TESTAMENTO BIOLOGICO

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

DI UGO SETTE
Il primo amore

Se un giorno dovesse mai accadere il fattaccio che io muoia, non lo
escludo ma non me lo auguro, spero con tutto me stesso o ciò che di me
resta, di avere fatte un po’ di cose importanti nella mia vita. Mi
chiamo Ugo, ho trent’anni in questo momento, vivo una vita di simil
felicità e il futuro mi arride, presto poi del tutto involontariamente
e inconsapevolmente pubblicherò il mio primo romanzo, sebbene le
prospettive esistenziali mi appaiano ristrette, vuoi per l’attuale
condizione economica e politica del paese, vuoi per la mia emotività
vacillante. Ho una famiglia benestante, una ragazza bellissima, e
sinceramente, allo stato delle cose, non saprei proprio considerare se
sono capace a vivere senza di loro. Immagino quindi che se dovessi
ritrovarmi attaccato ad una spina che mi tenga in vita, senza
possibilità alcuna di dire basta, stop, chiudiamola qui, la mia
famiglia che tanto tiene a me, inevitabilmente si indirizzerebbe verso
una scelta di stampo direi cattolico, ovvero trattenermi tra i meno,
senza lasciarmi andare beatamente tra i più. Detto questo, da
anticattolico e anticlericale che mi ritrovo, innanzitutto vorrei che
prima di me schiattassero un tot di persone brutte che conosco, se
fosse possibile vorrei dare loro una mano con ogni mezzo conosciuto o
di futura invenzione, poi di sicuro accetterei più volentieri l’idea
di de-fungere.

Nella foto: Il papà di Luana Englaro, Beppino

Alla spina però non vorrei stare attaccato. Questo no, mai. Ne ho
vista di gente messa in quel modo, e non è un bello spettacolo. Vorrei
dire al papa e a tutti, quella non è vita. Quella è sopravvivenza
vegetativa. Ok, pensieri, sensazioni, respiro, battito cardiaco ma
vivere s’intende scopare, mangiare, leggere, amare, scorreggiare,
correre sui prati in fiore, limonare, e chi ne ha più ne metta.
Ma se dovesse accadere, se accadesse quel fattaccio brutto e
improvviso tale da rendermi una larva flaccida e rincoglionita priva
di qualsiasi parvenza vitale, vorrei innanzitutto risparmiare
l’energia elettrica che di questi tempi le bollette costano. E una
volta Morto vorrei donare parti di me al mondo e vado a elencare come
dovrà svolgersi il tutto.

Le mani vorrei donarle ai lavoratori, magari strette a pugno e
indirizzate al Cielo per ricordare loro e alla nazione intera le lotte
sindacali e i cortei che si facevano una volta, invece di stare
incollati alla tv a guardare “Veline” e le partite di calcio o ancora
peggio lucidare le loro automobili da simil ricchi.
Le gambe e i piedi al Governo attuale, perché si ricordino che c’è
sempre qualcuno pronto a calciarli nel deretano, visto che hanno
disatteso ogni aspettativa che tanto pubblicizzavano.
La testa vorrei imbalsamarla e regalarla ad un museo. Il cervello
vorrei fosse messo in un barattolo di vetro sotto spirito come in
Frankenstein Jr. Il cuore vorrei che venisse mangiato come fanno nelle
civiltà tribali. Il corpo intero e parte degli arti, vorrei fossero
arsi al fuoco sopra a una pira per ricordare i malanni perpetrati
secula seculorum della Chiesa Cattolica verso intellettuali e
scienziati.

Dimenticavo, le palle vorrei donarle agli scrittori.
Sì, perché è una razza smidollata che si nasconde dietro una penna o
un pc, invece di scendere in piazza e gridare, di denunciare ciò che
non va, di battersi per un ideale, di morire. Troppo impegnati a
compiacersi delle proprie seghe mentali sull’Esistenza per rendersi
conto che la vita va vissuta per strada. E questo è quanto. Né più né
meno.

Ugo Sette
Fonte: www.ilprimoamore.com
Link: http://www.ilprimoamore.com/testo_1111.html
6.10.08

VEDI ANCHE: I TESTAMENTI BIOLOGICI

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
10 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
10
0
È il momento di condividere le tue opinionix