Home / ComeDonChisciotte / USA E BCE. LA VERA MISSIONE DELL'AGENTE GEITHNER

USA E BCE. LA VERA MISSIONE DELL'AGENTE GEITHNER

DI FEDERICO ZAMBONI
ilribelle.com

Nelle linee generali la notizia è di dominio pubblico, e non potrebbe essere diversamente, ma dell’aspetto decisivo parlano solo in pochi. E quei pochi, per di più, senza chiarirne le effettive implicazioni

La notizia è che Tim Geithner, ex presidente della Federal Reserve di New York e attuale ministro del Tesoro statunitense, è arrivato in Europa per sollecitare la Ue a procedere senza incertezze, e con la massima rapidità, ad assumere le misure necessarie al consolidamento dell’Euro. Le linee guida sono note: da un lato il contenimento obbligatorio della spesa pubblica, in modo da indirizzare quante più risorse possibili al pagamento dei debiti pregressi, nonché di quelli nuovi che si rendono necessari per rimpiazzare quelli vecchi che giungono a scadenza; dall’altro, appunto col pretesto di un coordinamento (e di una sorveglianza) a livello continentale, l’imposizione di una governance ristretta che riduca al minimo la sovranità nazionale, fino a sopprimerla, di fatto, quantomeno nelle questioni di politica economica. 

La parte molto meno nota è quella che riguarda il futuro ruolo della Bce. Come scrive il Sole 24 Ore, a firma del suo corrispondente dagli USA Mario Platero, Geithner «chiederà che Bruxelles traduca in azione gli impegni del 26 ottobre e che la Bce diventi prestatore di ultima istanza». L’intento, quindi, è che la Banca Centrale Europa si faccia carico di garantire la solvibilità di alcune categorie di creditori, tra cui gli Stati a rischio default. Una prospettiva che ovviamente non entusiasma la Germania, il cui ruolo di principale sottoscrittore del capitale Bce si trasformerebbe in un fardello enorme. 

Il punto è proprio questo: togliere risorse al sistema-Paese tedesco, imponendo tassi più elevati sul debito pubblico e rallentandone l’economia, ai fini di un duplice risultato. Primo, cancellare qualsiasi tentazione di egemonia continentale, o comunque di uscita dalla Ue come è strutturata attualmente. Secondo, ridimensionarne l’ingombrante presenza sui mercati internazionali, liberando un po’ di spazio a vantaggio degli USA. 

Washington – o piuttosto il potere finanziario che utilizza gli Stati Uniti come paravento, e come braccio operativo per agire in quegli ambiti diplomatici e militari che, almeno per ora, continuano a essere riservati alle nazioni – ha assoluto bisogno di un’Europa schiava delle sue esigenze. E asservire definitivamente anche la Germania diventa una priorità assoluta. 

Federico Zamboni

www.ilribelle.com
6.12.2011

Per gentile concessione de “La Voce del Ribelle”

La Voce del Ribelle è un mensile – registrato presso il Tribunale di Roma,
autorizzazione N° 316 del 18 settembre 2008 – edito da Maxangelo
s.r.l., via Trionfale 8489, 00135 Roma. Partita Iva 06061431000
Direttore Responsabile: Valerio Lo Monaco
All rights reserved 2005 – 2008, – ilRibelle.com – RadioAlzoZero.net
Licenza SIAE per RadioAlzoZero n° 472/I/06-599
Privacy Iscrizione ROC – Registro Operatori della Comunicazione – numero 17509 del 6/10/2008

Pubblicato da Davide

  • maremosso

    E’ da 100 anni che gli incipit delinquenziali nascono da Washington, altro che impero del male e stati canaglia. Di questo passo, anche i crimini di Hitler Mussolini e Stalin subiranno un ridimensionamento storico rispetto a quelli americani

  • Eshin

    Guerra contro tutti… ottima analisi qui:

    DEMOCRACY AND DEBT by Michael Hudson

    http://michael-hudson.com/2011/12/democracy-and-debt/

  • Eshin

    Guerra contro tutti… un’ottima analisi qui:

    DEMOCRACY AND DEBT by Michael Hudson http://michael-hudson.com/2011/12/democracy-and-debt/

  • Petrus

    E dunque?
    Non è forse questo, cioè il fatto che la BCE non sia prestatore d’ultima istanza, ciò che costringe i governi compreso il nostro a cercare fondi sul mercato, pagandoli quindi a caro prezzo?
    Non è forse lo strapotere tedesco all’interno dell’euro a schiacciare Grecia, Italia, Spagna e Portogallo?
    Ben venga dunque il successo della missione di sto tipo qui. L’unica cosa che mi rode è che debba venire uno da fuori, per risolvere i nostri problemi.
    Ma è questa, far divenire la BCE prestatore ultimo, l’unica uscita alternativa all’uscita dalla moneta europea, cosa che sarebbe vantaggiosa da un lato ma pericolosa da molti altri.

  • daveross

    Davvero un ottimo contributo questo. Grazie

  • ROE

    Il sistema sta affondando e non sarà la moneta a corso legale, il mezzo fondamentale della sua crisi, a salvarlo. L’unica soluzione sarà la “moneta del lavoro” da assegnare in parti uguali fra tutti gli abitanti del pianeta: sarà l’inizio dell’equa ridistribuzione della ricchezza (e delle responsabilità).

  • bstrnt

    Sono già ampiamente ridimensionati!
    Consiglierei alcuni saggi sull’argomento :
    1) “Il libro nero degli Stati Uniti” di William Blum (segreteria di stato USA sotto JFK)
    2) “Un paese pericoloso” di John Kleeves (al secolo Stefano Anelli)
    3) “Shock economy” di Naomi Klein
    4) “Perché ci odiano” di Paolo Barnard
    Ma ve ne sono molti altri che svelano le scomode e abominevoli verità tenute volutamente nascoste.

    Altro che “esportazione di democrazia e libertà”, quello che gli USA sanno esportare sono solo: terrorismo, miseria, corruzione e psicopatia!