Home / ComeDonChisciotte / WIKILEAKS E BUGIE PLAUSIBILI

WIKILEAKS E BUGIE PLAUSIBILI

DOVE SONO ANDATI A FINIRE TUTTI I PENSATORI CRITICI ?

DI JOE QUINN
globalresearch.ca

Mentre le rivelazioni dei documenti di Wikileaks circa la vera natura del governo statunitense e il suo atteggiamento imperiale verso altre nazioni sono i benvenuti, mi trovo nella strana posizione di dover concordare con Hillary Clinton, David Cameron e altri, che le fughe di notizie ‘non dovrebbero pregiudicare i rapporti di nessuno con nessun’altro.

I nostri leader sono un gruppo intrinsecamente ipocrita e negli ultimi 10 anni, anche i più disinformati sono giunti a capire che i nostri leader hanno una marcata tendenza a dire una cosa e farne un’altra. Chi dubita che tali politici induriti comprendono appieno che mentire ad ogni altro è la regola nel gioco sordido di una moderna governance globale? Pertanto, perché il pubblico dovrebbe essere eccessivamente sorpreso nel vedere la conferma di questo nei documenti di Wikileaks? Divertito e anche incuriosito, ma sorpreso?

Non sto dicendo che non vi è alcun valore in alcuni aspetti dei documenti stessi nella misura in cui essi forniscono l’occasione per divulgare la corruzione e la mendacia del governo ad un vasto pubblico, ma i dettagli eccitanti come l’’infermiera’ formosa Gheddafi non sono una novità e, molto più importante, questi dettagli non sono affatto l’obiettivo principale dei documenti stessi.

Bombarda bombarda bombarda, bombarda bombarda l’Iran …

I documenti Wikileaks devono essere considerati in un contesto più ampio. Con ogni mezzo i siti di notizie alternative devono continuare ad esporre americani, britannici e qualsiasi altro a tutte le iniquità governative che i documenti rivelano. Ma dove è la critica sul resto dei documenti che confermano la narrativa standard israelo-americana – che l’Iran rappresenta ‘una minaccia esistenziale’ per Israele e per gli stati arabi ‘moderati’?

Importa a qualcuno che in questi documenti in modo chiaro si sostiene come siano guerrafondai gli Stati Uniti e Israele? Qualcun altro trova che sia stupefacente? Dov’è il pensiero critico?

Il problema è che, quando la polvere si sarà depositata (come avverrà presto) su tutti i troppo consueti tentativi del governo americano per spiare i funzionari delle Nazioni Unite e la pusillanimità del governo britannico nell’assicurare agli americani che la loro indagine sull’invasione dell’Iraq sarebbe stata influenzata a favore degli Stati Uniti, ci si troverà con alcuni core details che, lungi dall’essere confutati od occultati, vengono accettati come realtà. Dettagli come:

L’Iran è la più grande minaccia per la pace in Medio Oriente. Questa è una menzogna palese come ogni analista alternativo contro la guerra che ha studiato i fatti ha dichiarato a gran voce ormai da anni. E all’improvviso, con una fuoruscita ampiamente pubblicizzata, i media principali vogliono provare e a ricacciarcelo in gola? Perché è una “perdita” e Assange viene “braccato” come Osama bin Under-the-bed? A che tipo di verità è mai arrivata a questo tipo di stampa in tutti gli anni dalla presa di potere fascista da parte del non eletto G.W. Bush?

L’Iran ha ricevuto tecnologia missilistica della Corea del Nord che può consentirle di attaccare l’Europa in pochi anni. Questa è pura propaganda, e ognuno di voi analisti e commentatori notizie alternative sa ciò. L’Iran sta costruendo i suoi propri missili e, in ogni caso, l’Iran ha tuto il diritto di difendersi. Lo avete tutti detto per anni, sulla base di dati concreti e frutto di ricerche. Tutto ad un tratto, una fuga di notizie appare ed i maggiori media vogliono convincerci altrimenti? E lo si confronta al Watergate? Avete letto le rivelazioni di Fletcher Prouty sul Watergate, come molti dei documenti sono stati creati e messi per essere lasciati trapelare perché servivano all’ordine del giorno del Potere?

I Leader del Medio Oriente vogliono che gli Stati Uniti e Israele attacchino l’Iran. Come può questo non essere visto come un’ulteriore propaganda degli Stati Uniti e di Israele? E quale Paese del Medio Oriente sano di mente vorrebbe questo considerando che l’intera area sarebbe inabitabile per anni?

Teheran ha usato ambulanze della Croce Rossa per il contrabbando di armi verso Hezbollah durante la sua guerra contro Israele nel 2006. Anche se fosse vero, l’Iran ha il diritto di aiutare i libanesi a difendersi contro l’aggressione israeliana proprio come il Regno Unito ha aiutato l’attacco americano in Iraq e in Afghanistan. Non state dicendo tutti voi questo ormai da anni?

L’Iran dà rifugio ad ‘al Qaeda’. Ma questo può forse essere visto come qualcos’altro di più della stanca e vecchia raffigurazione di ‘al-Qaeda’ degli Stati Uniti progettato per spaventare le masse, in patria e all’estero?

L’Iran potrebbe produrre un missile balistico intercontinentale in grado di raggiungere gli Stati Uniti entro il 2015. E Saddam avrebbe potuto ‘colpire il Regno Unito in 45 minuti’, rammenti?

Il Pakistan continua a sostenere il ‘gruppo dell’attacco terroristico di Mumbai’. Perché nessun dettaglio di
David Headley, l’agente della CIA che ha pianificato gli attentati di Mumbai e che, secondo la CIA, ‘è diventato una canaglia’? Ancora una volta, come no!

E non dimentichiamo ‘discariche’ precedenti di dati da parte di Wikileaks, che comprendeva perle di nonsense degli Stati Uniti e del governo israeliano come:
l’Iraq aveva realmente armi di distruzione di massa! E tu che pensavi che la faccenda delle armi di distruzione di massa fosse una bugia totale! Beh, immagina di nuovo, grazie ad alcuni dei documenti Wikileaks, ora sappiamo che gli Stati Uniti erano totalmente giustificati per l’invasione dell’Iraq e l’uccisione di 1,5 milioni di civili innocenti. E se questo non ti è sufficiente, allora ricorda solo…l’11 settembre! Bin Laden (che è vivo e vegeto
in base ai precedenti documenti Wikileaks) Ha ucciso circa 3.000 americani quel giorno, il che lascia gli Stati Uniti e l’Iraq circa alla pari (essendo 500 vite irachene uguali a una vita americana). E non andare schizzando nessuna teoria di complotto spuria, perché il signor Assange è
infastidito dal fatto che tali false cospirazioni ‘”[come l’11 settembre] sviano così tante persone (Come te).

Come Phyillis Bennis ha scritto di recente sull’ Huffington Post:
“Se hai visto solo Fox News o alcuni degli oltraggiati-ma-allegri sapientoni che vanno per la maggiore, si potrebbe credere che i documenti dimostrano i pericoli del programma nucleare iraniano e il sostegno in tutto il mondo per un attacco militare contro l’Iran. Se leggi solo la stampa israeliana, potresti pensare che i documenti forniscono la prova inconfutabile che “il mondo intero è in preda al panico per il programma nucleare iraniano”.
Phyillis è corretto, ma proprio questo è il problema: un vasto numero di persone guarda solo Fox News o una delle sue affiliate, e ciò che viene detto nella stampa israeliana è molto spesso visto con un occhio amichevole dai media USA.

Allora perché nessuno contesta queste affermazioni molto dubbie e ben più gravi? Affermazioni che potrebbero essere utilizzate per giustificare un attacco contro l’Iran e l’omicidio di milioni di civili iraniani?
Sì, il governo americano è pieno di tipi viscidi a due facce che spiano su amici e nemici, e se i documenti Wikileaks aiutano a imprimerlo sulla consapevolezza globale, allora tanto meglio. Ma che cosa cambierà nel lungo periodo? E soprattutto, a quale prezzo verrà l’accettazione in massa di questi documenti? Se si fa semplicemente riferimento ai dettagli precisi e al discorso dominante dei documenti, concludo che alcuni aspetti servono agli obiettivi di pace e di verità pubblica, ma molti altri sono utili agli obiettivi dei mercanti di guerra di Tel Aviv e Washington, allora vuol dire che odio gli informatori e vogliono proteggere il governo degli Stati Uniti? Tutta questa faccenda è come la ben nota tattica dello psicopatico di coinvolgere la simpatia delle loro vittime ammettendo vizi e difetti – ammissioni all’apparenza anche dolorose – adddormentandole con la convinzione di avere tutta la sua confessione, mentre per tutto il tempo sono l’ogetto di un davvero grande imbroglio.

Il nostro mondo è gestito da persone che mentono per vivere, quindi cerchiamo di esaminare la situazione microcosmicamente e poi tutto quello che dovete fare è estrarre il principio e applicarlo su una scala più ampia.
“La nostra cultura è all’insegna delle menzogne. Chiedete a chiunque di dire se qualcuno sta mentendo e vi diranno che si può intuire da ” mancanza di contatto visivo, movimenti nervosi, o aggiustandosi in continuazione i vestiti”. La psicologa Anna Salter scrive con asciutto umorismo:. “Questa percezione è così diffusa che ho immaginato che, subito dopo la nascita, gli infermieri devono prendere i neonati e sussurrare loro nelle orecchie,” Contatto visivo. E ‘un segno di veridicità “. [Anna C. Salter, Dottore in Filosofia].
Il problema è, se vi è uno psicopatico – o con patologie caratteriali connesse – che non sa come mantenere un buon contatto visivo quando mente, non è mai nato. Il contatto visivo è “universalmente noto” per essere un segno per dire la verità. Il problema è che i bugiardi falsificheranno tutto quello che sarà possibile falsificare, così in realtà, il contatto visivo non è assolutamente una prova che si sta dicendo la verità.
Anna Salter scrive:
L’uomo di fronte a me è un good-old- boy del sud, il tipo di uomo con cui sono cresciuta e mi piace. Se non altro, ho un debole per il tipo di maschio del sud che alla “Sam Ervin”, l’avvocato del Sud che indossa bretelle rosse in tribunale insieme con stivali da cowboy vecchi di 25 anni e che cambia su di una tacca il suo accento quando vede venire l’abile teste del nord. A “furbacchione cittadino del nord” sul banco dei testimoni susciterà lo stesso tipo di interesse incentrato su un cervo in stagione di caccia. Si possono passare dei giorni molto lunghi in tribunale con uomini che indossano bretelle rosse e iniziano a raccontarvi quanto siete intelligente e quanto siano semplici e stupidi loro.
Osservo l’uomo di fronte a me. Non sono in tribunale, sono in prigione, e lui non è un procuratore, ma un molestatore sessuale, e ha gli occhi brillanti insieme a quella lenta, strascicata e dolce pronuncia. Lui è un grande uomo, un po ‘stempiato, e lui ha – devo ammetterlo – un volto innocente …

Il mio good-old- boy del sud sa certamente che il contatto visivo è considerato un segno di sincerità. Egli descrive il suo modo di farla franca con quasi 100 stupri di adulti e bambini. Lui mi dice:
Quando cerco di convincere qualcuno – anche se so di mentire – il mio sistema è di guardarlo negli occhi, ma senza fissarli. Fissare la gente la mette a disagio e tende ad allontanarla, così io non dovevo fissarli. Ma li guardo in un modo che, sapete, “guarda questo volto innocente. Come si può credere che avrei fatto una cosa del genere?” Essa aiuta se avete una buona padronanza del vocabolario così che potrete spiegarvi in un modo che sia facilmente comprensibile. Bel vestito. Usare gesti fluenti delle mani che non siano aggressivi in alcun modo.
È una complessa combinazione di cose. Non è una sola cosa da fare. Si tratta di una combinazione di cose tra i gesti del vostro corpo e le cose che dite: “Guarda, ti dico la verità, e non so che cosa queste persone stanno cercando di tirar fuori. Non so quello che stanno cercando di dimostrare, ma non ho fatto nulla di tutto questo. Io non so perché stanno facendo questo. Potete controllare la mia fedina penale.. Ho una buona fedina. Non mi sono mai trovato in nessun problema come questo. E non so cosa stia succedendo. Sono confuso .”…
Come se leggesse il mio pensiero, egli interrompe: “Non riesci realizzare questo, Anna, vero?” dice lui. “Pensi che quando mi chiedono,” L’ho fatto? È allora che mento. Ma ho mentito ogni giorno per gli ultimi 25 anni “.

Il bugiardo esperto: una categoria di bugiardo che anche per gli esperti è difficile da individuare.
Il problema è che, anche quando si tratta di persone che non sono bugiardi esperti, come gli studenti universitari che si sono offerti volontari per uno studio sul mentire, la maggior parte degli osservatori non sono abili come pensano nella rilevazione dell’inganno. La ricerca dimostra costantemente che la maggioranza delle persone – anche le più professionali come la polizia e gli psicologi – non hanno maggiore capacità di individuare l’inganno. Lanciando una moneta sarebbe uguale.
“Se si vuole negare qualcosa, assicurati di aver avuto un elemento di verità in essa. Suona come se fosse vero, e vi sono elementi in essa che sono molto veri che possono essere verificati, e cercare di bilanciare in modo che ci sia più verità di menzogna, di modo che quando è controllato, anche se la parte di bugia viene fuori, lì c’è più verità che menzognza”.
Questo uomo è stato abbastanza bravo tanto che una volta l’ha fatta franca uscendo dal tribunale tutto stizzito. Era stato accusato dalla sorella di averla violentata e di aver molestato la figlia nello stesso giorno. Egli ha descritto ciò come un’accusa assurda. Sua sorella, ha detto al giudice, una volta aveva accusato lo zio di abuso. Era ben nota in famiglia per la confezione di accusee folli come questa. Disse che non aveva intenzione di vedersela con queste sciocchezze e uscì. Nessuno lo fermò, e nessuno mai lo richiamò. L’accusa poi scomparve in qualche modo. Egli ammette ora che entrambe le accuse erano vere.

Si tratta di ‘simpatia’ e di fascino che maneggia come armi.
La doppia vita è una tattica potente. C’è il modello di comportamento socialmente responsabile in pubblico che induce le persone a abbassare la guardia, e a diventare sordi alle rivelazioni. La capacità di fascino, di essere simpatico, di irradiare sincerità e verità, è fondamentale per il bugiardo di successo – e la pratica assiduamente.

“L’amabilità è una risoluzione”, scrive Gavin De Becker in Il dono del timore. Si tratta di una “strategia di interazione sociale, non è un tratto del carattere.”

Nonostante i decenni di ricerche che hanno dimostrato che la gente non può dire in maniera sicura chi mente e chi no, la maggioranza delle persone crede di poterlo fare. C’è qualcosa di così fondamentalmente minaccioso nell’idea che non possiamo sapere se fidarsi o no di qualcuno, che è molto difficile per chiunque – medici, cittadini, anche la polizia – riuscire a prendere sul serio i risultati.

Assange su Netanyahu

In una recente intervista su Time Magazine, Julian Assange ha dichiarato che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu “non è un uomo ingenuo”, ma piuttosto un “politico sofisticato”. Questa è la valutazione Assange di un uomo che è chiaramente uno psicopatico. Nella stessa intervista Assange ha detto:

“Possiamo vedere il primo ministro israeliano Netanyahu uscire con una dichiarazione molto interessante che i leader dovrebbero parlare in pubblico come fanno in privato, ogni volta che possono. Egli ritiene che il risultato di questa pubblicazione, che rende pubblici gli orientamenti di molte opinioni private, promette un buon [indecifrabile] che porterà ad un qualche tipo di crescita nel processo di pace in Medio Oriente e in particolare in relazione all’Iran”.

A parte il fatto che appare nell’atto di lodare un criminale guerra patologico, Assange mostra un incredibile livello di ingenuità. Il commento di Netanyahu sui leader del Medio Oriente che rendono pubbliche le loro opinioni private era riferito a quanto trapelato sulle affermazioni che i governi dell’Arabia Saudita, della Giordania e degli Emirati erano in privato favorevoli a “tagliare la testa del serpente iraniano”, qualcosa di cui Netanyahu è stato cheerleader per diversi anni. Nonostante questo, Assange ritiene che questo porterà a “un qualche tipo di aumento nel processo di pace in relazione all’Iran”.
Che cosa?!

Ma non tutti si fanno ingannare. Mercoledì scorso, un alto funzionario turco ha accusato Israele per le rivelazioni di Wikileaks. Rivolgendosi ai giornalisti, Huseyin Celik, vice leader del partito del Primo Ministro turco Recep Tayyip Erdogan AKP, ha fatto capire che Israele ha progettato la fuga di centinaia di migliaia di cablogrammi diplomatici degli Stati Uniti come un complotto per fare pressione sul governo turco.

“Si deve guardare a quei paesi che sono soddisfatti di ciò”, ha detto Celik. “Israele è molto contento. Israele ha fatto dichiarazioni per giorni, prima ancora del rilascio di questi documenti”.

“I documenti sono usciti e hanno subito detto: ‘Israele non ne soffrirà’. Come hanno fatto a saperlo?” ha chiesto Celik.

Lui non si rende conto che probabilmente molti di questi documenti sono stati creati per essere trapelati! Ancora una volta, si rinvia al libro di Fletcher Prouty La squadra segreta.

Critiche al pensiero ‘Bianco e Nero’

I documenti Wikileaks che forniscono elementi di prova per quello che è già sottinteso dovrebbero essere accettati, i documenti che riecheggiano quanto già sappiamo essere propaganda israelo-americana dovrebbero essere intesi giusto come propaganda israelo-americana. È così difficile?
Perché molti autori di notizie alternative che inveivano contro simili menzogne e disinformazione quando veniva dai ‘rapporti dell’intelligence’ di Stati Uniti e Israele ora accettano, o ignorano, la stessa propaganda semplicemente perché arriva via Wikileaks? I documenti Wikileaks devono essere tutti buoni o tutti cattivi? Pensare in bianco e nero è mai un buon modo per discernere la verità dalla menzogna in un mondo dove quasi tutto ha qualche elemento di distorsione? Siamo così alla disperata ricerca di un eroe che dica la verità – come il bugiardo esperto descritto sopra da Anna Salter – che abbiamo perso la nostra capacità di pensare in modo critico? Cosa è successo alla nostra capacità di comprendere e individuare le sfumature e i sottotitoli della grande propaganda del governo?

L’ampio panorama di Wikileaks e dei suoi documenti, finora, dipinge un quadro di uno sforzo concertato per soppiantare i media alternativi contro la guerra, con un’illusione della verità. Come i grandi media occidentali continuano a raggiungere nuove vette di menzogna e di offuscamento della verità, un numero crescente di persone comuni si stanno rivolgendo a siti di notizie alternative per una prospettiva più precisa di quanto sta accadendo sul nostro pianeta. Ciò ha creato una chiara minaccia per coloro le cui posizioni di influenza e potenza dipendono da una popolazione disinformata.
La soluzione a questo problema sarebbe la comparsa sulla scena di una organizzazione che funziona meglio dei media alternativi contro la guerra, e produce ‘pistole fumanti’, prove documentate ufficialmente di bugie e inganni governative. Tali elementi di prova, dopo tutto, arriverebbero dalle fonti ufficiali, una vera e propria ammissione di colpa dagli stessi imbroglioni piuttosto che le accuse da terze parti costituite da siti web di notizie alternative. Rileggere sopra la descrizione di Anna Salter del pedofilo che stava intervistando per avere un quadro reale della patologia al lavoro qui. L’inganno, ovviamente, non sta nel rilascio di documenti ufficiali, ma nell’uso di tali documenti, che di per sé non costituiscono grandi crimini, come copertura per promuovere le stesso grandi menzogne del governo. Io sostengo che, sulla base delle prove chiare, Wikileaks è solo una tale organizzazione ed è progettato per soddisfare proprio questo ruolo: la diffusione di bugie plausibili.

Joe Quinn
Fonte: www.globalresearch.ca
Link: http://www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=22275
6.12.2010

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ETTORE MARIO BERNI

Pubblicato da Davide

  • sidellaccio

    Mi sembra sempre più probabile che Gianluca Freda avesse ragione quando scriveva che Assange sta facendo solo propaganda per gli Stati Uniti, ma questo articolo in proposito: http://www.megachipdue.info/tematiche/democrazia-nella-comunicazione/5232-nel-cyberspazio-lindeterminazione-e-di-casa.html mi sembra comunque più completo. http://www.silviodellaccio.it

  • AlbaKan

    i nostri leader hanno una marcata tendenza a dire una cosa e farne un’altra.

    • Questo è proprio il concetto espresso dal primo ministro israeliano riguardo wikileaks!
    • Pochi giorni dopo la “fumata bianca” di Assange, il ministro disse, testuali parole: “c’è differenza tra quello che un poitico dice e quello che fa…”
    • E’ bellissima questa manifestazione di ipocrisia di un politico verso chi lo elegge non trovate?
    • E’ un pò come dire “Non credete a tutto quello che vi raccontiamo…”
    • Ma io aggiungo… “non credete nemmeno ad Assange!”
  • backtime

    hai bisogno di visite al tuo sito, per caso?

    me compreso, penso ce l’abbiano quasi tutti gli iscritti un sito.

    Oltre te, chi altro hai visto farsi pubblicità in casa d’altri?

  • backtime

    Ottima analisi, condivido.