Home / ComeDonChisciotte / TRA LA FED E DRAGHI

TRA LA FED E DRAGHI

DI G. DUCHINI
conflittiestrategie.splinder.com

In questo scorcio di Ferragosto si sta (ab)battendo, in sordina, un’asta pubblica, gestita dalle banche su mandato di Bankitalia per conto del Tesoro di ben 165 miliardi di euro – in titoli di Stato (Obbligazioni in Buoni Poliennali del Tesoro) con scadenza di 5 e 15 anni – che rappresentano solo il 35% dei 480 (miliardi) previsti per l’intero 2010.

Un paese da inondare, in prestiti e liquidità, con un ricatto in sospensione di giudizio fatto dalle società di rating Usa aduse a dare il “pagellino” sulla solvibilità ai paesi occidentali per conto ( semplici mandatari) del grande Centro regolatore della finanza occidentale: la Fed (Federal Reserve Usa); un nodo scorsoio di “natura politica” nel suo aspetto finanziario, posto sulle ridotte risorse produttive italiane e finanche su tutta la zona euro, Grecia e Spagna, docet.L’Italia, come terzo paese al mondo per grandezza di debito pubblico, affida le sue sorti all’emissione di un prestito abnorme rivolto ai risparmiatori e, soprattutto, alle banche nazionali e internazionali il cui significato è ovviamente geopolitico, al di là della concessione del finanziamento richiesto: riguarda essenzialmente la sovranità dello stato “da trattare”; ridurre o impedire il finanziamento significa depotenziare la macchina statale, con un rischio di “default” sempre dietro l’angolo.

I segnali di risveglio produttivo sull’export italiano, che legavano una incipiente ripresa industriale ad una maggiore autonomia finanziaria da spendere su mercati internazionali, sono stati subito affossati dalla caduta improvvisa delle borse internazionali che fa seguito alle difficoltà Usa di uscire dalla crisi.
Ben si comprende come la ricerca di finanziamenti legati a garanzie internazionali, da concedere in misura sempre maggiore, segnala l’avvitamento di una crisi, in grave ed irreversibile arretramento produttivo, su cui le Quinte Colonne (in particolare, sinistra giudiziaria e centro-destra ) hanno ormai legato i loro destini politici, in combutta con gli Usa.

La classe politica italiana, costituita da una congrega forgiata sul tradimento ad oltranza ed in vigile attesa di ordini provenienti d’Oltre Atlantico, come si conviene ad ogni ligio cameriere, è pronta a servire il piatto avvelenato di un “Governo Tecnico” da porre sotto il controllo del più collaudato e fedele Governatore di Bankitalia Draghi (già ex consulente della G.S (Goldman-Sachs Banca d’affari Usa), e/o ex ministro Pisanu; e non tanto per la solvibilità finanziaria del sistema Italia, quanto per il tentativo ulteriore, di assestare con un colpo micidiale agli ultimi residui di sistema industriale italiano ancora in competizione; non senza riservare una ulteriore possibilità alle schegge politiche impazzite che agiscono in combutta contro ogni reale interesse nazionale: trasformare il “bel paese” in un paese di turismo e servizi (cfr., Montezemolo, Rutelli..).

G. Duchini
Fonte: http://conflittiestrategie.splinder.com
Link: http://conflittiestrategie.splinder.com/post/23148577/tra-la-fed-e-draghi-di-gduchini
16.08.2010

Pubblicato da Davide

  • Maxim

    ma la vogliamo finire con questi articoli dove Berlusconi sembra apparire il difensore dell indipendenza e della sovranita ‘ nazionale ?
    il debito pubblico è alle stelle , cosa che guarda caso avviene sempre quando il berlusca è al comando e se ci saranno da pagare interessi piu’ salati per bot , btp etc il ” merito ” sara’ anche di chi vuole aprire crisi di governo in questo momento , crisi volute per difendere i propri compari .
    Basta con queste fesserie

  • GioCo

    da elettore (colpevolmente ignorante) di Berlusconi nel ’91, sono diventato rapidamente antiberlusconiano e Grillino negli anni seguenti, sentendomi via via tradito prima dal Governo che avevo eletto e poi (peggio) da quello di D’Alema che l’ha sostituito. Dal 2000 circa ho cominiciato a rendermi conto che nemmeno quella “protesta civile democratica e satirica” era la realtà, che le esagerate (e colpevoli se non compiacenti) semplificazioni possono far ridere ma non fanno riflettere abbastanza.
    Ho riconosciuto in Grillo e negli spettacoli di satira dei vari comici che sono emersi sulla scia del suo esempio, impegnati democraticamente, la spinta per comprendere, ma non certo la completezza di informazione necessaria per comprendere.
    Ho letto, mi sono interessato e ho cominciato a capire che le apparenze, nascondono altre apparenze. Che la verità è semplice ed evidente, persino condivisibile, ma solo se prima levi i veli che la coprono.
    Chi è Berlusconi? La maggior parte di noi non può nemmeno guardare se stessa allo specchio: affermare di sapere chi è costui, ossessiva ombra mediatica, cosa vuole veramente e come agisce per ottenere ciò che vuole, significa rimanere sedotti dal suo fascino e quindi non essere in alcun modo migliori dell’ombra.
    Ma quest’ombra ne copre altre e sono le stesse che l’hanno generata. Come si può affermare che si difende un ombra facendo luce su ciò che l’ha generata? Ora quest’ombra e divenuta ingombrante, ma chi ce l’ha imposta non vuole sporcarsi le mani a rimuoverla. Chiedo: c’è qualcuno che ha voglia di diventare il boia, sapendo che l’unico motivo per cui possiamo ancora mangiare è perchè il condannato non è ancora stato decapitato?
    Avanti siori e siore, la fiera dei coglioni è aperta!! Venghino, venghino siori e siore, divertimenti e omaggi per tutti!!

  • Skaff

    ma basta con le TUE fesserie… se hai queste opinioni puoi anche rifugiarti sui forum di Repubblica…

  • Skaff

    Io non ho mai votato per Berlusconi, ma lo faro’ sicuramente alle prossime elezioni.
    Una piccola parte di me pero’ vorrebbe che a vincere fosse il PD, cosi finalmente questo popolo di ignoranti (tipo Maxim) vedranno come sara’ bello il paese dopo Mr. B.
    Ma una parte di me vuole anche tornare a casa dall’esilio…quindi…che il cavaliere tenga duro, con tutti i suoi difetti.

  • Maxim

    e tu continua a votare berlusca

  • redme

    ..perchè sei tù che decidi chi deve scrivere dove e cosa?…

  • redme

    ..siamo alle solite…cè sempre chi abbocca alla sirena del nazionalismo….” il nazionalismo è un concetto molto semplice da spiegare ai bambini” “R. Musil, scrittore e maestro elementare”

  • Maxim

    sta tranquillo , cosa fa il tuo capo lo vedi adesso senza dover attendere le elezioni , ora fila a vedere il tg1 di minzolini che ti ricarichi

  • Pellegrino

    Maxim, chi sia il tuo ‘capo’ tu nemmeno lo immagini….

  • Cippala

    Sappiamo chi è Mr.B ma è stupefacende vedere gente come te che non comprende che al suo opposto c’è la mafia legale che è molto più temibile del ridicolo despota.

  • andyconti

    Bravi, continuate ad accapigliarvi su Berlusca, gia’ si vede come gli italiani siano letteralmente terrorizzati nel perdere uno che e’ stato il piu’ utile avversario e il piu’ utile alleato. Il lettore che parla di maschere, ombre, si’ , forse ha ragione, gli italiani sono solo un popolo di maschere e ombre, privo di identita’, e il cavaliere gliene ha regalata una (cosi’ come il Mussolini che affermava di potere essere qualsiasi cosa, socialista, antidemocratico, liberale e autarchico…), cioe’ l’identita’ del nulla basato sui soldi, che, come sappiamo, sono per la maggiorparte carta straccia non corrispondente a beni esistenti. Un popolo incapace di trovare un’alternativa fra Berlusca e Draghi si merita di affondare, a meno che un giorno non si svegli e capisca che dovrebbe tornare alla gloriosa penisola rinascimentale degli staterelli……ma sicuramente adesso piomberanno le solite risposte adirate dei patrioti di comedonchisciotte….comunque…viva il dibattito..finche non annoiera’…..

  • Tonguessy

    Avanti siori e siore, la fiera dei coglioni è aperta!! Venghino, venghino siori e siore, piu’ gente entra piu’ coglioni si vedono!

  • stefanodandrea

    Non critiche ma domande.
    Quale sarebbe il vantaggio che la maggioranza della popolazione o una minoranza (ed eventualmente quale) ricaverebbe dalla esistenza di Staterelli. Vi sarebbero programmi e testi scolastici paragonabili a quelli che la elite italiana un tempo riuscì ad elaborare e ad utilizzare nelle Scuole?. L’Università e o la scuola tornerebbero al livello che avevano un tempo in Italia? I lavoratori tornerebbero ad essere tutelati come lo erano negli anni settanta? E quale autonomia avrebbero i singoli Stati? Sarebbe lecito per uno di essi consentire che una grande potenza impianti una centrale nucleare? E sarebbero leciti i dazi doganali? Non temi guerre per i confini?
    Non credi che la difficoltà nella quale ti imbatti (come tutti noi) nell’analizzare razionalmente la situazione al fine di proporre una soluzione di spinga ad effettuare una proposta circa la quale non sei in grado di dire né garantire nulla, dunque una proposta di fuga verso l’ignoto? E se ci trasferissimo tutti in un’altra galassia? Che ne pensi? (perdonami l’ironia, che vuole soltanto rendere la mia incomprensione della logica sottesa alla tua proposta).

  • Maxim

    se esiste questo ” capo ” deve essere un vero idiota dato che il principale partito d’ opposizione , il Partito Defunto aka PD , nonn ha nè idee nè un capo nè nulla . faccio veramente fatica ad immaginare potentissimi servizi segreti , lobby etc dietro ad un aborto fallito di partito che non è in grado di fare assolutamente nulla , nemmeno di scegliere una dignitosa eutanasia .

  • andyconti

    Non ho problemi con l’ironia, che pero’ considero abbastanza superflua in un dibattito nel quale dovrei essere io a ironizzare sui litigi che i lettori fanno su quello che sembra essere l’unico tema galattico (e qui sono io che ironizzo sulle tue parole):Berlusconi. Prima di affermare che non sono in grado di garantire nulla, forse dovresti ripaassarti la storia, perche’ non invento nulla.
    Negli anni 70 i lavoratori erano tutelati perche’ l’economia era prospera e moltissimi ne hanno approfittato con eccessi di assenteismo e anche furti di pezzi in fabbrica (magari non hai mai lavorato in fabbrica, ma la realta’ non e’ quella da salotto di sinistra). A questo proposito, ti consiglio l’autobiografia di Lee Iacocca: lui salvo’ la vita agli operai della Chrysler ma non prima di averli messi di fronte anche alle loro responsabilita’ (es. distruggere gli impianti durante gli scioperi). Senza parlare del loro imborghesimento e del fatto che stanno votando Lega in massa. Ovviamente questa non vuole essere la difesa dei padroni reazionari, spero che tu possa capirlo.Ma fin qui e’ stato anche troppo facile risponderti. Veniamo ai temi caldi. Il Rinascimento e’ stata un’epoca nella quale si investiva in cultura, e a dire la verita’ era molto meglio la cultura autodidatta rispetto ai programmi scolastici retrogadi a cui tu ti riferisci (redatti dalla dc, o hai vissuto in un altro paese?). L’autonomia dei singoli stati sarebbe la medesima di cui oggi godono paesi come il Lussemburgo, in Europa stati piccoli o grandi hanno la stessa autonomia e le nostre regioni sarebbero inserite nell’ambito dell Ue (che peraltro mi pare i lettori di Cdc odino, e allora dovresti porre qualche domanda a loro, io mi limito a trattare un argomento alla volta). Comunque, non accetti la mia proposta? Ok, cosa vorresti? Ti piace Grillo? Vuoi tornare agli anni 70? Personalmente, un’altra opzione la posso offrire nell’atteggiamento che aveva De Gaulle nei confronti dei partiti, e’ stato un presidente votato anche dai comunisti perche’ i francesi (che di politica ne capiscono di piu’di noi) capirono che lui voleva eliminare la partitocrazia (e’ una parola che hai mai sentito in Italia?). Accetto il dibattito, non preoccuparti per l’ironia, ma mi pare che in questo sito tutti conoscano la Verita’ e mi fanno un po’ sorridere.

  • Tonguessy

    Secondo me stai facendo un po’ di confusione.
    Il Rinascimento e’ stata un’epoca nella quale si investiva in cultura
    E’ proprio il Rinascimento che ci ha regalato le banke ed i bankster, la balistica ovvero la scienza di uccidere il prossimo, avo delle bombe intelligenti attuali, le bombe a grappolo inventate da Da Vinci (che visti gli esiti penso’ bene di criptare le sue invenzioni, cosa che ci regalo’ 500 anni di tregua), la scienza medica che nel ‘600 uccise il piu’ potente uomo del suo tempo (Richelieu) ed oggi ne ammazza 90 al giorno nella sola Italia e cosi’ via.
    Sugli anni ’70 ci furono lotte che oggi sono solo sognabili, la crisi non conta. Se ci fosse la volonta’ che c’era in quegli anni la crisi se la ficcherebbero dove diciamo noi…mi fermo qui per brevita’.

  • andyconti

    Gli anni di piombo, della strategia della tensione, della crisi petrolifera…..mi fermo qui per brevita’

  • Fabriizio

    appoggio Skaff

  • dana74

    maxim scrive:
    ma la vogliamo finire con questi articoli dove Berlusconi sembra apparire il difensore dell indipendenza e della sovranita ‘ nazionale ?

    e dove sarebbe scritto nell’articolo abbi pazienza?

    “il debito pubblico è alle stelle , cosa che guarda caso avviene sempre quando il berlusca è al comando”

    chiederti da cosa scaturisce e chi lo comanda il debito pubblico è esercizio complicato o deve uscire sul prossimo inserto di Repubblica?
    Perché invece i governi lacrime e sangue diretti dai fidi di Goldman la difendono la sovranità nazionale?

  • dana74

    perché un governo che difendesse gli interessi nazionali intesi come benessere per la collettività (e non è questo il caso) sarebbe un male?

    anche il servilismo è estremamente facile da spiegare….
    senza citazione, basta il buon senso

  • idea3online

    Per capire che la verità è espressa in questo articolo approfondite con questo bellissimo documentario, dura circa 1 ora.

    Soprattutto chi ha scritto il 1° commento dovrebbe vedersi tutti i 22 video.

    http://www.youtube.com/watch?v=ArdQIa5kMUQ

  • redme

    esatto..non è questo il caso…e mi sà tanto di presa in giro intesa come strategia comunicativa..

  • terzaposizione

    Quindi lo psiconano sarebbe il nuovo Mattei?
    Quindi regalare 2,5miliardi di ICI ai redditi alti e’ stata una ripicca verso Confindustria ed Affini, regalare Alitalia a Marcegaglia,Colaninno e sodali facendo ricadere 3miliardi di costi sul debito pubblico e’ stata un’operazione contro i Poteri Forti, e che dire dello scudo fiscale al 5%,veramente un’operazione da rivoluzionario che pensa al Paese.Senonchè appena il KuntaKinte di Washington ha abbaiato,su istigazione di Israele, affanculo il business con l’Iran,affanculo il South stream e Gheddafi.
    La storiella che con Silvio proteggiamo le briciole di Sovranita’ Nazionale e’ buona per gli ex-comunisti rinnegati come LaGrassa e per i fessi che ci hanno creduto (me compreso).
    Ha avuto 3governi per riformare,migliorare,tagliare le tasse, ma ha ottenuto solo di farsi i cazzi suoi e nonostante Montezemolo – Fini – Casini – draghi siano dei venduti agli anglo-americani sionisti,un cesso di premier che si caga addosso appena esce dal seminato e continua a fare leggi ad personam, ha rotto le palle. Mattei Moro e perfino Bottino Craxi avevano piu’ palle,infatti sono sepolti,questo le palle le racconta.
    Ne’ fronte rosso ne’ Reazione, TerzaPosizione

  • Ricky

    E’ dura da ammettere ma questo articolo dice la veritá.
    Come giá ho commentato qualche giorno fa, B. risponde agli interessi delle mafie locali, oltre ai suoi personali (e in seconda battuta, si relaziona molto bene con la Russia) , mentre gente come Draghi o Schioppa risponde principalmente agli interessi ‘atlantici’, leggi USA e UK.
    Questo paradossalmente ha salvato fino ad ora due tesori nazionali come Sanitá ed Educazione che sono ancora in mano pubbliche, gestite mafiosamente, ma pubbliche.
    Le mire del capitale occidentale sono puntate lí, e sul controllo dell’Informazione, che ora é al 70% sempre di mister B.
    Sul tema del debito, poi, segnalo che pochi giorni fa l’ultima asta di titoli di stato é stata un fallimento: sono riusciti a collocare poco piú di 2 miliardi a fronte di un’offerta di 3,5.
    Questa notizia non si trova da nessuna parte, sono dovuto andarmela a leggere all’estero.

  • airperri

    tutto giusto. Ormai e’ melma totale. Chissa’ tra 10 anni se ci sara’ ancora l’Italia? presto cominceranno a mangiare il patrimonio artistico. La Toscana se la sono gia’ presa gli inglesi. A quando teste ficcate su pali di legno con contadini che occupano il parlamento? Bisogna sprofondare ancora di piu’ per risvegliare i cittadini ? c’e’ una fiacca generica, coltivata ad opera d’arte da aspirazioni per un finto benessere.