Von der Leyen: gli algoritmi dovrebbero monitorare sistematicamente la comunicazione tra i cittadini

www.maurizioblondet.it

di Maurizio Blondet

Agli ordini di Schwab, da DWN (traduzione automatica)

ursula von der Leyen-mattarella

 

Bruxelles vuole che in futuro la comunicazione dei cittadini venga monitorata sistematicamente. La Commissione europea cancella regolarmente le proprie e-mail e chat: il suo presidente è persino sfuggito a uno scandalo cancellando enormi quantità di dati.

Nella Commissione Europea, tutte le e-mail vengono cancellate automaticamente dopo sei mesi, a meno che non vengano archiviate deliberatamente. I messaggi che i funzionari dell’UE si scambiano tramite servizi di messaggistica pertinenti come WhatsApp o Telegram non sono nemmeno registrati. “I messaggi di chat dei massimi funzionari dell’UE non vengono affatto archiviati perché sono considerati “intrinsecamente di breve durata” e “in linea di principio non conterrebbero alcuna informazione importante sulle politiche, le attività o le decisioni della Commissione””, cita il portale. L’intuizione di Tichy sulle ragioni presentate ufficialmente dalla commissione per questa gestione.

I cittadini dovrebbero essere sottoposti a screening sistematico, inclusa la segnalazione automatica

La presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen è ovviamente dell’opinione che i messaggi chat dei cittadini contengano molte “informazioni importanti”. Non c’è altro modo per spiegare perché la Commissione Europea vuole obbligare WhatsApp e Co. a monitorare sistematicamente le conversazioni dei loro clienti.

L’intuizione di Tichy letteralmente: “Il controllo dovrebbe essere eseguito automaticamente: un’intelligenza artificiale scansiona ogni contenuto della chat e, in caso di dubbio, invia automaticamente una segnalazione all’autorità responsabile. Una foto delle vacanze erroneamente riconosciuta, un messaggio di chat letto erroneamente e il BKA viene coinvolto. Questa automazione della sorveglianza di massa sarebbe comunque già abbastanza preoccupante. Tuttavia, anche il software AI è estremamente soggetto a errori: il tasso di errore può arrivare fino all’80%. Allo stesso tempo, è noto da mesi che le procedure sono suscettibili di manipolazione: anche lievi modifiche al sistema crittografico potrebbero nascondere contenuti criminali all’IA – e far apparire criminali per l’IA contenuti non criminali.

Von der Leyen: La massiccia cancellazione dei dati potrebbe averti salvato la carriera

Il fatto che von der Leyen sia stata coinvolta in uno scandalo tangibile non molto tempo fa sembra essere notevole, da cui è uscita solo cancellando i suoi messaggi e le sue storie di chat su larga scala.

Il suddetto scandalo è stato il cosiddetto “affare dei consulenti”. L’allora ministro della Difesa von der Leyen (era in carica fino all’estate del 2019) era accusata da più parti di aver aggiudicato appalti a consulenti esterni a tre cifre milioni senza gara pubblica “sul canale ufficiale corto”. Ulteriori accuse riguardavano la negligente interpretazione delle regole di compliance e il possibile nepotismo, riportava il Tagesspiegel nel febbraio 2020 in un’analisi della vicenda.

In relazione alle cancellazioni di dati in questo “affare dei consulenti”, il Tagesspiegel ha riportato nel gennaio 2020:

“I dati del cellulare dell’ex ministro della Difesa federale Ursula von der Leyen del periodo attualmente all’esame di una commissione d’inchiesta sono stati molto probabilmente irrimediabilmente cancellati. E’ quanto emerge da una relazione sulla situazione del ministero della Difesa, a disposizione dello studio ARD capitale.

I messaggi brevi sono stati rimossi da entrambi i dispositivi utilizzati dal ministro. Il primo telefono cellulare, che von der Leyen ha utilizzato per la maggior parte del suo mandato come ministro della Difesa, è stato ritirato da un autista della casa privata di Leyen l’8 agosto 2019.

L’addetto all’informatica dell’ufficio ministeriale lo ha poi passato all’ufficio comunicazioni senza ulteriori verifiche, che ha effettuato una “cancellazione di sicurezza”. Il dispositivo è stato quindi passato a una società di servizi per lo smaltimento finale.

Il processo viene mostrato nel report come un processo di routine. Lo Spiegel riporta, anche con riferimento al rapporto ministeriale, che lo stesso von der Leyen distrusse tutti i messaggi su un secondo telefono.

Fonte: https://www.maurizioblondet.it/von-der-leyen-gli-algoritmi-dovrebbero-monitorare-sistematicamente-la-comunicazione-tra-i-cittadini/

Pubblicato il 26.11.2021

blank
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x