Home / ComeDonChisciotte / TERREMOTO E SEGRETI

TERREMOTO E SEGRETI


DI SOLANGE MANFREDI
paolofranceschetti.blogspot.com

Dopo il terremoto che ha colpito l’Abruzzo vari paesi esteri ci hanno offerto aiuto. Erano pronti ad inviare uomini e mezzi. Il Governo ha rifiutato affermando che non ne avevamo bisogno.

Berlusconi ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Ringraziamo i paesi stranieri per la loro solidarietà, ma invitiamo a non inviare qui i loro aiuti. Siamo in grado di rispondere da soli alle esigenze, siamo un popolo fiero e di benessere, li ringrazio ma bastiamo da soli”.

Siamo in grado di rispondere da soli alle esigenze? Siamo un popolo fiero e di benessere? Bastiamo da soli? Ma se i terremotati dell’Irpinia è trent’anni che vivono in prefabbricati e cenano con pantegane che sono più grandi del mio cane (che pesa 45 kg).
Lì per lì ho pensato che il rifiuto fosse stato motivato dal fatto che è più difficile rubare se hai accanto volontari di paesi esteri dove per una evasione fiscale vai in galera per trent’anni. Potrebbero non capire che, da noi, in Italia fa curriculum avere una, o due, condanne passate in giudicato per entrare in parlamento, e che rubare gli aiuti a chi è stato colpito da una calamità è una prassi consolidata.
Poi ho letto che il Governo ha rifiutato gli aiuti di uomini e mezzi, ma accetterà volentieri quelli economici……..sempre, ovviamente, perché siamo un popolo fiero e benestante…..soprattutto stanno molto bene quelli che riescono a rubare di più, ad aggiudicarsi la ricostruzione e non ricostruire o, nella migliore delle ipotesi, costruire con cemento “disarmato”.

Poi, però, una domanda mi è sorta spontanea: perché l’Italia non vuole personale straniero nelle zone colpite dal terremoto?
Così ho provato a cercare di capire cosa potesse esserci di “particolare” in quelle zone, in aiuto mi è arrivata la segnalazione di un nostro lettore.

Due i risultati:

1. Sotto il Gran Sasso, a 1.400 metri sotto terra ci sono i Laboratori Nazionali del Gran Sasso (LNGS), i più grandi laboratori scientifici sotterranei del mondo. Detti laboratori sono di proprietà dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN). In cosa consistano questi esperimenti è facile immaginarlo trattandosi di FISICA NUCLEARE, comunque qualcosa, solo qualcosa, è consultabile visitando il sito: http://www.lngs.infn.it/home_it.htm .

Quanto materiale chimico, radioattivo, nucleare era presente nei laboratori al momento del sisma? Quali esperimenti erano in corso? Ma sopratutto quali e quanti danni ha subito la struttura? Perché i media non fanno un solo cenno a tutto ciò? Interi paesi sono distrutti, l’Aquila è una città fantasma e del più grande laboratorio di fisica nucleare del mondo, situato a 1400 metri di profondità sotto il Gran Sasso, zona colpita dal sisma, non si dice nulla? Se le strutture hanno retto perché non dirlo? Cosa successo a 1400 metri di profondità?

2. Vicino a Sulmona, poi, sotto le colline di S. Cosimo vi è un notevole deposito militare, chilometri di tunnel sotterranei con tanto di ferrovia privata. Meno di un anno fa, il deposito di San Cosimo è stato al centro di un’aspra polemica che aveva costretto il generale di Corpo d’Armata Giorgio Ruggeri ad affermare: “Nel deposito militare di San Cosimo non c’è nulla che possa rappresentare un rischio ambientale o una contaminazione radiologica pericolosa per la salute della popolazione residente. Posso affermare con estrema certezza che gli ipotetici casi di malattia non sarebbero assolutamente collegati alla presenza del deposito e che non sarà smantellato perché rappresenta per l’Esercito una presenza strategica sul territorio”.

Personalmente non mi fido molto delle rassicurazioni date dall’esercito, sopratutto dopo quanto fatto con i nostri soldati e l’Uranio impoverito ( articolo su questo blog http://paolofranceschetti.blogspot.com/2007/12/vergognamoci-per-loro-3-migliaia-di.html )
in cui ricordiamo 2000 nostri soldati che hanno partecipato alle missioni all’estero sono tornati ammalati di tumore.

Dal 1977 vi erano circolari e relazioni scientifiche che avvertivano del pericolo dell’esposizione dei militari alle particelle di uranio impoverito, scarto nucleare usato per rafforzare gli armamenti. Dal 1984, erano state emanate, dalla Nato, precise norme di protezione per chi operava nelle zone a rischio. Ma l’Italia, che pure fa parte della Nato, sino al 1999 non recepisce.

Ma la vergogna più grande avviene dopo. Infatti, i nostri soldati, una volta ammalati, hanno chiesto un indennizzo al Ministero. Sapete cosa dovevano firmare per poter ottenere l’indennizzo? Dovevano firmare un foglio in cui affermavano di essersi ammalati per paura! Si esattamente così. Non per l’uranio impoverito, la cui pericolosità è provata da innumerevoli relazioni scientifiche, ma per “strizza da sentinella”.

Ora, se l’esercito tiene questo comportamento con i suoi soldati, con buona pace dello “spirito di corpo”, mi riesce difficile pensare che possa comportarsi con maggiore correttezza con la c.d. “popolazione civile”.

Ma, a parte questa mia considerazione personale, la domanda è un’altra: ha subito danni quel deposito? Se si, quali e quanti? Anche in questo caso, da parte dei media, assoluto silenzio. Segreto di Stato!

Dunque, nella zona colpita dal terremoto ci sono:
– il più grande laboratorio sotterraneo di fisica NUCLEARE del mondo;
– un deposito di armi (non si sa quali) ed esplosivi con tanto di ferrovia privata.
Perché nessuno ne parla? Cosa è successo a quelle strutture? Sono state danneggiate? Ci possono essere state fuoriuscite di materiale radioattivo?
Nulla, il più assoluto silenzio, meglio fare un servizio giornalistico sulle uova di pasqua nelle tendopoli.

Solange Manfredi
Fonte: http://paolofranceschetti.blogspot.com
Link: http://paolofranceschetti.blogspot.com/2009/04/terremoto-e-segreti.htm
14.04.2009

Pubblicato da Davide

  • brontomauro

    Il fatto che Kingpin (Berlusconi) abbia chiesto denaro sonante e vestiti nuovi per aiutare i terremotati è un chiaro segnale del fiuto imprenditoriale di quest’uomo. Non ha fatto passare due giorni dalla tragedia che era già piombato, da buon spazzino della natura, sui cadaveri freschi di morte per raccogliere i proventi della beneficienza telefonica.
    Un grande nel suo ruolo naturale.
    L’Italia è un esperimento. E’ l’avamposto dei peggiori poteri mondiali, il luogo dove militari e massoni possono testare qualunque genere di arma senza incorrere nelle sanzioni della legge.
    Per chi tiene al patriottismo c’è da essere soddisfatti: siamo all’avanguardia nel nostro essere cavie da laboratorio, Espanola ci fa un baffo.
    La tristezza profonda è constatare come molti ingenui si ostinino a credere di essere cittadini e non cavie. Il libero cittadino è il primo nemico del potere, di qualunque potere. La cavia da esperimento invece è utile e funzionale al potere. Il potere non vede nelle cavie un nemico ma uno strumento. Uno strumento da tenere bene fino a quando serve e da gettare quando ha svolto il suo compito.
    A molti essere grasse cavie in gabbiette elettroniche piace e sono pronti a difendere il proprio carceriere.
    Gli altri si sforzino di spezzare più catene possibili, dalla dipendenza dal denaro a quella dall’automobile.
    C’è il demanio da coltivare, ci sono le nostre gambe da far ripartire.
    La libertà è l’unica forza in grado di far tremare il potere, se si lega alla verità diviene un’energia capace di influenzare la realtà.

  • Tenente

    E’ vero i terremotati dell’Irpinia vivono ancora in prefabbricati… ma come mai quelli del Friuli dopo sei mesi avevano già ricostruito tutto?
    Poverini che siete…

  • hansolo

    In una notizia sui maggiori quotidiani il direttore dei LNGS ha affermato che nei loro laboratori non era successo nulla. Nessuno però ovviamente ha confermato. Non dovrebbero però esserci sostanze radioattiva, ma “solo” inquinanti. Laboratorio di fisica nucleare non vuol dire che ci si divertono a fare esperimenti di scissione o fusione degli atomi. Il laboratorio si potrebbe piuttosto definire come “laboratorio di fisica SUBnucleare”, infatti sta sotto 1400 metri di roccia per evitare che le radiazioni (costituite da flussi di particelle) di cui è permeata l’ecosfera disturbino le misurazioni relative agli esperimenti che vi si svolgono. Quindi se radiazioni ci fossero, sarebbero di un livello estremamente basso, tanto da dover richiedere uno schermo di 1400 metri di roccia per poter essere rilevate.
    Per quanto riguarda il deposito militare di Sulmona, gli interrogativi dell’autrice sono legittimi.

    In ogni caso credo che l’Unto nel fare le affermazioni che l’articolo gli addebita sia stato spinto da due motivi principali: di immagine (Italia come Paese forte, capace e ben organizzato) e di sostanza (non avere tra i piedi rompiballe esteri che controllerebbero quello che si sta facendo).

    Cmq pare siano in arrivo esperti UE per capire come possano essere crollati edifici moderni.

    Spero poi che i Paesi che invieranno aiuti economici controllino puntigliosamente l’uso che verrà fatto di tali fondi.

    Gli edifici moderni crollati o gravemente lesionati all’Aquila (sono aquilano) sono soprattutto quelli pubblici e privati costruiti negli ultimi due o tre lustri, quando la maggior parte delle ditte edili locali, grandi e piccole, ha chiuso cedendo il passo a ditte forestiere (marsicane, della costa e del sud) che praticavano prezzi e ribassi cui era impossibile far fronte. I risultati si vedono…

    La scuola della GdF e il supercarcere, intatti, sono gli ultimi edifici costruiti dall’ultima grande impresa di costruzioni locale, poi fallita.

  • Fedro64

    Bèh, sì, certo che i sospetti sono plausibili, ma:

    1) il laboratorio del gran sasso contiene in percentuale più scienziati stranieri che italiani, difficile siano omertosi pure loro;

    2) non è situato a 1400 metri di profondità, ha 1400 metri di montagna sopra, ma è parecchio sopra il livello del mare;

    3) i dubbi sul deposito militare sono gli stessi che dovevano aversi anche prima del sisma, per risolverli basta un comune contatore geiger. Che aspettate a usarlo?

    Lo dico perché questo “al lupismo” che si diffonde su internet, finisce per screditare le inchieste più serie. Cerchiamo di scrivere cose circostanziate, verificate, e, per favore, pensate prima.

    Con simpatia, Fedro64

  • Truman

    Esistono strumenti per misurare la radioattività. Sarebbe opportuno dotarsi di contatore Geiger se si va in quelle zone. Se qualcuno ha fatto delle misure sarebbe utile averle.

  • TitusI

    Che posso dire, hai ragione…e io sono irpino…ma sappi che la cosa e’ un pelo piu’ complicata di come credi, non e’ la fame (o il terremoto) che uccide, ma l’ignoranza, e se l’ignoranza fosse un buon combustibile l’Irpinia sarebbe a cavallo per il futuro.

  • brontomauro

    Il primo punto non lo trovo convincente. L’omertà non ha nazione e i soldi comprano facilmente il silenzio di scienziati codardi siano anche scandinavi.

    I dubbi sul deposito militare sono tanti e non solo relativi alle eventuali radiazioni emesse. Sarebbe bello sapere cosa fanno i militari sotto terra in zone fortemente sismiche. Quando gli armati si nascondono (e così a fondo poi) c’è solo da aver paura.

    Io sono contento che qualcuno lanci degli allarmi e spero continui perché la situazione generale è lontanissima dalla normalità e la sensazione di essere sotto osservazione e sotto attacco di poteri che non si mostrano è sempre più forte.

  • portoBF

    Poverino che sei tu….tenente.
    Anche in friuli hanno rubato come sempre, te lo dico perchè ci abito. Esempi? Tutti! Gente che aveva una baracca, ora ha una villa, percui non fare il fenomeno, tenente…..di cosa?

  • LonanHista

    qualche tempo fa franceschetti scrisse un pezzo dove accennava di aver pranzato nella villa degli orrori del mostro di firenze e di aver mangiato carnumana.

    dopo qualche mese ci dice di essersi sbagliato ed aver fatto addirittura amicizia con le proprietarie del ristorante

    commentai nel primo pezzo che il vero potere è quello di confondere le idde fino a non rendersi conto più della realtà, il disinformare, lo sviare

    e si arriva quindi al punto di vedere mostri dappertutto, di non riconoscere più la realtà effettiva, come nel caso di questo pezzo sui laboratori del gran sasso

    siccome il governo mente sempre, allora è impossibile che con il terremoto non sia successo nulla nella pancia del gran sasso senza però prima aver osservato il dato di fatto:

    1-i danni casati dal sisma sono dovuti soprattutto all’imperizia dell’uomo, perché se gli eidfici crollati fossero stati costruiti a norma, avremo avuto meno danni e meno vittime, l’esempio ne è SanGregorio un paesino sito proprio nell’epicentro del sisma, dove neppure un calcinaccio è caduto nonostante le case fossero costruite a pietre e mattoni, questo perché il paese era stato costruito con criteri antisismici e dove si è ristrutturato non si è modificato e si è rispettato il disegno vecchio.

    2-se ne evince quindi che anche i laboratori costruiti dentro la pancia del gran sasso siano stati cotruiti a norma, essendo tra l’altro queste strutture e questo sito una sorta di società mista con importanti cerchi di ricerca stranieri, per cui siccome americani inglesi tedeschi francesi etc, prima di mettere piede dentro il gran sasso, hanno preteso la sicurezza

    3-il labiratorio interno al gran sasso è costruito in parallelo alla galleria dell autostrada che collega teramo all’aquila, lunga oltre 10 km, e dentro a questa galleria, percorrendola dopo 3-4 km dall’ingresso nel versante teramo c’è l’uscita che conduce ai laboratori.
    In questa uscita ci sono molte segnaletiche, ma non c’è quella realtiva a pericolo radioattività. perché nel laboratorio si studia l’atomo in assenza di gravità, cioè si fanni esperimenti sull’atomo e non su fissioni o fusioni nucleari…………..
    questo lo so perché per un anno, ogni giorno ho praticamente trasportato la corrispondenza che i ricercatori si scambiavano con tutte le università del mondo. avrei potuto ottenere il permesso per entrare dentro, però non ho mai insistito per averli perché soffrendo di un principio di claustrofobia, il solo pensiero di rimanere chiuso nella pancia di una montagna mi toglie il respiro.

    4.ho avuto in quel periodo modo di parlare con chi lavorava dentro al laboratorio e mi fu spiegato che si facevano normali esperimenti scientifici-fisici, simili a quelli che si fanno nelle università, con il vantaggio che nella pancia del gran sasso gli esperimenti avevano una valenza maggiore perché avvengono in assenza di gravità

    5,,per ciò che concerne i depositi militari, ci si deve preoccupare solo delle basi americane, perché nei depositi delle nostre FFAA si trovano tuttalpiù residuati bellici che non sono pericolosi. Bombe atomiche, agenti chimici, bombe al fosforo etc, sono soprattutto a ghedi, camp derby aviano.

    IN SOSTANZA, PRIMA DI LANCIARE ALLARMI BISOGNEREBBE ACCERTARSI E VERIFICARE LA NOTIZIA CHE SI INTENDE DIFFONDERE.

    occorre pensare come ha scritto un utente pocanzi.

    cari Solange e Paolo, voi state praticamente svolgendo un azione importante volta a smascherare una presunta potentissima organizzazione che compirebbe riti sacrificali e addirittura avreste subito attentati perché avreste rivelato verità indicibili.

    non sono sicuro se questa organizzazione esiste o meno nel modo in cui voi la descrivete, però più passa il tempo e più dimostrate che essa, qualoea esista, non ha bisogno di eliminarvi fisicamente, perché di fatto voi vi siete autoeliminati dalla realtà, non avete più cioè un filo logico da seguire e oltretutto oramai avete timore anche della vostra ombra, arrivando a sospettare ed accusare che vi sia stata servita carne umana per filetto, o scambiare per radioattivo e nocivo un comune e normale laboratorio di ricerca, finendo appunto per confondere la realtà e non distinguere più la vera minaccia.

    ECCO, SE UN POTERE FORTISSIMO ESISTE, VOI SIETE LA DIMOSTRAZIONE DELLA SUA VERA AZIONE, CIOè QUELLA DI RINCOGLIONIRE LE MASSE, DI SPRECARE L’INTELLIGENZA SEGUENDO FALSI INDIZI E LANCIANDO FALSI ALLARMI.

    Nel leggere questo articolo una persona non informata su quello che succede nel laboratorio del gran sasso, cosa deve pensare?
    E SOPRATTUTTO UNA PERSONA CHE SI TROVA A DOVER MANGIARE IN UN RISTORANTE NELLA ZONA DI FIRENZE COSA DEVE PENSARE?

    MA VOI QUANDO SCRIVETE, QUANTFICATE GLI EFFETTI DEI DANNI CHE PROVOCATE?
    CI PENSATE A QUELLO CHE SCRIVETE?

  • Bazu

    Ad Aviano dal 1954 c’è una base NATO con bombe atomiche. Dopo il sisma del ’76 correva voce che per la ricostruzione delle zone friulane colpite sarebbe giunto un sostanziale contributo Usa, non solo a scopi umanitari. Ancora mi chiedo se fu proprio così.

  • Galileo

    Ricordo molto bene quel pezzo. Dubbioso fin dall’inizio in quanto Franceschetti esperto di rose e quant’àltro, casca nella Villa degli orrori come se ci fosse capitato per caso, quando aveva appena finito di scrivere, che di ritorno da un viaggio in Germania, aveva deciso di fare appositamente una deviazione….

    Fransceschetti si sarà mai reso conto della fesseria che scrisse?

  • nessuno

    Ma vfc leghista di cacca

  • Cataldo

    Forse non si è capito bene cosa è accaduto, il sisma è stato di potenza scarsa, non credo vi possano essere problemi particolari per il laboratorio, o per il deposito militare. La scossa dell’irpinia è stata 50 e passa volte più potente; ricordo che la scala è logaritmica: rispetto altri eventi che abbiamo conosciuto è stata poca cosa, sul piano dell’energia liberata.

    I morti sono veramente tutti dovuti alla imprevidenza criminale, vittime di una società che non è in grado di regolare il vivere civile.

    Il mistero vero è capire il ruolo della protezione civile, basta rileggere le cronache per vederne le incongruenze.
    Riporto questi link che avevo postato su petrolio. Per inveterata abitudine mai prescindere dalle fonti vicine agli eventi, qui si trova ben riassunto il prodromo.
    http://www.abruzzo24ore.tv/news/Niente-allarmismo-i-terremoti-non-sono-prevedibili/10340.htm

    Ieri sera (n.d.C. 31/03/09) a palazzo Silone si è svolta la riunione della Commissione nazionale grandi rischi. Insieme ai rappresentanti di Comune e Regione, al sottosegretario Franco Barberi, al vice capo della Protezione civile Bernardo De Bernardinis, intorno al tavolo c’erano i massimi esperti italiani in materia di terremoti, che hanno rassicurato: lo sciame sismico che interessa l’Aquila da circa tre mesi è un fenomeno geologico tutto sommato normale, che non è il preludio ad eventi sismici parossistici, anzi il lento e continuo scarico di energia, statistiche alla mano, fa prevedere un lento diradarsi dello sciame con piccole scosse non pericolose. Rassicurazioni che fanno davvero bene a tutti gli aquilani, sull’orlo di una crisi di nervi, e al sindaco Massimo Cialente.

    >

    Su quanto le rassicurazioni abbiano fatto bene penso ci sia unanime sentire.

    Un’altra verità indiscutibile è quella tragica che si legge qui, ho aspettato ancora a postare il link ma …
    http://www.abruzzo24ore.tv/news/Sisma—Nessuno-e-risorto–/10569.htm

    PS
    Il problema vero è che le previsioni sui terremoti, nella realtà, la protezione civile le elargisce a piene mani, solo che sono sbagliate e superficiali, prive di ogni utilità pratica, non sarebbe male quindi una aspersione di cenere su capi rasati che ne attenui l’olezzo.

  • Cataldo

    Elementi sul lavoro di Giuliani (post a titolo documentazione, senza giudizi di valore sulla ricerca)http://www.donbairo.com/relazione-giuliani/teoria-giuliani.pdf

  • hansolo

    Mi spiace dire che qualche imprecisione l’hai detta anche tu.

    1) San Gregorio (lo so perché ci tengo tanti parenti) è stato pressoché raso al suolo, tranne le poche case fortunate o a norma.

    2) Nel laboratorio del Gran Sasso non si fanno esperimenti in assenza di gravità, per quello bisognerebbe andare nello spazio esterno (ossia in quello fra una galassia e l’altra…) ma esperimenti in assenza di “rumore”, costituito da tutte quelle radiazioni che pervadono l’ambiente in cui viviamo (ecosfera): raggi cosmici, inquinamento elettromagnetico ecc.

  • castigo

    nessuno:

    Ma vfc leghista di cacca

    decisamente un argomento convincente 😀
    sarà anche un leghista di merda (io sarei più cauto, in fondo non lo consci mica), peccato sia vero che in friuli nessuno vive ancora nelle baracche, mentre in irpinia…..

  • xmas

    … ma che bella risposta completa, chi sei, il portavoce del ministero, o del centro di ricerca ?

  • castigo

    portoBF:

    Poverino che sei tu….tenente. Anche in friuli hanno rubato come sempre, te lo dico perchè ci abito. Esempi? Tutti! Gente che aveva una baracca, ora ha una villa, percui non fare il fenomeno, tenente…..di cosa?

    va bene, hanno rubato.
    però oggi una casa ce l’hanno tutti, sì??
    quindi spiegami, cosa vedi di sbagliato nel fatto che scriva: E’ vero i terremotati dell’Irpinia vivono ancora in prefabbricati… ma come mai quelli del Friuli dopo sei mesi avevano già ricostruito tutto?
    è forse falso??
    dunque dimmi, cosa ti turba in queste frasi??

  • xmas

    … é incredibile di quante risposte circostanziate, ricche di particolari, chiare, abbiamo qui sotto, a smentire ogni dubbio su qualsiasi pericolo, circa il laboratorio del Gran Sasso …
    Pensavo di essere su Don Chisciotte, non nel forum di un ministero …
    La domanda é, ma quanta gente pagano con i denari dei contribuenti, per stare nei siti caldi di internet, a prendere le difese del potere dominante ?

  • Pausania

    Semplice: in Friuli si sono fatti il mutuo il giorno dopo il terremoto per ricostruirsi la casa, senza aspettare che a Roma gli ricostruissero le case. Non so cosa sia successo in Irpinia o in altri posti, ma in Friuli andò così.

    Non vuol dire che non si siano magnati anche lì quello che potevano, ma almeno…

  • Galileo

    PERCHÈ VOI CHE NON AVETE NIENTE DA DIRE, DITE SEMPRE LE SOLITE CAZZATE, VEDENDO CLONI, VISIONI, DRAGHI IN TUTTI QUELLI CHE SOLO PROVANO A SCRIVERE QUALCOSA FUORI DAL VOSTRO UNICO NEURONE NEANCHE FUNZIONANTE?

    Dimmelo?

  • LonanHista

    se tu hai particolari ulteriori dicceli!…………………………………………….non occorre certo un ministero per fornire certe notizie…………….

    perché altrimenti non siamo su come don, ma in un sito dove si leggono cazzate, dove si mangia carne umana nei ristoranti e dove si corre il rischio di essere contaminati se si va a fare una passeggiata sul gran sasso, o prati di tivo o peggio per i tanti che vanno al santurio di san gabriele……..poi su ciò che dice la protezione civile è un altro discorso………..SO SOLO CHE ABITO A 150KM DAL SISMA EPPURE LE SCOSSE ANCHE QUELLE MINORI SI AVVERTONO..E QUESTO TERREMOTO SEMBRA come qualcuno che prima sfonda il cancello a spallate…e poi a spallate STA PER BUTTARE GIù LA PORTA E LA CASA…NEL SENSO CHE IL PEGGIO DEVE ANCORA VENIRE…………………………………………………………………………………………………………
    perché daccordo lo sciame, l’assestamento…….però è strana l’intensità il raggio d’azione anche delle 15000 scosse successive al 6 aprile(QUINDICIMILA…Sì..tutte in media sui 2-3 richter e che si avvertono a 150 km di distanza….e oltretutto l’epicentro adesso si sta spostando più a nord, sui monti della laga poco lontano dal vettore dove c’è un altra frattura storica..e mentre sto scrivendo questo post già ho avvertito 3 scosse leggere.)……………………………………però la protezione civile come fa a lanciare l’allarme?………DOVE STA LA CERTEZZA CHE STA PER ARRIVARE UN 7 RICTHER? e soprattutto dove sta l’epicentro preciso? la zona con un raggio di 50 km dove i danni sono ingenti?……………….L’UNICA PREVENZIONE è AVERE UNA CASA, UN EDIFICIO COSTRUITO A NORMA…perché se a l’aquila gli edifici crollati fossere stati a norma, tutti quei morti e danni non ci sarebbero stati………..

  • LonanHista

    assenza di gravità lo so che è fuori dall’atmosfera e tra un pianeta e l’altro, io intendevo nel senso che la gravità interna al gran sasso, è differente rispetto a quella esterna.volevo SOLO SPECIFICARE CHE NON SI FANNO ESPERIMENTI PERICOLOSI………SOLO QUESTO!

    ………….su san gregorio io l’ho visto in tv, addirittura sgarbi è andato a vedere come questo piccolo borgo a mattoni e pietra a 1200 sul MARE vicino al lago di campotosto vicino ai monti della laga ha resistito….ti RIPETO L’HO VISTO IN TV E ADDIRITTURA HA PARLATO IL TIZIO CHE HA RISTRUTTURATO QUALCUNA DI QUELLE CASE……………e magari dipende pure dal fatto che il suolo è roccioso…però vedere quelle vecchie case in piedi mentre edifici nuovi, addirittura molti ancora da completare sono venuti giù significa CHE è PIù COLPA NOSTRA CHE DEL TERREMOTO!

  • LonanHista

    LA METTO QUA LA RISPOSTA, PERCHé SCOCCIA AVERE COMMENTI IDIOTI E SE C’è è CONTRO I MERDOSI QUELLO SONO PROPRIO IO………

    se tu hai particolari ulteriori dicceli!…………………………………………….non occorre certo un ministero per fornire certe notizie……………. perché altrimenti non siamo su come don, ma in un sito dove si leggono cazzate, dove si mangia carne umana nei ristoranti e dove si corre il rischio di essere contaminati se si va a fare una passeggiata sul gran sasso, o prati di tivo o peggio per i tanti che vanno al santurio di san gabriele……..MENTRE LE VERE ARMI PERICOLOSE E NON LO SANNO TUTTI SONO A CAMP DERBY(pisa) aviano ghedi…………….e non certo in qualche casamatta abruzzere dove pascolano le pecore………………

    poi su ciò che dice la protezione civile è un altro discorso………..SO SOLO CHE ABITO A 150KM DAL SISMA EPPURE LE SCOSSE ANCHE QUELLE MINORI SI AVVERTONO..E QUESTO TERREMOTO SEMBRA come qualcuno che prima sfonda il cancello a spallate…e poi a spallate STA PER BUTTARE GIù LA PORTA E LA CASA…NEL SENSO CHE IL PEGGIO DEVE ANCORA VENIRE………………………………………………………………………………………………………… perché daccordo lo sciame, l’assestamento…….però è strana l’intensità il raggio d’azione anche delle 15000 scosse successive al 6 aprile(QUINDICIMILA…Sì..tutte in media sui 2-3 richter e che si avvertono a 150 km di distanza….e oltretutto l’epicentro adesso si sta spostando più a nord, sui monti della laga poco lontano dal vettore dove c’è un altra frattura storica..e mentre sto scrivendo questo post già ho avvertito 3 scosse leggere.)……………………………………però la protezione civile come fa a lanciare l’allarme?………DOVE STA LA CERTEZZA CHE STA PER ARRIVARE UN 7 RICTHER? e soprattutto dove sta l’epicentro preciso? la zona con un raggio di 50 km dove i danni sono ingenti?……………….L’UNICA PREVENZIONE è AVERE UNA CASA, UN EDIFICIO COSTRUITO A NORMA…perché se a l’aquila gli edifici crollati fossere stati a norma, tutti quei morti e danni non ci sarebbero stati………..
    (PER DARE UN IDEA, CI HO MESSO 10 MINUTI TRA SCRIVERE E PASSARE IL COMMENTO QUI….EBBENE HO CONTATO 7-8 SCOSSE di quelle che chiamano di assestamento!……se è un sciame….bè queste sono vespe giganti e dispettose….)

  • hansolo

    Sono un ingegnere aquilano, che come ingegnere non sopporta l’ignoranza e come aquilano non ha peli sulla lingua, e se uno spara cazzate lo dice chiaro e tondo. E’ peggio Berlusconi che censura Santoro o sei peggio tu che sostieni di aver ragione quando io dico che NON E’ VERO CHE SAN GREGORIO E’ UN PAESE INTATTO MA DEVASTATO?

    Documentati prima di scrivere certe cose, cazzarone!

  • hansolo

    Guarda che forse sbagli paese… San Gregorio sta vicinissino ad Onna e piuttosto lontano dal lago di Campotosto… Direi che come minimo hai una conoscenza molto approssimata e superficiale dell’Aquilano, eppure basterebbe guardare una cartina geografica… San Gregorio inoltre non è costruito sulla roccia ma su un antico cono detritico ai piedi dei colli che precedono il Gran Sasso, esattamente come L’Aquila. Ci è nato mio padre e ci tengo un sacco di parenti senza casa, non sono mica cose che sto inventando!
    *** La gravità all’interno dei laboratori del Gran Sasso è esattamente la stessa che c’è in qualsiasi luogo posto alla stessa altitudine, in Italia ed in qualsiasi altra parte del mondo…
    In ogni caso apprezzo e condivido l’intento del tuo post, volevo solo, come dire, mettere i puntini sulle i! La zona dell’Aquilano è misconosciuta e la csa mi ha sempre addolorato, e mi addolora ancor più ora che tanti tesori sono forse irrimediabilmente persi, senza che la maggior parte dei nostri connazionali si renda conto i ciò che è stato perso…

  • brontomauro

    Da notare è la rabbia schiumosa con la quale si esprimono coloro i quali trovano insensate posizioni come quelle di Franceschetti e della Manfredi. Perché tanta rabbia e tanta acidità di stomaco? Sapere dell’esistenza di laboratori dell’INFN e di una base militare nei pressi delle zone terremotate è comunque un’informazione in più che nessun altro ha diffuso.
    A volte penso che certa massoneria voglia che si parli di sé, che è più spaventata dall’indifferenza che dalla pubblicazione dei suoi metodi d’azione e in questo senso Franceschetti potrebbe svolgere un ruolo utile a chi dice di voler smascherare.
    Ma quello che raccolgo è informazione, informazione che prima non avevo e che chi detiene il controllo dei mezzi di informazione non elargisce.
    Un uomo che non ha mai vinto le elezioni ha governato per 8 anni il paese più potente del mondo. Perché mai dovrei credere alla democrazia e non dovrei credere a voci che, in buona o cattiva fede, mi offrono un punto di vista non allineato?
    Tutti i giorni i principali telegiornali raccontano favole e barzellette e io dovrei prendermela con la Manfredi o con Franceschetti?
    Li ascolto, aggiungo alle altre nuove opzioni di interpretazione e poi elaboro una mia idea che sarà cambiata quando si rivelerà inesatta.
    Per ora risultano più credibili i Franceschetti che le fonti istituzionali.

  • virgo_sine_macula

    Tenente non puoi paragonare l’operosita’,la laboriosita’ e l’ingegno del popolo friulano con l’accidia,la pigrizia e la scarsa trasparenza di quello irpino

  • virgo_sine_macula

    Vuoi forse dire tenente che i friulani sono “leggermente” piu’ laboriosi e volonterosi degli irpini?Non e’ politically correct.

  • Cataldo

    Conosco poco il friuli, ma conosco bene l’Irpinia, i giudizi sulla gente irpina che ha scritto la vergine senza macchia sono fuori luogo, spero siano sarcastici alle provocazioni del tenente verde. Fuori luogo Nel senso geografico e nel senso figurato.

    Fuori luogo perchè l’area colpita non ha compreso solo l’Irpinia, ma gran parte della Basilicata e del Napoletano, con una densita abitativa ben superiore alle terre friulane. Inoltre i soldi veri si mangiarono proprio nel napoletano, in Irpinia molte cose fatte allora sono perfettamente visibili e funzionanti, a partire dalle strade.
    La gente irpina non merita certo questi sproloqui generici.

  • Cataldo

    Sull’accidia in particolare, ricordo che storicamente gli irpini sono stati i primi a mordere il tallone che opprimeva quelle terre, cosi come riuscirono a reagire all’occupazione sabauda ed alla restaurazione. I muri che recintavano le terre buone dei feudatari in Irpinia non le ha distrutte il terremoto, le hanno abbattute i cafoni a mani nude. Non so se esistano ancora “baracche”, e certo non è un eden, ma è gente che lavora sodo e che ha una terra splendida da difendere.

  • Cataldo

    Il politically correct è una grande mistificazione, che serve solo ad estendere la censura, la realtà semplice semplice è che le affermazioni del tenente sono grossolane e false.

  • Fedro64

    Cominciamo col dire che io non ho in nessun modo affermato che si possa star tranquilli. Semmai ho suggerito di dare una struttura solida agli allarmi, per impedirne la facile tacitazione e per farli emergere dalla schiuma della paccottiglia mediatica.

    Per l’eccezione sul mio primo punto, ti ricordo che quando ci sono di mezzo gli scienziati, i segreti non sono riusciti a farglieli tenere manco minacciando loro e le loro famiglie. Considera anche che in tutti i gruppi ci sono i “bastian contrari” o gli scontenti, che difficilmente scambiano la possibilità di dare addosso a chi odiano con un gruzzoletto di soldi.

    Per il deposito di armi, si faccia come già fatto nel giornalismo serio (Report ad esempio?): si va con un geiger tutto attorno al perimetro e si vede se ci sono gli estremi per far casino. Altrimenti hai voglia a strillare, quelli hanno il filo spinato, i fucili e la legge dalla propria parte: possono anche lasciarti sgolare…

  • brontomauro

    Dici cose sensate e non hai torto.
    La scienza mi spaventa, si dedica molto alla cosmesi e poco all’utilità generale ma capisco che questo è un altro discorso.
    Vedi, gli scritti della banda Franceschetti sono affascinanti anche se poco verificabili. Secondo me è uno stile letterario che mescola verità e leggenda altrimenti è una delle voci con le quali la Rosa Rossa parla di sé. Speriamo che Report salvi il mondo con la sua serietà, ma sembra sempre più un monopolio dell’indignazione.

  • brontomauro

    Non mi piace comunque il confronto: Report giornalismo serio/Manfredi allarmista. Mi sono rotto le palle di seguire Report e Annozero, alla lunga è voyerismo. Tendo per gioco a difendere chi mi sembra attaccato da tutti, ma in questo articolo tutto questo allarmismo e tutta questa poca serietà non li vedo. La Manfredi dice: ci sono un deposito militare e un laboratorio scientifico nei pressi delle zone terremotate: sarà successo qualcosa? Chi instilla dubbi (e non paure o facili condanne) mi è simpatico più di chi dà risposte.

  • castigo

    Cataldo:

    Il politically correct è una grande mistificazione, che serve solo ad estendere la censura, la realtà semplice semplice è che le affermazioni del tenente sono grossolane e false.

    posso essere d’accordo sull’aspetto grossolano del commento, ma addirittura falso……
    a te risulta che ci siano friulani che vivono ancora nelle baracche??
    o che in irpinia ed aree limitrofe TUTTI si siano finalmente trasferiti dai prefabbricati nelle case vere??
    tanto per capire di cosa stiamo parlando…..

  • Cataldo

    Non ho modo di verificare se in sei mesi sia stato ricostruito tutto in Friuli, ne che qualcuno per i motivi più diversi stia ancora in un prefabbricato nelle aree citate. Nei paesi che ho visto in Irpinia negli anni passati non c’erano più prefabbricati. Comunque è giusto il monito ad utilizzare toni più pacati, alcuni luoghi comuni, più di altri hanno successo nel provocare.

  • pietro200

    tranquillo cataldo, la vergine immacolata e’ famosa per le sue stronzate, per quanto riguarda la xenofobia, e’ famosa anche per quello.

  • gcinque

    sono il presidente della onlus “San Gregorio Rinasce”, associazione nata dopo gli eventi sismici che hanno devastato l’aquilano, mi scuso per il ritardo con il quale intervengo:
    San Gregorio è uno dei centri più danneggiati, se non il più danneggiato a livello materiale, nel nostro paese si contano “solo” nove vittime, il grado di inagibilità degli edifici raggiunge il 95%!!!
    Il nostro paese è a circa 50km dal Lago di Campotosto, a 500 metri da Onna, 11 km a est di L’Aquila. Si stima sia nato intorno al 1500 dc ed situato su una collina di roccia calcarea, lo dimostra la presenza di numerose grotte e di una dolina a 590 metri sul livello del mare.
    evidentemente ti sbagli con qualche altro paese, qui da noi sgarbi non si è mai visto, come nessun’altro, probabilmente perchè non rappresentiamo il caso mediatico che i giornalisti tanto agognano. non prendere per oro colato tutto quello che fanno vedere in tv, prima delle elezioni il portavoce della pdl Bonaiuti ha detto che il premier ha risolto l’emergenza del terremoto in abruzzo…. beh forse avrebbe dovuto dire che la prima fase è stata superata, cioè siamo tutti in tenda e ci vengono forniti 3 pasti al giorno, ma, per quanto riguarda lo sgombero delle macerie dalle strade, la messa in sicurezza degli edifici pericolanti, le verifiche strutturali delle case situate nella zona rossa, la possibilità di visionare le schede compilate durante la verifica struturale delle case situate fuori dalla zona rossa, la possibilità di conoscere quando verranno riallacciate le utenze nelle case ritenute agibili, per non parlare poi di moduli abitativi e ricostruzione TI ASSICURO CHE SIAMO IN ALTO MARE!!!. per avallare quanto dico invito tutti a venirci a trovare o quanto meno a visitare il nostro sito http://www.sangregoriorinasce.com sul quale potrete trovare notizie e foto del nostro paese prima e dopo il sisma e anche una ricostruzione della Piazza della Chiesa a 360°. grazie. san gregorio 23/6/09