Home / ComeDonChisciotte / Una “Armata Invisibile” combatte le menzogne dei media sull' 11 settembre

Una “Armata Invisibile” combatte le menzogne dei media sull' 11 settembre

DI CHRISTOPHER BOLLYN

SANTA BARBARA, California – A circa cinquemila chilometri da New York e da Washington, questa idilliaca citta costiera della California è un focolaio di attivisti che lottano per svelare la verita’ su quello che veramente e’ successo l’ 11 Settembre. Un pugno di residenti locali è alla testa di uno sforzo nazionale per smascherare le menzogne che costituiscono la versione ufficiale degli eventi degli attacchi al Pentagono e al World Trade Center.
Un anno dopo l’ 11/9, Eric Hufschmid, uno sviluppatore indipendente di software, pubblico’ un libro, Painful Questions (Dolenti Note): Un analisi dell’attacco dell’11/9. Il libro, di Hufschmid in grande formato, contiene parecchie foto importanti a colori del World Trade Center e del Pentagono, inedite. Spese circa $6,000 per i diritti a usare foto ad alta risoluzione da Reuters, Associated Press, e altre fonti.

Le foto piu’ significative in Painful Questions sono quelle delle torri che crollano, che mostrano polvere e detriti sparati a decine di metri. Queste foto ad alta risoluzione svelano che la sezione dei 30 piani alti della torre Sud si spezza e comincia a piegarsi su se stessa, contrariamente allo scenario, generalmente accettato, del collasso indotto da un incendio ma promosso da investigatori nominati dal governo e dalla stampa tenuta sotto controllo. Le fotografie rivelano grosse esplosioni nel punto di rottura e in entrambi I punti quello alto e quello basso simultaneamente.

Piuttosto che cadere al suolo, le fotografie rivelano che la sezione di punta dei 30 piani, fu demolita da esplosioni che polverizzarono il calcestruzzo. Hufschmid presenta queste evidenze in una serie di 8 foto ad alta risoluzione.

Adesso, alla sua seconda edizione, Painful Questions, stampato su carta lucida di alta qualita’, presenta prove che smentiscono la teoria governativa della cospirazione che 19 Arabi armati di tagliascatole la fecero in barba ai militari e causarono la massiccia devastazione dell’ 11/9.

Il silenzio dei Media

Mentre il lavoro di Hufschmid viene citato in numerosi libri sull’ 9/11, nessuno dei Media che va per la maggiore lo ha mai contattato. Painful Questions puo’ essere ottenuto direttamente dall’autore al sito: www.hugequestions.com.

“La corrente principale dei Media ignorano le informazioni che non vogliono siano portate a conoscenza del pubblico,” dice Hufschmid. “La TV e’ l’arma moderna. E’ meglio di una bomba. Chiunque la controlli controlla la gente che, a sua volta non se ne rende conto. E’ contro questo mondo televisivo irreale che stiamo lottando. Il mio libro e DVD sono le armi per l’ armata invisibile in questa guerra dell’informazione.”

Domandandogli della reticenza dei media sulle domande senza risposta dell/11/9, Hufschmid ha detto: “Credo che qualcuno sia li a coprire i fatti, altri hanno paura a dire la verita’, altri sono semplicemente ignari.”

Sulla reazione dei militari ha detto: “Mi aspetto che i nostri militari siano preoccupati dal fatto di essere stati battuti da un gruppetto di persone primitive. Gli allenatori di Football fanno piu’ di una analisi delle loro partite per imparare dai loro errori.

“Se 19 Arabi senza tecnologia possono portare a termine un tale attacco e causare cosi’ tanta distruzione, cosa potrebbero fare 5.000 terroristi con tecnologia avanzata?”

Hufschmid non crede che i militari U.S. avrebbero permesso che la demolizione del WTC avvenisse. “Ha causato enormi sofferenze e devastazioni,” e “Mi sembra che sono state fatte da gente egoista i cui primari interessi non sono quelli dell’America.

“Alcuni membri della cospirazione hanno tratto profitto dall’attacco e demolizione del WTC per loro egoistici fini,” Hufschmid ha detto. “Senza l’attacco al WTC, avremmo avuto un semplice attacco al Pentagono simile a quello che vediamo nel piano Northwoods.”

La parte piu’ ovvia della truffa, secondo Hufschmid, sono la demolizione del WTC 7, l’esplosione delle torri in polvere in 10 secondi, la confisca delle evidenze video dagli uffici privati attorno al Pentagono e la mancanza di una qualche evidenza fotografica o sismica che un Boeing 757 abbia mai colpito il Pentagono.

Riguardo poi al rapporto della FEMA (Ndt: Ente tipo nostra protezione civile) sul comportamento del fabbricato, stabilisce che le cause del collasso del WTC 7 sono sconosciute. Hufschmid dice : “Possiamo mandare un uomo sulla luna ma non possiamo capire cosa sia avvenuto al fabbricato 7?”

Comportamento sospetto di Silverstein

Domandandogli di Larry Silverstein, il proprietario del WTC 7, che aveva ottenuto un affitto di 99 anni solo 5 settimane prima del 11/9, Hufschmid ha risposto: “Silverstein doveva sapere che le torri erano state buttate giu’ con esplosivi. Ammise persino alla PBS che il comandante dei vigili del fuoco demoli’ il palazzo – come Silverstein ebbe a suggerire – piuttosto che domare l’incendio.”

Ottomila copie di Painful Questions sono state distribuite, soprattutto grazie agli sforzi dell’”armata invisibile” di cittadini ordinari che hanno acquistato il libro di Hufschmid in massa e lo hanno distribuito.

Un altro residente, Jimmy Walter, ha inviato Painful Questions e la versione DVD di due ore di Hufschmid a tutti i membri del congresso a sue spese. “sono stato cosi’ impressionato da questo libro e dagli interrogativi che pone,” Walter scrive, “che inviero’ una copia gratis a ogni stazione dei vigili del fuoco, di polizia. Giudice o politico che lo richieda.”

In Settembre, Walter compro’ una inserzione a pagina intera a colori in alcuni principali giornali e riviste come Newsweek, BusinessWeek, e il The New York Times, promuovendo Painful Questions e sollevando alcune delle “assai problematiche” e domande senza risposte sul 11/9.

L’inserzione di Walter sul Reader’s Digest,comunque, fu cancellata dall’editore, – senza spiegazioni – dopo essere stata accettata. American Free Press, che non vende piu’Painful Questions, vendette centinaia di copie nel breve periodo che lo fece.

Hufschmid ha detto alla AFP che non vende un libro alla volta a privati. “Viene soprattutto comprato in quantita’ da casalinghe e cittadini ordinari preoccupati del futuro di questo paese. Comprano il libro e il DVD e lo passano ai loro amici. Spesso e’ difficile per costoro far accettare seriamente quanto e’ in ballo: turba e spaventa le persone.”

Hufschmid racconta che prima che cominciasse a scrivere Painful Questions, era frustrato dal silenzio dei Media, dei professori e dei professionisti da cui si aspettava guida e farsi domande nei discorsi pubblici sull’ 11/9. “Il silenzio era scioccante” .

Un altro residente, David Ray Griffin, ha recentemente pubblicato il suo libro la Nuova Pearl Harbor. Hufschmid nota che sebbene Griffin vive a meno di tre chilometri, “Eravamo ignari del lavoro di ognuno fino a pochi giorni prima della pubblicazione del libro di Griffin.”

Senatore Minacciato

Il 12 Ottobre, l’ufficio in Washington del senatore Mark Dayton (D-Minn.) fu improvvisamente chiuso sino a dopo il giorno delle elezioni per motivi di sicurezza. L’ufficio di Dayton nel Minnesota disse alla AFP che la chiusura era basata su informazioni contenuto in un rapporto di intelligence.

Bill Pickle, cerimoniere al senato U.S. disse all’ AFP che il Sen. Dayton aveva mostrato cautela e agi’ secondo le informazioni di intelligence dalla settimana precedente. Il portavoce di Dayton non pote’ essere raggiunto prima del tempo per andare in stampa.

All’udienza del congresso del 31 Luglio, Dayton parlo’ francamente e si lamento’ delle menzogne e incompetenze nel rapporto ufficiale della Commissione dell’ 11/9. Parlando delle menzogne dei militari sulle loro mancanze nel rispondere propriamente agli aerei “dirottati” , Dayton disse: “Loro [NORAD] hanno mentito al popolo Americano, hanno mentito al Congresso e hanno mentito alla vostra Commissione per l’ 11/9 per creare una falsa impressione di competenza, comunicazione, coordinazione e protezione del popolo Americano.

“Noi possiamo aggiustare tutte le “sviste” possibili a ulteriori e grossi costi per il contribuente Americano, ma non varra una pensione della Enron (praticamente nulla ndt) se le persone responsabili ci mentono; se prendono I documenti li falsificano e vanno avanti con quelli.”

La parte superiore comprendente I 30 piani della Torre Sud si e’ spezzata. Come Hufschmid descrive: ‘Le nuvole bianche mostrano che il processo di polverizzazione avviene nella porzione della torre che e’ sotto la zona del fuoco.’ [Painful Questions, p. 47]

Christopher Bollyn – American Free Press
Fonte:www.rumormillnews.com/cgi-bin/forum.cgi?read=57594
Last updated 16/03/2005

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di Alfredo Viti

LEGGI ANCHE:

LA SECONDA ONDA

LA STORIA UFFICIALE: LE TWIN TOWERS

Pubblicato da Davide