Home / ComeDonChisciotte / UN IRAK SICURO E PACIFICO

UN IRAK SICURO E PACIFICO

DI SHERIF EL SEBAIE

Più sicuro e pacifico di cosi si muore: ieri  tre membri della famiglia del “presidente” iracheno sono stati rapiti da alcuni uomini armati appartenenti ad un’organizzazione islamica che ora chiede la sospensione dell’attacco a Falluja e la liberazione di detenuti e detenute. Mi viene da pensare che Allawi non ci tenesse più di tanto a moglie e suocera: cosi ha pensato di sbarazzarsi di entrambe in un colpo solo, inscenando – o favorendo – un rapimento 🙂 oppure, ipotesi più plausibile ancora, il cosiddetto “governo” iracheno che sta portando pace e sicurezza  da più di un anno a questa parte in Irak fa acqua da tutte le parti e non riesce nemmeno a garantire la sicurezza di sè stesso. Voglio dire: ve li immaginate degli uomini armati che rapiscono tre membri della famiglia di Saddam, inclusa sua moglie? Non che Saddam fosse una brava persona o sua moglie una donna particolarmente attraente, ma almeno l’ordine pubblico lo sapeva garantire. Domanda cruciale: uno stato che non è nemmeno in grado  di proteggere la moglie del presidente come fa a proteggere i suoi cittadini?

Non vengano ora a raccontarci che in Irak c’è solo una “banda” di terroristi scatenati. Non si rapisce la moglie di un presidente cosi facilmente, in un paese mediorientale poi, manco a parlarne ! Sopratutto se poco prima il presidente in questione ha preso la decisione di sterminare un’intera città (Falluja) ricorrendo all’aiuto di  forze straniere. E dire che a garantire la sicurezza dei membri del governo sono proprio i soldati americani. Quest’ ultimo umiliante rapimento la dice lunga sulla loro preparazione.

Non parliamo poi delle povere reclute irachene che vengono catturate e giustiziate a bizzeffe. Ma stiamo scherzando? Interi plotoni catturati o massacrati senza colpo ferire? E meno male che ad addestrarli ed armarli è l’esercito più potente del mondo. Evidentemente la sicurezza degli iracheni, a cominciare dal loro sedicente presidente, non gliene frega più di tanto…

Sherif El Sebaie
Fonte:http://sherif.clarence.com/
11.04.05

Pubblicato da Davide