Zuckerberg in prigione con l’Online Safety Bill

Gli alti dirigenti delle piattaforme online potrebbero finire in prigione se non rispetteranno la nuova legge britannica

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Come annunciato da Nadine Dorries, membro del Parlamento britannico e Segretaria di Stato per il digitale, la cultura, i media e lo sport, con la nuove leggi sulla sicurezza online, i dirigenti dei giganti dei social media corrono più di un rischio di finire dietro le sbarre se non reprimeranno i contenuti illegali.

La nuova legge per la sicurezza online prevede un elenco di reati prioritari, come revenge porn, crimini ispirati dall’odio, frode, vendita di droghe o armi illegali, i cui materiali devono essere rimossi necessariamente dai social, prendendo tutte le contromisure possibili anche per fermarne la diffusione.

Come ha sottolineato la Dorries, il disegno di legge è stato un “avviso alle piattaforme online per dire che eccolo qui, ti stiamo facendo sapere di cosa si tratta ora, quindi inizia a fare quello che devi fare”, specificando come nessun alto dirigente possa sentirsi al sicuro nel caso in cui non agisse a norma di legge.

Dello stesso avviso però non è Andy Burrows, capo della Head Of Child Safety Online Policy (NSPCC) secondo cui “Nonostante la retorica, le attuali proposte del governo significano che i capi tecnologici non sarebbero personalmente responsabili per gli effetti dannosi dei loro algoritmi o per la mancata prevenzione dell’adescamento e potrebbero essere perseguiti solo per non aver fornito informazioni all’autorità di regolamentazione”.

Massimo A. Cascone, 07.02.2022

Fonte: https://news.sky.com/story/online-safety-bill-three-new-criminal-offences-to-be-added-as-government-cracks-down-on-revenge-porn-hate-crime-and-fraud-12533204

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x