Home / ComeDonChisciotte / A CHI NUOCE LA GUERRA DEI TABACCHI ?

A CHI NUOCE LA GUERRA DEI TABACCHI ?

DI PEGASO62

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

“A pensare male si fà peccato ma spesso si indovina”. Purtroppo questa massima è sempre più d’attualità in una società il cui unico scopo è fregare il prossimo pur di trarre profitti. “La Sigaretta elettronica fà male ai polmoni!!” L’ha detto il telegiornale, vi hanno dedicato servizi in tele e radio. Porca zozza come fà male mi son detto! Allora indago!!

Da cosa è composta, vediamo un pò: – Glicole Propilenico: E’ un solvente utilizzato per far sciogliere sostanze nei liquidi, è usato sia in campo farmaceutico che alimentare, non è cancerogeno. – Glicerolo vegetale: E’ usato per sciroppi, creme e cosmesi, nonchè come additivo alimentare, non è controindicato nemmeno in gravidanza od allattamento. Acqua: Non aggiungo altro. Aromi alimentari: Anche qui c’è poco da aggiungere. Ove la si vuole c’è anche la nicotina: La nicotina non è cangerogena, da dipendenza si, ma non si muore di nicotina, a meno non la si metta in circolo in dosi notevoli (ad esempio 40 mg per via endovenosa) Come fà a far male la sigaretta elettronica? Allora continuo ad approfondire. Uno studio effettuato da un team di cardiologi afferma a tutto tondo che non fà male al cuore ne alle vene, di contro, immediatamente dopo, uno studio effettuato da uno staff di pneumologi tuona che la sigaretta elettronica procura danni ai polmoni ed alle vie respiratorie.

Cacchio! Il vapore acqueo è pericoloso! Ecco spiegata allora la moria di bambini dediti alla pratica dell’aereosol. Ecco spiegate le stragi nelle cabine delle saune, per non parlare poi di tutta quella gente collassata sui marciapiedi solo perchè uscita di casa con la nebbia!! Approfondisco ancora. Lo staff degli pneumologi Greci che ha lanciato strali contro il vapore acqueo è guidato da una certa Dottoressa Christina Gratziou. Cavolo ma li stanno alla fame, non hanno soldi per curare la gente ed addirittura finanziano stè ricerche. Controlliamo chi ha finanziato realmente la ricerca…

SORPRESONA DI CAPODANNO…la finanziatrice per intero è la casa farmaceutica Pfizer. Accidenti quella casa che con le sue medicine cura il 90% delle malattie causate dal fumo, e indovinate un pò:…leggete cosa produce anche: Champix, farmaco commercializzato dalla Pfizer che ha per indicazione la disassuefazione dal fumo. Devo aggiungere altro o lo fate voi? Buon anno nuovo a tutti!!!!

Pegaso62
Fonte: www.comedonchisciotte.org
31.12.2012

 

Pubblicato da Davide

  • Georgejefferson

    Ringrazio la direzione per l’articolo.Sono neo/svapatore.Come tre anni fa che,dopo 19 anni di siga a 1 pacchetto e piu al giorno decisi per il tabacco rollato.Dopo un mese torni alle paglie,mi dicevano tutti,eppure da li in poi fumai la meta di prima,e risparmiai 1000 euro l’anno.Era ancora di nicchia.Poi,complice le difficolta economiche,tante persone passarono al tabacco,sempre piu ed ora siamo ad una buona fetta di fumatori a farne uso.Risultato.Campagna mediatica mistificatoria contro il tabacco grezzo…FA PIU MALE DELLE SIGARETTE tuonavano(ps…mai detto che faccia bene),comunque partono gli aumenti,l’ultimo 1 euro a busta in un colpo.Dal 2003 un farmacista cinese inventa la “erroneamente chiamata”sigaretta elettronica.In pratica un aereosol in miniatura.Parte il Boom in tutto il mondo,solo che le prime,quelle che tuttora si trovano in farmacia,erano bidoni,scomode,care di prezzo.Ora c’e’un larghi mercato con 1000modelli e accessori.Sbagliarono tanti all’inizio perche la spacciavano come metodo per smettere.Ma non e’un metodo,PUO AIUTARE INSIEME ALLA VOLONTA.Certo bisogna partire con quelle alla nicotina,per sopperire alla dipendenza,poi si va calandola(i liquidi si comprano a varie gradazioni)fino a mantenere solo gli aromi.Io personalmente voglio matenere la dose minima di Nico,ma e’per scelta mia.Come quella quando fumavo,unico vizio con ferrea attenzione al rispetto degli altri per il fumo passivo.Ora per me dopo 22 anni di fumo.Da un mese non ho piu toccato una sigaretta,non puzzano piu le mani,l’alito,i vestiti,in macchina,non tosso piu…Morale,io non so,sicuramente non e’aria di montagna,ma provate a buttare il fumo tradiz.contro un fazzoletto di carta,vedrete il giallo/marrone…niente nella vaporizzazione.Sicuramente la nocivita e’NON PARAGONABILE.Ma la campagna mediatica,la sentiremo lo stesso.E’sicuramente un nuovo buiness,ma che rompe le palle ad uno molto piu grosso

  • Georgejefferson
  • Clavr

    Io ho un altro parere!
    Le sigarette elettroniche promettono come i cerotti alla nicotina, di porre fine alla dipendenza del fumo, attrverso una riduzione graduale della somministrazione della nicotina, continuando pero’ a riprodurre la gestuale del fumare….

    Cio’ in un periodo storico dove fumare e’ stato vietato in tutti i luoghi pubblici, provocando una riduzione del numero dei fumatori!

    1- Le sigarette elettroniche attraverso la somministrazione della nicotina in realta’ rinnovano la dipendenza da questa sostanza,
    2- esse riconcedono ai fumarori la possibilita di fumare in tutti i momenti della giornata, ricalcificando le associazioni tra le varie situazioni del quotidiano e la sigaretta.
    Queste associazioni tra il fumare e alcune situazioni del quotidiano sono alla base della grande difficolta’ del sottrarsi dalla schiavitu’ del fumo!

    Un fumatore di sigaretta elettronica duncue , dopo un periodo piu o meno lungo ritrovera’ il suo antico partner (la sigaretta) con una dipendenza sicuramente molto piu’ alta e di complicata risoluzionee.

  • massi

    Io ti auguro di smettere sia con quelle vere che con quelle elettroniche. Ho fumato per quindici anni oltre un pacchetto di camel al giorno e dopo tanti tentativi ce l’ho fatta a smettere dalla disperazione… perché mi facevo schifo. Ti posso dire che per quanto mi riguarda non esistono sostituti o aiutini vari, ho capito sulla mia pelle che se non tagli i contatti sarà solo questione di tempo… ci ricascherai. Ho smesso quando l’ho fatto drasticamente, senza se e senza ma… appunto perché mi ero rotto i coglioni di me stesso. I primi tempi ho abbastanza sofferto, lo ammetto, ma ormai sono quasi quattro anni che non fumo e le sigarette mi sembrano un ricordo lontanissimo, il solo odore mi da la nausea. Sono disfattista per natura e ti garantisco che riuscirci è stata una bella infusione di autostima. Comunque penso sia una cosa molto soggettiva… ognuno ha percorsi diversi, ci sono tanti fattori in gioco.
    Buon 2013 a te, CDC e a tutti gli utenti.

  • massi

    In effetti… non hai tutti i torti.

  • Georgejefferson

    Con tutto il rispetto,io non ho mai voluto smettere,nemmeno ora con la e cig.E nulla c’entra l’autostima.Naturalmente rispetto assoluto per gli altri e per la tua opinione.La maggior parte di chi usa e cig lo fa per alternativa meno nociva,non per smettere

  • Georgejefferson

    La e cig non promette nulla,solo alcune false propagande.Il resto sono tutte tue legittime opinioni

  • massi

    Si avevo capito che non hai mai voluto smettere. Ho scritto appunto “per quanto mi riguarda”…volevo solo raccontarti la mia esperienza, ho anche detto che la cosa è molto soggettiva. L’autostima era sempre riferita alla mia esperienza.
    Comunque, che tu lo voglia o no, io ti auguro ugualmente di smettere 🙂

  • Georgejefferson

    Figurati,buon anno Massi

  • gigioneone

    Sono un uomo di 58 anni e fumo (fumavo) sigarette tradizionali, quelle analogiche per intenderci, da circa 40 anni.
    Ho la fortuna di non essere morto a causa delle innumerevoli malattie che tale pratica (fumare sigarette) causa.
    Secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) il fumo delle sigarette contiene circa 4.000 sostanze, delle quali circa 200 sicuramente cancerogene, come dimostrano test e studi seri e scientifici largamente condivisi.
    Da un anno esatto (il 30 dicembre 2011) faccio uso della sigaretta elettronica.
    Sono ormai un veterano, acquisto i liquidi via internet (ditta produttrice italiana) e gli aromi alimentari per renderli gradevoli all’uso.
    Non ho più il “fischietto” in gola durante la respirazione in posizione sdraiata, non tossisco più, il mal di testa che spesso mi affliggeva è un ricordo, ho ricominciato a godere della ritrovata funzionalità polmonare e della capacità respiratoria; gli odori e i profumi li avverto molto più distintamente.
    Non ho intenzione di smettere di assumere nicotina, non “svapo” per quel motivo; se prima fumavo era per soddisfare la mia tossicodipendenza dalla nicotina, ora continuo ad esserne dipendente, ma finalmente assumo la sostanza con molti meno rischi per la mia salute.
    Ho ridotto il dosaggio di nicotina di molto rispetto agli inizi, trovo questa possibilità validissima.
    L’hardware, la macchinetta che uso per produrre il vapore, la cosidetta sigaretta elettronica, mantiene le mucose delle vie respiratorie umide come quando prastico una seduta di aerosol terapia.
    I costi.
    Cinque euro a pacchetto che consumavo giornalmente fanno 1.800 euro all’anno, al 45 per cento circa di tassazione sono ben 810 euro che lo stato non ha incassato, e parlo solo delle tasse che riguardano me, un singolo fumatore; moltiplicate quella cifra per il numero di svapatori che non consumano più sigarette, esiste una stima di 100.000-150.000 … ed ecco la tragedia del mancato introito, da combattere ad ogni costo.
    Spendo circa nove euro al mese per i liquidi e gli aromi, e ipotizzo due set di sigarette elettroniche nuove all’anno, circa 160 euro, 200 con accessori vari.
    Io ho deciso di concedermi una vacanza extra con i circa 1500 euro che risparmio annualmente, e ne risparmio ancora.
    Ciò che ho scritto vale per me e solo per me ovviamente, non ho le tavole della legge da consegnare come verità assoluta, ma lasciatemi dire viva il fumo digitale e benedetto chi l’ha inventato.
    Saluti.
    Gianfranco

  • uomospeciale

    Mah! Mi paiono tutti paliativi senza alcun senso.
    Che senso può avere lo smettere di fumare, per poi passare a questa roba?
    Si fa prima e smettere e stop.
    Io ho smesso il 13 dicembre di 2 anni fa, fumavo 2 pacchetti di Marlboro al giorno e da un giorno all’altro ho semplicemente smesso di comprarle e di fumare punto e basta, senza cerotti, pastiglie, sigarette elettroniche, e cagate varie….
    Il punto è che se uno veramente vuole ed è convinto di smettere, allora smette al primo tentativo e senza tante storie, se invece non vuole………….Allora No.

    E vale per tutto……………………… Pure per il bere, o per il drogarsi o il dimagrire son cazzate il discorsi del:

    -” Non ci riesco è più forte di me”

    Se uno vuole veramente farlo ci riesce eccome, altro che storie.

  • massi

    …la fai facile, tu sei un uomospeciale 🙂

  • Nauseato

    Io ho un altro parere!

    Ecco appunto, parere … e altro parere che se è supportato da esperienze personali è assolutamente legittimo ma che non mi trova assolutamente d’accordo. Se è supportato da sole supposizioni è molto meno legittimo. Ancor più dato il tipo di argomento estremamente “delicato” e quindi molto poco generalizzabile.

    Nel secondo caso e basandomi su esperienze personali da “fumatore” di sigarette elettroniche posso dirti che hai sciorinato una marea di fesserie. Sia chiaro, detto senza offesa: sono fesserie le tue parole, non intendo che sia “fesso” chi le pronuncia … 🙂

    E se il mio tono ti pare eccessivo, è perché mi sono sinceramente un po’ rotto i coglioni di leggere falsità e inesattezze in merito. È proprio colpa di questo tenore di “informazioni” se molte persone stanno lontane da una concreta possibilità di smettere di fumare o almeno limitare grandemente i danni (di salute ed economici …) di quello che evidentemente considerano legittimamente un piacere.
    L’ultima riprova in ordine di tempo, una signora abbastanza anziana e accanita fumatrice che ieri sera a cena è venuta a conoscenza come da mesi io non tocchi sigarette grazie alle elettroniche. La prima cosa che ha esclamato è stata “… e sì, però ho sentito che fanno più male delle sigarette normali!!” … “sentito” e ci credo, è un tambureggiamento continuo di fesserie al pari di Monti è il salvatore della patria…

  • Nauseato

    Giusto. Concordo in tutto.

    Tra l’altro pochi sanno come sono calcolati i valori di nicotina, catrame e monossido diligentemente riportati sui pacchetti di sigarette. Sono calcolati procedendo meccanicamente (e dovrebbe essere ovvio, ma meno ovvie le ulteriori considerazioni) e confrontando varie marche di sigarette in modo da poter stabilire un paragone dei valori rilevati tra quelle provate. Ma i REALI quantitativi non possono essere calcolati! Perché dipendono da fattori varibilissimi da fumatore a fumatore: frequenza, modo e intensità dell’aspirazione, quanto dalla permanenza del fumo (nell’ambiente e nei “polmoni”).
    Pertanto i discorsi che si sentono ripetere sulla mancanza di studi relativi alle “sigarette elettroniche” valgono altrettanto in un certo senso per le sigarette normali: nessuno sa o può dire davvero quanta nicotina, catrame e monossido si sorbisce il signor X fumando questa o quella sigaretta!

    In realtà allo “Stato” rode che non possa ancora guadagnarci perché non sono soggette a monopolio e al sempre meno fiorente bussiness del tabacco rode per i medesimi €videnti motivi.

  • Nauseato

    Anche volare, se uno vuole ci riesce …

  • karson

    ho sentito l’altro giorno anch’io la notizia dal tg1, io nn fumo ma sono rimasto sconcertato.. da cosa? beh mi sono posto le stesse domande dell’autore dell’articolo, sono andato a leggere su internet da cosa è composta e come funziona una sigaretta elettronica e sono giunto alla conclusione che il vero guaio per l’Italia e per gli Italiani nn sono le sigarette (in questo caso) elettroniche.. ma i giornalisti! perché nella migliore delle ipotesi nn indagano (e in questo caso basta veramente poco) sulle notizie prima di metterle in circolazione.. ma nella peggiore delle ipotesi.. “a pensar male spesso si indovina”… i nostri giornalisti (tranne pochi) sono integrati così bene “nel sistema” che ormai le notizie nn le cercano più… nn indagano, quello che devono leggere o scrivere gli arriva direttamente sulla posta elettronica… siamo messi proprio male mannaggia… buon anno a tutti!

  • illupodeicieli

    Ciao George e ciao Massi, buon anno a entrambi. Io ho smesso da militare, quando nel lontano 1981 ero sotto le armi e per un’ingiustizia che avevo subito, mi ritrovai incazzato e sfiduciato, e come si dice mi ero rotto di tutto e di tutti. Ero iscritto in giurisprudenza e mi veniva, di fatto, impedito di studiare. Potevo avere lo “scambio” per stare nella mia regione, ma niente da fare , mi volevano a Roma. Fumare mi piaceva e mi piacerebbe ancora: adoro il profumo del tabacco , della pipa e anche il tabacco da fiuto che non riesco più a trovare (lo usava mia nonna buonanima e se ne è andata a 86 anni). Fa male fumare? Avevo letto che poteva anche fare bene, distendere i nervi, aiutare a pensare. Se questa e cig non fosse dannosa forse invece di masticare gomma americana potrei …farci un pensierino.

  • manama

    La sigaretta elettronica è veramente efficace per smettere di fumare ed è infinitamente meno nociva del fumo provocato dalla combustione anche perche produce solo vapore.La consiglio.
    L’allarme lanciato dai media è subdolo infatti mira ad istigare la gente ad essere intollerante nei confronti di quelle persone che usano la sigaretta elettronica nei luoghi pubblici nonostante sia assolutamente innocua e nonostante non esista alcuna legge che ne impedisce il suo utilizzo.

  • manama

    se vietano la sigaretta elettronica nei luoghi pubblici devono anche vietare l’utilizzo di QUEI PESTILENZIALI PROFUMI CHE UOMINI E DONNE USANO nei luoghi pubblici.

  • pegaso62

    Francamente io non mi sono posto il problema di smettere di fumare ma semplicemente quello di smettere il più possibile di farmi male.
    Sono un novizio del fumo (vapore) elettronico, però c’è un dato di fatto, da circa 30 marlboro al giorno, da venerdì (giorno in cui mi sono convertito al vapore acqueo) non ho più toccato una sigaretta vera.
    La cosa più bella è che nemmeno provo la voglia di farlo.
    Non lo faccio per soldi, poichè sono convinto che tanto li spenderò in altri modi, ma lo faccio solo ed esclusivamente per la salute.
    Se poi, senza troppe rinunce e sofferenze riuscissi a smettere anche di “svapare”, ben venga, ma per ora non mi cruccio più di tanto.
    Lo sò, come lo sanno tutte le persone con un minimo di sale in zucca che questa innovazione “fumosa” stà ledendo molti interessi, dallo stato alle industrie farmaceutiche a quelle del tabacco, compreso l’indotto ad esse legato, e pertanto mi aspetto ancor più levate di scudi contro questa invenzione, e cmq dò per certo qualche forma di tassazione statale.
    Per rispondere al lettore che lamentava la pigrizia dei giornalisti, credo che purtroppo di pigrizia non si tratti, ma di azioni in malafede, dettate dalla logica del Dio denaro e manovrate da tutte quelle lobby legate al mondo del fumo.
    Francamente, non me ne voglia alcuno, ma non credo che chi non abbia mai fumato possa sapere cosa vuol dire smettere di farlo.
    Noi fumatori siamo tossicodipendenti al 100%, inutile negarlo o girarci intorno, pertanto: Viva l’inventore di questo nuovo sistema e fosse per me, se come credo nessuno riuscirà a dimostrare che nuoce alla salute, io lo proporrei per un qualche premio internazionale, che sò, anche un nobel.
    Per terminare, mi suona strano che nessun Veronesi o luminari medici similari si sia ancora pronunciato in merito.

  • Georgejefferson

    devi valutarlo tu lupo.Gia ho sentito ex fumatori interessati a svapare solo aromi,non avendo piu dipendenza da nicotina.Anche pipe e sigari elettronici,addirittura da NON inalare ma solo per aromatizzare il palato…Scandalo,”ecco a cosa serve la ecig…a far tornare schiavi chi non lo e’piu..diavolo/satana”.Lo.diranno anche ai tg

  • Georgejefferson

    Sui luoghi pubblici poi,come giustamente leggevo da commenti,va al buon senso di ognuno.Anche se legale,in ospedale so di dar fastidio,anche solo psicologicamente,come in posta per es…allora evito,ma e’proprio questione soggettiva di rispetto,anche per via del fatto che il pregiudizio e’cosi alto,che non vale la pena mettersi a spiegare a chiunque,specie quando la prima reazione e’la classica “la moda peggio delle sigarette,l’hanno detto al telegiornale”

  • Rosberg

    Ragazzi!!!
    Niente tarantelle.
    Per smettere di fumare c’è un solo metodo a sto mondo ed è semplicissimo e gratuito.
    Basta smettere di fumare ecco. Non fumare più.

    Capito l’antifona?

  • manama

    se è questo il principio che segui …tra non molto tutto sarà vietato.
    P sicologicamente ci sono molte cose che mi danno fastidio ma appunto per il rispetto e la tolleranza …sopporto anche le lebertà degli altri

  • massi

    Incontestabile.

  • Georgejefferson

    nessuno mette in dubbio l’importanza della volonta di chi lo vuole veramente

  • Fedeledellacroce

    “In realtà allo “Stato” rode che non possa ancora guadagnarci perché non sono soggette a monopolio e al sempre meno fiorente bussiness del tabacco rode per i medesimi €videnti motivi.”

    Lo stato nn c’entra nulla, é la “british american tobacco” che ha comprato la s.p.a. dei monopoli di stato sui tabacchi………da svariati anni
    Scommetto che sono pochini quelli che giá lo sapevano.

  • FreeDo

    Se avessi il modo di farlo senza essere maleducato, ti risponderei volentieri.

  • FreeDo

    Fumo da una vita e vorrei quantomeno “allentare”. Do’ per scontato che chi avversa questa nuova possibilita’ lo faccia per interesse proprio o di qualcun’altro ( mi riferisco alla informazione ufficiale). Ma al di la’ anche di tutti i commenti qui’ letti, quello che vorrei sapere con certezza è se sia più o meno dannosa rispetto al fumo vero. Provero’ a cercare, e se potro’ convincermi che è anche di poco meno velenosa, la provero’ senz’altro.

  • Nauseato

    Allora la proverai senz’altro.

    Poi consiglio (dettato da puro altruismo) evita se possibile Ovale. O meglio, vai pure a provarle (il buono di questa nuova “moda” è che puoi provare tranquillamente) anche da Ovale. Ma Ovale vende un prodotto non particolarmente efficiente facendolo pagare un sacco. Ci sono alternative molto più economiche.

  • Nauseato

    Effettivamente io non lo sapevo.

    Giusto per nota, ho un amico tabaccaio che mi faceva presente come e quanto nel corso degli ultimi lustri, il consumo di sigarette sia andato costantemente diminuendo.

  • Georgejefferson

    Guarda,prendi un fazzoletto di carta e butta fuori una boccata senza prima mandarla giu,poi vedi…Io ti posso assicurare che con la ecig resta bianco.Trai le tue conclusioni.Non e’una prova scientifica,ma non importa…Non prendere quella in farmacia,e’un bidone.Fatti un giro su esigatettaportal.it….Io non ho la passione dell’hardware perfetto come tanti,ho una ovale elipse c.Tutto gia pronto.I liquidi li ordino via web da Flavaurart…azienda italiana leader in europa da 20 anni di aromi alimentari.Spendo 10 al mese.Se vuoi ti do il link diretto ai liquidi gia pronti.Poi fai tu

  • Georgejefferson

    Guarda,prendi un fazzoletto di carta e butta fuori una boccata senza prima mandarla giu,poi vedi…Io ti posso assicurare che con la ecig resta bianco.Trai le tue conclusioni.Non e’una prova scientifica,ma non importa…Non prendere quella in farmacia,e’un bidone.Fatti un giro su esigatettaportal.it….Io non ho la passione dell’hardware perfetto come tanti,ho una ovale elipse c.Tutto gia pronto.I liquidi li ordino via web da Flavaurart…azienda italiana leader in europa da 20 anni di aromi alimentari.Spendo 10 al mese.Se vuoi ti do il link diretto ai liquidi gia pronti.Poi fai tu

  • Georgejefferson

    Io ho una ovale e mi trovo bene.Un fumatore medio ammortizza la spesa di aquisto in un mese.Comunque non mi interessa pubblicizzare una marca,ognuno trae le sue opinioni

  • Nauseato

    Anch’io ho una Elips di Ovale e ne scrivevo proprio per quello. La trovo costosissima (in assoluto la più cara) per quanto si possa ripagare in fretta, ma soprattutto di qualità decisamente scadente. Dove il “qualità scadente” è riferito al loro sistema Elips di batteria + atomizzatore. Prodotti magari apparentemente identici non soffrono dei medesimi problemi di quelli di Ovale e a volte hanno anche qualcosa in più.
    Quello che invece mi trova favorevole verso Ovale sono i liquidi. Tra quelli finora provati i loro restano sempre quelli che preferisco.

  • mincuo

    Io fumo Cohiba (Cubani) e qualche Toscano. Mi trovo benissimo.
    Mai pensato di smettere di fumare in vita mia. Nè smettere di bere buon vino. Nè di smettere di mangiar bene. Morirò prima. Forse.
    Embè? Che dovrei fare: mangiare tofu colorato, bere vitaminazzate energetiche voltastomaco e fumare glicole o che so io? Per morire magari due anni dopo, e non è mica poi certo, mentre quello che è certo è facendo ‘sta vita.
    Non fa per me, con tutto il rispetto per gli altri.

  • Georgejefferson

    figurati,ognuno fa quello che vuole,basta rispettare gli altri.Se ti piace pensare alla ecig come una merda artificiale,affari tuoi.Anche secoli fa quando si masticava tabacco,consideravano le prime produzioni industriali di sigari merda artificiale,figurati le sigarette con le sostanze tossiche aggiunte

  • FreeDo

    Non ci conosciamo ma voglio ugualmente darvi fiducia. Provero’ a fumare elettronico ( anche perche’ un amico mi invito’ giorni orsono a dare un paio di boccate, e quello che mi sorprese positivamente fu la botta ai polmoni che si avverte, che a chi fuma piace masochisticamente tanto).

  • Nomoreuro

    Restano incognite sull’utilizzo di ,plastiche e gomme usati per creare il contenitore del Glicole Propilenico.

  • Jor-el

    Sono uno di quelli. Ho smesso di fumare nel 2005 dopo aver fumato per circa 35 anni un paio di pacchetti al giorno. E’ stato facile, ho sofferto di qualche disagio per 2 (due giorni) e null’altro. Devo premettere che non ho smesso per motivi di salute, il fumo non mi ha mai fatto soffrire in modo particolare, ho smesso perché mi era “rotto” di un’abitudine che non mi dava più alcun piacere. L’anno scorso mi sono comprato un kit consistente in due e-sig e una paio di aromi (senza nicotina) e ho cominciato a svapare. Da allora svapo a periodi. Non ho contratto nessuna abitudine ne assuefazione (l’ultima volta che ho svapato sarà stato in primavera). Dal punto di vista tossicologico il vapore è innocuo (se non per le casse delle multinazionali del tabacco!), bisogna, a mio avviso, stare attenti con l’igiene. Conservare liquido base e aromi in frigo, con i flaconi ben chiusi, pulire sempre il kit e osservare le date di scadenza. Il principale rischio dello svapo e che negli aromi si formino delle colonie di microrganismi potenzialmente nocivi che, dato che nel processo di atomizzazione c’è riscaldamento MA NON combustione, potrebbero arrivare alle vie respiratorie.

  • Nauseato

    Ma infatti fai BENISSIMO. E non c’è ironia.

    Credo di poter dire che le “vittime” sicure delle elettroniche siano coloro che fumano TANTO (da 20 sigarette in su al giorno). Tutti quelli che ho conosciuto e che hanno abbandonato da un giorno all’altro la sigaretta normale in favore dell’elettronica erano fumatori “veri”. Non certo chi riesce a fumare solo qualche sigaretta al dì e che non trovava valide ragioni per rinunciarvi.

    Come non trovi ragione tu a rinunciare al tuo piacere.
    Poi, oltre all’aspetto salutistico c’è anche da sottolineare quello economico: 2 pacchetti al giorno sono in media la bellezza di 3600€/anno che è una assoluta FOLLIA.

    Il vino e il mangiare sono tutta un’altra faccenda. Come anche Venere…

  • Jor-el

    Ho smesso di fumare nel 2005 dopo aver fumato per circa 35 anni un paio di pacchetti al giorno. E’ stato facile, ho sofferto di qualche disagio per 2 (due giorni) e null’altro. Devo premettere che non ho smesso per motivi di salute, ma perché mi ero “rotto” di un’abitudine che non mi dava più alcun piacere. L’anno scorso, dopo circa 7 anni dall’ultima sigaretta, mi sono comprato un kit consistente in due e-sig e una paio di aromi (senza nicotina) e ho cominciato a svapare. Da allora svapo a periodi. Non ho contratto nessuna abitudine ne assuefazione, svago quando mi va, alcuni giorni in continuazioni, altri mai e a seconda dei periodi. Spesso mi dimentico e non svago per settimane(l’ultima volta che ho svapato sarà stato in estate. Potrei anche non farlo mai più, chissà!). Dal punto di vista tossicologico il vapore è innocuo (se non per le casse delle multinazionali del tabacco!), bisogna, a mio avviso, stare attenti con l’igiene. Conservare liquido base e aromi in frigo, con i flaconi ben chiusi, pulire sempre il kit e osservare le date di scadenza. Il principale rischio dello svapo e che negli aromi si formino delle colonie di microrganismi potenzialmente nocivi che, dato che nel processo di atomizzazione c’è riscaldamento MA NON combustione, potrebbero arrivare alle vie respiratorie. Gli studi indipendenti non evidenziano, invece, problemi derivati dai materiali impiegati nei contenitori e flaconcini vari. Bisogna ricordare anche in questo caso che non essendoci combustione l’assunzione diretta di eventuali sottoprodotti tossici è limitata. Negli States ci sono state cause intentate a produttori di eSig che hanno cercato di dimostrare che questi dispositivi possano “facilitare” l’assunzione di stupefacenti. Per quel che riguarda la cannabis, gli atomizzatori impiegati nell’eSig non riescono a raggiungere temperature sufficienti a vaporizzare il THC (principale alcaloide attivo). Svapare cannabis, olio di cannabis, THC in polvere è, quindi, impossibile. Per vaporizzare tale sostanza è necessaria, infatti, una tecnologia molto diversa. Per concludere, è possibile che lo svapo non sia innocuo al 100%, ma non c’è assolutamente paragone con il fumo di tabacco e di altre erbe che, richiedendo combustione, espone all’assunzione di agenti tossici, irritanti e potenzialmente cancerogeni.

  • Jor-el

    Nemmeno io ho avuto particolari problemi a smettere di fumare, nel 2005. Ma io e te siamo stati fortunati. Non si può generalizzare. La propagada delle multinazionali ha insinuato nella popolazione l’idea che smettere di fumare sia difficilissimo e dolorosissimo, che il desiderio di tabacco sia inestirpabile e che il tabagista che smette resterà per sempre un frustrato, sofferente perchè gli è stata sottratta la sua ragion di vita. Noi sappiamo che sono tutte caxxate, che smettere di fumare è molto più facile che iniziare e che la “crisi da astinenza da nicotina” altro non è che una normale “voglia di fumare” che passa dopo un paio di giorni, tre al massimo. Ma questo non vuol dire che altri, più sensibili ai condizionamenti della propaganda, possano fare molta più fatica. La sofferenza, per quanto indotta da condizionamento psicologico, è sempre sofferenza, e va rispettata. Credo che l’eSig possa aiutare molto i consumatori di tabacco che intendano abbandonare un vizio che li espone a gravi rischi per la salute.

  • Georgejefferson

    mangi mai cibi con conservanti?Resta incognita anche l’aria fuori casa,basta non uscire.Qui si parla della differenza tra fumare sigarette industriali e ecig.Non tra il fumare e non.

  • Georgejefferson

    ARTICOLO

    In realtà molti associano la dannosità del fumo da Sigaretta alla presenza sopratutto di Nicotina e fare questo tipo di associazione non é corretto, infatti per quanto la Nicotina sia la principale causa di assuefazione alle Sigarette, il suo contributo a danneggiare un organismo vivente é ben più ridimensionato se consideriamo il fatto che quando aspiriamo il fumo prodotto dalla combustione di una Sigaretta al Tabacco oltre alla Nicotina inaliamo oltre 4000 sostanze delle quali circa 3900 sono gravemente dannose come ad esempio…
    Catrame
    VOC tra cui il cancerogeno Benzene
    Idrocarburi policiclici aromatici (IPA), provenienti dalla combustione sia della carta sia del tabacco;
    Particolato, e principalmente
    Particolato carbonioso, anch’essi derivanti dalla combustione incompleta;
    Monossido di carbonio, prodotto dalla combustione incompleta;
    Sostanze irritanti,
    In primo luogo le aldeidi (acroleina, acetaldeide), conseguenti ad una combustione incompleta ma a maggior livello d’ossidazione;
    e a seguire acidi organici carbossilici (acido formico), fenoli (fenolo, cresoli),
    ammine e ammoniaca
    Idrocarburi non aromatici di varie tipologie (principalmente alcani C12-C15) che contribuiscono a intaccare lo strato lipidico protettivo di organi e cellule, predisponendo all’aggressione di altri composti
    Altre sostanze ossidanti.
    Se inoltre considerando che alla base dei Liquidi per Sigaretta Elettronica prodotti in Italia troviamo solamente i seguenti 3 ingredienti inalati mediante vaporizzazione e non per combustione…
    Glicerolo Vegetale di grado farmaceutico
    Glicole Propilenico di grado farmaceutico
    Acqua Distillata
    … ed eventualmente ma non necessariamente i seguenti ingredienti…
    Nicotina di grado farmaceutico
    Aromi Alimentari
    … Possiamo quindi facilmente intuire che la possibile dannosità della Sigaretta Elettronica sia notevlmente inferiore alla Sigaretta al Tabacco.

    http://www.vaporeblu.it/articolo-quanto-fa-male-il-fumo-della-sigaretta-elettronica/

  • Tonguessy

    Non avendo mai iniziato a fumare, per me smettere è stato facilissimo. Addirittura più facile di quanto dici.

  • ottavino

    La scienza è un’inculata, il mondo moderno è un’inculata, l’uomo è più stupido di una gallina. Per questo non mi fido delle sigarette elettroniche, nè di qualsiasi trovata “moderna” in tema alimentare o salutistico. Sicuramente qualcosa prima o poi salterà fuori a carico delle sigarette elettroniche. Buona sperimentazione. Io continuo a fumare il tabacco. (e quant’è brutto il rumore che fa la vaporizzazione. Che schifo, sembra una roba da robot)

  • Georgejefferson

    Che usi a fare il Pc,Non sa di robot?E la lavatrice no?

  • Nauseato

    C’è qualcosa di sublime e allo stesso tempo di orribile in quanto hai scritto.

  • Nauseato

    😀 … impareggiabile.

  • ottavino

    Infatti ho detto “in tema alimentare o salutistico”. Cioè noi possediamo già la salute, non c’è niente che possiamo aggiungere, se non il conoscersi, il sapersi gestire. In ogni caso anche la lavatrice e il computer sono un’inculata, certo. Non c’è vantaggio senza svantaggio, non c’è guadagno senza perdita. L’uomo mira a dei guadagni, ma finisce per perdere. Perchè? Perchè è stupido! Semplice, no?.

  • ottavino

    E’ proprio il modo di porsi dell’uomo nei confronti del “mondo” che genera solo inculate. Ossessionato dai guadagni, l’idiota non vede le perdite.

  • magnesia

    Deduco che il problema non è se fa male o non fa male. Me ne frego di quello che c’è dentro quando fuori respiro a gratis gas velenosi e diossina e ingerisco neurotossine a non finire, senza neanche sapere come/quando/quanto/dove. Il problema è uno solo allora: la nicotina, lei, la diffamata per eccellenza.

    Ma perché è un problema se non è cancerogena e non provoca nemmeno dipendenza se non addizionata con composti d’ammoniaca? -> (vedi sigarette ‘standard’ e in particolare ‘Marlboro’ – chi ha antenne per intendere, intenda).

    La nicotina è un anti-infiammatorio naturale, antiparassitario, lega il ferro buono all’emoglobina e mima l’acetilcolina, neurotrasmettitore fondamentale per processi come di cui sopra (anti-infiammatorio) e di regolazione di comunicazione del sistema nervoso.

    Pfizer o non Pfizer sono in molti che hanno paura della nicotina, compresi tutti noi che non dovremmo avere ragione di averne.

    …a me fanno tossire solo batteri e virus. Se il fumo ti fa tossire allora, semplicemente, non fumare che non fa per te, ma lascia stare i fumatori che ora non fumano più neanche nei tuoi locali, per piacere!