Home / ComeDonChisciotte / 20 ANNI DI SACRIFICI: PAROLA DI MONTI

20 ANNI DI SACRIFICI: PAROLA DI MONTI

DI VALERIO LO MONACO
ilribelle.com

No alle Olimpiadi. Troppo costose, e fuori luogo. Ok, giusto.
Ma il punto è un altro: voi quanti anni avrete, tra 20 anni?

Abbiamo davanti 20 anni – “come sapete” – di sacrifici. Il governo Monti dice no alla candidatura di Roma per le Olimpiadi 2020. Il che, francamente, non fa una piega: sono ancora aperte le ferite per le spese folli e inutili degli ultimi Mondiali di nuoto e a dire il vero sono ancora aperte quelle dei Mondiali di calcio di Italia 90. Ridicolo spendere per un baraccone come quello di Roma 2020. Ma la cosa da mettere a fuoco è un’altra. Abbiamo davanti un periodo lunghissimo di ristrettezze e sacrifici.

Queste le parole di Monti. Naturalmente non ce ne importa nulla di commentare il no alle Olimpiadi di Roma quanto di capire il vero punto del giorno. E del futuro.

Dunque 20 anni di sacrifici.Intanto, non lo sapevamo affatto, come invece sembra voler far percepire il premier. O meglio, ancora la cosa non era stata esplicitata, anche se almeno su questo giornale ce lo siamo detti spesso. Invece adesso è ufficiale, se anche il “professore” ha parlato così chiaro.

Ma il punto è che le parole di Monti, sebbene a nostro avviso vadano considerate per “difetto” sulla durata del purgatorio, sono una vera e propria bomba. Perché comunque esplicitano una data, una ipotesi di “fine pena”. Sulla quale, come tutti i condannati dopo aver ascoltato la sentenza, vale la pena di ragionare.

Voi quanti anni avrete, tra vent’anni? Siete disposti a vivere vent’anni d’inferno e a ritrovarvi tanto avanti negli anni (già anziani?) il giorno in cui – e sono solo previsioni – si potrà tornare, secondo Monti, semplicemente ai livelli ante-crisi in cui peraltro non è che si stava poi così bene?

Insomma questo è quanto. Ce ne è abbastanza per una rivoluzione, se solo gli italiani capissero cosa significa. Se solo avessero ancora sangue nelle vene.

Ma senza andare troppo in là, ce ne è abbastanza per fermare ogni tipo di investimento, personale o aziendale, per bloccare immediatamente ogni spesa, ogni rata, ogni cosa: per vent’anni, nisba, niente da fare. Nessuna ripresa, nessun miglioramento rispetto ad adesso. Anzi, semmai andrà peggio, proprio per il processo dell’effetto domino innescato dalle misure appena prese e da quelle che presumibilmente saranno prese a breve. Altro che sciopero della Fiom, altro che Camusso e compagnia cianciando. 

Valerio Lo Monaco
Fonte: www.ilribelle.com
Link: http://www.ilribelle.com/la-voce-del-ribelle/2012/2/15/20-anni-di-sacrifici-parola-di-monti.html
15.02.2012

Pubblicato da Davide

  • Maxim

    Dopo le vacche grasse le vacche magre.
    La Casta ed una parte degli italiani se la sono spassati portando alle stelle il debito pubblico ed ora il giochino è finito .
    Che genere di rivoluzione e contro chi l’ autore dell articolo non lo rivela .

  • backtime

    si potrà tornare, secondo Monti, semplicemente ai livelli ante-crisi in cui peraltro non è che si stava poi così bene?

    sei capace a leggere?

    se si, facci sapere quando hai vissuto il tempo delle vacche grasse.

  • Maxim

    bello , io ho scritto

    La Casta ed una parte degli italiani se la sono spassati

    Chiaro ?

  • Cornelia

    Lui non le ha mai vissute, le vacche grasse.
    Per questo adesso gode pensando che anche gli altri finalmente moriranno di fame insieme a lui.
    Ragionano così, gli italiani, che vuoi farci. Si tagliano i coglioni per far dispetto alla moglie.

  • ral

    Direi che Maxim ha ragione.
    Non è questione di godere o no del fatto che adesso nel fosso ci stiamo tutti.
    E’ che grazie all’imbecillità di chi c’era anche non volendolo, nei prossimi vent’anni in questo fosso dovremo starci tutti, chi era abituato alle vere vacche grasse e chi intendeva come vacca grassa 3 giorni a Rimini

  • Nauseato

    Intervento a Linea Notte (RAI) di Lidia Undiemi – studiosa di economia e diritto all’università di palermo – direi di sintetica chiarezza sul fallimento del gov. Monti, la Grecia, l’art. 18 … da diffondere a reti unificate invece delle cretinate del signor Napolitano e altri brutti ceffi …

    http://www.youtube.com/watch?v=rOMal8helx0&feature=share

    Poi ne riparleremo senz’altro tra 20 anni.

  • Maxim

    Vedo che la tua capacita’ di comprendere non è delle migliori , pazienza , il mondo andrà’ avanti lo stesso .

  • MATITA

    il debito si puo sempre non onorarlo…..e ritornare a fome di sovranita popolare.
    Persino mentana da santoro sere fa la buttata li………

  • MATITA

    pardon non ho digitato un apostrofo e una h …..meglio specificare perchè qui si rubano il futuro ma sulla grammatica…..

  • nuvolenelcielo

    vent’anni di sofferenza sono il sogno per un paese cattolico come l’italia, vuol dire paradiso meritato e fine delle disparità sociali (socialismo dei poveri). nessuno scenderà mai in piazza, l’importante è che non ci siano baci saffici tra la moglie di monti e belen.

  • Nauseato

    Ehm … io credo di aver capito quello che hai scritto, però che tu ci creda o no, ho dovuto rileggerlo un paio di volte perché anche a me ad una prima veloce lettura era suonato male.
    Purtroppo se già capita di frequente anche nelle migliori condizioni possibili di interpretare un pensiero scorrettamente … credo anche che in questo clima pessimo ed esasperante basti davvero niente.

  • Roma

    ERRORE!
    Chi era nelle vacche grasse continuerà tranquillamente a stare nelle vacche grasse. Chi invece era nelle vacche magre starà ancora peggio di prima. E’ la storia che ce lo insegna: a pagare sono sempre i soliti, e dopo ogni rivoluzione (o mini-rivoluzione) c’è sempre una restaurazione che dà ancora più potere a quelli che comandavano prima.
    Spiace per quegli ingenui ed illusi, ma anche un tantino astiosi, come Maxim, che sperano di vedere nel fosso coloro che fino ad adesso se la sono spassati ed hanno causato il disastro, quasi che vedendo questi dissennati nel fosso si produca un lenimento delle pene che noi virtuosi dovremo sopportare per il resto della nostra vita. MA NON E’ COSI’.
    Saranno sempre i poveri e le persone perbene a pagare. I furbi la scampano sempre!
    Ecco perchè è stolto godere di ciò che ci attende e delle strette che ci impone il Professore, a meno che non si stia dalla parte dei furbi.
    O no?

  • Albertino

    No grazie, usciamo subito dall’ euro e i sacrifici dureranno un paio di anni al massimo. Per cui cominciamo ad usare la nostra testa e a dire no a questa unione monetaria che ci ha di fatto resi tutti più poveri.

  • redme

    ..ma dov’è la novità?…dal governo amato in poi cosa è cambiato?…c’è stato o no un progressivo restringimento dello stato sociale?…c’è stato o no un aumento esponenziale della forbice della ricchezza?…chiedete, se non l’avete vissuto, quali erano le condizioni di vita negli anni 60…tranquilli la merda arriverà fino al collo, ci lasceranno la bocca libera per respirare…lavoreremo e in qualche modo tapperemo il buco e eleggeremo un’altra banda di ladri che si papperà tutto e leggeremo di nuovo le parole dell’ imbecille di turno che parlerà di rivoluzione senza sapere neanche organizzare l’occupazione di una cabina telefonica….”Italiani siate seri! seri! seri!” ( G. Garibaldi)

  • MM

    Non basteranno 20 anni, non basteranno perchè lo sfacelo continua, non è certo terminato anzi è solo al suo inizio. Non basteranno, speriamo siano sufficienti 30 ma 20 sono pochi.

  • maristaurru

    Vent’anni di sacrifici mentre la classe dirigente continua a godere di vacche grasse. A noi al massimo spetterà di comperare o nella migliore delle ipotesi ricevere un panino raffermo per andare a seguire in corteo Camusso e soci che se la ridono sotto i baffi:” li avemo fregati, per almeno vent’anni non rompono!”

    Ma dai, questi debbono sganciare la pecunia sottratta, altro che cretinate, non dico Monti o tizio o caio, dico che siamo pieni di ricchi impropri, che non hanno creato posti di lavoro, crescita o altro, ma hanno succhiato risorse i cui soldi sono levitati fuori del Paese, come i milioni di euro di Lusi e company, che son briciole rispetto alla voragine che manca all’appello, dico che piutosto che romper le balle alla base della piramide , vadano a recuperare risorse laddove le hanno impropriamente spostate per mezzo di rivoli e rivoletti nascosti . Perchè Monti se ne esce con queste battute? Vuole forse convincerci che dobbiamo sottostare e basta? giova a questo punto ricordare la storia professionale del Prof, e dare alle sue affermazioni il giusto valore

  • maristaurru

    Risorse scomparse: e se fosse una buona idea andare a dare una occhiata alle fondazioni dei partiti? Per non parlare di quelle Bancarie.. così tanto per cominciare dalle cose più conosciute da tutti

  • Maxim

    Prima chi se la spassava piu’ o meno illegalmente poteva trasferire i costi sul debito pubblico .
    Faccio un esempio
    L’ alto funzionario statale , il politico etc etc con relativi lauti stipendi , ruberie di ogni sorta e sprechi di ogni tipo , venivano pagati in buona parte con l’ emissione di nuovi titoli di Stato .
    La gente comune sapeva che il debito pubblico aumentava sempre di piu’ ma non se ne preoccupava perche’ non ne vedeva gli effetti nelle proprie saccocce .
    Come ho detto , questo giochino è finito.
    Ora tutto deve essere pagato , con tasse e tagli
    La gente ora si renderà’ conto di cio’ , come uno si rende conto dell esistenza di un muro quando ci sbatte contro .
    Cose che prima erano piu’ o meno sopportate ora lo saranno molto meno, e piu’ le cose peggioreranno e meno saranno tollerate.
    La speranza di un cambiamento nasce da questo

  • esca

    Il condor monti con la vista da falco legge nella sua sfera magica ed emette la sentenza. Mi domando da dove gli arrivi tutta questa certezza. L’unica cosa certa è che siamo arrivati ad un punto orribile e che non basta ancora, che c’è molta gente che “li ha pieni”, che siamo sull’orlo dell’ennesima catastrofica guerra mondiale e per quanto ne so potrebbe pure finire il mondo a mesi. Ma appunto, nessuno può dirlo e come giustamente qualcuno ha specificato, non si possono azzardare previsioni precise nemmeno da quì a 20 mesi, figuriamoci vent’anni.

  • Hamelin

    Ragionamento banale ed errato .
    Fondamentalmente il ragionamento che vogliono fare passare i media mainstream.
    Nella realtà invece succede tutt’altro.
    Chi ha passato anni di vacche grasse passerà molti altri anni di vacche sempre piu’ grasse …
    Chi ha passato anni di vacche magre passerà molti altri anni di vacche sempre piu’ magre…fino alla morte…
    Quello che dev’essere ben chiaro è che chi comanda ed è al potere colpisce e fa pagare la brava e onesta gente che tira la carretta…Non i criminali che hanno causato il disastro(che restano li dove stanno ed anzi si arricchiscono ancora di piu’ alla faccia della crisi)…
    Per quanto riguarda la rivoluzione non c’è pericolo gli Italiani sono troppo ignoranti , pigri e miopi per fare una qualsivoglia “rivoluzione”.

  • Hamelin

    Ti quoto!Scusa ma non avevo visto il tuo commento prima…fai te che siamo talmente in accordo su questo che ne ho scritto uno quasi uguale pur non avendolo letto prima.

    Ciao

  • Nauseato

    Non ti si potrebbe che dare ragione.

    E aggiungerei che la supponenza arrogante celata dietro la mellifluità soporifera di Monti è da voltastomaco.

  • nuvolenelcielo

    …da cui il nome: Nauseato.
    d’accordo comunque, ps: bere tant’acqua fa bene per lo stomaco, gratis (dal rubinetto) e più efficace dei farmaci.

  • Roma

    Noto un eccesso di speranza in tempi migliori, la fiducia che vi possa essere anche una parvenza di giustizia sociale. Probabilmente sei una persona giovane, che per la prima volta vive tempi di cambiamento (quali in effetti questi sono). Mi ricordi me ad inizio anni ’90, con il crollo della Prima Repubblica, mani pulitite, Forlani con la bava alla bocca, le monetine a Craxi …. poi sappiamo come andò a finire.
    Ogni cambiamento è sempre in peggio per le classi deboli. Questa è una regola aurea.
    Tu dici che PRIMA chi se la spassava piu’ o meno illegalmente poteva trasferire i costi sul debito pubblico. Bene! Adesso lo faranno ancora di più: non aumenterà il debito pubblico, ma faranno tagli e tasse a svantaggio solo ed esclusivamente delle classi deboli e chi se la spassa continuerà a farlo come e più di prima!
    Poi parli della gente…. ma quale gente? Alla gente basta lasciargli un tozzo di pane, fargli credere che adesso le cose cambieranno, dargli un pò di spettacolo, magari un guru della comunicazione che gli faccia credere nella rivoluzione del XXI° secolo, fatta davanti al PC. Alla gente basta dargli qualche contentino: la finanza a Cortina, Berlusconi alla sbarra, il ricco avvocato che ora deve pagare le tasse (buuhhhh e chi ci crede?), l’assessore ladro in galera per pochi giorni …. la gente è affamata di questi spettacoli
    Ma la rivoluzione è un altra cosa. La rivoluzione chiede sangue, molto sangue. E la gente non la fà la rivoluzione. Anche qui la storia ce lo insegna: tutte le rivoluzioni sono SEMPRE state orchestrate e supportate da potenze straniere. Ma le potenze straniere in questo momento non vogliono la rivoluzione o il cambiamento in Italia. Quello che volevano l’hanno ottenuto con il duo Napolitano-Monti: strangolare ancora di più i soliti polli.

  • lorenzovalla

    Chiedo agli utenti: ma in quale occasione-intervista-intervento Monti ha dichiarato che dovremo sopportare 20 anni di sacrifici? A “Rapporto carelli”?Grazie!

  • lorenzovalla

    Verissimo! Via dall’Euro!

  • dana74

    Ma il punto è che le parole di Monti, sebbene a nostro avviso vadano considerate per “difetto” sulla durata del purgatorio, sono una vera e propria bomba. Perché comunque esplicitano una data, una ipotesi di “fine pena”. Sulla quale, come tutti i condannati dopo aver ascoltato la sentenza, vale la pena di ragionare. ”

    già è questo messaggio “subliminale” che non è stato colto ed è drammatico..

  • tamax9

    Al termine del vertice europeo di Bruxelles, Mario Monti ha annunciato che l’Italia non ha bisogno del Fondo salva-Stati, dichiarandosi soddisfatto per l’accordo sul patto di bilancio che impegna Roma a portare il debito dal 120% al 60% del Pil in 20 anni.
    Teoricamente, per rispettare i paletti del Trattato, Roma dovrebbe varare una manovra da circa 45 miliardi ogni 12 mesi. (pena sanzioni) che rischia di trascinare il Paese in una spirale recessiva preoccupante.

  • terzaposizione

    Maxim intendeva forse dire che per anni molti ns. concittadini hanno vissuto un illusorio periodo di vacche grasse, grazie all’indebitamento facile, a posti di lavoro “virtuali” ( la 5essenza Personal Shopper ), a falsi guadagni facili; ora e per i prossimi 4 lustri solo chi era ricco manterrà la dolcevita, gli illusi pagheranno un amaro conto.

  • geopardy

    L’ho ascoltata e , credo, sintetizzi in buona parte quello che personalmente penso del governo Monti.
    Grazie per la segnalazione.
    Ciao
    Geo

  • geopardy

    Il problema è Atlantico (Ovest-Est), non soltanto italiano.
    Tutti gli stati capitalistici sono dovuti ricorrere all’indebitamento per sostenere una crescita infinita, pressochè impossibile.
    Ormai il meccanismo prevale su tutto ed il tutto sostiene ed è impossibile tirarsene fuori se non si gettano le basi di un altro sistema.
    Mi sembra sempre più chiaro che siamo alla fine di un modo di interpretare l’economia, ma anche il relativo tipo di convivenza da esso innescato tra gli esseri umani decade.
    Alla fine di tutta questa austerity, non esisterà più una società come l’abbiamo intesa finora e saremo costretti a cambiare tutto, pena l’annichilimento, che, come si sa, non dura in eterno.
    Potrebbero cercare di innescare una guerra terribile per cancellare i “libri maestri”, come sostiene Chiesa, ma non ci riusciranno comunque, secondo me.
    Ciao
    Geo

  • Albertino

    concordo con le tue parole, in particolare dove scrivi “Vuole forse convincerci che dobbiamo sottostare e basta?” secondo me il giochetto è proprio questo: far entrare nel sentire comune l’ idea che i sacrifici che ci vogliono imporre per salvare il fallimento dell’ euro sono assolutamente necessari. ma non è vero.