Vietato pensare: censura a chi infonde coraggio

Storia del pensiero criminale dei gestori del Caffè del Sole

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Sta diventando la nuova e inquietante normalità censurare chi ragiona con la propria testa, ma questa volta, per avere la disapprovazione da parte del Sistema, è bastato scrivere sulla lavagnetta del locale un messaggio che infonde coraggio a chi vive nel terrore.

È accaduto a Urbino, al Caffè del Sole, un bar molto conosciuto dagli abitanti. I due proprietari, stanchi dell’oppressione che i cittadini stanno vivendo, hanno pensato di rianimarli con una frase esortativa:

“Raccomandiamo alla gentile clientela di non smettere di vivere per paura di morire.”

Il potere omologante e totalitario non ha fatto attendere la risposta. Poco tempo dopo l’esposizione, fuori dal locale si sono presentate due pattuglie, una della Polizia e una dei Carabinieri, intimando i gestori del locale di cancellare quanto scritto sulla lavagna: “Toglietela altrimenti saranno presi provvedimenti”.

La polizia del pensiero colpisce ancora!

È bastato poco per passare dalla limitazione della libertà di circolazione alla limitazione della libertà d’espressione, e ciò è un’ennesima gravissima minaccia ai principi democratici.

Nonostante le intimidazioni, i nostri due eroi hanno deciso di non piegarsi. “Non c’è scritto nulla di illegittimo” commenta il proprietario. Forse per i tempi che corrono hanno fatto qualcosa di peggiore: esortano la gente a riflettere.

Il messaggio non è stato cancellato, è ancora visibile, e chiunque voglia passare da loro per gustarsi qualcosa, si vedrà accolto calorosamente.

Massimo A. Cascone, 10.02.2022

Fonte: https://www.corriereadriatico.it/pesaro/urbino_covid_ristorante_non_chiede_green_pass_inclusivo_polizia_carabinieri_disobbedienza_ultime_notizie-6491434.html

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
6 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
6
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x