Von der Leyen: Impossibile embargo al petrolio russo

Secondo la Presidente della Commissione europea un embargo immediato permetterebbe alla Russia di vendere il suo petrolio altrove e di ottenere più soldi

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

L’Europa non può imporre un embargo immediato sul petrolio russo, ha dichiarato la Presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen, poiché ciò consentirebbe a Mosca di vendere il suo carburante altrove e probabilmente di guadagnare più soldi per finanziare la sua offensiva militare in Ucraina.

“Se tagliassimo completamente, immediatamente, a partire da oggi, il petrolio [russo], Putin potrebbe essere in grado di portare il petrolio che non vende all’UE sul mercato mondiale, dove i prezzi aumenteranno, e venderlo a un prezzo più alto – e questo riempirebbe i suoi forzieri di guerra”, ha detto la leader dell’UE in un’intervista a MSNBC all’inizio di questa settimana.

Negli ultimi tre mesi l’UE, insieme agli Stati Uniti e ad altre nazioni occidentali, ha imposto sanzioni senza precedenti alla Russia in risposta alla sua operazione militare in Ucraina, che l’Occidente considera un atto di aggressione non provocato.

L’UE ha introdotto finora cinque pacchetti di sanzioni e sta lavorando a un sesto pacchetto che includerà i dettagli di un divieto sul carburante russo, in particolare sul petrolio. Secondo Von der Leyen, “le sanzioni stanno colpendo duramente l’economia russa”, ma un embargo totale causerebbe gravi danni all’economia europea.

“Dobbiamo trovare il giusto equilibrio tra il non danneggiare troppo la nostra economia, perché questa è la leva più forte che abbiamo contro l’aggressione russa, l’aggressione di Putin… Quindi dobbiamo essere molto strategici nel modo in cui affrontiamo l’argomento e quindi è anche molto importante coinvolgere il resto del mondo per assicurarci di esaurire le sue forze”.

Ciononostante, la Von der Leyen ha insistito sul fatto che superare la dipendenza dal petrolio e dal gas russo è uno dei principali obiettivi dell’UE nel lungo periodo, soprattutto se si considerano gli obiettivi di transizione verde dell’Europa. All’inizio del mese, Bruxelles ha introdotto un nuovo pacchetto di misure che combina questi due obiettivi, denominato REPowerEU. Il pacchetto prevede la diversificazione nell’approvvigionamento del gas, ad esempio acquistando gas naturale liquefatto (GNL) dagli Stati Uniti, promuovendo al contempo il risparmio energetico e gli investimenti nelle energie rinnovabili come l’eolico, il solare, l’idroelettrico e l’idrogeno.

“Se c’è qualcosa che Putin ha ottenuto è che ha perso il suo miglior cliente e l’Europa non tornerà mai indietro, e ci ha spinto – e questo è un bene – verso le energie rinnovabili”, ha dichiarato von der Leyen.


Massimo A. Cascone, 29.05.2022

Fonte: https://www.msnbc.com/morning-joe/watch/putin-pushing-europe-in-direction-of-renewable-clean-energy-says-european-commission-president-140631109686

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
11 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
11
0
È il momento di condividere le tue opinionix