Un pene in mare?

L’equipaggio della “Ever Given” avrebbe disegnato un pene nel mare

La nave portacontainer “Ever Given” è tuttora bloccata nel canale di Suez. Il giorno dopo l’incidente ha fatto notizia il percorso molto insolito che la nave stava percorrendo.

L’Ever Given è ancora bloccata e non si muove neanche di un centimetro. Martedì mattina la nave, una gigantesca portacontainer battente la bandiera di Panama, ha imboccato l’entrata del canale di Suez da sud. Dopo solo sei chilometri il gigante si è incagliato improvvisamente. Il bulbo di prua è penetrato molto in profondità nella riva est del canale, mentre la poppa si è incastrata sulla riva ovest. È stata forse una burrasca a portare la nave fuori rotta? Scarsa visibilità a causa di una tempesta di sabbia? Un malfunzionamento tecnico? Un errore umano? Per ora, non abbiamo risposte certe su quanto sia realmente accaduto.

Nessuno dei rimorchiatori presenti nella zona del blocco (e ce ne sono parecchi) è riuscito finora a liberare la Ever Given. La nave si è bloccata su entrambi i lati del canale e un centinaio di navi, sia mercantili che petroliere, sono rimaste bloccate. Gli esperti di salvataggio in mare olandesi hanno riferito al giornale DER SPIEGEL di aver ricevuto l’incarico di disincagliare la nave. Come faranno? Dicono che non sarà facile.

Il giorno dopo l’incidente la nave cargo sta facendo ancora notizia a causa di un video piuttosto bizzarro. Il suddetto video mostrerebbe la rotta della nave, registrata dal tracker elettronico mentre il capitano aspettava il segnale per entrare nel canale. Quello che inizialmente nel video sembrava uno scarabocchio senza senso diventa un’immagine globalmente riconoscibile: il capitano e il suo equipaggio hanno disegnato, con una nave lunga 400 metri, una sorta di pene.

Ma è vero? La società che gestisce il servizio di tracciamento navale, la VesselFinder, twitta quanto segue:

Il percorso completo in questo video.

“Lo ha davvero fatto?” si potrebbe chiedere l’osservatore neutrale. Un gigantesco arnese come quello, con un valore totale di circa un miliardo di euro (nave più carico) sarebbe stata usata come matita per un navigatore annoiato?

Cosa ne dice la dirigenza della società armatrice ? Un portavoce di Bernhard Schulte ha spiegato a DER SPIEGEL: “non è insolito che delle navi temporeggino nei dintorni in attesa di entrare nel canale”.

Casualità? Quando è stato chiesto perché la rotta percorsa assomigliasse all’apparato sessuale maschile, il portavoce ha risposto che si tratta di una “pura coincidenza”. Eppure, non ci vogliono grandi voli pindarici per capire il reale motivo.

Di fatto, i timonieri della Ever Given non sarebbero i primi conducenti a disegnare peni e testicoli intorno al mondo. I piloti d’aereo hanno idee simili ogni tanto. Alla domanda se ci sarebbe stata un’indagine interna, il portavoce ha rifiutato di rispondere. Sono completamente concentrati sul recupero, dice.

Nella mattinata di giovedì è fallito un altro tentativo per liberare la nave. Cosa farà ora l’equipaggio contro la noia?

 

Fonte: https://www.spiegel.de/wirtschaft/vor-havarie-im-suezkanal-kapitaen-der-ever-given-malt-einen-penis-ins-meer-a-f46c15ee-0ed4-4ba4-b4c9-c7d31bd66c07

Traduzione di Francesco Paparella per ComeDonChisciotte.