UNA MISSIONE SEGRETA SULL’AFGHANISTAN PREPARA LA GUERRA CON L’IRAN

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

blank
DI WILLIAM M. ARKIN
blogs.washingtonpost

Quelli che predicono la guerra con l’Iran o una specie d’October surprise di Bush-Cheney, a Tehran, stanno cercando costantemente i segnali delle preparazioni militari: un bombardiere B-52 che perde erroneamente, sul Dakota del Nord, i missili da crociera nucleari; una seconda o terza portaerei che entra nel Golfo Persico; un B-1 che si schianta nel Qatar.

Poiché è più probabile, che la guerra con l’Iran, non sarà fatta dai fanti di marina che sciamano sulle spiagge, ma sarà un attacco agli impianti nucleari e agli obiettivi “del regime”, i segnali come questi possono spesso solo essere dei miraggi. Il vero attacco non necessariamente deve avvenire con un avvertimento, ed i militari degli USA hanno sviluppato un intero sistema, chiamato “colpo globale”, per effettuare un simile attacco preventivo.

Una missione segreta, condotta nell’agosto scorso sull’Afghanistan, ha catturato la mia attenzione, perché ci dice tutto ciò che dovremmo sapere circa la capacità dei militari degli USA di condurre un attacco di sorpresa sull’Iran. Ed inoltre ci dice quanto inutile, un tale attacco, potrebbe essere.
Il 12 agosto 2007, quattro caccia F-16CJ hanno effettuato una missione di 11 ore, dall’Irak all’Afghanistan orientale, attraversando gli spazi aerei di sei nazioni differenti, prima di sganciare le bombe di precisione laser-guidate su una dozzina di obiettivi dei Taliban. Le squadre del volo record hanno ricevuto il trophy coveted del 2007, il premio Clarence MacKay dato annualmente per “il volo più meritorio” dell’anno.

La missione segreta non era mai stata tentata, secondo l’aeronautica ed i piloti hanno avuto assegnata una finestra di due minuti per concludere, con l’attacco, il loro volo di 2100 miglia.
L’intera missione ha richiesto 13 rifornimenti aerei, l’equivalente del volo New York-Los Angeles e ritorno. La missione è stata un successo, secondo l’aeronautica: ha provocato “dei duri colpi” che hanno permesso, alle forze al suolo della coalizione, di “condurre le incursioni sulle posizioni dei Taliban.” Tuttavia, un controllo delle notizie dall’Afghanistan, per la settimana del 12 agosto, non rivela nessun attacco aereo degno di nota. Il 12 agosto, la radio segnala uno scontro vicino al confine pakistano e la morte di tre soldati degli USA e del loro interprete afgano, uccisi da una bomba a bordo della strada.

Ulteriori scontri furono segnalati il 13 agosto ed il 14 agosto, ma nessuna missione significativa da bombardamento a sostegno delle forze USA o afgane. Il 15 agosto, il governo afgano ha annunciato un’operazione a grande scala, di tre giorni, nella zona di Tora Bora, un’operazione avviata subito in risposta all’uccisione dei tre soldati degli USA, a opera della IED della settimana prima.
I funzionari hanno detto che quasi 50 presunti Taliban e militanti pakistani sono stati uccisi, nell’operazione aria-suolo. I velivoli della coalizione hanno effettuato due sortite per designare le posizioni come bersaglio dei Taliban, in quella zona, ha detto un funzionario afgano.

Non dubito che la missione notturna degli F-16CJ fosse complicata e storica, così come fisicamente e mentalmente richiede. Le squadre, secondo l’aeronautica, hanno lavorato con nuove istruzioni operative e sono entrate in aree sconosciute. Il comandante dello squadrone ha avuto soltanto 18 ore per progettare e prepararsi per l’attacco. La missione era segreta, non era neanche stata inserita, e non erano stati previsti, dal Daily Air Tasking Order, il programma operativo quotidiano distribuito dai militari degli USA, ulteriori rifornimenti aerei e difficili sorvoli. Se il 12 agosto 2007, gli USA avessero ucciso il latitante Osama, od ottenuto determinate importanti vittorie in Afghanistan, si potrebbe pienamente valutare la missione ed il premio Trophy MacKay. Ma ritengo che la cosa importante, qui, sia che la missione ha funzionato come un orologio, non che qualche cosa d’importante, in Afghanistan, sia stato distrutto.

Nessuno sottovaluta lo sforzo od il successo. Ma se questa è stata realmente un’esercitazione per attaccare l’Iran, è più importante sapere su quale obiettivo la missione ha tenuto gli aeroplani, piuttosto che cosa sia stato realmente bombardato.

Versione originale:

William M. Arkin
Fonte: http://blogs.washingtonpost.com
Link: http://blogs.washingtonpost.com/earlywarning/
8.05.08

Versione italiana:

Fonte: www.eurasia-rivista.org/
Link: http://www.eurasia-rivista.org/cogit_content/articoli/EkEpVlkplEQyHXIMnD.shtml
12.05.08

Traduzione di Alessandro Lattanzio, redattore di Eurasia e animatore dei siti:
http://www.aurora03.da.ru/
http://sitoaurora.altervista.org/
http://xoomer.virgilio.it/aurorafile_,
_.

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
2 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
2
0
È il momento di condividere le tue opinionix