Home / ComeDonChisciotte / VALSUSINI AL BIVIO

VALSUSINI AL BIVIO

DI DEBORA BILLI
petrolio.blogosfere.it

La TAV è uno degli argomenti preferiti di questo blog. Nulla come la TAV dimostra, per fare un paragone attualissimo, la “Maddalenizzazione” del nostro Paese. Ovvero: opere inutili, magari mai finite, che servono solo a far contenti i cementificatori e a far girare un po’ di milioni nelle tasche degli amici. La TAV, più di altri, è bipartizan (ovvero i prenditori di turno sono “amici” dell’una e dell’altra parte), ed è per questo che ci viene disperatamente venduta dalla stampa come indispensabile, con slogan insensati quali “ci serve per entrare in Europa”.

Stanotte i NoTAV hanno avuto un’altra delle periodiche razioni di botte, per non volersi piegare al diktat cementifero.“Non è un movimento che ripiegherà” ricorda saggiamente Megachip: i valsusini sono i veterani dei movimenti popolari territoriali in Italia, avvezzi ahinoi al manganello. Ma hanno assaporato il gusto della vittoria, seppure momentanea, e questo li aiuta a tenere duro e a credere ancora in ciò che fanno.

Certo, vedere signore cinquantenni col volto coperto di sangue può scoraggiare; così come può scoraggiare leggere il giorno dopo, su La Stampa, articoli che usano frasi tipo: “I NoTAV, tra cui un centinaio di antagonisti…” oppure “un giovane legato alla galassia anarco-insurrezionalista…”

Non credo che i NoTAV si scoraggeranno tanto facilmente. Ma già è in atto la sempre serpeggiante polemica “dobbiamo essere nonviolenti?”: rompere il vetro di un’ambulanza, nel trambusto, è comprensibile? Oppure sarà foriero di tali discussioni da rompere il compatto fronte della protesta?

Vorrei ricordare ai valsusini un articoletto che scrissi all’epoca dei disordini di Chaiano, nel tentativo di spiegare la precisa strategia che viene attuata ogni volta che i cittadini si dimostrano fermi. E’ una strategia coordinata tra la stampa e le forze dell’ordine, probabilmente persino codificata da qualche parte, tanto viene regolarmente applicata. Riporto qui, per ribadire:

-C’è una ribellione popolare che coinvolge un’intera zona, cittadini qualsiasi, famiglie, amministratori pubblici. Spesso c’è un presidio permanente mantenuto da queste persone. 

Passo 1: si attacca inaspettatamente il Presidio. Lo scopo è unicamente quello di terrorizzare i presenti, gente qualsiasi e non ultrà avvezzi ai moti di piazza. Per terrorizzarli ben bene, si attaccano i più indifesi: donne, anziani, giovanissimi. Si consente che le immagini relative siano diffuse dai media.

Risultato: l’attività di ribellione e il presidio si ridimensionano. I padri di famiglia non consentono più che mogli e madri partecipino ai presidi, le stesse donne temono per sé stesse e i loro figli. A questo punto, a presidi e manifestazioni partecipano solo giovani uomini. Intanto, le immagini diffuse hanno fatto sì che nel luogo arrivino politici di professione e attivisti di altre “zone calde”, confluiti per portare solidarietà e aiuto.

Passo 2: a questo punto, la fregatura è servita. Ai prossimi scontri, i giovani uomini rimasti reagiranno. Gli attivisti parteciperanno. E sarà facilissimo trasformare quella che era una protesta popolare di cittadini in un presidio di rivoltosi, blac bloc, autonomi e pseudo terroristi. Le vecchiette non ci sono più, verranno diffuse le immagini dei ragazzi col volto coperto. Qualche molotov piazzata alla bisogna, qualche amico infiltrato, aiuteranno.

Risultato: fine dell’appoggio popolare alla protesta. Arresti tra “gli autonomi”. I media, che pochi giorni prima mostravano le manganellate, ora parlano di “infiltrazioni estremiste”. I sindaci ci cascano e “si dissociano dai violenti”, il fronte popolare si spezza tra le polemiche.

(Glossario giornalistico.)

“Antagonista”. Sostantivo ormai lasciato all’interpretazione del lettore, senza più precisare “antagonista di chi o di cosa”. “Antagonista”, in neolingua, significa dunque “esaltato per principio, che rompe le vetrine”.

“Galassia anarco-insurrezionalista”. Locuzione di stile fantascientifico-astronomico, usata per definire una non meglio precisata (leggi:inesistente) e misteriosa organizzazione il cui scopo è esprimere pseudoterroristi che spuntano dal nulla dove serve fare casino. Per capirci, gli anarco-insurrezionalisti si sono materializzati persino nei letti dell’Eutelia occupata.

“Nonviolenta”. Definizione usata per manifestazione di protesta consistita in balli, canti e tamburelli in mezzo alla strada, e poi tutti a casa. I giornali lodano i bravi partecipanti, indi si procede tranquillamente ad implementare senza indugi ciò contro cui i cittadini hanno protestato.

Debora Billi
Fonte: http://petrolio.blogosfere.it/
Link: http://petrolio.blogosfere.it/2010/02/valsusini-al-bivio.html
18.02.2010

Pubblicato da Davide

  • Zret

    Nitezsche saprebbe come reagire…

    No al TAV!!!

  • GinoAnceschi

    Ovviamente il tg1 dell’una e mezza di oggi non ha fatto neanche un accenno a quello che è successo ieri sera.

  • vic

    C’e’ un argomento che viene raramente toccato, forse perche’ di secondo rango. Riguarda non solo i TAV, ma pure il nucleare e tutte le tecnologie in cui la manutenzione ben fatta e’ mandatoria.

    La domanda e’: chi si fida della manutenzione italiana?
    Esempio semplice, prendiamo i TAB (treni a bassa velocita’, per intenderci i treni tradizionali).

    Le FS considerano ritardi solo i ritardi superiori ai 25 minuti, gli altri nemmeno entrano nelle statistiche. Se i ritardi hanno una causa, nessuno mai si dara’ la pena di trovarla, piche’ nelle carte questi ritardi non ci sono.

    I difetti alle motrici vengono considerati tali solo se si ripetono per tre volte! Solo allora qualcuno si da’ la briga di spedire la motrice in riparazione.
    Sono regolamenti allucinanti, ma indicativi della mentalita’ italiana imperante. Quella del furbastro (per modo di dire).

    Insomma qualcuno potrebbe essere contro i TAV e contro il nucleare italiano per il semplice fatto che gli italiani non sono affidabili. Basta fare un giretto sui vari treni locali per farsene un’idea ben chiara.

    Politicamente invece, quando si sente un ministro degli esteri, prono davanti al fulgido libico Gheddafi, e’ tutto dire.

    Povera Italia, quo vadis?

  • yiliek

    Io a prescindere dalle considerazioni politiche che si possono sprecare, mi chiedo come si possa avere il coraggio di menare a colpi di manganello delle persone anziane!!!!MA DOVE SIAMO FINITI,io sono nato in una famiglia dove il rispetto per gli anziano era d’obbligo,che fine hanno fatto questi valori.
    Ma come fanno questi poliziotti a guardarsi allo specchio la mattina, non provano vergogna per loro stessi???? perfino tra gli animali (io ad esempio ho avuto un cane) esiste il rispetto per l’anziano,loro sono peggio degli animali.per cosa poi per piacere? (rabbrividisco) per lo stipendio? (rabbrividisco due volte)
    VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA!!!!

  • backtime

    Ma come fanno questi poliziotti a guardarsi allo specchio la mattina…

    oh è semplice caro mio! so per certo (notizia avuta da un’ormai ex appartenente al corpo) che prima di essere inviati in posti caldi… passano loro una pastiglia, ora di cosa questa sia composta non si sa, quel che si sa è che dopo l’assunzione sono, diciamo così, un tantino euforici, questo spiegherebbe appieno, come facciano a sprangare persone che potrebbero essere i loro genitori, i loro nonni o i loro fratellini.

    Che poliziotto o carabiniere abbia il connubio con brava persona, è ora di togliercielo dalla testa, troppe sono le prove che dimostrano il contrario, se poi pensi come è per gli alti ranghi che fanno potere e hanno tenuto per decenni Provenzano lontano dalla giustizia e poi li trovi iscritti anche alla massoneria, sarebbe il caso di darsi tutti una svegliata, l’acqua fredda non basta più talmente vi ha intorpidito la TV.

    Vedere poi le condizioni in cui stavano al G8 di Genova e come hanno ridotto la gente lì, a me non ha meravigliato affatto.

  • stendec555

    è proprio così. poi sai quanti sono i giovani che si professano di ‘ddestra, però quella ‘bbastarda…totalmente fuori dalla realtà e privi di capacità di analisi, pronti a menar le mani per il solo piacere di farlo, soprattutto quando agiscono in gruppo e col viso coperto dal casco! ma basta perlappunto la magica parola: “anarco-insurrezionalisti” per convincere i pecoroni video dipendenti…italia sempre più a fondo.

  • lucamartinelli

    tutto si ripete. per una persona di mezza eta’ come il sottoscritto è triste vedere cose gia’ viste centinaia di volte. l’unico fatto che non mi sconvolge è l’azione della polizia nei confronti della gente. tutto normale. infatti in uno stato democratico la polizia è al servizio del cittadino. in una finta democrazia o in un regime è il cane da guardia dei padroni. saluti a tutti e solidarieta’ con i Valsusini.

  • yiliek

    Mi chiedo ma forse sono troppo ingenuo come questi esseri possano accettare di prendere queste pastiglie conoscendone poi gli effetti ed i risultati,perchè penso che dopo che passa l’effetto i volti insanguinati dei vecchi da loro stessi malmenati rimangano nella memoria, e spero,(scusate ma è la foga a farmi scrivere male) vivamente che quei volti gli rimangano nella memoria come un senso di colpa eterno….ma forse chiedo troppo!

  • Diapason

    Riguardo a questa strategia codificata e automisticamente applicata alla bisogna, nella quale sto negli ultimi anni cominciando a credere, vi invito a consultare questo materiale:
    http://it.netlog.com/LeggerMente/blog/blogid=4714395#blog

    Certe complicità, coscenti o inconscie, spontanee o progettate, da parte delle forSe dell’ordine nei confronti di certe frange violente che guarda caso spuntano fuori a far danni, cominciano ad essere episodi piuttosto frequenti:
    http://it.netlog.com/LeggerMente/blog/blogid=4734592#blog

    Se poi vogliamo parlare del G8 di Genova, trovate il tempo di leggere questi due dossier:
    http://it.netlog.com/LeggerMente/blog/blogid=2767452#blog
    http://it.netlog.com/LeggerMente/blog/blogid=3301659#blog

    …E poi rileggete quanto postato da Davide.

  • oldhunter

    Quoto e aggiungo, per chi non lo sappia, che un paio di testimoni affermano che proprio prima della carica sono state spente tutte le luci per non consentire di riconoscere i pestatori in divisa.

    Mi vergogno sempre più spesso di essere italiano!

    Solidarietà coi valsusini!

  • Tao

    TRIVELLE FALSE BOTTE VERE!

    DI MARCO CEDOLIN
    ilcorrosivo.blogspot.com

    In Val di Susa dall’inizio dell’anno si dorme poco, spesso si mangia in piedi e ancor più spesso si vive all’aria aperta, anche la notte quando nevica. Il motivo di uno stile di vita tanto bizzarro, al quale ormai stanno facendo l’abitudine molti cittadini valsusini è costituito dai sondaggi truffa fortemente voluti da Mario Virano e lautamente pagati da tutti i contribuenti italiani.
    Dall’inizio dell’anno quasi ogni notte, con il favore delle tenebre, una trivella si mette in moto (http://ilcorrosivo.blogspot.com/2010/01/trivelle-ad-alta-velocita.html) , con il suo corollario di centinaia di poliziotti in tenuta antisommossa che militarizzano il territorio. La trivella viene sistematicamente posizionata in un sito adiacente all’autostrada A32, quasi sempre accanto al pilone di un viadotto, laddove la natura del terreno non presenta alcun segreto, dal momento che è stata già studiata in profondità quando negli anni 90 autostrada e viadotti furono costruiti. Il sondaggio farsa prosegue per alcune ore e generalmente prima che scenda nuovamente la notte il cantiere viene smantellato in gran fretta insieme all’occupazione militare, destinata a riproporsi molto presto, magari già la notte successiva, accanto ad un altro pilone della stessa autostrada.

    I cittadini della Valle contrari all’alta velocità (http://ilcorrosivo.blogspot.com/2010/01/tav-in-val-di-susa-si-torna-al-2005.html) quasi ogni notte si tirano giù dal letto (sempre che abbiano fatto in tempo a coricarsi) e accorrono in massa sul luogo del sondaggio truffa, dove trascorrono la notte contestando il TAV, la militarizzazione e la truffa ordita da Mario Virano che attingendo al denaro dei contribuenti italiani procede a far trivellare i terreni adiacenti ai viadotti dell’autostrada. Contestazione sempre molto pacata, basata sostanzialmente sulla presenza fisica. Qualche coro, un po’ di fracasso, qualche lancio di palle di neve quando il cielo dispensa i bianchi fiocchi, molta ironia ma anche molta rabbia da parte di chi da ormai troppo tempo è costretto a sopportare sulle proprie spalle il peso dell’occupazione militare, condita dalla disinformazione mediatica e dai veleni della cattiva politica, prona agli interessi della mafia del cemento e del tondino. Contestazione che continua a dare molto (forse troppo) fastidio a Mario Virano ed ai giornalisti prezzolati che hanno a lungo tentato di dipingere l’immagine di una Val di Susa pacificata e condiscendente nei confronti dell’alta velocità, fallendo miseramente nei loro propositi, smentiti dall’evidenza dei fatti e dalle 40.000 persone che hanno sfilato a Susa (http://ilcorrosivo.blogspot.com/2010/01/il-tav-in-val-di-susa-ha-perso-la-prima.html) il 23 Gennaio, ribadendo il fermo e condiviso NO del territorio nei confronti del TAV.

    Sconfitti sotto ogni punto di vista e con le spalle al muro, Virano e la congrega mafiosa di cui la politica cura gli interessi, sembrano ora strizzare l’occhio alla violenza, unico elemento utile per sparigliare le carte, stante l’assoluta mancanza di quel dialogo e di quella condivisione da loro impropriamente venduti in Italia e in Europa.
    Violenza praticata, sempre con il favore delle tenebre, nelle scorse settimane attraverso gli incendi dolosi che hanno distrutto i presidi NO TAV di Borgone e Bruzolo e divenuta “istituzionale” nella giornata di ieri, quando le forze dell’ordine (al comando di un individuo che in un paese civile albergherebbe nelle patrie galere in virtù dei massacri già compiuti a Genova durante il G8 http://ilcorrosivo.blogspot.com/2008/07/il-colpo-di-spugna.html del 2001) hanno pensato bene di bastonare a sangue i manifestanti scomodi, infierendo in modo particolare sulle donne e su chi era caduto a terra. Con il risultato di mandare all’ospedale parecchie persone, di ridurre quasi in fin di vita un ragazzo di 25 anni, ricoverato in terapia intensiva per emorragia cerebrale e devastare il volto di una donna di 45 anni che ha subito la frattura del setto nasale e tumefazioni di ogni tipo. Perseguitando poi vigliaccamente anche i feriti all’interno delle strutture ospedaliere, nel tentativo di sottrarli alle cure per sottoporli ad improbabili interrogatori.

    Scene già viste, a Genova durante il G8 del 2001 ed a Venaus nel dicembre 2005, oltre che in molte altre occasioni, in questo paese disgraziato nel quale sistematicamente chi vuole esprimere il proprio dissenso nei confronti delle scelte della politica è costretto a rischiare la propria incolumità fisica, quando non addirittura la vita. Scene da “macelleria messicana” portate avanti da una classe politica asservita alla mafia e giustificate dal circo di un’informazione in grado di esperire solo una vergognosa mistificazione dei fatti.
    Proprio i grandi giornali (http://ilcorrosivo.blogspot.com/2010/01/il-tav-e-linformazione.html) e le TV in questa occasione sono infatti riusciti a dare il peggio di sé. Tante e tali sono le menzogne che oggi allignano all’interno dei mezzi di disinformazione mediatica. Giornalisti prezzolati e pennivendoli di ogni risma, nessuno dei quali presente allo svolgersi degli eventi, dal momento che è Febbraio e fa freddo, hanno tentato con ogni mezzo di costruire una storia di fantasia, basata sulle veline imposte dalla questura e finalizzata a stravolgere completamente la dinamica dei fatti ad uso e consumo della congrega di farabutti che foraggia i loro lauti stipendi.

    I Valsusini che dormono poco e sono costretti a vivere all’aria aperta si sono trasformati in “pericolosi antagonisti” le palle di neve in “pietre”, la contestazione civile in “aggressione”, i pestaggi selvaggi sulle persone a terra in “cariche di alleggerimento” i poliziotti autori dei pestaggi (protetti da caschi, scudi e abbigliamento modello carro armato) in tanti poveri feriti, mentre avrebbero potuto esserlo solo nell’orgoglio per avere massacrato delle donne inermi.
    Tutto ciò nonostante esista abbondante quantità di filmati che mostra l’evidenza di manifestanti tanto decisi quanto pacifici, palle di neve, cori di scherno e nulla più. Manifestanti che pennivendoli e teleimbonitori non hanno neppure visto, dal momento che si trovavano comodamente seduti nel caldo delle loro redazioni.

    Nonostante la violenza dispensata a piene mani dalla polizia ed il tentativo di trasferirne le responsabilità sui tanti cittadini che da sempre si battono civilmente contro il TAV, Mario Virano e la mafia legata all’alta velocità continuano a manifestare la propria sconfitta ogni giorno di più.
    La maggioranza dei valsusini non vuole l’opera, non ha paura, a prescindere dal fatto che la violenza arrivi da parte di chi porta una divisa o da chi si nasconde nella notte e continueranno a dormire poco, mangiare in piedi e presidiare il territorio, in attesa della prossima trivella e del prossimo sondaggio truffa, accanto ad un altro pilone dell’autostrada.

    Marco Cedolin
    Fonte: http://ilcorrosivo.blogspot.com
    Link: http://ilcorrosivo.blogspot.com/2010/02/trivelle-false-botte-vere.html
    18.02.2010

  • pablobras

    …cioè ?

  • Matt-e-Tatty

    Si, lei chiede troppo. Pensa davvero che una persona normale possa rimanere tale facendo il celerino o il poliziotto penitenziario? Io mi sono stupito quando ho appreso di un carabiniere che suonava la chitarra… (non l’avrei mai detto che esiste dell’arte dentro quella gente li), ho conusciuto persone normali che dopo un anno di servizio militare nei paracadutisti, sembravano altre persone, alcuni agivano e ragionavano da pazzi pericolosi e per anni… si immagini chi lo fà tutta la vita e si immagini quelle persone”sbombardate” con delle anfetamine o degli psicofarmaci… probabilmente avrebbero maziato anche la loro mamma e loro babbo.

  • castigo

    in val di susa, ed ovunque ci siano cittadini che protestano legittimamente, le “forze dell’ordine” compaiono magicamente in gran quantità, ed in pieno assetto da battaglia, mentre in zone d’italia pesantemente presidiate dalla criminalità organizzata non si vede un poliziotto/carabiniere/finanziere nemmeno per sbaglio.
    che mistero misterioso…….

  • Tonguessy

    E chi sarebbe questo Nitezsche?

  • grilmi
    MA BASTAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    E’ ora che vi svegliate!!

    Questa è una guerra e come tale va affrontata!

    Ma vi piace tanto farvi bastonare da quei figli di pu****na???
    Quanti siete nella Val di Susa???? leggo su Wiki 114000 persone se vi organizzate bene la polizia dei manganelli scapperebbe con la coda fra le gambe.

    Loro vengono a menarvi con caschi, scudi, protezioni in tutto il corpo e manganelli, VOI al massimo avete un giaccone.

    Mi sono sempre chiesto cosa farebbe la polizia se i manifestanti si dotassero di SCUDI, CASCHI, PROTEZIONI E BASTONI.

    Ve li immaginate 500 o 1000 poliziotti contro 10000 persone incazzate nere??? Sarebbero contenti di venire o si prenderebbero la giornata libera o andrebbero in mutua?

    Credo che se i manifestanti si organizzassero potrebbero dotarsi di tutti le protezioni ad un costo non troppo oneroso.

    Su un sito Americano vendono scudi in plexiglass per 60 dollari, se li prendete da qualche produttore cinese in grosse quantità ve li venderebbero per 10 o 15 dollari al massimo.

    Una cosa buona del capitalismo è che basta avere i soldi e si può comprare qualsiasi cosa, perche non comprarli?

    http://www.anlong.cn/en/producta.asp?BigClassName=ENFORCEMENT%20GEAR&SmallClassName=Shield

    http://www.bulletproofme.com/Riot-Shields.htm

    Avere gli scudi sarebbe già un buon inizio, un casco da moto è alla portata di tutti, le protezioni per gli arti bastano le protezioni da motocross costano poco e sono efficaci.

    Per la legge italiana portare un manganello vero e proprio è illegale, ma avere un mattarello di legno bello lungo non credo.

    Poi un pò di letture dell’epoca romana e delle loro formazioni non farebbe male.

    http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/a/ac/Testudo_formation.jpg/800px-Testudo_formation.jpg

    Con una spesa di 200-300 euro uno si può munire del corredo del perfetto manifestante, che tanto sono sicuro che anche se la storia del no tav finisce, verrà rispolverato, basta vedere cosa sta succedendo in Grecia.

    2-300 euro valgono sicuramente di meno di un naso rotto o un braccio rotto.

    Poi una bella idea da portare alle manifestazioni sarebbe quella di cagare per alcuni giorni dentro un sacchettino e tirarla addosso ai manganellisti impasticcati, cosi quando saliranno sul pullman che li riporta in caserma forse riusciranno a capire di cosa sono fatti, di merda!

    Ormai viviamo in una dittatura mascherata da democrazia, è ora che la gente si svegli e capisca che bisogna combattere, i politici devo avere paura della popolazione!!

    Bisognerebbe scrivere qualcosa sulle persone codarde che pensano che tanto non ne vale la pena, pensano che tornare a casa con la coda tra le gambe sia la miglior cosa da fare per la loro famiglia invece di combattere per migliorare le cose tramanderanno ai loro figli un mondo del cazzo dove alcuni potenti si arrogano il diritto di fare il bello e il cattivo tempo sulle spalle di miliardi di persone.

  • Zret

    Sono controllati mentalmente, automi per picchiare con brutalità, ma anche fanatici.

  • cris79

    “so per certo (notizia avuta da un’ormai ex appartenente al corpo) che prima di essere inviati in posti caldi… passano loro una pastiglia”

    per favore!!! ma perchè si devono scrivere queste idiozie gigantesche?!
    fermo restando che la violenza non è mai tollerabile,il mondo è fatto di persone intelligenti e teste di [email protected]@@o…questo vuole dire che la feccia ci stà da per tutto,nei corpi di polizia in politica e in un qualsiasi posto di normale lavoro. Lo stesso vale per le persone oneste e da rispettare,che stanno anche nelle forze di polizia(è per fortuna aggiungo!).
    quindi evitiamo i luoghi comuni dei poliziotti tutti cattivi!!

  • marcoda

    siamo pacifisti, SENZA FARE APOLOGIA DI REATO E PER LEGITTIMA DIFESA PERSONALE..ma anche le pistole si trovano facilmente in commercio

    ormai col pretesto della licenza Per uso sportivo danno il porto d’armi a tutti, non serve nemmeno aver fatto il servizio militare o dei corsi per maneggiare un arma

    e l’esame di idoneità è per intenderci come quello della patente..basta pagare. così come il rinnovo non è obbligatorio presso una commissione medica asl, ma basta un medico generico

    non c’è poi da meravigliarsi che le tenute antisommossa della polizia si trovino così facilmente e per 4 soldi con i finanziamenti ridotti al lumicino, che gli danno.

    3°e ultima cosa:BASTA LEGGERSI IL PIANO DI RINASCITA DEMOCRATICA DELLA P2 PER VEDERE CHE IL CONTROLLO DELLA STAMPA E’ UNA PRIORITA’ (PROPRIETà DEI GRANDI GIORNALI NAZIONALI, E UOMINI DI FIDUCIA E CAMPAGNE COORDINATE NELLE TESTATE LOCALI). LA MASSONERIA POI HA DA SEMPRE AVUTO INFILTRATI DELLE FORZE ARMATE, MA A LIVELLO DI ALTI UFFICIALI, E CERCATO DI AVERE DALLA SUA GENERALI E COMANDANTI DELL’ARMA; P2 COMPRESA CHE NEGLI ANNI ’80 ANNOVERAVA TRA I SUOI MEMBRI GIORNALISTI, GENERALI, ALTI UFFICIALI DI POLIZIA

    IL CONTROLLO DELLA STAMPA E DELLA POLIZIA E’ DECISIVO

  • GinoAnceschi

    La donna forse perderà un’ovaia,questo grazie ai calci delle bestie pare.

  • Eli

    E poi la banda Bassotti al governo critica il governo iraniano e parla di diritti civili lesi!!! Loro fanno di peggio, e l’hanno dimostrato. Ma dovranno rassegnarsi, le grandi opere CONTRO la volontà popolare non si faranno, né oggi né mai.

  • MATITA

    SIAMO FOTTUTI PERCHE TUTI MALEDETTEMENTE
    EGOISTI E VILI…….SU QUESTO CONTANO I MALFATTORI DI TURNO,CONTANO SULL’EGOISMO,LA CORRUTTIBILITA,LA VILTA E L’IMMORALITA DIFFUSA….
    FINO A CHE SI DARA SPAZIO A PERSONAGGI TLEVISIVI ALLA CECCHI PAONE AVREMO SEMPRE PIU UNA CIVILTA EDONISTA,EGOISTA,LUSSURIOSA E SENZA VERI IDEALI.
    IL SISTEMA,IL SISTEMA DEI VERI LADRI E SFRUTTATORI LAVORA ASSAI BENE.
    CREDO CHE ORMAI ABBIA AVUTO LA MEGLIO DEFINITIVAMENTE

  • Eli

    Fabrizio De André: “…Da non riuscire più a capire che non ci sono poteri buoni”.
    http://www.youtube.com/watch?v=3BUXgCsiWV0

  • focussino

    A BASTAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    E’ ora che vi svegliate!!
    Questa è una guerra e come tale va affrontata!
    Ma vi piace tanto farvi bastonare da quei figli di pu****na??? Quanti siete nella Val di Susa???? leggo su Wiki 114000 persone se vi organizzate bene la polizia dei manganelli scapperebbe con la coda fra le gambe.
    Loro vengono a menarvi con caschi, scudi, protezioni in tutto il corpo e manganelli, VOI al massimo avete un giaccone.
    Mi sono sempre chiesto cosa farebbe la polizia se i manifestanti si dotassero di SCUDI, CASCHI, PROTEZIONI E BASTONI.
    Ve li immaginate 500 o 1000 poliziotti contro 10000 persone incazzate nere??? Sarebbero contenti di venire o si prenderebbero la giornata libera o andrebbero in mutua?
    Credo che se i manifestanti si organizzassero potrebbero dotarsi di tutti le protezioni ad un costo non troppo oneroso.
    Su un sito Americano vendono scudi in plexiglass per 60 dollari, se li prendete da qualche produttore cinese in grosse quantità ve li venderebbero per 10 o 15 dollari al massimo.
    Una cosa buona del capitalismo è che basta avere i soldi e si può comprare qualsiasi cosa, perche non comprarli?
    http://www.anlong.cn/en/producta.asp?BigClassName=ENFORCEMENT%20GEAR&SmallClassName=Shield
    http://www.bulletproofme.com/Riot-Shields.htm
    Avere gli scudi sarebbe già un buon inizio, un casco da moto è alla portata di tutti, le protezioni per gli arti bastano le protezioni da motocross costano poco e sono efficaci.
    Per la legge italiana portare un manganello vero e proprio è illegale, ma avere un mattarello di legno bello lungo non credo.
    Poi un pò di letture dell’epoca romana e delle loro formazioni non farebbe male.
    http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/a/ac/Testudo_formation.jpg/800px-Testudo_formation.jpg
    Con una spesa di 200-300 euro uno si può munire del corredo del perfetto manifestante, che tanto sono sicuro che anche se la storia del no tav finisce, verrà rispolverato, basta vedere cosa sta succedendo in Grecia.
    2-300 euro valgono sicuramente di meno di un naso rotto o un braccio rotto.
    Poi una bella idea da portare alle manifestazioni sarebbe quella di cagare per alcuni giorni dentro un sacchettino e tirarla addosso ai manganellisti impasticcati, cosi quando saliranno sul pullman che li riporta in caserma forse riusciranno a capire di cosa sono fatti, di merda!
    Ormai viviamo in una dittatura mascherata da democrazia, è ora che la gente si svegli e capisca che bisogna combattere, i politici devo avere paura della popolazione!!
    Bisognerebbe scrivere qualcosa sulle persone codarde che pensano che tanto non ne vale la pena, pensano che tornare a casa con la coda tra le gambe sia la miglior cosa da fare per la loro famiglia invece di combattere per migliorare le cose tramanderanno ai loro figli un mondo del cazzo dove alcuni potenti si arrogano il diritto di fare il bello e il cattivo tempo sulle spalle di miliardi di persone.

    SOTTOSCRIVO..MA CHE CA..O
    FARSI PRENDERE a manganellate gratis?almeno con un mattarello fatto passare sotto la protezione del casco…
    usando le loro tattiche però…
    in tre contro uno e poi fuga piccole cariche continue soprattutto quando soccorrono..non dare tempo..il problemo poi che magari arriva anche l’esaercito…ma tanto le prendete lo stesso ma almeno cosi uno si sfoga un pò..

  • castigo

    sarà anche un “luogo comune”, ma io non ne ho mai visto uno tirarsi indietro quando si tratta di manganellare donne, vecchi e ragazzini……..

  • dana74

    ragazzi grazie per la vs comprensione, siete fantastici..come valsusina lo apprezzo molto…

    per castigo…TAV è mafia allo stato puro..
    Nel nord la mafia si materializza in forme diverse che al sud
    Gli sbirri PROTEGGONO i loro interessi.
    Basta partecipare ad un qualsiasi consiglio comunale di una qualsiasi cittadina…ne vedi l’operato.
    Non è generalizzare credimi, è proprio così.
    Prova a partecipare al cons com della tua cittadina..chiaramente parlo del centro nord, al sud si materializza in altro modo.

    In una settimana hanno bruciato due presidi, pensi che stiano indagando?
    E proprioi quando c’era una massiccia presenza delle cosiddette forze dell’ordine.

  • alez

    “Maroni dovrebbe fare quel che feci io quand`ero ministro dell`Interno…
    Lasciarli fare. Ritirare le forze di polizia dalle strade e dalle università,
    infiltrare il movimento con agenti provocatori pronti a tutto,
    e lasciare che per una decina di giorni i manifestanti devastino i negozi,
    diano fuoco alle macchine e mettano a ferro e fuoco le città…
    Poi le forze dell`ordine non dovrebbero avere pietà e mandarli tutti in ospedale.
    Non arrestarli, che tanto poi i magistrati li rimetterebbero subito in libertà,
    ma picchiarli e picchiare anche quei docenti che li fomentano.”

    senatore a vita, ex ministro dell’interno, ex presidente della repubblica Cossiga

    non posso più vedere gente picchiata da sti vigliacchi servi
    l’unica opzione efficace e non manganellabile di resistenza rimane
    la RESISTENZA FINANZIARIA
    ValSusini, e tutti quelli a cui sta a cuore questa (ennesima) lotta
    andate domani a prelevare tutto ciò che avete sul conto
    lasciate solo 50 euri, o qualcosa per le bollette
    spiegate, o scrivete al direttore di filiale perché
    via da ogni “prodotto” finanziario (fondi pensione, assicurazioni, piani di accumulo,
    azioni, bot..) liquidate tutto.
    niente finanziamenti, rate, tagliate le spese, estinguete (chi può) i mutui
    vendete macchina, telefonino, cassonettate la tv
    risparmiate, tagliate il superfluo (sigarette, aperitivi, vestitini firmati, vacanze a Sharm, cena fuori, cappuccio al bar, outlet)
    riparate, riciclate, barattate, scambiatevi beni e servizi, banche del tempo, società di mutuo soccorso, usate monete complementari
    chi ha qualche soldino inutilizzato può comprare 500 lire argento e sterline oro
    il punto debole, l’unico, di ste merde è il grano
    leviamoglielo
    invece di perdere tempo, e botte ormai garantite nelle azioni “classiche”,
    studiamo, e diventiamo esperti di finanza
    se facciamo massa critica gli facciamo un culo così
    potremo inoltre affrontare la merda che sta arrivando meno indebitati,
    e cioè più liberi

  • backtime

    Mi dispiaccio per te cris79 se non rientri nella sfera degli intelligenti e fai parte del club delle teste di [email protected]@@o, a quanto pare la tua intelligenza non si smuove neanche a prove visive e di questo permettimi, non puoi certo addossare colpe ad altri, se poi non riesci da solo a comprendere che, facendo parte di un corpo al servizio di Stato, non puoi fare altro che esonerarti dagli ordini barbari se non “autolicenziandoti” chi rimane si compiace per ciò che fa portando a casa poi uno stipendio che gronda sangue innocente, pari pari a quello dei mafiosi.

    Meglio patire la fame che avere in carico una coscienza senza morale. Un cervello sano ragiona così.

  • Biribissi

    Le chiacchere stanno a zero..ci sono 4000 e rotti utenti registrati su CDC..chi viene in Val Susa domenica??solidarietà attiva..basta picchiettare su quei tasti.

  • sentinella

    se non ricordo male qualche tempo fa, complice anche il sindaco Chiamparino si è tenuta una manifestazione by partisan con gli imprenditori “interessati” alla Tav per ribadire un ennesima volta la NECESSITA’di quest’opera che darà da lavorare a migliaia di persone.
    Un ennesima grande opera che riempirà le tasche dei soliti imprenditori interessati e dalla dubbia necessità, visto che se percorrete le autostrade che attraversa la Val di Susa in direzione del Frejus e poi la Francia e Lione non ci trovate un gran traffico per cui viene da dubitare sulla indispensabilità di quest’opera.
    Sarà perchè ho sempre sotto gli occhi il volume di traffico sul tratto autostradale che passa da Modena, che confrontandoo al tratto di autostrada che da Piacenza va a Torino e da Torino verso il passo del Freius non mi è parso che fosse un tratto particolarmente critico come volume di traffico.
    O forse tutti passano da un altra parte chissà! Ma la strada più breve per raggiungere Lyone è proprio quella che attraversa la Val di SUsa e passa dal traforo del Frejus, che ha dei grossi problemi a quanto pare e che andrebbe a mio parere rimodernato. Ma non è che ne sappia molto in proposito, vedrò di cercare di informarmi in merito. Per quanto riguarda il movimento NO TAV VORREI CALDAMENTE PORGERVI LA MIA SOLIDARIETA’ E AMMIRAZIONE, NON VI CONSIGLIO COME ALTRI HANNO FATTO IN QUESTI POST DI PASSARE A GESTI VIOLENTI CHE VI ALIENEREBBERO L’OPINIONE PUBBLICA. E’ molto triste da dire ma fino a quando non ci scappa il ferito grave o il morto nessun media si occuperà mai dell’argomento essendo la cancellazione delle notizie il più efficace metodo di repressione.

  • cris79

    :))

    forse è meglio che impari a leggere tanto per iniziare,perchè è evidente che hai grossi problemi a codificare ciò che leggi mister!

    ” facendo parte di un corpo al servizio di Stato, non puoi fare altro che esonerarti dagli ordini barbari se non “autolicenziandoti” chi rimane si compiace per ciò che fa portando a casa poi uno stipendio che gronda sangue innocente, pari pari a quello dei mafiosi.”

    quindi i poliziotti sono tutti assassini che si compiacciono picchiando la gente?
    non si salva nessuno! 🙂
    sono tutti criminali,non combattono mai la mafia,non saltano mai in aria con le bombe o vengono uccisi mentre fanno il loro dovere?
    non fanno mai rispettare la legalità?
    ..no,niente di tutto questo,sono solo fascisti cattivi che si impasticcano prima di andare a picchiare la gente con piacere naturalmente :))

    Caro mio è meglio che fai incontrare quei due neuroni che ti sono rimasti per dire qualcosa di sensato, perchè al massimo tè puoi andare a fare l’anarchico e cantare bella ciaò :))

  • castigo

    io insisto, hai visto mai che ti si accende una lampadina.
    sarà anche un “luogo comune”, ma io non ne ho mai visto uno tirarsi indietro quando si tratta di manganellare donne, vecchi e ragazzini……..

  • Rossa_primavera

    Quando volevo farla come padano la resistenza finanziaria mi hanno detto che era un reato,ora e’ concessa?

  • Rossa_primavera

    Antagonista invero e’ un aggettivo e non un sostantivo Debora,magari tra un presidio e l’altro potresti approfondire le tue nozioni.

  • backtime

    Senti pulce del ’79 intanto l’anarchico vallo a fare tu, che io a differenza tua ho sia ideali che valori ed ambedue puliti, avendo un’età e quindi venendo da un tempo, in cui o certe cose facevano parte del tuo bagaglio di vita e i valori li insegnavano già in casa e come se ciò non bastasse, a scuola si accertavano che li avessi più che ben compresi.

    Per quanto riguarda il bella ciao (che si scrive senza la o accentata) varrebbe la stessa cosa di cantare faccetta nera, ovvero due facce della stessa medaglia, che hanno incantato e qualcuno ancora incantano, solo perché non hanno sufficentemente razionalità di valutazione o sarebbe meglio dire che hanno pensieri talmente malleabili che il primo che li fa sorridere poi se li incula facile, tanto sono ingenui.

    Inutile sarebbe spiegarti che i giovani di ieri non li confonderei mai coi giovani di oggi, questo per dirti che i giovani poliziotti che oggi picchiano facile donne e bambini, sono facenti parte della stessa generazione di quelli che mettono il cappello, ma non perché fa freddo, comprano giacchetti col cappuccio di pellicia e tengono scoperti i reni, mettono i calzoncini e calzano anfibi, le donne con le palle e gli uomini col fard ombretto agli occhi, unico valore droga sintetica e telefonino.
    Sai cosa è che li differenzia come valore? sia che abbiano ragione o torto tirano fuori il tesserino che gli altri non hanno, ed i più quando non vestono la divisa fanno quello che fan tutti gli altri.

    Che tu ci creda o no, poliziotti o carabinieri di una volta non erano così, ti ci potevi fidare davvero avendo valori ed ideali, oggi è solo un posto di lavoro come un’altro e la differenza si vede.

  • castigo

    Clap Clap Clap….. un applauso sincero!

  • castigo

    sagace intervento, il cui approccio programmatico estrinseca, al di là delle difficoltà e contraddizioni iniziali, in maniera articolata e non totalizzante, un indispensabile salto di qualità.
    complimenti, se ne sentiva proprio la mancanza!

  • Eli

    Qui c’è un’altra foto della signora Marinella Alotto, fatta in giorni successivi al ferimento ed alla VERA frattura del setto nasale della medesima
    http://www3.lastampa.it/torino/sezioni/cronaca/articolo/lstp/139802/.
    Come vedete, è ben diversa dal nulla che ci è stato offerto dal bluff di Papy
    nei pressi del Duomo…

    http://politicaesocieta.blogosfere.it/2010/01/silvio-berlusconi-senza-cerotti-i-dubbi-rimangono.html

  • Rossa_primavera

    Non era infatti un intervento ma una piccola puntualizzazione:mi procura tuttavia grande conforto sapere di avere la sua approvazione,arbiter elegantiarum.