Studio di Nature su Wuhan: “nessuna prova” che gli asintomatici trasmettano il Covid

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Un documento che ha analizzato i risultati di un massiccio test di Covid-19 post-lockdown che ha incluso quasi tutti i residenti idonei di Wuhan, in Cina, non ha trovato prove che casi positivi senza sintomi avessero diffuso la malattia.

L’analisi, pubblicata sulla rivista scientifica fra le più antiche e prestigiose al mondo, Nature, ha esaminato i risultati di un’iniziativa di screening tenutasi tra maggio e giugno a Wuhan, la città in cui sono stati rilevati i primi casi del nuovo coronavirus alla fine del 2019. Le origini del virus devono ancora essere determinate.

Quasi 10 milioni di persone sono state testate, costituite dal 92% di tutti i residenti di età pari o superiore a sei anni.

Incredibilmente, non sono stati registrati nuovi casi sintomatici e sono stati rilevati solo 300 casi asintomatici. Successivi test su 1.174 contatti ravvicinati dei casi asintomatici riscontrati non hanno portato a nuovi risultati positivi.

Non ci sono prove che i casi positivi asintomatici identificati fossero infettivi “, si legge nel documento, aggiungendo che i risultati del massiccio programma di screening potrebbero aiutare le autorità sanitarie “ad adattare le strategie di prevenzione e controllo nel periodo post-blocco”.

L’analisi sembra confermare i risultati preliminari che erano stati pubblicati durante il programma di screening. Il professor Lu Zuxun, dell’Università Huazhong di scienza e tecnologia di Wuhan, ha ricordò lo scorso giugno che non c’erano prove che le persone asintomatiche stessero trasmettendo il virus ad altre persone, ma mise in guardia dal trarre conclusioni generali.

Gli autori del documento hanno riconosciuto che studi precedenti avevano trovato prove che gli individui asintomatici erano infettivi e potevano diventare sintomatici in seguito, ma hanno teorizzato che i residenti di Wuhan risultassero ancora positivi per il virus dopo che il rigoroso blocco della città aveva una “bassa quantità di cariche virali” e quindi non erano in grado di trasmettere la malattia ad altre persone.

Wuhan è stata posta sotto stretta sorveglianza della durata di oltre 70 giorni. Le rigide normative hanno sostanzialmente tagliato fuori la città dal resto della Cina, con una sola persona per famiglia autorizzata a lasciare il proprio complesso residenziale per un massimo di due ore.

Il documento arriva nel mezzo di un crescente dibattito sull’efficacia delle restrizioni sul Covid-19. I blocchi cittadini e persino nazionali e la prescrizione di indossare la mascherina sono stati giustificati utilizzando l’argomento che anche gli individui asintomatici potrebbero diffondere la malattia e sopraffare inavvertitamente i servizi sanitari.

Tuttavia, molti hanno sostenuto che i costi sociali ed economici dei blocchi superano di gran lunga i presunti benefici e hanno indicato le prove che le persone asintomatiche non sono contagiose.

A giugno, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha fatto marcia indietro dopo aver affermato che le persone asintomatiche raramente infettano gli altri con Covid-19, affermando che non c’erano prove sufficienti per sostenere l’affermazione.

 

Fonte: https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-studio_di_nature_su_wuhan_nessuna_prova_che_gli_asintomatici_trasmettano_il_covid/82_38312/

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x