Home / ComeDonChisciotte / UN ANNO FA LA STRAGE DEI RAID

UN ANNO FA LA STRAGE DEI RAID

DI VITTORIO ARRIGONI
ilmanifestoi.it

Siamo i sopravvissuti. Testimonianze ambulanti, condannati a rivoluzionare le nostre vite come pegno per essere scampati ad una morte scontata. A bombe israeliane che non facevano distinzione fra civile e militare, fra civile palestinese, spagnolo, inglese, italiano. Gaza da immensa prigione s’è tramutata per tre settimane in un tiro a segno. Raid a tappeto su tutta la Striscia, migliaia di profughi in fuga da nord a sud, da sud a nord, recitanti dentro, in trappola, senza rifugio. Quando in massa si sono riversati nelle scuole delle Nazioni Unite credendosi al sicuro tra mura bianche e blu con gli stemmi «Onu», Israele le ha intenzionalmente colpite. E i caccia israeliani hanno poi incenerito la sede Onu nel centro di Gaza city.

Con i compagni dell’International Solidarity Movement eravamo entrati nella Striscia come attivisti prima dell’operazione Piombo Fuso del 27 dicembre 2008, e ne siamo usciti come qualcos’altro: quei 22 giorni che seguirono del gennaio scorso hanno stravolto quello che siamo oggi. Leila, hippy australiana, s’è rimessa sui libri. Dopo aver raccolto decine di corpi straziati dai cecchini dinnanzi all’ospedale Al Quds, poi bruciato col fosforo bianco, diventerà una fantastica infermiera senza frontiere. Natalie, giovane libanese, è certa che i diritti umani sono la sua strada, dopo aver vissuto sulla sua pelle che i crimini compiuti «dall’unica democrazia del Medio Oriente» sono rimasti pressoché impuniti.

Andrew, scozzese, si è confinato lontano dal mondo civilizzato, in solitudine a colloquio coi suoi spettri, i miei stessi, per reificare una esperienza impossibile da sciogliere nell’oblio. Alberto Arce, spagnolo, l’ho reicontrato a novembre a Firenze alla presentazione del suo pluripremiato «To Shoot An Elephant». Poche parole fra noi, più complici sguardi e un continuo passarci una fiaschetta di alcol come palliativo per la comune esperienza sulle ambulanze palestinesi, rivissuta sullo schermo. Poi con lui ritrovarsi a discutere su come riuscire a cavar fuori dalla nostre menti la pietra della follia, se con un bisturi o con l’analisi, visto che molti di noi a distanza di un anno sono ancora in cura psicologica. Semplicemente, non riusciamo ancora a capacitarci di come noi Sì e altri No. Perché mentre corpi umani venivano maciullati tutt’attorno, noi l’abbiamo scampata, nella macabra cabala dei bombardamenti israeliani che «miravano» la popolazione civile. Tutti afflitti da post traumatic stress. E se lo siamo noi, privilegiati per essere riusciti a evacuare, vi lascio immaginare come se la passano un milione e mezzo di palestinesi, che oltre a essersi presi in testa tonnellate di armi illegali, non hanno potuto godere del privilegio di una boccata d’aria fuori dalla più grande prigione a cielo aperto del mondo, Gaza.

Mentre l’assedio continua al rallentatore, smagrendo ventri affamati e ammalando menti aride di speranza. Mentre secondo il capo di stato maggiore israeliano, Gabi Ashkenazi, «la prossima guerra sarà a Gaza», ancora e ancora, e minacce di nuovi imminenti attacchi sono passeggeri come nuvole tenebrose nel cielo di una Palestina occupata ormai da più di 42 anni. Congedandosi da me, Alberto m’ha confidato di un inaspettato istinto paterno, di come, tornato in Spagna gli veniva naturale stringere a sé ogni bambino quasi per proteggerlo. E per questo presto diventerà padre. Sia maschio o femmina suo figlio porterà il nome di una delle innocenti vittime dei bombardamenti di gennaio. Il governo israeliano gli ha fornito un’ampia scelta di appellativi possibili avendo ucciso più di 400 bambini.

Tutti noi reduci, insieme ad altri 1.500 cittadini di 42 paesi diversi, ci siamo dati appuntamento oggi qui al Cairo. Per una marcia che si spera possa fungere da lima per segare le sbarre di Gaza e da cassa di risonanza per i cittadini del mondo sensibili alla pace e ai diritti umani e consapevoli di quanto sia più avvilente il silenzio degli onesti del disprezzo dei violenti. Restiamo umani.

Vittorio Arrigoni
Fonte: www.ilmanifestoi.it
27.12.2009

.

Pubblicato da Davide

  • lucamartinelli

    Vittorio Arrigoni è un coraggioso. i suoi reportage non hanno fatto che confermare l’olocausto del popolo palestinese. gli Israeliani hanno fatto di Gaza il piu’ grande campo di concentramento all’aperto. la crudelta’ degli aggressori sionisti è addirittura superiore a quella nazista. nei campi della Germania c’era almeno una parvenza di infermeria. a Gaza gli ospedali non hanno l’anestetico perche’ Israele blocca praticamente tutto per ottenere quella pulizia etnica tanto desiderata dal ’48. e noi stiamo a guardare. ma quello che piu’ mi impressiona è la constatazione di come un popolo che ha subito 60 anni fa una tragedia immane possa fare di peggio ad un altro popolo. le foto che arrivano da Gaza sono terrificanti. il film-documento di F. Grimaldi su Gaza è sconvolgente. poi, ragionando con calma tutto appare non dico normale ma meno sconcertante. il popolo israeliano si riconosce nella quasi totalita’ nella religione ebraica, che appare, dopo un poco di studio, una religione di morte e ai miei occhi inaccettabile. non accetto infatti la parte piu’ infame che consiste nel dividere gli esseri umani in due categorie: i figli di Dio (loro) e gli animali parlanti (tutti gli altri). speriamo che nel tempo la comunita’ internazionale metta un freno ai crimini israeliani (riconosciuti anche dal rapporto Goldstone), magari trattandoli come ha trattato Milosevic, Saddam e altri personaggi. prima sanzioni economiche e poi, se non bastassero, bombardamenti ad opera della Nato.

  • myone

    Da una guerra totale islemica dichiarata fatta e dichiarata a oltranza, a una persecuzione europea, e a una continuazione della stessa guerra sotto forma di guerriglia, le bendature algi occhi gli e le hanno fatte mettere, e se le tengono.
    Se andassero veramente con altri occhi nel libano, farebbero un cambio di identita’ e di paese, ma questo significherebbe cristianesimo, e loro si sa’, vedono altrimenti, a tal punto che, per sostenere il tutto come paese, entita’, fini e scopi, sono disposti a tutto, e mentre la loro religione-(messianica) va’ da una parte, la continuazione della loro determinata autodifesa ed espansione, nella misura in cui gli altri se ne attribuiscono diritti, ne fa’ una cultura rabbinica e toranica, che come tutte le fedi o religioni, se la interpretano a seconda delle condizioni e situazioni del momento e della storia dell’ oggi.
    Una forza dell’ arma atomica, non tanto in se’ come arma, ma nel fatto dell’ averla, e’ queola che da’ rispetto nelle decisioni di chi l’ ha, e fa accondiscendere a patti e a consensi. Quidi, ne l’ onu, ne lgi usa e ne i russi, farebbero garantire mai sotto la legge dell’ umanitario,chia
    miamolo cosi), o dei diritti umani, i diritti stessi e la verita’ stessa,
    perche’ a misurarsi con gli arsenali, quando il perso per perso e’ un danno per tutti, non c’e nemmeno da iniziare.
    Purtroppo, vuoi per una cosa o vuoi per un’ altra, bisogna lasciar perdere rivendicazioni di ogni tipo, principalmente per chi ne e’ piu’ debole, ma forte nello stesso tempo, e sperare che finendole, ci siano vie giuste, e basta. Il modello mentale e religioso e di appartenenza e di esistenza delgi ebrei e degli islamici, deve cauterizzarsi sul fondamentalismo, e forse, israele in palestina non ci metterebbe piu’ piede, e lascerebbe via libera a uno stato comune come tanti che ce ne sono al mondo.
    Purtroppo, l’ idea mondiale e’ questa. E il male che no si vede sebbene c’e’, ha ragione di esserci perche’…..
    Ora, io penso, che di punto in bianco quel paese debba essere liberato nella sua vita normale, e israele togliersi definitivamente da tutto.
    MA….. se partono ancora razzi, attentati, e via discorrendo, cosa dovranno fare gli israeliani? Dare apuntamento fuori dal territorio ai terroristi o sotenitori, per una guerra aperta a tu per tu con gli interessati? Ci saranno mai? No. E allora, a prenderne le conseguenze, giusto o no, sono tutti. Sono convinto anchio, che esserci nei posti dove e’ passato il compiuto, porti alla vera dimensione della vita e delle cose, ma li, non ci passa nessuno, ne tanto meno gli israeliani, se non in un modo solo, e poi, non si voltano indietro. E se gli dai respiro a una popolazione, come giusto e’ che l’ abbia, e che aprendo frotniere e far ripartire una vita che arrivi alla decenza, sia d’ obbligo, tutto questo, non farebbe altro che aprire le porte al solito contrasto, dove, le stesse forze, che se vuoi non sono civili, tramite lo spazio civile loro e delgi altri, consolidano e riattivano abbondantemente la solita solfa.
    Allora, fra gisuto e sbalgiato, e via a questo passo, con recriminazioni, colpe e gisutizie, a seconda di come la si vede, la forza maggiore delle cose, e’ e sta’ cosi. E in stallo. Il risu
    ltato di tutto questo, dopo decenni del tutto e del di piu’.

  • Rossa_primavera

    Visto che siete al Cairo,vi consiglio anche di fare una marcia contro le negazioni dei piu’ elementari diritti umani e civili da parte del governo di quel paese che,a giudicare dal numero spropositato di domande di richiesta di asilo politico da parte di cittadini egiziani in tutto il mondo,non sembra un vero e proprio esempio di democrazia.

  • silviu

    Un grande e soffocato grazie a Vittorio e un consiglio: Gaza non è solo il più enorme campo di concentramento che sia mai esitito; è nche il più grande laboratorio di armi e tenciche di contenzione sulle quali si basa l’attuale economia israeliana….

  • EasyGoing

    Grazie per questa ulteriore testimonianza ho seguito il tuo coraggio ascoltandoti nei video su you tube.