Home / Notizie dal Mondo / Tutti a discutere del si del no al referendum ma forse ci sono cose più importanti…I 10 migliori modi per distruggere tutta l’acqua sulla Terra

Tutti a discutere del si del no al referendum ma forse ci sono cose più importanti…I 10 migliori modi per distruggere tutta l’acqua sulla Terra

DI DEREK JENSEN
fairobserver.com
L’intervento umano è stato responsabile per l’inquinamento e lo svuotamento delle risorse idriche ad un tasso criminale

Mi piace guardare gli elenchi dei più grandi successi della nostra cultura. Sono sempre stupito, ad esempio, quando leggo dello sforzo stupendo che è stato fatto nella costruzione delle Piramidi di Giza: almeno 10.000 persone hanno lavorato 30 anni per erigere tombe giganti per i loro capi.

E non vedo come qualcuno potrebbe contenere l’eccitazione quando legge, per fornire un altro esempio, che la diga di Hoover è “uno dei più grandi successi dell’uomo” perché ha portato “ordine nella furia del Fiume Colorado, creatore del Grand Canyon e linea-vita del Sud-Ovest Americano.”

E chi potrebbe essere in disaccordo con sentimenti come “Ogni volta che vedo un edificio salire verso il cielo, la vista delle condutture idrauliche – arterie finali di un meraviglioso sistema che sostiene la vita – evoca una particolare sensazione di stupore e di orgoglio.”

Ma una cosa mi preoccupa di questi elenchi : si trattengono dal mostrare le realizzazioni più incredibili e importanti, quelle che realmente mettono in risalto il potere di questa cultura, che arrivano al nocciolo di ciò che questa cultura è, quelle che fanno sembrare banali le condutture idrauliche.

Così ho iniziato a fare gli elenchi da me stesso. Ecco un elenco di alcuni dei più grandi successi di questa cultura che hanno a che fare con l’acqua.

10. LAGO D’ARAL

Il lago d’Aral, il cui nome significa “mare di isole”, perché ce n’erano più di 1.100, una volta era il quarto lago più grande nel mondo, e copriva più di 26.000 miglia quadrate. Ma alcune anime coraggiose, una intera cultura di loro, sono state in grado di vedere oltre, al di là della bellezza e del cibo e della fornitura d’acqua per i locali, e di vedere il valore reale sottostante. Essi hanno riconosciuto che questo lago era, come dicono loro, un “errore della natura” e un “evaporatore inutile”. Hanno avuto l’audacia della visione per costruire dighe e scavare 200.000 miglia (321.000 chilometri, ndt) di canali per deviare l’acqua dai fiumi che erano abituati a fluire nel lago d’Aral invece che nel deserto per coltivare riso, meloni e cotone. Il progetto è stato un successo completo, nel senso che nel 1988 l’Uzbekistan era diventato il più grande esportatore mondiale di cotone.

Tutti sanno che qualunque acqua che raggiunge il mare è sprecata. Questo viene detto spesso dagli agricoltori di tutto il mondo. Lo dicono spesso politici e tecnocrati. E ‘stato detto proprio quest’anno da un candidato alla presidenza degli Stati Uniti in un discorso di campagna elettorale. L’acqua potrebbe e dovrebbe essere utilizzata per alimentare l’economia.

Così la 10° più grande realizzazione di questa cultura è stata di assicurare che quasi niente dell’acqua che avrebbe dovuto raggiungere il lago d’Aral fosse “sprecata.” Negli ultimi 50 anni, il lago d’Aral è decremetato a circa il 10% delle sue dimensioni iniziali.

Gran parte del lago originario costituisce ormai il deserto Aralkum, con terreno intossicato dal deflusso dei rifiuti agricoli. Ma questo non dovrebbe essere un problema a lungo termine perché il terreno viene soffiato via dal vento, portando i pesticidi lontani, come in Antartide, per essere preso dai pinguini, tra gli altri. Problema risolto.

Questo risultato, essenzialmente il prosciugamento del quarto lago più grande del mondo, così imponente, non è unico. Siamo anche stati in grado di diminuire il lago Ciad in Africa di circa il 90% e di prosciugare laghi dappertutto nel mondo, dal lago Tulare, una volta il più grande lago negli Stati Uniti a ovest del Mississippi, fino al Lago Poopó in Bolivia, e a ciò che era il terzo più grande lago d’Italia, il lago Fucino.

9. DISIDRATARE I FIUMI

Molti trattati stipulati tra il governo degli Stati Uniti e le Nazioni Indiane Americane hanno affermato che i trattati sarebbero rimasti in vigore fino a quando il vento soffiava e i fiumi scorrevano — in altre parole, in perpetuo.

La nona più grande realizzazione è disidratare i grandi fiumi. Non si può più pensare che il flusso dei fiumi sia per sempre. Ad esempio, era abituale che il fiume Colorado scorresse quasi 1.500 miglia dalla montagna al mare. Ora l’acqua non è più sprecata, solamente come “linea-vita del Sud-Ovest Americano”, ma invece è utilizzata per l’agricoltura e l’industria. Il fiume Colorado non raggiunge più il mare.

Allo stesso modo, l’Indo, una volta il 21 ° più grande fiume del mondo, con un flusso di 50 miglia cubiche all’anno, è stato ridotto a “sgocciolare a una magra foce,” una volta ancora non è sprecato, ma usato per l’agricoltura e l’industria. Il flusso del Rio Grande è stato ridotto dell’ 80% circa, quindi c’è ancora spazio per migliorare.

Il fiore all’occhiello è probabilmente il Fiume Giallo in Cina. E’ il sesto fiume più lungo del mondo, con circa 3.400 miglia. Un po’ più corto adesso, perché la sua acqua viene utilizzata invece che essere sprecata, in un anno non raggiunge il mare fino a 230 giorni.

Il venticinque per cento dei fiumi non raggiungono non più gli oceani. Ne abbiamo lasciati solo tre su quattro da sistemare affinché non venga sprecata l’acqua dei fiumi.

8. DISIDRATARE LE FALDE ACQUIFERE

E’ un grande risultato, quello di disidratare laghi e fiumi, ma ci vuole ancora più potenza per disidratare le falde acquifere (strati sotterranei di roccia o fango che contengono acqua). Le falde acquifere possono essere immense. La Ogallala Aquifer negli Stati Uniti, per esempio, sottostante a 174.000 miglia quadrate, una volta aveva un volume di circa 1.000 miglia cubiche di acqua. La domanda diventa: come si può scaricare qualcosa di così vasto e sotterraneo, come quello? Non si può tirare fuori un rubinetto gigantesco. E dal momento che è ricaricata ampiamente dalla pioggia, non è sufficiente semplicemente mettere delle dighe sugli affluenti.

La soluzione è semplice ed elegante: si pompa fuori l’acqua. Per fare in modo che non sia sprecata sottoterra, ma usata per coltivare il cotone e altre colture. La trasformi in denaro. Naturalmente non si può fermare la pioggia, ma così a lungo tu pompi fuori l’acqua più velocemente di quanta entra (e pompano fuori circa 6 miglia cubiche all’anno solo da quella falda acquifera), e così tanto a lungo tu perseveri con questo, puoi eventualmente raggiungere il tuo obiettivo.

C’è ancora molto lavoro da fare per prosciugare la falda acquifera Ogallala, ma, finora, siamo stati in grado di pompare fuori abbastanza acqua, di modo che in alcuni luoghi i pozzi devono essere 300 piedi (91 metri, ndt) più profondi che prima, agli inizi del prelievo.

E come con il lago d’Aral, stiamo realizzando i nostri obiettivi in tutto il mondo : 21 delle 37 più grandi falde acquifere del mondo sono in calo significativo, e 13 di queste tendenti al collasso.

7. INTOSSICAZIONE DELLE ACQUE SOTTERRANEE

Il tecnocrate miliardario Elon Musk e altri hanno scritto che un modo per cercare intelligenze extraterrestri è cercare pianeti inquinati, dal momento che i processi industriali intrinsecamente inquinano, e l’ intelligenza, nella loro prospettiva, intrinsecamente porta a processi industriali. Pertanto, un segno di intelligenza è l’inquinamento del proprio pianeta.

In questo spirito, il nostro settimo più grande successo sull’acqua è l’intossicazione delle acque sotterranee in tutto il mondo.

Questo risultato ha messo alla prova le nostre capacità, in parte perché questa acqua è sotterranea, e quindi è più difficile in certo modo fornirla di veleno, e anche perché queste falde acquifere sono così grandi.

Ma ogni cultura che potrebbe avere 10.000 persone a lavorare 30 anni per erigere tombe giganti ha mostrato una certa inesorabilità nel raggiungimento dello scopo, una inesorabilità che continua fino ad oggi.

Abbiamo tutti visto i video di persone la cui acqua di pozzo è stata così inquinata dal fracking, che possono aprire il rubinetto e accendere l’acqua col fuoco. Ma il fracking non è l’unico modo per inquinare le acque sotterranee, anche se l’idea di iniettare sostanze chimiche tossiche lontano sottoterra, ad alta pressione sufficiente a rompere formazioni rocciose stabili e infondere queste rocce con sostanze chimiche, è geniale. Anche lo stoccaggio di sostanze chimiche tossiche direttamente sopra falde acquifere funziona, poiché le sostanze chimiche affondano nel terreno. L’uso di insetticidi ed erbicidi funziona praticamente allo stesso modo.

Ed è un successo. Extraterrestri alla ricerca di segni di vita intelligente sicuramente riconoscerebbero questo come un segno della nostra intelligenza.

6. ACQUE SUPERFICIALI

Gli alieni riconoscerebbero la nostra intelligenza anche nel nostro trattamento delle acque di superficie. Quasi tutta l’acqua del mondo, dalle profondità dei più grandi oceani ai più piccoli ruscelli, è contaminata con tossine create dall’uomo. Si tratta di circa 330.000 miglia cubiche di acqua ormai contaminata.

Anche la sola contaminazione dell’acqua dolce del pianeta sarebbe un risultato straordinario, soprattutto se si considera che, fino a poco tempo fa, tutti gli esseri umani sulla Terra bevevano da fiumi e laghi.

In Cina, alcuni dei fiumi sono stati inquinati con così tanto successo che sono tossici al tatto. Siamo stati anche in grado di mettere le tossine in ogni “acqua biologica”, cioè l’acqua contenuta in ogni essere vivente. Si tratta di un risultato assolutamente incredibile.

5. DIGHE IN INDIA

Il governo indiano sta facendo progetti per essere sicuro che nessuna acqua in India venga sprecata dal mondo naturale. Il piano è quello di costruire 3.000 nuove dighe e scavare 9.000 miglia di nuovi canali al fine di “ridisegnare il flusso naturale” di 37 grandi fiumi in modo che il governo possa “spostare” più di 40 miglia cubiche di acqua ogni anno.

4. PESCA ECCESSIVA

Ciò che è vero per l’acqua è vero per tutto e per tutti sul pianeta: se non è convertito in denaro (il combustibile che alimenta l’economia) è sprecato.

L’ ambientalista Farley Mowat ha scritto in “Sea of Slaughter” (Mare del Massacro) : ” E’ probabilmente impossibile per chiunque viva in questo tempo, comprendere quanto fosse grande la vita dei pesci nelle acque del Nuovo Mondo quando l’invasione europea ha avuto inizio.” Un esploratore ha dichiarato che le acque dei Grand Banks (Nord-Atlantico, ndt) erano “così brulicanti di pesci [che] potrebbero essere presi non solo con una rete, ma con cesti immersi [e appesantiti] con una pietra.” Un altro esploratore ha osservato che c’erano così tanti pesci enormi -in questo caso merluzzi-” che a volte arrestavano il passaggio” delle navi. E un altro esploratore: “I merluzzi sono così spessi da riva che noi con difficoltà possiamo remare con una barca attraverso di loro.”

Questo era un sacco di pesce che andava sprecato. Ancora di più, potremmo fare commenti simili su tanti altri pesci che erano altrettanto comuni. Aringhe. Haddock (Asinello, Eglefino). Halibut. Salmone. Platessa. Anguilla. Un sacco di pesce andava sprecato.

Il cielo era anche pieno di uccelli che mangiavano questi pesci, e il mare era pieno di balene e foche che mangiavano questi pesci. Così tanti pesci, così tanti uccelli, così tante balene, così tante foche, tutti erano sprecati.

Così, la realizzazione numero quattro è la cattura di tutto questo combustibile per l’economia. I grandi banchi di merluzzo sono finiti, i grandi stormi di uccelli marini, i grandi branchi di balene e foche. Finiti finiti finiti. Non sono più sprecati. Finiti!

3. PLASTICA

L’invenzione della plastica è una straordinaria realizzazione in sé : la creazione di qualcosa che a tutti gli effetti non decade. Sviluppata tra la fine del 19° secolo e l’ inizio del 20°, è entrata in produzione di massa nel 1930. La sua produzione si è impennata da allora e, con l’economia industriale, ora la produzione è di quasi 300 milioni di tonnellate all’anno.

Molta di questa plastica finisce in mare – se fosse tutta sulla riva, ogni anno sarebbe sufficiente per riempire cinque sacchetti della spesa per ogni piede (30 centimetri, ndt) di costa in tutto il mondo. C’è abbastanza plastica in mare da causare isole galleggianti delle dimensioni di grandi stati. Abbastanza plastica nell’ oceano da essere più numerosa che il fitoplancton (base della vita negli oceani, e in effetti della vita sulla Terra, in quanto produce l’ossigeno per un respiro su due degli animali su questo pianeta) di 10 a uno. Abbastanza plastica sufficiente per causare che uno ogni tre pulcini di uccelli marini in alcune colonie nel Pacifico muoiano di fame, con le pance piene di plastica.

Abbastanza plastica per soffocare la vita degli oceani. E non decade. Che incredibile realizzazione.

2. CATTURE ACCIDENTALI

Se in qualche modo, nel 1870, tu avessi pesato tutti i pesci negli oceani, e facessi la stessa pesata oggi, il peso totale di tutti i pesci di adesso sarebbe di circa il 10% di quello che era allora. E, naturalmente, nel 1870 eravamo già sulla buona strada per fare in modo che nessun pesce andasse sprecato, cosicchè si può sicuramente dire che questa riduzione del 90% è seguita a riduzioni precedenti da quando questa cultura si è fatta strada in tutto il mondo.

Non contenti di queste riduzioni, continuiamo a uccidere i pesci per convertire i pesci in denaro, e anche a ucciderli e semplicemente gettarli di nuovo in mare senza alcuna ragione al mondo. Si tratta delle catture accidentali. La cattura accidentale succede quando recuperi la tua rete e trovi pesci morti (o uccelli o balene o foche o tartarughe o qualunque altro) di una specie diversa da quella per la quale sarai pagato. Circa il 40% di tutti i pesci catturati commercialmente vengono uccisi e gettati in mare. In alcuni settori, il rapporto fra le catture accessorie e le catture commerciali è di 20 a 1.

Il risultato è che gli scienziati stanno dicendo che, entro 35 anni, gli oceani potrebbero essere privi di pesce. Sarà stato necessario uno sforzo lungo e intenso, ma ne sarà valsa la pena per fare in modo che nessun pesce vada mai più sprecato, e anche affinchè i pesci – che sono stati in giro per 450 milioni di anni e sono sopravvissuti a multiple estinzioni di massa – capiscano che la loro capacità di sopravvivere è nulla in confronto alla nostra capacità di distruggere.

1. UCCISIONE DEGLI OCEANI

 Questo ci porta alla nostra migliore realizzazione con l’acqua, sfortunatamente ancora “work in progress”, che è l’ uccisione degli oceani su questo pianeta di acqua mediante intossicazione, riempiendoli di plastiche, con la pesca eccessiva, assordando gli oceani con il rumore artificiale fino a 260 db (in prima fila a un concerto rock è di 130 db, dolore e danni inevitabili per gli esseri umani a 140 dB; gli esseri umani muoiono a 160 dB; 260 db è 10.000 volte più intenso di una esplosione nucleare a 500 yards -457 metri, ndt-), con l’acidificazione degli oceani, con il dragaggio, causando l’aumento del livello del mare (uccidendo biomi in acque basse e sulla riva), e avanti e avanti e avanti.

Fai finta di essere tornato indietro 10.000 anni e di aver chiesto alla gente che hai incontrato quale sarebbe la realizzazione più difficile e ardua tra, da una parte, erigere enormi tombe (o, se è per questo, mettere una persona sulla luna) e, dall’ altra parte, disidratare laghi, fiumi e falde acquifere e tossificare l’ acqua in tutto il mondo, eliminando così tanta vita dagli oceani una volta incredibilmente fecondi (e fiumi e laghi e zone umide) in tal modo che effettivamente sono stati uccisi anche gli oceani stessi.

Le persone di 10.000 anni fa riderebbero di te e direbbero : “Che domanda stupida. Naturalmente sarebbe più difficile uccidere gli oceani. Nessuno potrebbe causare così tanta distruzione. Nessuno potrebbe trasformare tutto il mondo nella più grande tomba per tutti. E perché dovrebbe essere così stupido da volerlo ?”

Versione originale:

Derrick Jensen

Fonte: www.fairobserver.com
Link: http://www.fairobserver.com/region/north_america/top-10-ways-destroy-water-earth-90897/
24.08.2016
Versione italiana

Fonte: http://ugobardi.blogspot.it

Link: http://ugobardi.blogspot.it/2016/12/i-10-migliori-modi-per-distruggere.html

5.12.2016
Traduzione a cura di GIANNI TIZIANO

Pubblicato da Davide

  • gilberto6666

    Per una volta nella vita mi sono trovato in sintonia con Chicco Testa, cui ho letto il suo “Contro Natura”. Più interessante il dibattito sul referendum.

    • a-zero

      Ah già, Chicco Testa, lui si che ha visto un bel mondo!

      Lui vive di più, lavora (?) poco, guadagna molto, le cliniche migliori. Certo la natura con lui è stata molto ma molto benigna. Gli ha dato un bel cervello (?) nel mezzo di tanti minchioni che gli comprano pure il libro oltre a pagargli le bollette.

      Invece la civiltà? Anche la civiltà è stata benigna con lui. Ad esempio l’ogiva di piombo di una pallottola è un segno distintivo della civiltà, in natura non esistono pistole e proiettili. Ma a Chicco che je frega del piombo ogivale? Mai una tale e civilissima minaccia lo sfiorerà come invece accade per milioni di pezzenti che si sparano a vicenda ogni giorno per quelli come lui, il Chicco d’oro.

      Certo una civilissima testata nucleare ci voleva. Un po’ ne teniamo a Ghedi, un po’ ad Aviano. Civilissimo.

      Certo che scannarsi nelle periferie delle civilissime megalopoli e metropoli … che bella la civiltà … eh si … lei si che ha visto un bel mondo sig. dott. Chicco d’Oro?

      Che fortuna nascere Chicco Testa nel bel mezzo dell’apice della civilizzazione oh!

      Mai il Chicco d’oro avrà di che temere di scorie tossiche nucleari, tanto lui sta in qualche residence o in qualche resort o in qualche Inn. Intanto pala soldi con la filiera energetiche: estrai (e incassa)-brucia (e incassa)-scarica (e incassa). Semplice e civile!

      Ma che grande questo Chicco Testa che fa soldi a palate con i servizi offerti a GRATIS dalla natura (materie prime e smaltimento scorie); lui non è un pusillanime (tradotto per la suburra “pusillanime” = p.d.m.). Lui si fot.. scusino … si gode la natura, la stupra, ci fa i soldi, poi ci sputa sopra e la insulta.

      Che bella la civiltà termonucleare! Vivaddio! Che belle le discariche , le fogne, le miniere a cielo aperto, gli impianti siderurgici, i lavoratori e i loro figli deformi, ammalati o alienati, i coatti, i pezzenti che si scannano fra loro per una pulce in più della loro misera vita … invece lui no … il Chicco d’Oro si che ha visto un bel mondo!

      Certo al Chicco d’oro piacerà godersi una spiaggia di sabbia fine bianca, su un naturalissimo atollo, o qualunque altra splendida meraviglia naturale in giro per il mondo che lui può facilmente godersi queste cosucce gratuite della natura, mentre un qualunque coglione coatto gli compra pure il libro a 12,70 euro – ce ne avesse già pochi di soldi, gli basta scrivere delle cagate faziose e pusillanimi che una massa di pulci umane subito gli regala i suoi spiccioletti e ci si sente anche accresciuto dentro di tali minchiate.

      Ah la contro-informazione .. ma che cosa è? Ma, caro davide o cari davidi, a chi serve la contro informazione? Ma che ve ne fate della contro informazione? E dopo che vi siete contro informati? Andate a chiedere il conto a Chicco Testa? O a comprargli il libro? LOL

      Allora facciamo un po’ di contro-matematica:

      N° di umani che se la sfangano bene (aiutatemi con le cifre, farete di melgio ma il rapporto non cambia di tanto):

      – Totale cpersone di classe media per ogni continente: 150 mln Americhe, 150 mln Europa, 500 mln Asia, 50 milioni resto = manco un miliardo su 7,5 miliardi totali.

      Rapporto (civilization rate)= grosso modo 6 dannati ogni stronzo civilizzato!

      Lunga vita alla Civiltà! Lunga vita a Chicco Testa! Lunga vita a Gilberto.

      Viva la Civiltà ora e sempre, Amen.

      Fate pure, fate pure. Sempre con la faccia sotto i vostri piedi.

  • GioCo

    Unica correzione: la plastica ha un suo specifico processo di decadimento che però non è chimico (ad esempio le molecole cicliche del carbonio sono molto stabili, come si evince da qui: http://www.macplas.it/it/una-molecola-bifronte-per-polimeri-innovativi/8145 ) ma meccanico e fisico: sotto l’effetto del vento, del sole e dell’acqua salata (se immersa nel mare) polverizza. Le nano-polveri che si creano sono ridotte a un diametro abbastanza piccolo da penetrare poi nel nucleo delle cellule viventi. Per provocare l’effetto basta il tempo e non abbiamo nessuna ricerca (pubblicamente nota) che ci dica quali sono gli effetti sui corpi viventi di questa bella merda. Ma le dimensioni della minaccia per la vita sul pianeta mi pare siano sufficienti da poter stare nella lista.
    Per quel che serve …

  • fastidioso

    Nasci consuma cresci muori
    Nasci consuma cresci muori
    Nasci consuma cresci muori

    Maledetti no-global…