Ufficiale israeliano spara e uccide dimostrante palestinese

I palestinesi stavano protestando contro il furto della loro terra. Un ufficiale dell’esercito israeliano ha sparato a uno di loro in testa

I palestinesi di Beit Dajan avevano iniziato a tenere proteste settimanali dopo che un colono armato di mitra aveva creato un avamposto sulla loro terra; l’esercito israeliano ha risposto con gas lacrimogeni, granate stordenti e proiettili

Gideon Levy e Alex Levac – archive.today – 26 marzo 2021 – 18:08

 

“Prima parleremo delle terre”, ci ha detto Abd al-Rahman Haneini, il capo del consiglio del villaggio cisgiordano di Beit Dajan, quando siamo arrivati lì questa settimana. Eravamo venuti a sapere dell’uccisione di un abitante, Atef Haneisheh, un agricoltore e falegname di 47 anni, padre di tre figli. Venerdì scorso, mentre partecipava alla manifestazione settimanale del villaggio contro l’avamposto non autorizzato di coloni che si erano insediati sul suo terreno, è stato colpito alla testa e ucciso da un ufficiale delle forze di difesa israeliane.

Prima di tutto, la terra. Lo scorso settembre, i residenti del bordo orientale del villaggio hanno riferito che un bulldozer era al lavoro ogni notte sulla loro terra. Situato a est di Nablus, Beit Dajan ha una popolazione di circa 4.500 persone. Le sue case sono arroccate su un pendio e la sua terra si estende sulla fertile valle sottostante, verde in questo periodo dell’anno.

Quando il capo dell’autorità locale ha visitato il sito menzionato dagli abitanti del villaggio, è rimasto sbalordito nello scoprire che qualcuno aveva scavato una strada sterrata a circa 4 chilometri dal villaggio, che rischiava di tagliarlo fuori dai suoi terreni agricoli, che coprono circa 20.000 dunam (5.000 acri) di campi di grano, mandorli e ulivi. Gli abitanti del villaggio erano consapevoli che, complici le autorità israeliane, ogni sentiero di questo tipo poteva togliere loro l’accesso alle loro proprietà. Il sentiero illegale lungo circa 10 chilometri portava verso est dalla fattoria Skali, un avamposto fondato nel 1998 da Yitzhak Skali.

Circa un mese dopo, la gente del posto ha individuato un colono che è arrivato con 15 capi di bestiame e una tenda; ha costruito un recinto e ha installato un altro avamposto in questa terra di avamposti intorno all’insediamento di Itamar. Questo è il metodo preferito negli ultimi anni dai saccheggiatori di terra: Costruiscono una stalla o un piccolo recinto per animali che presto si trasforma in un avamposto autorizzato; il terreno circostante viene poi confiscato per il pascolo. La strada sterrata collegava la fattoria Skali al suo nuovo satellite.

Solo un colono vive lì al momento; i palestinesi dicono che il suo nome è Kobi, altri dicono che è Koki. Nelle fotografie che ci mostrano, Kobi o Koki, che ha una folta barba e baffi, indossa una grande kippa bianca di lana e tiene in mano una mitragliatrice pesante. I filmati ripresi dagli abitanti del villaggio circa un mese fa lo mostrano mentre parla con loro fino a quando un suo amico arriva su un veicolo fuoristrada e inizia a spingerli e a picchiarli violentemente.

Circa un mese dopo che Kobi si è stabilito sulla terra rubata, l’esercito si è presentato e lo ha sfrattato. Si è spostato di circa 50 metri dalla sua posizione originale. Gli abitanti del villaggio montarono una tenda di protesta fuori dall’avamposto che era sorto davanti ai loro occhi sulla loro stessa terra. Pochi giorni dopo, l’IDF arrivò, distrusse la tenda di protesta e si limitò a confiscare alcuni attrezzi dall’avamposto di Kobi. Kobi e il suo bestiame sono rimasti sulla terra.

Questi eventi si sono verificati alla fine dello scorso ottobre. Da allora Beit Dajan tiene una manifestazione ogni venerdì dopo le preghiere di mezzogiorno per protestare contro l’avamposto di Kobi. Alcune centinaia di abitanti del villaggio marciano in direzione della loro terra e si scontrano con l’esercito, che li attende e spara gas lacrimogeni, proiettili di metallo con punta di gomma, proiettili “tutu” apparentemente non letali da fucili calibro 22 e granate stordenti. Dieci residenti locali sono stati feriti finora nelle proteste, che non si sono placate.

Dopo alcune settimane di manifestazioni, i bulldozer dell’IDF hanno bloccato la strada sterrata che porta alla terra dei palestinesi. Da allora non possono raggiungere la loro terra a circa 4 chilometri dal villaggio se non entrando individualmente a piedi. Kobi, affiancato da alcuni giovani, ha iniziato ad espellere i pastori che venivano ad usare la loro terra, minacciandoli con le armi e respingendoli con il fuoristrada. Le manifestazioni del villaggio continuarono.

Atef Haneisheh partecipava regolarmente alle proteste, presentandosi ogni settimana con una bandiera palestinese. Sebbene avesse 47 anni, anche lui lanciava pietre contro i soldati che invadevano la terra di Beit Dajan per proteggere i coloni che la rubavano. Haneisheh aveva un terreno che originariamente apparteneva a suo nonno. Era padre di due figli e una figlia, il più grande di 13 anni, il più giovane di 7. Qualche mese fa a sua figlia Lian, di 9 anni, è stato diagnosticato un cancro alla gamba.Questa settimana aveva un appuntamento per un’operazione all’Augusta Victoria Hospital a Gerusalemme Est. I genitori di Haneisheh sono ancora vivi; suo padre, Yusuf, ha 87 anni, sua madre, Zahiya, 75. Era sposato con Islam, che ha 37 anni, e lavorava in una falegnameria che fabbricava mobili, di proprietà sua e di suo fratello. Suo cugino, Zaid Haneisheh, è andato con lui alla manifestazione venerdì scorso.

Alle 12:30 sono usciti dalle preghiere di mezzogiorno e hanno guidato verso i terreni agricoli finché non sono stati fermati da un terrapieno. Da lì procedevano sempre a piedi. La manifestazione di venerdì scorso è stata modesta, meno di 200 partecipanti. I giovani erano davanti, gli anziani dietro di loro. Haneini, il capo del consiglio, che era con il gruppo dei più anziani, ha improvvisamente sentito degli spari – fuoco vivo. Dice che riesce a distinguere il suono dei proiettili veri da quello dei proiettili con punta di gomma o dei cosiddetti tutù.

Non era mai successo prima che l’esercito impiegasse munizioni vere sui manifestanti lì. Un altro cugino di Atef, Hazam, che ha 43 anni, era circa 40 metri dietro Atef e ha visto cosa è successo.

Un gruppo di manifestanti si è seduto per riposare e bere acqua, racconta Hazam. Atef era tra loro. Due soldati erano schierati su una collina a circa 50 metri da Atef e gli altri. Atef e i suoi amici hanno lanciato pietre contro di loro, e Atef ha anche usato una fionda. I filmati lo mostrano mentre cammina con i manifestanti con un maglione rosso che spicca sullo sfondo, con un berretto da baseball bianco e scarpe da ginnastica bianche.

Atef Haneisheh

Si vede in una fotografia mentre lancia pietre. Un 47enne che lancia pietre è una vista poco frequente nelle manifestazioni in Cisgiordania – i lanciatori di pietre sono di solito adolescenti e giovani uomini. Ma a Beit Dajan partecipano alle manifestazioni anche le persone più anziane. I soldati erano troppo lontani e troppo in alto perché le pietre avessero qualche effetto.

Improvvisamente, un ufficiale dell’IDF, più vicino ai manifestanti, ha sparato in aria; una foto scattata da un abitante del villaggio lo mostra. Dopo alcuni colpi, improvvisamente ha puntato la sua mitragliatrice contro i manifestanti. Era a poche decine di metri da loro.

Spaventati, si sono sparpagliati a terra nel tentativo di proteggersi. L’ufficiale ha sparato una raffica di tre o quattro colpi contro i lanciatori di pietre. Quando la sparatoria è cessata si sono rialzati. Tutti tranne uno. Era l’uomo con il maglione rosso, il loro amico Atef Haneisheh. Un video ripreso da uno dei residenti cattura questo momento straziante. I manifestanti scoppiano in grida amare: “Sheikh Atef, Sheikh Atef”. Alcuni degli adolescenti hanno pianto.

C’era un buco nella sua fronte, il suo sangue ha saturato il terreno. Probabilmente è morto all’istante. Un medico locale che era lì ha constatato che non aveva polso. I giovani hanno raccolto Atef e, correndo, lo hanno portato alle macchine, che erano a circa 1,5 chilometri di distanza, vicino al terrapieno. Mentre correvano i soldati hanno sparato granate di gas lacrimogeno contro di loro.

Nel frattempo è arrivata un’ambulanza palestinese che si è fermata vicino al terrapieno e ha portato Atef all’ospedale chirurgico Rafadia di Nablus, dove è stato dichiarato morto. È stato sepolto quel pomeriggio a Beit Dajan.

Il portavoce dell’IDF ha detto ad Haaretz: “Violenti disordini si sono verificati venerdì con la partecipazione di decine di palestinesi vicino al villaggio di Beit Dajan, nella zona della Brigata Territoriale Samaria, durante il quale i disturbatori dell’ordine hanno lanciato pietre contro le forze dell’IDF. Le forze hanno risposto con metodi di dispersione della folla e sparando in aria. È nota una rivendicazione su un disturbatore dell’ordine che è rimasto vittima ed è stato evacuato. In questa fase non si sa cosa abbia causato la morte. Stiamo indagando sull’incidente”.

Una brezza primaverile ha soffiato questa settimana nel luogo dove Atef Haneisheh è stato ucciso – una valle fertile e verdeggiante dove crescono mandorli e ulivi, con campi di grano e colline tutto intorno. Dietro una collina si nasconde l’avamposto di Kobi, e in cima alla seconda collina c’è la fattoria Skali. Abu Kais, un contadino di 70 anni, raccoglie mandorle verdi e le distribuisce.

Link: https://archive.ph/nwuGV#selection-893.324-893.338

Scelto e tradotto da Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Astrolabio
Astrolabio
29 Marzo 2021 9:09

La situazione nella zona sarà sempre più caotica.
Israele affonda con bibi e con i vaccini sperimentali.
E nessuno vuole liberare Gaza e la Cisgiordania dai sionisti.

olivero
olivero
29 Marzo 2021 15:35

L’ odio contro quei criminali incalliti é comprensibile