SULLA LIBIA CI NASCONDONO UN CERTO NUMERO DI REALTA'…

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

CHE VALE LA PENA RICORDARE

DI LOUIS DALMAS
mondialisation.ca

1) La “rivolta” libica non ha nulla a che fare con le rivolte popolari non-violente in Tunisia, Egitto e altri paesi arabi. Si tratta di un’opposizione politica di rivali di Gheddafi, preparata, mantenuta e rafforzata oltreoceano per ragioni strategiche (come le “rivoluzioni colorate” in Medio Oriente), e molto diversa dalle giustificate manifestazioni spontanee di massa contro le ingiustizie e le disuguaglianze sociali in regimi semi-feudali.

2) Un dettaglio da notare: “la casa della ribellione” – a est della Libia, la Cirenaica – ha obiettivi religiosi e monarchici (completamente assenti nelle altre insurrezioni), e ha fornito più militanti di Al Qaeda e mandato più uomini a combattere l’invasione statunitense in Iraq, di tutti gli altri paesi arabi.

3) La guerra non ha nulla a che fare con una spedizione umanitaria. Si tratta dell’ennesimo episodio della caccia ai capi di stato di medie dimensioni (Russia e Cina sono blocchi troppo grandi), che resistono al Nuovo Ordine Mondiale e al governo massonico degli Stati Uniti, loro portabandiera. Devono quindi essere eliminati uno dopo l’altro: Ceausescu, Milosevic, Noriega, Saddam Hussein, già fatto, restano Ahmadinejad, Lukashenko, Gbagbo, Chavez. L’unica somiglianza fra tutti questi capi di stato è la loro insubordinazione nazionalista verso i dettami del Nuovo Ordine, il che è sufficiente a designarli come bersaglio.

4) Gheddafi ha probabilmente molte colpe, ma l’Human Development Index (HDI) del suo paese, è il più alto dell’Africa, ed il tasso di alfabetizzazione più elevato rispetto alla popolazione degli Stati Uniti. L’aspettativa di vita era di circa 78 anni, e la gente non è morta di fame come in Marocco, Tunisia e Bahrain. Con l’ascesa al potere di Gheddafi, i salari sono stati moltiplicati per 2 o 3 e dei servizi sociali e medici sono stati rafforzati.

5) La ragione per l’intervento occidentale è evidentemente il petrolio. Il gigante inglese BP, ad esempio, ha oltre 15 miliardi di nuovi contratti offshore da difendere. Quando Gheddafi ha detto che non avrebbe più venduto il suo petrolio che alla Russia, Cina e India, ha fornito all’Occidente un buon motivo per l’attacco.
Il 25 gennaio 2009, aveva già annunciato che erano stati presi in considerazione piani per la nazionalizzazione delle compagnie straniere, il che avrebbe fornito alla Libia 5,4 miliardi dollari di entrate supplementari. Questo progetto ha messo nel panico le potenti società che operano nel paese: tra gli altri, l’anglo-olandese Shell, BP, ExxonMobil la U. S., Hess Corp. tedesco, Marathon Oil, Occidental Petroleum, ConocoPhillips, Repsol di Spagna, la Wintershall, la OMV austriaca, la norvegese Statoil, l’ENI italiana e la canadese Petro-Canada.

6) Il concetto di ingerenza “umanitaria” è stato migliorato, è diventato preventivo…
Ma è sempre basato sulla menzogna: la “pulizia etnica” di Milosevic, le armi di distruzione di massa di Saddam), ed ora è giustificata da un processo alle intenzioni.
Non è neanche più necessario prendersi la briga di dire “il criminale ha commesso reati” (anche inventati), è sufficiente dire che li commetterà. Gheddafi non aveva ancora ucciso nessuno, ma “avrebbe annegato Bengasi in un bagno di sangue”.

7) Come Milosevic una volta, Gheddafi è stato accusato all’inizio del “massacro” di civili. Nonostante la raffinatezza e la quantità dei nostri moderni mezzi di comunicazione, nessuna immagine televisiva ha potuto mostrare questi massacri. Non più del minimo indizio di “pulizia etnica” serba o delle “armi di distruzione di massa” in Iraq.

8) Il cosiddetto mandato della Lega araba è stato “votato” solo da 11 membri sui 22 presenti alla riunione, di cui due si sono espressi contro: la Siria e Algeria. Da allora, il Segretario Generale della Lega, Amr Moussa, ha messo in dubbio l’accordo. I principali media hanno completamente ignorato la risoluzione fortemente negativa dell’Unione africana, che conta 53 paesi membri, che ha deciso contro ogni intervento, e anche contro ogni divieto di furto.

9) Il consenso “arabo” è il risultato di uno scambio: si giustifica l’intervento, e in cambio si chiudono gli occhi sullo schiacciamento delle rivolte popolari. Risultato: la violenta repressione in Arabia Saudita, Bahrain, Giordania, Yemen, Siria, Algeria, Marocco, paragonabile a quella praticata da Gheddafi, ed anche peggio. Ed anche una presa di controllo di rivolte popolari autentiche, accuratamente calcolata, come in Tunisia ed Egitto.

10) Gli ambasciatori dei paesi dell’UE rimasti a Tripoli (Italia, Ungheria, Bulgaria, Romania, Grecia, Olanda, Malta e Cipro, gli altri sono partiti, hanno sostenuto, l’8 marzo, la proposta di Gheddafi di creare una commissione indipendente delle Nazioni Unite, che potrebbe indagare sulle accuse di abusi dei diritti umani in Libia. La proposta è rimasta senza risposta. Un’offerta di mediazione da parte di Chavez è stata respinta. Da allora, tutti i paesi citati: Germania, Polonia, Turchia, Russia, Cina e alcuni paesi dell’America Latina e in Africa – hanno espresso la loro riluttanza a intervenire. L’unanimità di decisione della “Comunità Internazionale” è una evidente contro verità!

11) La risoluzione del Consiglio di sicurezza era un divieto di volo (No-Flight Zone), ma non in alcun modo il bombardamento delle città o delle truppe governative, che sono pronunciamenti in favore di una parte in una guerra civile all’interno di uno stato sovrano, e gli atti palesi di guerra.

12) Il 22 marzo, 151 missili da crociera Tomahawk sono stati sparati contro le installazioni militari di Gheddafi, ciascuno del valore di 1.160 mila dollari. Il prezzo per stabilire una no-fly zone sarà di 4-800 milioni di dollari e 100 milioni di dollari alla settimana, per il suo mantenimento. Somme da aggiungere alle fortune spese in Iraq e in Afghanistan, rubate ai contribuenti.

13) Quali che siano le rassicurazioni, la guerra ha causato vittime civili, sia uccidendo direttamente o distruggendo le infrastrutture del paese, le morti per “danni collaterali” sono spesso più numerose di quelle causate dal “tiranno” combattuto. Le rovine di Jugoslavia, Afghanistan e Iraq sono lì a testimoniarlo.
Se colleghiamo a queste smentite la versione ufficiale, la vergogna di vedere il Ministero degli Affari Esteri francese nelle mani di un filosofo mitomane e bugiardo – per la gran rabbia di Juppé, che peraltro non si dimette, – avremo un’idea del baratro tenebroso in cui sta affondando una Francia guidata da un bullo epilettico al servizio degli Stati Uniti.

Louis Dalmas
Fonte: www.mondialisation.ca
Link: http://www.mondialisation.ca/index.php?context=va&aid=24163
5.04.2011

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org dai FILIPPO

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
15 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
15
0
È il momento di condividere le tue opinionix