Vaccino, esenzioni religiose per i cattolici tradizionali spiegate ai datori di lavoro

www.renovatio21.com

Renovatio 21 pubblica questo testo apparso sul sito del distretto canadese della Fraternità Sacerdotale San Pio X.

Il Distretto del Canada della Fraternità San Pio X, seguendo il magistero della Chiesa cattolica, sostiene i fedeli che chiedono l’esenzione religiosa dai vaccini COVID-19.

Sono due le questioni morali, che portano a rifiutare molti cattolici, che aderiscono al perenne magistero della Chiesa: la collaborazione al reato di aborto e il principio della «proporzionalità terapeutica».

Questo articolo spiega come l’insegnamento della Chiesa cattolica abbia portato molti cattolici a rifiutare certi interventi medici con convinzione religiosa.

La Chiesa cattolica insegna che una persona può essere obbligata a rifiutare un intervento medico, compresa la vaccinazione, se la sua coscienza informata giunge a questo giudizio. I seguenti principi riflettono il magistero autentico:

  • Esiste un dovere morale generale di rifiutare l’uso di prodotti medici, compresi alcuni vaccini prodotti utilizzando linee cellulari umane derivate da aborti diretti. È consentito utilizzare tali vaccini solo in determinate condizioni specifiche del caso, sulla base di un giudizio di coscienza. (1)
  • I giudizi informati di una persona sulla proporzionalità terapeutica degli interventi medici devono essere rispettati a meno che non contraddicano gli autorevoli insegnamenti morali cattolici. (2)
  • Una persona è moralmente tenuta a obbedire alla propria coscienza sicura. (3)

Collaborazione al reato di aborto

I cattolici tradizionali sono ben noti per la forte opposizione all’aborto. I vaccini COVID hanno utilizzato linee cellulari fetali abortite nel loro sviluppo e test. (4)

La credenza cattolica tradizionale, così come molte altre tradizioni religiose, sostenute dalla scienza di base, credono che la vita inizi al momento del concepimento, e quindi, per questi gruppi, lo sviluppo di questi particolari vaccini rappresenta un grave abuso della vita umana.

La Congregazione della Fede il 21 dicembre 2020, ha affermato al paragrafo 5 della «Nota sulla moralità dell’uso di alcuni vaccini anti-COVID-19»:

«…. la ragione pratica rende evidente che la vaccinazione non è, di regola, un obbligo morale e che, quindi, deve essere volontaria. In ogni caso, dal punto di vista etico, la moralità della vaccinazione dipende non solo dal dovere di tutelare la propria salute, ma anche dal dovere di perseguire il bene comune. In assenza di altri mezzi per fermare o anche solo prevenire l’epidemia, il bene comune può consigliare la vaccinazione, soprattutto per tutelare i più deboli ed esposti. Chi, invece, per motivi di coscienza, rifiuta i vaccini prodotti con linee cellulari provenienti da feti abortiti, deve adoperarsi per evitare, con altri mezzi profilattici e comportamenti adeguati, di divenire veicolo di trasmissione dell’agente infettivo…» (5)

Proporzionalità terapeutica

Per quanto riguarda la «proporzionalità terapeutica», si tratta di valutare se i benefici di un intervento medico superano gli effetti collaterali e gli oneri indesiderati alla luce del bene interno della persona, compresi i beni spirituali, psicologici e corporei. (6)

Il giudizio di proporzionalità terapeutica deve essere espresso dalla persona che è il potenziale destinatario dell’intervento medico (7) nelle circostanze concrete, non dalle autorità sanitarie pubbliche o da altri soggetti che potrebbero giudicare diversamente nelle proprie situazioni.

Tre particolari preoccupazioni mediche sono: uso sperimentale, mancanza di dati a lungo termine sugli effetti sulla salute e reazioni avverse inclusa la morte.

Tutti i trattamenti commercializzati come vaccini COVID-19 sono ancora in sperimentazione clinica di Fase III fino al 2023 e, quindi, si qualificano come esperimento medico.

Le persone che accettano questi trattamenti sono essenzialmente cavie. Non conosciamo le conseguenze sulla salute a medio e lungo termine di questi vaccini.

Sappiamo, anche ora, dalle etichette di avvertimento e dalle ammissioni delle aziende farmaceutiche e di Health Canada che i rischi del vaccino includono miocardite, pericardite e paralisi di Bell.

I normali test sui vaccini richiedono 5-10 anni o più. Ci sono state molte segnalazioni serie di effetti collaterali, le cui statistiche sono sufficienti a destare gravi preoccupazioni. Ciascuno dovrebbe fare liberamente un’analisi del rischio di beneficio. Se il rischio supera il beneficio, si è moralmente obbligati a seguire la propria coscienza. (8)

Obbedendo alla propria coscienza

Sebbene alcuni leader religiosi in tutto il Canada e nel mondo siano noti per promuovere i vari vaccini/iniezioni contro il COVID-19, ogni persona è tenuta a seguire il proprio dettame di coscienza per rifiutare un trattamento medico che ritiene offensivo per Dio e contrario non solo per il bene della società, ma anche per il suo benessere spirituale, morale e fisico.

Ciascuno, inoltre, riconosce di dover rispondere delle proprie azioni nel giorno del giudizio.

Il diritto positivo supporta tali esenzioni:

Codice di Norimberga – I vaccini contro il COVID-19 sono sperimentali. Costringere i cittadini canadesi ad accettare un’iniezione contraddice il Codice di Norimberga che richiede il consenso volontario e informato a qualsiasi trattamento medico: … prima dell’accettazione di una decisione affermativa da parte del soggetto sperimentale, dovrebbero essergli resi noti la natura, la durata e lo scopo del sperimentare; il metodo e i mezzi con cui deve essere condotto; tutti gli inconvenienti e i rischi ragionevolmente prevedibili; e gli effetti sulla sua salute o persona che possono eventualmente derivare dalla sua partecipazione all’esperimento. (Codice di Norimberga, 1)

Esistono altri accordi internazionali che contravvengono ai programmi di vaccinazione coercitivi, tra cui la Dichiarazione universale sulla bioetica ei diritti umani (2005) e la Dichiarazione di Helsinki (1964).

Carta dei diritti e delle libertà – Costringere le persone ad accettare un’iniezione contraddice la Carta canadese dei diritti e delle libertà che garantisce a tutti i canadesi la libertà di coscienza e di religione (Articolo 2) e il diritto alla vita, alla libertà e alla sicurezza della persona e del diritto a non esserne privato se non in conformità con i principi di giustizia fondamentale (articolo 7).

Giurisprudenza canadese – In Canada, il consenso informato agli interventi medici, compresi i vaccini, è la legge. (Vedi Cuthbertson vs Rasouli 2013-10-18; 2013 SCC 53).

Legge sulla discriminazione non genetica (2017) – Questa legislazione federale proibisce esplicitamente a qualsiasi persona di sottoporsi a qualsiasi test genetico come condizione per l’impiego e altri contratti. Il test PCR sarebbe considerato un test genetico come definito dalla legge.

Al centro della questione c’è che la vaccinazione non è un obbligo universale e una persona deve obbedire al giudizio della propria coscienza informata e certa.

Pertanto, se una persona arriva alla decisione, come molti hanno fatto, che deve rifiutare di ricevere un vaccino per motivi religiosi, è moralmente obbligata a farlo.

Costringere una persona a una diretta violazione della sua coscienza non può mai essere tollerato da una società libera e giusta.

NOTE

1) Cfr. Pontificia Accademia per la Vita, «Riflessioni morali sui vaccini preparati da cellule derivate da feti umani abortiti», 9 giugno 2005; Congregazione per la Dottrina della Fede, Istruzione Dignitas personae, 2008, nn. 34-35; Congregazione per la Dottrina della Fede, «Nota sulla moralità dell’uso di alcuni vaccini anti-COVID-19», nn. 1-3. Quando c’è una ragione sufficientemente seria per usare il prodotto e non c’è un’alternativa ragionevole disponibile, la Chiesa cattolica insegna che può essere permesso usare il prodotto di provenienza immorale sotto protesta. In ogni caso, che il prodotto venga utilizzato o meno, la Chiesa cattolica insegna che tutti devono manifestare il proprio dissenso e chiedere lo sviluppo di prodotti uguali o migliori utilizzando materiale biologico che non provenga da aborti.2) Cfr. United States Conference of Catholic Bishops (USCCB), Ethical and Religious Directives for Catholic Health Care Services, 6a ed. (Washington, DC: USCCB Publishing, 2018), n. 28. Di seguito «ERD».

3) «L’essere umano deve sempre obbedire al giudizio certo della sua coscienza. Se dovesse agire deliberatamente contro di essa, si condannerebbe. Eppure può accadere che la coscienza morale rimanga nell’ignoranza e dia giudizi errati su atti da compiere o già commessi». Catechismo della Chiesa Cattolica (Città del Vaticano: Libreria Editrice Vaticana, 1993), www.vatican.va, n. 1790 e Prummer Tomus I p. 203 Sola conscientia certa (sive directe sive indirettamente est recta regula morum.

4) https://www.lifesitenews.com/news/vaccine-specialist-details-which-shots…

5) https://www.vatican.va/roman_curia/congregations/cfaith/documents/rc_con_cfaith_doc_20201221_nota-vaccini-anticovid_en.html

6) Cfr. ERD, nn. 32-33; nn. 56-57; Parte terza, Introduzione, par. 2; Parte quinta, introduzione, par. 3.

7) Cfr. ERD, nn. 56-57. Entrambe queste direttive affermano che la proporzionalità degli interventi medici è stabilita «a giudizio del paziente».

8) Negli Stati Uniti al 13 agosto 2021, ci sono stati 13.627 decessi attribuiti ai vaccini COVIDe oltre 623.341 reazioni avverse. Di queste reazioni, 84.466 sono state gravi. Più di 2 milioni di eventi avversi e 21.000 decessi sono stati segnalati a un database delle reazioni ai farmaci dell’Unione europea. Fonte: https://openvaers.com/covid-data/mortality

Fonte: https://www.renovatio21.com/vaccino-esenzioni-religiose-per-i-cattolici-tradizionali-spiegate-ai-datori-di-lavoro/

Pubblicato il 03.11.2021

Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x