiche, tra cui l’OMS e l’IPCC, hanno minato la loro credibilità attraverso la ripetuta politicizzazione della scienza. La loro esistenza futura e la loro rilevanza dipendono da una nuova leadership e da una seria riforma.

I fatti contano ancora, e i social media permettono a una più ampia gamma di voci nuove e indipendenti di competere con i giornalisti ambientalisti allarmisti delle vecchie pubblicazioni.

Le nazioni stanno ritornando apertamente all’interesse personale e si allontanano dal maltusianismo e dal neoliberalismo, che è un bene per il nucleare e un male per le energie rinnovabili.

L’evidenza è schiacciante: la nostra civiltà ad alta energia è migliore per le persone e la natura di quella a bassa energia a cui gli allarmisti del clima ci farebbero tornare.

Gli inviti dell’IPCC e del Congresso sono segni di una crescente apertura a nuove idee sul cambiamento climatico e sull’ambiente. Un altro è stato la risposta al mio libro da parte di scienziati del clima, ambientalisti e studiosi dell’ambiente. “Apocalypse Never è un libro estremamente importante”, scrive Richard Rhodes, l’autore vincitore del premio Pulitzer di The Making of the Atomic Bomb. “Questo potrebbe essere il più importante libro sull’ambiente mai scritto”, dice uno dei padri della moderna scienza del clima Tom Wigley.

“Noi ambientalisti condanniamo coloro che hanno opinioni antitetiche di essere ignoranti della scienza e suscettibili di pregiudizi di conferma”, ha scritto l’ex direttore di The Nature Conservancy, Steve McCormick. “Ma troppo spesso siamo colpevoli dello stesso”. Shellenberger offre “l’amore duro”: una sfida alle ortodossie radicate e alle mentalità rigide e autolesioniste”. Apocalypse Never non fornisce punti di vista pungenti, ma sempre ben costruiti e basati sull’evidenza, che aiutino a sviluppare il ‘muscolo mentale’ di cui abbiamo bisogno per immaginare e progettare non solo un futuro pieno di speranza, ma anche raggiungibile”.

Questo è tutto ciò che ho sperato, per iscritto. Se siete arrivati fino a questo punto, spero che converrete che forse non è così strano come sembra che un ambientalista, progressista e attivista del clima di tutta una vita abbia sentito il bisogno di parlare contro l’allarmismo.

Spero ancora che accetterete le mie scuse.

 

Fonte: http://environmentalprogress.org/big-news/2020/6/29/on-behalf-of-environmentalists-i-apologize-for-the-climate-scare

Pubblicato il 29 giugno 2020

Visto su Scenari Economici

Tradotto per Comedonchisciotte da Riccardo Donat-Cattin