El jefe de policía de Cali, Manuel Vásquez (R), usa una máscara facial como medida preventiva contra la propagación del nuevo coronavirus, mientras entrega cajas de almuerzo a una familia en el distrito de Aguablanca en Cali, Colombia, el 6 de mayo de 2020. (LUIS ROBAYO/Getty Images/TNS)

Uno tsunami economico potrebbe presto precipitare mezzo miliardo di persone in condizioni di estrema povertà

Fonte: Concord Monitor

KATE LINTHICUM, NABIH BULOS and ANA IONOVA – Los Angeles Times

RIO DE JANEIRO – Sembrava che Silvanah Lima stesse finalmente facendo fortuna.

Nata e cresciuta nel nord-est del Brasile, colpito dalla siccità, si è trasferita con il suo compagno a Rio de Janeiro nel 2018, in cerca di lavoro. Lui è stato assunto come bidello; lei ha iniziato a vendere pasti per strada, e presto sono arrivati a guadagnare 280 dollari al mese – abbastanza per iniziare a risparmiare per costruire un giorno una casa nella propria regione di origine.

Il nuovo coronavirus ha messo quel sogno fuori della loro portata. Lima, che soffre di diabete e d problemi cardiaci, che la mettono a più alto rischio di morire se contrae il virus, ha smesso di lavorare una volta che la pandemia ha preso piede nella sua baraccopoli tentacolare, conosciuta come la Città di Dio.

Ora sembra che se non la uccide il coronavirus, lo potrebbe fare la fame.

“Dobbiamo pagare l’affitto, e non abbiamo i soldi”, ha detto Lima, 48 anni. “Non ho potuto nemmeno comprare i fagioli”.

La devastazione economica che la pandemia scatena sugli ultra-poveri potrebbe alla fine uccidere più persone del virus stesso.

Le Nazioni Unite prevedono che una recessione globale invertirà una tendenza di tre decadi di aumento del tenore di vita e farà sprofondare fino a 420 milioni di persone nella povertà estrema, definita come guadagno inferiore a 2 dollari al giorno.

Per quanto riguarda i 734 milioni di persone già in povertà estrema, lo tsunami economico renderà loro più difficile uscirne.

“Mi sento come se stessimo guardando un treno al rallentatore che si muove attraverso i paesi più fragili del mondo”, ha detto Nancy Lindborg, presidente dell’Istituto per la Pace degli Stati Uniti (senza scopo di lucro) ed ex capo della task force Ebola presso l’Agenzia per lo Sviluppo Internazionale degli Stati Uniti.

La fame sta già aumentando nelle parti più povere del mondo, dove l’isolamento e le misure di distanziamento sociale hanno cancellato i redditi e messo fuori portata anche i generi alimentari di base.

In Guatemala, gli abitanti dei villaggi chiedono l’elemosina per il cibo lungo le autostrade sventolando pezzi di stoffa bianca ai conducenti di passaggio. In Colombia, i più affamati appendono bandiere rosse dalle loro case nella speranza di ricevere donazioni.

L’ONU prevede che il coronavirus potrebbe spingere altri 130 milioni di persone sull’orlo della fame entro la fine del 2020. World Vision, un’organizzazione umanitaria internazionale cristiana, avverte che 30 milioni di bambini rischiano di morire.

“Voglio sottolineare che non solo stiamo affrontando una pandemia sanitaria globale, ma anche una catastrofe umanitaria globale”, ha detto David Beasley, direttore esecutivo del Programma alimentare mondiale dell’ONU.

 

Mentre il virus ha già martellato molte nazioni sviluppate, che ora stanno adottando misure caute per riaprire le loro economie, non ha ancora raggiunto il suo apice in molti dei paesi più poveri del mondo, il che significa che la devastazione economica potrebbe trascinarsi più a lungo.

La pandemia, iniziata in una città industriale cinese, ma che da allora si è estesa anche agli angoli più remoti della foresta amazzonica, ha messo a nudo la radicale interdipendenza del mondo moderno, causando interruzioni in tutto, dalla produzione industriale fino al commercio globale di stupefacenti.

In Messico, dove si stima che circa 1,6 milioni di famiglie sopravvivano grazie al denaro inviato dai parenti che lavorano negli Stati Uniti, molti cominciano a sentire l’impatto secondario della chiusura di ristoranti, alberghi e dell’industria edilizia a nord del confine.

“Le famiglie non ricevono le rimesse”, ha detto Abel Barrera Hernandez, un antropologo dello stato di Guerrero, uno dei più poveri del Messico.

La perdita di dollari ha costretto nelle ultime settimane alcuni agricoltori sussidiati a emigrare nel nord del Messico in cerca di lavoro, perché non hanno le risorse per coltivare il cibo sulla propria terra.

“Ci vogliono soldi per piantare le sementi, per comprare il fertilizzante e per pagare qualcuno che ti aiuti a raccogliere”, ha detto Barrera. Ma non ci sono soldi”. Nessuno ha soldi.

In molti dei luoghi più poveri del mondo, l’isolamento si è rivelato più distruttivo del virus stesso.

 

Prendete il campo di Shatila, a Beirut, un labirinto di vicoli percorsi da liquami fognari che ospita 20.000 profughi palestinesi.

L’acqua pulita scarseggia e le famiglie vivono in 10 per stanza in baracche di cemento ammuffito. La separazione consigliata per la distanza sociale – 180 cm. – è la lunghezza di alcuni appartamenti.

Sorprendentemente, non ci sono stati casi confermati di COVID-19 nel campo. Ma le persone che vivono lì – per lo più operai umili che comprano cibo un giorno alla volta – sono spinti più a fondo nelle difficoltà.

“La gente ha fame”, ha detto un funzionario che sovrintende alla gestione sanitaria presso l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi. “Ora la fame fa più vittime che il virus”.

Fawaz Gerges, professore di politica mediorientale alla London School of Economics and Political Science, ha affermato che molti paesi della regione hanno dovuto affrontare difficoltà finanziarie prima della pandemia, e si preoccupa del potenziale di disordini politici.

“Le economie erano già crollate”, ha detto Gerges. “La maggior parte delle persone si trovava già in condizioni di povertà estrema e il loro tenore di vita era in declino”.

Gli esperti dicono che la pandemia non farà altro che esacerbare le disuguaglianze globali, che sono aumentate negli ultimi decenni con l’allontanamento dei migliori lavoratori da tutti gli altri. Tra le altre cose, il divario tra gli abbienti e i non abbienti viene rafforzato da un crescente divario digitale, dato che la pandemia spinge a creare più posti di lavoro online.

“Sono entrato in case dove la gente non ha pane, né lattine di cibo, né zucchero, né gas da cucina”, ha detto Mohammad S Al-Zawahreh, un attivista della società civile giordana. “Non ha senso dire a queste persone di svilupparsi – imparare a usare Skype o Zoom – mentre i loro figli muoiono di fame”.

L’ONU e i gruppi di aiuto privato hanno lanciato l’allarme nelle ultime settimane, affermando che è necessaria una strategia internazionale concertata.

La scorsa settimana i funzionari delle Nazioni Unite hanno aumentato delle loro richieste di aiuti per il coronavirus da 2 miliardi di dollari a 6,7 miliardi di dollari, avvertendo che “lo spettro delle carestie multiple” si profila all’orizzonte.

“Se non agiamo ora, dovremmo essere preparati ad un aumento significativo dei conflitti, della fame e della povertà”, ha detto Mark Lowcock, che dirige l’Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari.

Ma ci sono crescenti timori che gli Stati Uniti e altre nazioni ricche – che stanno affrontando la pandemia sul loro territorio – non riescano a dare ascolto alla richiesta di aiuto.

“La mia grande preoccupazione è che la gente perda interesse per questo tipo di lavoro, e non ci sarà la volontà politica necessaria”, ha detto Joy Portella, una consulente statunitense per la salute e lo sviluppo.

A rischio sono tre decenni di progressi. Dal 1990, secondo la Banca Mondiale, più di un miliardo di persone – il 13% della popolazione mondiale – è uscito dalla povertà estrema.

I guadagni sono stati trainati dalla Cina e dall’India, dove la rapida industrializzazione ha alimentato un’importante crescita economica e innalzato il tenore di vita.

Gli economisti dicono che questi luoghi si riprenderanno più rapidamente rispetto ai Paesi meno sviluppati, in particolare nell’Africa subsahariana e in alcune parti dell’Asia meridionale, che dipendono dagli aiuti stranieri e non hanno i motori economici per riprendersi. I cittadini di quei Paesi subiranno gli effetti della riduzione della spesa per l’istruzione, l’assistenza sanitaria e i programmi di lotta alla povertà.

“Le persone che vivevano in povertà e vulnerabili prima di COVID-19 vivranno più in povertà e saranno più vulnerabili dopo”, ha detto Portella. “Meno ne hai, più tempo ci vuole per riprendersi”. La strada per riprendersi… è veramente molto ripida e dura”.

Ma lei e altri hanno detto che c’è il potenziale per un cambiamento positivo. I dibattiti di lunga data nel mondo dello sviluppo sull’importanza dell’assunzione di stranieri come operatori umanitari locali e sull’utilità dei trasferimenti di denaro – in contrapposizione alla donazione di beni – possono essere risolti con nuove restrizioni di viaggio.

Lindborg ha detto che spera che la natura globale della pandemia scateni un nuovo senso di empatia.

“La mia speranza è che questo sia un gigantesco momento di reset”, ha detto. Non sarà l’ultima pandemia”. … Ci sono altre cose che affronteremo insieme”.

Ma nelle parti più povere del mondo l’ottimismo è scarso.

In Venezuela, che per anni è stato tormentato dalla scarsità di cibo, dall’impennata dell’inflazione e dalle proteste di strada che chiedevano la rimozione del presidente Nicolas Maduro, la vita era miserabile per molti prima della pandemia, e non ha fatto che peggiorare.

A Caracas, Yelegnis Coromoto Andrade e suo marito una tempo guadagnavano circa 30 dollari al mese. mettendo insieme diversi lavori.

Da quando il ristorante dove lavoravano ha chiuso e le sue attività di pulizia delle case e di assistenza ai clienti anziani si sono esaurite, il loro reddito mensile è sceso a soli 3 dollari.

“Quest’anno abbiamo perso molto e la mia domanda è: come faremo a recuperarli? “Cerco di continuare a mettere il pane in tavola, ma tutto quello che vedo intorno a me è fame e bisogno”.

 

Link: https://www.concordmonitor.com/An-economic-tsunami-could-soon-thrust-half-a-billion-people-into-extreme-poverty-34301209

Traduzione pro-bono di Arrigo de Angeli per comedonchisciotte.org

 

Pubblicato da CptHook

Libertà va cercando, ch'è sì cara come sa chi per lei vita rifiuta. Chi è disposto a barattare un po' della propria liberta in cambio della sicurezza non merita né libertà né sicurezza (dedicato a tutte le "foche di balcone").
Precedente Riscoprire il pensiero originario
Prossimo Covid-19: scusate, correggo!