USA: Dopo le provocazioni, gli allarmismi

L'ambasciata americana ha avvertito i cittadini della minaccia di attacchi terroristici a Mosca e San Pietroburgo

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Non c’è niente da fare, gli Stati Uniti hanno deciso che la guerra si farà, e se non sarà sul campo sicuramente sarà mediatica…e su questi sono bravissimi.

Dopo aver ipotizzato per giorni quando e come la Russia avrebbe invaso l’Ucraina – si diceva prima del 20 febbraio, data di fine Olimpiadi invernali di Pechino, e oggi è 21 – adesso ecco la nuova frontiera dell’allarmismo a stelle e strisce: il terrorismo.

Secondo quanto riportato da RIA Novosti infatti, ieri l’ambasciata americana a Mosca ha esortato i cittadini americani che vivono in Russia a preoccuparsi per la propria sicurezza e a prendere in considerazione la possibilità di lasciare il paese, a causa della “minaccia di attacchi terroristici” nelle principali città, Mosca e San Pietroburgo su tutte.

“Secondo fonti dei media, c’è una minaccia di attacchi a centri commerciali, stazioni della metropolitana e altri luoghi affollati nelle grandi città, tra cui Mosca e San Pietroburgo , nonché in aree di alta tensione lungo il confine russo con l’Ucraina”, riferisce la missione diplomatica.

Come sappiamo, dove non arrivano i muscoli americani, spesso arrivano terrorismo e rivoluzioni colorate. La strategia è sempre la stessa e il Cremlino la conosce bene, per questo motivo la portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha cercato subito di chiedere spiegazioni all’ambasciata circa il messaggio:

“La domanda all’ambasciata americana a Mosca è: avete trasmesso i dati rilevanti ai vostri colleghi russi attraverso i canali dei partner? Se no, qual è il significato di tutto questo?”

Pronta la risposta americana, arrivata nelle prime ore di questa mattina attraverso le parole di Jason Rebholz, portavoce dell’ambasciata americana a Mosca, secondo cui

“Negli ultimi giorni, un certo numero di media russi hanno riferito di un’ondata di ‘minacce di bombe’ in una serie di istituzioni, stazioni della metropolitana di Mosca, San Pietroburgo e altre località”

Davvero ne sanno più loro di cosa succede in Russia delle stesse autorità russe? Oppure siamo di fronte ad una modalità per aumentare la tensione? Io opto per la seconda. E nel caso avvenissero davvero degli attentati, attenti allo zampino americano.

Massimo A. Cascone, 21.02.2022

Fonte:

https://ria.ru/20220220/preduprezhdenie-1773968432.html

https://www.interfax.ru/russia/823380

https://www.interfax.ru/world/823268

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
4 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
4
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x