UK: Mezzo milione di piccole imprese potrebbe fallire

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Se non verrà erogata immediatamente una nuova ondata di aiuti governativi, circa 500.000 piccole imprese del Regno Unito rischieranno di fallire nel giro di poche settimane, ha avvertito il presidente della Federation of Small Businesses – Federazione delle piccole imprese – Martin McTague.

“Non abbiamo alcun problema con il modo in cui il Cancelliere (l’antico titolo del Ministro del governo britannico con responsabilità di Ministro delle Finanze) ha affrontato le esigenze dei consumatori”, ha detto McTague al programma Today della BBC Radio 4 all’inizio di questa settimana, commentando l’ultimo provvedimento del governo contro il carovita pari a 15 miliardi di sterline (19 miliardi di dollari). “Ma c’è ancora un problema enorme con le piccole imprese”, ha detto.

“Si trovano ad affrontare qualcosa come il doppio del tasso di inflazione per i loro prezzi di produzione, ed è una bomba a orologeria. Hanno letteralmente poche settimane prima di esaurire la liquidità e questo significherà che centinaia di migliaia di imprese e molte persone perderanno il lavoro”.

McTague ha anche citato le ultime cifre rivelate dall’Ufficio per le statistiche nazionali, secondo le quali il 40%, ovvero due milioni di piccole imprese britanniche, ha meno di tre mesi di liquidità per gestire le operazioni.

Secondo il presidente dell’FSB, circa il 10%, ovvero 200.000, di questi due milioni si trovano in “gravi difficoltà”, mentre ad altre 300.000 “sono rimaste solo poche settimane”.

Ad aprile, l’inflazione dei prezzi al consumo nel Regno Unito ha raggiunto il 9%, il livello più alto dal 1982, facendo inevitabilmente lievitare i costi a causa del balzo delle bollette energetiche, dei prezzi record della benzina e dell’aumento del costo della spesa settimanale. La Banca d’Inghilterra prevede che l’inflazione raggiungerà un picco del 10% nel corso dell’anno.

Anche le imprese hanno dovuto far fronte all’impennata dei costi: i prezzi dei fattori produttivi sono aumentati del 18,6% nell’ultimo anno, segnando un massimo storico. Alimentando le pressioni inflazionistiche, le aziende sono state costrette ad aumentare i prezzi.

Secondo il Barometro PMI di Barclays, quasi tre quarti delle piccole e medie imprese britanniche sono preoccupate per l’impatto a lungo termine della crisi del costo della vita, dell’aumento delle bollette energetiche e della crescente inflazione.


Massimo A. Cascone, 05.06.2022

Fonte: https://www.theguardian.com/business/2022/may/30/almost-500000-uk-small-businesses-at-risk-of-going-bust-within-weeks

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix