UN DIRITTO DA 20 MISERI CENTIMETRI ?

DI PAOLO BARNARD

E’ l’estate del 2000, sono a Boston per la mia prima intervista a Noam Chomsky. A chi non lo conoscesse rammento che Chomsky è il più noto intellettuale dissidente americano di sempre, definito dal New York Times “probabilmente il più importante pensatore vivente”, ed è il linguista di maggior calibro del XX e XXI secolo. Insegna al prestigioso Massachussets Institute of Technology (MIT), dove è professore ordinario.

Bene, sto per incontrare questo mostro sacro della cultura accademica nel suo ufficio all’MIT e vengo avvisato dal suo segretario che l’intervista non potrà durare più di 60 minuti, poiché “Chomsky ha un importante appuntamento alle 17 precise”. Non nascondo a costui il mio disappunto: rappresento un network televisivo nazionale (RAI), sono venuto da oltreoceano per intervistare il professore, ho preso questo appuntamento 3 mesi fa, e ora ho solo 60 minuti per montare la telecamera, i microfoni, fare le prove audio e video, poi sbrigare un tema come il Debito del Terzo Mondo, Fondo Monetario, Banca Mondiale, sperequazione della ricchezza… Niente da fare, il prof. ha un impegno. Fine della discussione.

A seguire: “Nè rossi nè neri, solo liberi pensieri”. Qualche riflessione sulla manifestazione romana contro il decreto Gelmini (Carlo Gambescia);’

L’intervista è piacevole, Chomsky è gentile, tutto fila liscio, ma dopo 59 minuti, accidenti a lui, il segretario bussa lievemente alla porta e si mostra a Chomsky attraverso il riquadro di vetro della stessa. Sessanta secondi dopo è l’intellettuale in persona che con un sorriso mi dice “time’s up, sorry..”, il tempo è finito, spiacente. Un rapido saluto, stretta di mano e fuori dallo studio con tutti i marchingegni del mio mestiere. Chomsky richiude l’uscio alle mie spalle.

Sono nell’anticamera indaffarato ad arrotolare cavi, riporre microfoni, controllare le cassette, ma non manco di guardarmi intorno in attesa dell’arrivo di questo ospite così imprescindibile. Non c’è, non arriva, nessuno ha suonato, non ci sono colleghi di altri network in coda per un’intervista. Il segretario armeggia col suo pc, un paio di tizi (presumibilmente docenti) camminano da un ufficio all’altro senza alcuna intenzione di dirigersi da Chomsky, un ragazzino meno che ventenne se ne sta seduto alla mia destra sfogliando testi e appunti. Per il resto calma piatta. Ma dov’è sto pezzo da novanta per cui mi hanno messo le braci al sedere?

Saranno passati sette minuti, quando Chomsky riapre l’uscio dello studio e con fare cortese invita il ragazzino ad entrare. I due si accomodano e iniziano la conversazione, li vedo attraverso il riquadro in vetro. Ancora la mia mente si rifiuta di arrendersi all’ovvia realizzazione, e in un residuo sforzo di capricciosa incredulità mi spinge a chiedere al segretario “ma è quel giovane l’appuntamento importante?”. “Sì, è uno del primo anno, un ordinario colloquio col prof.”, giunge serafica la risposta del mio interlocutore. Riparto per l’Italia.

Devo fare rewind e proprio spiegarvelo? No, sicuramente non serve. Cari studenti, questa scena affatto isolata nel panorama accademico statunitense appartiene a un ‘film’ che se mai verrà proiettato in Italia sarà forse fra un secolo, o probabilmente di più. Essa ci parla di un essere nell’università che dista da noi italiani come Marte dalla Terra, di una riforma vera, epocale, di un concentrato di democrazia, diritti, intelligenza, umiltà, pedagogia, libertà che nessuno qui da noi neppure si sogna di sognare. Noi, poveracci, siamo arditamente alle prese con la preistoria della riforma del sapere e dell’insegnare. Qualcuno, qui, se lo immagina un grande barone universitario italiano sbarazzarsi velocemente della CBS, di France 2 o della ZDF tedesca per onorare un colloquio con un ‘primino’ di neppure vent’anni?

E allora. Chiedo a tutti e con vero pathos: perché abbiamo rinunciato a immaginare un ‘altro mondo’? Perché ci facciamo sempre ingannare da chi ci convince che il cambiamento significa conquistare due metri quadri in più di pollaio puzzolente, e non, come dovrebbe essere, miglia e miglia di prati e colline, valli e montagne dove respirare veramente? Perché ci scanniamo per ottenere due metri quadri in più di finanziamenti o di risicate riformucole da strappare alla Gelmini e non lottiamo invece per un’istruzione nuova a cominciare dalla dignità di ogni singolo studente che deve essere il protagonista importante, il numero uno delle priorità di ogni docente, imprescindibile appuntamento senza se né ma, oggetto-soggetto di un diritto attorno a cui ruota tutto il sistema istruzione, e vi ruota con UMILTA’?

Non capite, studenti, che il gioco più perverso dell’era politica contemporanea è proprio il riformismo? E’ quella cosa che ci ha tutti convinti che lottare per i diritti del nostro futuro significhi ottenere qualche decimetro in più nella catena che ci hanno messo ai piedi. Oggi ci hanno convinti, e lo ripeto, che libertà e rivoluzione, che riforma e miglioramento significhino potersi allungare di altri 20 centimetri dal muro cui siamo incatenati nel pollaio in cui siamo rinchiusi. E ce l’hanno fatta: noi siamo proprio ridotti così, completamente dimentichi della possibilità di avere Diritti Veri e una Vita Inedita, ma del tutto inedita, in questo caso un’istruzione da secolo nuovo. Insomma, un’altra esistenza dirompente nel cambiamento, così come l’umanità ha sempre saputo fare nella sua uscita dalla barbarie verso la civiltà. No, nel XXI secolo del riformismo siamo stati ridotto a sentirci trionfanti se un Walter Veltroni riuscirà col referendum a donarci 20 centimetri di riforma dell’istruzione in più. Ed è così in ogni campo del nostro vivere.

No, no e no! Cosa avrete risolto quando e se la Gelmini avrà fatto marcia indietro? Perché non mettiamo tutta questa energia oggi esplosa nelle piazze per arrivare a una scuola che non ci devasti l’anima, che non ci faccia odiare la cultura, che sia il nostro regno del rispetto nell’età più sensibile di tutta la vita, che non ci insegni le virtù del servilismo e dell’arroganza, dove non ci si senta con le ossa svuotate di fronte alle cattedre o ad aspettare nei corridoi i favori dei baroni? Dove a neppure vent’anni si possa entrare a colloquio dal tuo professore sul tappeto rosso, mentre fuori dallo studio, in corridoio, al resto del mondo tocca di aspettare voi e la piena soddisfazione del vostro diritto.

Immaginare in grande, immaginate in grande.

Paolo Barnard
Fonte: www.paolobarnard.info
Link: http://www.paolobarnard.info/interventi_indice.php
31.10.08

20 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Tao
Tao
31 Ottobre 2008 6:26

“NE’ ROSSI NE’ NERI, SOLO LIBERI PENSIERI”. Qualche riflessione sulla manifestazione romana contro il decreto Gelmini DI CARLO GAMBESCIA Iniziamo con una battuta. Cattiva. Se Berlusconi nel 2007, avesse organizzato a Roma, nell’ arco di una settimana, due manifestazioni “oceaniche” contro il governo Prodi, il centrosinistra si sarebbe rivolto all’Onu, per chiedere un intervento dei caschi blu contro due nuove marce fasciste su Roma. Ma cerchiamo di essere lucidi e seri. La manifestazione di ieri è per un verso un successo “di massa”, ma per l’altro rappresenta una decisa normalizzazione imposta “dalla élite” del centrosinistra. O per dirla tutta: un azzeramento e sconfitta dell’ ”Onda” e di ogni volontà collettiva di cambiamento “sistemico”, o comunque “forte”. E non solo nel mondo scolastico e universitario. Una vera e propria controrivoluzione politica e sindacale, iniziata con l’espulsione violenta da piazza Navona di quegli studenti di destra che invece si proponevano, una tantum e seriamente, di volare oltre la destra e la sinistra. Un progetto che nei giorni precedenti, sembrava aver affascinato e caratterizzato (e non solo in chiave di borghese culto dell’ apoliticità) lo stesso movimento degli studenti anti-Gelmini. E invece no: ha avuto la meglio il solito opportunistico collante antifascista. Per… Leggi tutto »

Lestaat
Lestaat
31 Ottobre 2008 6:58

Quand’è che invece di fare sti inutioli e vuoti pipponi si degnerà di entrare negli atenei a parlare con gli studenti?
Magari si renderà conto che gli studenti non ce l’hanno affatto con la Gelmini o Berlusconi, ma dicono esattamente quello che dice Barnard, ma come al solito, il “puro”, il “vate”, l'”illuminato” Barnard crede di essere l’unico ad aver capito come va il mondo.
Per anni ha fatto il giornalista e se ne esce adesso con la grande scoperta….dell’acqua calda.
Ah Barnard…..scendi dal pero.

Hassan
Hassan
31 Ottobre 2008 7:45

Ma no! Barnard è l’unico “puro” dell’intero sistema di “controinformazione”! Come ti permetti di infangare questo Messia che ha “capito tutto”… non è mica un rancoroso che parla male di Grillo, Ricca e Travaglio perchè l’hanno escluso dal loro “club”!

Marcusdardi
Marcusdardi(@marcusdardi)
Utente CDC
31 Ottobre 2008 8:42

La nostra Bella Italia, patria del Rinascimento è oramai un moccolo di candela spenta. A volte pensiamo di essere il centro del mondo mentre il nostro provincialismo ci ha fatto perdere la bussola.

Immaginare grande è un bell’invito, l’insieme è più importante di ogni singolo elemento.

Si parla troppo nel Belpaese, si parla troppo e spesso a vanvera.

Un sano pragmatismo d’oltreoceano ci può forse venire in soccorso.

Anche l’uomo più colto ed intelligente del mondo è di passaggio ed è solo un granello di sabbia nell’infinito, noi tutti siamo granelli di sabbia più piccoli ma siamo tutti, sempre e solo granelli.

Ciao
Marcusdardi

reza
reza
31 Ottobre 2008 8:45

Al di là di ogni tentativo di sminuire la protesta sociale (sociale prché comprende tutta la società: studenti di vari livelli, lavoratori scolastici, professori e i genitori, fratelli, sorelle, zii e cugini di questi ) attualmente in corso in Italia da parte del governo ed ogni tentaivo di cavalcare questa potesta da parte dell’oposizione fino ad ieri inesistente, da una società morta, non solo demograficamente, ma anche dal punto di vista di idee e pensieri come era fino a prima dell’inizio delle proteste l’Italia; è nata una cosa nuova che si basa su due pilastri importanti : il lavoro e i giovani. Era ora che in Italia la gente si svegliasse per vedere che il berlusoniso è tutto un inganno, era ora che la gente si svegliasse per prendere nelle proprie mani le sorti del futuro del paese , quando i politici della destra e della sinistra sono incapaci e quindi, a mio avviso, l’Italia si è rialzata davvero ma non per andare a votre Berluscni bensi per togliere dalle sue mani il futuro dei propri figli. La preoccupazione in faccia a Berlusconi è visibile, anche nelle sue ripetute smentite che lo sputtanano anche di fronte a quelli che solo… Leggi tutto »

Marcusdardi
Marcusdardi(@marcusdardi)
Utente CDC
31 Ottobre 2008 8:47

Criticare e offendere non serve a nulla, tutti noi abbiamo le nostre opinioni e anche la critica a mio avviso deve essere costruttiva.

Portare esempi, anche se passate, da oltreocano lo trovo positivo poichè sul suolo ialico perdiamo troppo tempo in polemiche mentre un poco di positività e di belle parole ci aiuterebbero tutti a migliorare, sono tante goccie insieme che formano i fiumi.

ciao
Marcusdardi

lupomartino
lupomartino
31 Ottobre 2008 9:08

Nè rossi, nè neri, solo liberi pensieri!!!
Bravo Gambescia, l’hai detta giusta, ci hanno rotto con le loro sceneggiate bicolori, c’hanno rotto da decenni….

sacrabolt
sacrabolt
31 Ottobre 2008 9:12

[quote]Qualcuno, qui, se lo immagina un grande barone universitario italiano sbarazzarsi velocemente della CBS, di France 2 o della ZDF tedesca per onorare un colloquio con un ‘primino’ di neppure vent’anni?[/quote]
se il ragazzetto pagasse 20.000 USD l’anno, anche il prof. gianni vattimo butterebbe fuori bob woodword

Lestaat
Lestaat
31 Ottobre 2008 9:32

Son daccordo col principio ma sto Barnard sono mesi che ci propina le sue illuminate elucubrazioni sentendosi unico interprete di una realtà che invece dimostra sempre più di non aver minimamente compreso.
Prendere come esempio l’atteggiamento di Chomski non è certo da persona intelligente dato che tale atteggiamento dipende esclusivamente dal buonsenso della persona e non da un sistema libero e giusto.
Se al posto di Chomski ci fosse stato qualcun altro, si sarebbe potuto comportare come un qualsiasi altro barone delle nostre università, perchè anche a Chomski, sarebbe concesso, come qui in Italia.
Anche qui ci sono professori in gamba che si comportano come lui e non vedo come questo articolo possa essere rilevante nella comprensione di quanto accade alle scuole.
Barnard come al solito si limita a fare dissertazioni sulla sua personalissima percezione di quanto accade, e purtroppo, la sua percezione deriva da quanto i media tradizionali portano avanti. Il suo discorso sugli studenti ne è un esempio lampante. Che vada a fare il suo mestiere negli atenei e a parlare con i ragazzi invece di fare il profeta delle mie gonadi.

Lestaat
Lestaat
31 Ottobre 2008 9:34

ohhhhh….qualcuno di buonsenso.
straquoto.

Tetris1917
Tetris1917
31 Ottobre 2008 9:36

ma dipende che tipo di rapporto intercorre tra ragazzini/ragazzine e professore 🙂 A parte gli scherzi, purtroppo sono convinto della bonta’ in generale del discorso di Barnard, che se l’ho capito bene, lui propone una rivoluzione culturale (non come quella stile Mao sia chiaro) sia lato professori sia lato studenti. E’ una cosa giusta in generale. Ma per ottenere questo ci sta bisogno di strumenti, di analisi, di sintesi, del ripulirsi di tutta la lordura sovrastrutturale di questi anni. Insomma bisognerebbe iniziare a contestare non solo la scuola, ma pure i rapporti sociali e il tipo di societa’ in cui viviamo. E’ possibile che questi ragazzi hanno le spalle tanto larghe e soprattutto la capacita’, tutta nuova, di proporre un modello alternativo? Forse no; ma io intravedo qualcosa di pulito in loro che molti vecchi bastioni del 68 o del 77 o di qualsiasi forma di lotta fallita del passato, hanno perso. Un mio professore universitario, veniva da quelle esperienze, ed e’ diventato uno dei classici baroni/elefanti/bastioni di questo mondo*. Quanti ce ne sono in giro. Lo slogan ” ne rossi ne neri” e’ un buon punto di inizio per fare una analisi oggettiva della realta’, ma penso che una… Leggi tutto »

babel63
babel63
31 Ottobre 2008 11:37

Se Barnard fosse un po’ sincero con se stesso, chiamerebbe le cose con un altro nome. Credo che con Chomsky abbia vissuto una situazione di dissonanza cognitiva. In parole povere, Chomsky si è comportato da vero s*****o maleducato però Barnard non ha il coraggio di ammetterlo forse perchè prova per lui un’infatuazione intellettuale, pertanto ha bisogno di trovare una scusa per giutificarlo. Barnard, come purtroppo spesso gli accade (v. polemica con Travaglio), inizia col piede sbagliato una danza corretta e alla fine suicida la sua credibilità di bravo giornalista d’inchiesta. Di quale umiltà parla Barnard? Di un tizio che si è impegnato di concedermi, con tre mesi di anticipo, un’intervista, per la quale devo attraversare l’atlantico, ma che all’ultimo momento mi avvisa che mi dedicherà meno tempo poichè deve parlare con un alunno con il quale pobabilmente potrebbe parlare il giorno dopo… Una domanda a Barnard: quanto ha pagato la RAI l’intervista a questo cafone illuminato?

reza
reza
31 Ottobre 2008 12:06

Mò se Barbard è bravo o no non cambia niente la cosa importante è che siamo di fronte a “TENETE LE FILA” , “ROMPETE LE FILA” E “LEVATI FRANFCESCO” e daie con le sparanghe dei neonazifascisti agli studenti con tanto di complicità della polizia dello stato e quindi del governo.

Abbiamo visto tutti il filmato quindi non ci piove sopra che ciò che Cossiga ha detto Berlusconi ha fatto.

Duffy
Duffy
31 Ottobre 2008 16:49

bellissimo articolo
grazie

BarnardP
BarnardP
31 Ottobre 2008 22:02

Sono Paolo Barnard. Mi rammarico che vi sia sempre chi non ha di meglio da fare che sfogare in questi forum la propria rancorosità, condendo i commenti con valutazioni svalutative su chi scrive. Cosa dicano ‘gli studenti’ degli atenei non è possibile saperlo, né lo sa Lestaat. Sono troppi, e non credo che questo signore abbia racccolto le opinioni di ciascuno. Ci si basa dunque su quanto esce dalle università sotto forma di comunicati ufficiali o comunicati stampa se pubblicati e che rappresentino appunto la posizione ‘degli studenti’. Mi trovi Lestaat un tale comunicato rappresentativo della posizione degli iscritti agli atenei italiani, e non di 15 individui qui o 21 là fra migliaia, che rivendichi ufficialmente ciò che io ho citato nel mio pezzo. Se tale comunicato esiste, sarò il primo a recarmi a Roma e a leggerlo pubblicamente davanti al Ministero. Il caso Chomsky non è affatto isolato negli USA, e l’ho scritto. Ho visitato i maggiori atenei americani, dove ho lavorato, e nella maggioranza dei casi l’atmosfera che si respira è quella distante dall’Italia come Marte dalla Terra. Gli episodi si specano. Le rette da 20 mila dollari non c’entrano nulla, visto che gli studenti laggiù non hanno… Leggi tutto »

Lestaat
Lestaat
1 Novembre 2008 7:33

Carissimo Barnard, rieccola a fare il martire. LOL E non lo dico con cattiveria. So come ci si sente quando si è nei suoi panni. Tutti quelli che, ad un certo punto della propria vita, scoprono che il mondo che li circonda è molto diverso (e molto in peggio) da quello che si è sempre pensato si comportano come, lei. L’ho fatto anche io. Certo, spesso, un po’ di umiltà, aiuta quelli come lei a cercare di comprendere un po’ meglio il tutto prima di sparare sentenze, ma a volte non accade (anche io pecco di immodestia, per questo la capisco, ma a me manca il vittimismo. I casi della vita) e ci si ritrova ad urlare come pazzi, come fa lei, contro tutti e contro tutto in modo vago e superficiale. Quel che dice della protesta studentesca è sintomatico. Lei semplifica, banalizza, fenomeni sociali che, pur non essendo difficili da comprendere a grandi linee, sono un po’ più complessi di quanto lei descrive. Facendolo per di più con l’alterigia del neo-illuminato è anche fastidioso. Badi bene che lei a me piace, e anche parecchio, e confido tra l’altro che tornerà ad essere quel gran giornalista che era, anzi, meglio… Leggi tutto »

marco76
marco76
3 Novembre 2008 9:19

Secondo me non si e capito cosa intenda dire Paolo…
Il discorso e che nel nostro paese non si e in grado di ragionare con la propria testa, cadendo spesso (o meglio sempre) vittime della strumentalizazzione da parte del politico di turno o dell’antagonista di turno…
Queste manifestazioni lasciano il tempo che trovato se non sono coadiuvate da un cambiamento reale prima di tutto personale…
Credo che molti stiano protestando contro Berlusconi piuttosto che per una scuola migliore, come manifestavano contro Prodi per qualcos’altro…
Ci si affida troppo agli altri piuttosto che crearsi un’idea propria capendo le cose…In questo modo e facile finire come pecore…
Viviamo in un Paese dove se non ce lo dice Grillo, la destra o la sinistra, non ci si indigna di nulla…questa e la vergogna piu grave…
Vogliamo una vita migliore e piu degna? Allora incominciamo col rimboccarci le maniche…I nostri pensieri e le nostre idee valgono piu delle ideologie confezione pronte all’uso…Ci vorrà del tempo, questo e sicuro, ma i risultati arriveranno….
Con questo non metto in dubbio la legittimità della protesta, anzi credo che protestare sia giusto, però attenzione alla strumentalizzazione.
Saluti
Sepultribe76

Lestaat
Lestaat
3 Novembre 2008 13:51

Lo si è capito perfettamente invece.
Ma di persone che usano la propria testa ne è pieno il mondo per fortuna e Barnard non ha capito un’acca di ciò che accade vedendo complici o burattini ovunque invece che cercare di capire il vero funzionamento del sistema sociale occidentale.
E guardi che non c’è modo di evitare le strumentalizzazioni, NON ESISTE modo. Bisogna soltanto comprenderne il funzionamento e ragionare quindi sui fatti dopo un attenta decodifica dandosi da fare perchè tali strumenti di comprensione siano sempre più di facile accesso e diffusione, invece di fare le paternali.

marco76
marco76
4 Novembre 2008 4:24

Sta dicendo le stesse cose che dice Barnard…Informarsi, analizzare e farsi la propria idea…
Mi pare che in Italia (sul resto del mondo non ci posso mettere la mano sul fuoco) sia portati, non so se per mancanza di voglia o per troppa faciloneria, a rivolgersi sempre a qulcuno che si crede ne sappia piu di noi…Questo non vale per tutti, ma per la maggioranza si…
Barnard, essendo giornalista, analizza i fatti ed esprime le sue opinioni…E normalissimo che si possa essere d’accordo o meno con lui…Troppa gente però risponde ai suoi articoli mettendosi sulla difensiva…Per questo credo colga nel segno…

cinthia
cinthia
4 Novembre 2008 8:12

Io vorrei fare solo una domanda che affiora spesso quando leggo dell’America e del suo sistema d’istruzione.
E’ indubbio che l’università americana punta sul merito e sul massimo sviluppo dell’autostima dei suoi studenti e futuri cittadini, ma proprio su questo il mio dubbio si sviluppa preoccupante e mi chiedo: questa ben costruita overdose di autostima non sarà poi il terreno fertile su cui appoggiare la costruzione del sistema di potere americano e cioè egocentrismo sfenato, guerre giuste e tutto ciò che correla il corredo necessario al perfetto imperialista democratico forte, aitante e protetto da dio?