Home / ComeDonChisciotte / UN LEADER MONDIALE FUORI DI TESTA CONTROLLA IL BOTTONE NUCLEARE

UN LEADER MONDIALE FUORI DI TESTA CONTROLLA IL BOTTONE NUCLEARE

DI WAYNE MADSEN
onlinejournal.com/

È stato accusato di istigare gli attacchi di piromani nel suo paese per accrescere la sua popolarità prima delle elezioni; è stato contestato dall’ex presidente cubano Fidel Castro, che ha detto che “sta impazzendo” e che non ci si può fidare di lui, dato che ha il controllo del bottone nucleare; sta facendo pulizia etnica nel suo paese; è coinvolto in uno scandalo per aver ricevuto finanziamenti illegali da un’ereditiera miliardaria durante la campagna elettorale; è sospettato di essere un agente dei servizi segreti esteri; ha attaccato verbalmente il vicino Lussemburgo, che è la metà del Delaware e ha litigato pubblicamente con il presidente della Commissione Europea.

Non stiamo parlando di un dittatore del Medio Oriente o dell’ Asia Nord-Orientale, bensì del presidente francese, Nicolas Sarkozy. Sarkozy ha deportato i Rom dal suo paese e ha messo in discussione la “francesità” dei cittadini francesi discendenti di musulmani o arabi, una bella faccia tosta, considerando che lui stesso ha origini ungaro-ebree.

Nella foto: David Harris direttore dell’ American Jewish Committee premia il presidente francese con il “ Light Unto The Nations Award”. I media francesi hanno riportato che Sarkozy è da tempo un pezzo forte del Mossad israeliano, e che ha ricevuto il premio “Light Unto The Nations” dalla American Jewish Committee, per le sue politiche a favore degli Israeliani. L’unico vero alleato di Sarkozy, in Europa, è il volubile e neofascista Primo Ministro italiano, Silvio Berlusconi.

Sarkozy, consapevole di essere basso e privo di sex appeal, sembrerebbe vestire i panni di un tipo che usa la presidenza, il jet privato e le armi nucleari, per soccombere alle proprie mancanze, alla maniera di Napoleone.

Gira voce che il suo rivale, l’ex Primo Ministro e Ministro degli Esteri Dominique de Villepin, leader del nuovo partito, Republique solidaire, abbia attirato persino i dolci occhi della moglie di Sarkozy, la modella Carla Bruni, facendo sospettare che il megalomane presidente francese non sia buono a nulla.

De Villepin, che ha definito Sarkozy un “nano,” e ha affermato che il divorzio dalla sua prima moglie Cecilia, nonché i recenti problemi di coppia con Carla Bruni, dipendono dal fatto che nei pantaloni del presidente non ci sia niente che una donna possa trovare interessante, ha criticato la sua partecipazione alla guerra in Afghanistan. Quando era Primo Ministro, de Villepin aveva fatto pressione sul Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per non approvare la risoluzione della guerra in Iraq, diventando un bersaglio dei neoconservatori in Francia come all’ estero.

Gli osservatori delle Nazioni Unite hanno fatto notare che durante la sua visita all’ONU, Sarkozy si è dovuto alzare sulle punte, accanto agli altri leader mondiali.
Questa settimana ha cancellato una conferenza stampa per il summit dell’ Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

In perfetto “stile Hitler”, il presidente francese ha minacciato di appendere de Villepin a un uncino dal macellaio. In risposta, de Villepin ha affermato che non riesce a concepire come una bella donna come la Bruni possa essere sposata con un “buffone” del genere. L’avvocato di Sarkozy, Thierry Herzog, ha promesso al suo cliente la testa di de Villepin su un piatto d’argento.

Poiché il futuro politico di Sarkozy in Francia sta vacillando, il pericolo è che lui possa uscire completamente dai gangheri e minacciare gli altri paesi con la force de frappe, ovvero la forza d’urto. Sarkozy ha il dito sul bottone del terzo arsenale nucleare più grande del mondo, dopo gli Stati Uniti e la Russia. La triade nucleare francese è composta da missili installati a terra, sottomarini nucleari e bombardieri. Sarkozy è uno dei sostenitori della lotta contro l’Iran, dando supporto ai suoi alleati a Gerusalemme, fanatici quanto lui.

Mentre il mondo è costantemente esposto a ciò che dicono le grandi società e i media neoconservatori circa la minaccia nucleare rappresentata da Iran, Pakistan, e Corea del Nord, molto poco si dice della terza potenza nucleare del mondo, guidata da un individuo che ha attaccato verbalmente il Lussemburgo, che sta facendo pulizia etnica nel suo paese, cacciando via persone “non gradite” e che ha tentato di annientare de Villepin, suo rivale in ambito politico e in sex appeal, attraverso una causa non andata a buon fine.

Se nel 2012 Sarkozy orchestrasse una frode elettorale per assicurarsi un altro mandato all’Eliseo, come ha già fatto nell’ultima corsa contro il leader socialista Segolene Royal, il mondo dovrebbe smettere di pensare all’Iran, al Pakistan e alla Corea del Nord, e cercare invece di confiscare militarmente le armi nucleari alla Francia, poiché sono nelle mani di un soggetto che si crede la reincarnazione di Napoleone.

Se il partito di de Villepin, il vero erede politico di Charles de Gaulle, riuscisse a cacciare Sarkozy dal Palazzo dell’Eliseo, Parigi non sarà più la base preferita dei neoconservatori per le loro operazioni. La Francia, insieme a Russia, Turchia, Brasile, Venezuela, Argentina, e altre nazioni di mentalità analoga, può iniziare a controllare i neoconservatori a livello mondiale e riprendere il suo potere all’ ONU, alla NATO, a Washington, a Londra, a Ottawa, e a Berlino. Il WMR appoggia Dominique de Villepin come presidente della Francia e il suo partito Republique Solidaire. L’ Eliseo deve tornare nelle mani di una persona che davvero crede negli ideali di “liberté, egalité, et fraternité” e che non appoggia il razzismo e il fascismo. Vive la France sans Sarkozy!

Wayne Madsen è un giornalista investigativo e colonnista conosciuto a livello nazionale di Washington DC. È redattore ed editore del Wayne Madsen Report (disponibile su abbonamento).

Fonte: http://onlinejournal.com
Link: http://onlinejournal.com/artman/publish/article_6360.shtml
23.09.2010

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di STEFANIA MICUCCI

Pubblicato da Davide

  • martiusmarcus

    Ma è vero? Ora capisco perché la parola “giornalista” sta diventando un’offesa. Costui è davvero un gigante dell’informazione… Forse si tratta di qualcuno pagato da Sarkozy per farlo diventare simpatico (o già paga quel coglioncione di Villepin che fa politica dicendo che ce l’ha più lungo?). E tira fuori anche la force de frappe, quest’impunito, come se non avesse fatto bene De Gaulle a farsela, l’atomica, invece di continuare a lucidare gli stivali degli angloamericani (come ci è toccato a noi, dal 43 a oggi compreso).
    Ultima notazione: è con lo stesso metodo che mi hanno fatto diventare simpatico perfino Berlusconi, povera bestia?…

  • VeniWeedyVici

    Sante parole… Ma io mi chiedo, come cacchio fanno a votare un nano (in tutti i sensi) del genere? Allo stesso modo in cui in Italia votano Berlusconi e qui Wilders? E’ una questione di studio da parte loro sui target elettorali, o semplicemente gli occidentali sono ritardati? Ai posteri… No, io mi esprimo, e tutto sulla seconda. Io non ce li vedo i sopracitati imbecilli a studiare i target, magari qualcuno qualificato lo fa per loro; in ogni caso non basta l’ ingegneria sociale, che, senza l’ imbecillita’ naturale degli occidentali in genere, non potrebbe essere utilizzata con cotanto successo.

    Nota: a molti dell’ UAAR piace un sacco Sarkozy, giusto per rendere l’ idea di che gente ci sia a razionalizzare in quell’ associazione di buffoni. Se sei ateo/agnostico e stai leggendo, non fare il mio stesso errore: lasciali sguazzare nell’ idiozia da soli, fino alla fine.

  • Bellerofon

    Accozzaglia di sciocchezze inaudite, intrise di greve trivialità, della consueta marca anglo-americana. La storia, poi, che la valigetta nucleare sarebbe in balia dei supposti capricci “borderline” del Presidente francese è semplicemente grottesca. Ormai questi pamphlets offensivi e diffamatori sono talmente stupidi che sembrano ispirati direttamente dai militari.
    Guai a chi disobbedisce ai dictat di Bruxelles: il Governo Mondiale procede spedito a grandi passi, chi si mette fuori dalle righe ha il destino segnato.

  • andyconti

    De Gaulle come unico errore ha proprio fatto quello di buttare via un sacco di soldi in spese nucleari che non c’entrano niente con la capacita’ di proteggersi o di essere indipendenti dagli Usa (Cuba si difende con poco da mezzo secolo). Pero’ si puo’ anche discutere sulla qualita’ dell’articolo, magari un po’ superficiale. resta il fatton che Sarkozy e’ un agente de neo-con e tanto basta a vler vederlo fuori dall’Eliseo.

  • grilmi

    Non dimenticate che Sarkozy è l unico, dico l unico leader al mondo che ha fatto anche un altra cosa che qua non viene minimamente nominata, la proposta di una tobin tax, che significherebbe la fine delle cosiddette transazioni al alta velocità tanto care a wall street e city, se solo fosse in grado di operare un simile miracolo sarei disposto ad appendermi una foto in camera di lui nudo col dito sul bottone tanto temuto dall articolista. Riguardo alla “pulizia etnica” come la chiama questo cosiddetto giornalista, si è trattato di mandare via alcuni rom e non posso criticare tali decisioni, 1)il buonismo e il “vogliamoci tutti bene” vale tanto a parole ma quando una grossa schiera di rom venisse ad alloggiare nei pressi di casa vostra, tutto quell altruismo crollerebbe bruscamente, 2)i media tentano di confondere rumeni con rom, ma il concetto è ben diverso, la tradizione di questi ultimi si basa sul non lavorare, sporcare e non pulire, chiedere l elemosina, se non dedicarsi al furto in appartamenti 3)la stimatissima signora che ha accusato la francia di paragonare il comportamento del pres francese a quello dei nazisti dovrebbe vergognarsi prima di tutto perche la legge stessa del paese in cui risiede, vieta di fatto a tutti di rom persino di entrarvi, da li la divertente battuta di Sarko che invitava la donna ad occuparsi personalmente dei poveri “deportati”.4)La tolleranza per un popolo ospite è proporzionale al rispetto che quest ultimo ha nei confronti del padrone di casa, facendo un paragone nel piccolo vorrei vedere se si presentassero sull uscio di casa vostra una dozzina di stranieri che vogliono mangiare, dormire tutti i giorni a sbaffo e se nn gliene date vi mandano almeno varie maledizioni nella loro lingua. In un paese civile il rispetto reciproco è essenziale e primario, ma ancor più importante è garantire ai propri cittadini che pagano le tasse di vivere serenamente. Punto.

  • costantino

    volevo scrivere le stesse cose .
    perfetto.

  • costantino

    Fra l’altro (se proprio parliamo di Israele) sto pennivendolo si è dimenticato di dire con chi è sposato De Villepin.

  • VeniWeedyVici

    L’ha fatto per fottere voti anche alla sinistra, come ha espresso le sue intenzioni di pulizia etnica per fottere voti all’ estrema destra. E’ solo un nano subdolo che gioca con il potere, crede che sia come corteggiare una mignotta italiana, dicendo tutto e il contrario di tutto, ci finisci a letto.

  • dana74

    sottoscrivo ogni parola di grilmi

  • dana74

    oltretutto com’è che lo infastidisce il nucleare francese ora, che la Francia ce l’ha da una vita, sarà mica per la tobin tax che devono silurarlo?
    Inoltre la cosiddetta deportazione la applica ai rom già giudicati colpevoli di reati, non ha dichiarato la pena di morte a persone innocentie prive di macchia…

    piuttosto si occupi il caro wayne degli psicopatici alla Van Creveld che minacciano chiunque con le sue testate nucleare mai dichiarate!