YouTube continua a censurare ComeDonChisciotte. Ed è giusto così.

Ruggero Arenella

Comedonchisciotte.org

YouTube (Google) ha appena rimosso dal nostro canale il video che testimoniava il TSO a Dario Musso, un libero cittadino che provava a dire alla gente la verità, ovvero che quella del Coronavirus è una grande truffa. Il video, composto da tre video diversi fatti col cellulare, di cui uno dello stesso Musso, durava 2 minuti circa, e diventò virale facendo 75mila visualizzazioni in 4-5 giorni.

Questa è la terza censura che Google fa a ComeDonChisciotte nel giro di due settimane. E viene da chiedersi come mai quel video del 5 Maggio è stato rimosso solo adesso. Forse siamo entrati nel mirino di Google? Questo sarebbe una medaglia al valore per noi, vuol dire che stiamo lavorando bene.

Google ci ha comunicato che:

Salve Come Don Chisciotte,

Come forse saprai, le Norme della community descrivono quali contenuti sono consentiti e quali non sono consentiti su YouTube. Il tuo video La Dittatura è Ufficialmente Iniziata – Lo Stato Applica il TSO a Chi Dissente! ci è stato segnalato per la revisione. Dall’esame è emerso che il video vìola le nostre norme ed è stato rimosso da YouTube.

Sappiamo che questo potrebbe rattristarti, ma per noi è importante che YouTube sia un luogo sicuro per tutti. Se i contenuti violano le nostre norme, verranno rimossi. Se ritieni che sia stato commesso un errore, puoi presentare ricorso ed esamineremo nuovamente i tuoi contenuti. Continua a leggere per scoprire ulteriori dettagli.

Restrizioni dei contenuti video

YouTube non tollera contenuti che mettano esplicitamente in discussione l’efficacia delle linee guida fornite dalle autorità sanitarie locali o dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) in relazione alle misure di distanziamento sociale e autoisolamento e che possano portare le persone ad agire in contrasto con tali linee guida. Scopri ulteriori informazioniqui.

 

Conseguenze per il tuo account

Questa rimozione non ha comportato né un avvertimento relativo alle Norme della community né altre sanzioni a carico del tuo account. Tuttavia, ti invitiamo a esaminare tutti i tuoi contenuti per assicurarti che siano conformi alle Norme della community. Ulteriori violazioni potrebbero portare ad avvertimenti sul tuo account o persino alla sua chiusura.

Come puoi rispondere

Se ritieni che sia stato commesso un errore, ci piacerebbe conoscere la tua opinione. Per presentare ricorso contro la rimozione, invia questo modulo. Il nostro team esaminerà attentamente il ricorso e ti contatterà al più presto.Cordiali saluti,
– Il team di YouTube

YouTube non tollera contenuti che mettano esplicitamente in discussione l’efficacia delle linee guida fornite dalle autorità sanitarie locali o dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) in relazione alle misure di distanziamento sociale e autoisolamento e che possano portare le persone ad agire in contrasto con tali linee guida.

Chiaro e limpido.

Questo mi fa arrabbiare, ma non mi indigna affatto. E’ giusto che Google si comporti così, tutela i suoi interessi.

Come farebbe Google a sostituirsi allo Stato italiano, fornendo le infrastrutture per la didattica a distanza oggi, e domani chissà per quale altra istituzione pubblica, senza il lavoro dei criminali di massa stragisti dell’OMS?

Come farebbe Google a diventare il più grande detentore mondiale dei dati delle persone se le persone uscissero di casa infrangendo il distanziamento sociale, e non vivessero la loro vita dietro allo schermo di un computer, di uno smartphone o di una smart TV?

La cricca internazionale del grande capitale finanziario che sta dietro a Big Tech e Big Pharma utilizza l’OMS come istituzione terroristica, che serve a far chinare il capo alle masse e portarle all’obbedienza.

Il decennio 2020-2030 nei piani dell’èlite sarà quello che condurrà alla fine della civiltà come la conosciamo. Ogni individuo sul pianeta sarà marchiato, identificato. Privato della sua sovranità individuale. Costretto alla sottomissione in cambio di una vita frivola fatta di piacere edonistico. Uomini senza più storia, senza terra. La fine della democrazia partecipativa. Rimarrà il frame della democrazia, il contenitore. Ma poi toglieranno anche quello una volta che saremmo completamente addomesticati.

Non mi son mai piaciute le visioni apocalittiche del tipo: “lo scontro finale fra le forze del bene e del male”. Ma credo che non siamo troppo distanti da quel momento ora.

Comedonchisciotte e gli altri canali di controinformazione non smuovono l’opinione pubblica a sufficienza perchè una forza politica arrivi a sostenere le nostre tesi.

Guardiamo le cose per come sono: se la cosiddetta opposizione ancora non fa opposizione è perchè sa che a dire la verità perderebbe voti. La televisione ha annichilito il pensiero delle gente. Nessuno oggi voterebbe per chi sostiene che quella del Coronavirus è una operazione terroristica fine all’instaurazione di una tecno-dittatura sanitaria mondiale. Direbbe “ma quello è pazzo”, come dicevano per Dario Musso. Altro che prendere voti, sarebbe la morte politica.

L’altra sera il nostro compagno Riccardo ha partecipato all’incontro promosso dal “Patto Julian Assange”, nato per contrastare la censura sul web. Un’ottima iniziativa, a cui invito ogni altro canale di informazione indipendente a parteciparvi. Ma mi permetto una riflessione.

Immaginiamo che Comedonchisciotte.org sia un sito UGC (User-generated content) come YouTube, dove tutti possono pubblicare i contenuti che vogliono. Accetteremmo mai dei video o degli articoli pro-Israele o pro Unione Europea? A favore delle guerre imperialistiche americane o a favore della dittatura sanitaria globale? Certo che no. Allora perchè i nostri nemici dovrebbero accettare i nostri contenuti?

Siamo sinceri, per combattere questa guerra stiamo usando le armi che ci concede il nemico. E’ imbarazzante.

Come se i Viet Cong avessero usato i fucili fornitegli dall’esercito americano.

Allora mi chiedo, se ancora un briciolo di dignità la conserviamo: cosa aspettiamo a prenderci quello che è nostro? L’informazione pubblica a servizio del popolo che legittima la sua esistenza.

La RAI è nostra. YouTube è della cricca internazionale.

Continuare a pubblicare contenuti su YouTube significa legittimare l’onnipotenza dei nostri nemici.

Continuare a lasciare la RAI nelle mani dei nemici dello Stato è un atto di codardia. Degno di un popolo che merita di essere schiavo.

0 0 voti
Valuta l'articolo
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
clausneghe
clausneghe
23 Novembre 2020 , 10:46 10:46

Ottimo Rugge, mi permetto di puntualizzare là dove scrivi “come se i viet-cong avessero usato i fucili fornitegli dall’esercito Usa”
Ebbene, nella loro infinita tenacia e resistenza essi, i viet, a corto di metalli recuperavano le schegge e i pezzi metallici degli ordigni lanciati contro di loro da un nemico mostruosamente armato, e li riforgiavano in nuovi proiettili..
Impariamo da loro e sfruttiamo le contraddizioni del nemico, il mainstream che protegge in prima linea il Padrone.

gix
gix
23 Novembre 2020 , 12:01 12:01

Soprattutto, va sempre tenuta presente una considerazione, con il nemico non si devono mettere in campo discussioni e concertazioni a livello morale e di ricerca del bene e del male, per quanto riguarda le azioni che uno è disposto a subire o a praticare. Il nemico è quello che è, ne buono ne cattivo di per se, si può solo misurarne gli eventuali eccessi o disponibilità, quindi con una mano si tratta, con l’altra ci si difende o si passa al contrattacco. La prima cosa però, è riconoscerlo come nemico e tenerlo sempre presente.

Annibal61
Annibal61
23 Novembre 2020 , 13:20 13:20

Condivido, al giorno d’ oggi essere censurati è come prendere una medaglia. Di più, visto che chi censura si avvale della legge Boldrini significa proprio essere dalla parte del bene.

AlbertoConti
AlbertoConti
23 Novembre 2020 , 14:56 14:56

“Continuare a lasciare la RAI nelle mani dei nemici dello Stato è un atto di codardia. Degno di un popolo che merita di essere schiavo.”

16,5 milioni di famiglie, + bar, ecc. moltiplicato per 90€ di canone obbligatorio fa all’incirca un miliardo e mezzo l’anno.

Destiniamone 1/3 all’informazione libera per davvero, tipo Messora, CdC, ecc. fa 500 milioni l’anno, più di 40 milioni al mese, 1.300.000€ al GIORNO!!!!!! (e senza pubblicità). Potremmo veramente svegliare il cane sedato, che non meriterebbe più di essere schiavo.

E invece no, grazie ai “partiti” che reggono il moccolo al sistema schiavista. Grazie Beppe, ci hai fottuti per bene.

oriundo2006
oriundo2006
23 Novembre 2020 , 17:33 17:33

Significa solo che hanno paura delle voci fuori dal coro mediatico: avendone paura, rendono un gran servizio a tutti noi. Ci rinfranca sapere che siamo efficaci. Anche una zanzara può far male.
P.S.: proporrei solo per smer%arli di avere una rubrica tipo:
‘come è buono Lei’, frontespizio intitolato a Fantozzi, naturalmente, con interventi ‘diabetici’ sulle bontà ineguagliabili dei Superiori Sconosciuti.

ws
ws
23 Novembre 2020 , 22:45 22:45

cosa aspettiamo a prenderci quello che è nostro?

Che si svegli anche il restante 97% del mitico “poppolo”…
Potrà mai avvenire questa ” rivoluzione” ? Ovviamente NO, purtroppo anche le ” rivoluzioni” sono “mitiche”…
E però le battaglie GIUSTE vanno perseguite lo stesso anche se non si possono vincere perché l’ uomo degno di considerarsi tale lo deve A SE STESSO

Avete mai visto i ” professionisti”? Il monologo del ” rivoluzionario” Jesus Raza vale da solo tutto il film e queste sue parole finali valgono per qualunque uomo DEGNO.
E senza una causa, noi non siamo niente! Noi restiamo perché crediamo. E scappiamo quando siamo delusi. E torniamo quando siamo perduti. E moriamo perché abbiamo promesso”