Home / ComeDonChisciotte / STASERA GIRANDO PER PRATI MI SONO IMBATTUTA IN QUESTO CARTELLO…FORZA A TUTTI

STASERA GIRANDO PER PRATI MI SONO IMBATTUTA IN QUESTO CARTELLO…FORZA A TUTTI

Carla Canale ‏@duranplanet https://twitter.com/duranplanet

Fonte: https://twitter.com
Link: https://twitter.com/duranplanet/status/216690221624999936/photo/1
24.06.2012

via paolobarnard.info

Pubblicato da Davide

44 Commenti

  1. Pero’ se poi quegli uomini con la terza elementare votano Berlusconi che poi non si lamentino.

  2. Gli imprenditori “DAL NULLA” guarda caso sono partiti tutti prima di una fatidica data…1979

  3. Avrebbero dovuto votare Pd.

  4. bella frase,
    però i professori che fanno chiudere le aziende sono MOLTO intelligenti
    (infatti raggiungeranno i loro scopi)
    siamo noi che che non lo siamo abbasstanza

  5. scusa ma non c’arrivo…

  6. I professori con tre lauree purtroppo non sono stupidi ma sono criminali. E per questo sono ben più pericolosi magari la situazione attuale fosse dovuta alla semplice stupidità invece è studiata bene e c’è un progetto preciso.

  7. E invece questa, per me, è solo ignoranza e brutta retorica…

  8. Purtroppo Marhall e vraie avete ragione.
    Sono desolatamente anche convinto che se un Premier di turno dichiarasse pubblicamente che ci stanno fregando, non accadrebbe niente.

  9. Non dicevo questo ovviamente…pero’ e’ noto che la maggiorparte dei self made man con la terza elementare hanno votato berlusca.

  10. Esattamente. E dunque vedi che gli italiani si meritano ogni goccia della medicina mortale in corso di somministrazione.

  11. ah ecco è tutto lì il problema.Se avessero votato Pd invece….

  12. E’ ormai un anno che leggo i vari articoli e spesso ne trovo alcuni molto interessanti e altri un po’ meno …spesso avrei voluto iscrivermi e commentarne alcuni dicendo la mia, ma ho sempre pensato che fosse tempo sprecato. Oggi ho deciso di iscrivermi e commentare questo articolo o meglio questo cartello, scritto probabilmente da un signore sui 65 che è in procinto di fallire perchè la banca non gli da più credito. Dopo essermi laureao ho trovato subito lavoro ma fino ad alcuni anni fa mi sono sempre chiesto come molti ..possiamo dire quasi tutti coloro che hanno inz. una attività negli anni 70-80 hanno creato un impero dal nulla pur essendo degli emeriti incomp. mentre adesso non conosco amici o coetanei laureati come me o non, che abbiano fatto qualcosa se non lavorare come schiavetti per questi pseudo analfabeti che abbisognao di gente che abbia studiato per le loro imprese. Con la crisi ho capito come gira il mondo e come le banche giochino un ruolo fondamentale oggi con la depressione/recessione e ieri con il bum. Quel signore che chiuderà a luglio dovrà ritenersi fortunato come molti altri che oggi si ammazzano e falliscono dovrebbero invece riderci sopra …perchè loro …quelli del dopo guerra hanno avuto una opportunità che noi giovani 30 enni e via scendendo non avremo mai. Grazie alla cascata di soldi che le banche hanno foraggiato ai tempi a un mercato fiorente e alla disponibilità di credito alle imprese sono partiti dal nulla e hanno messo su imprese grasse e feconde con dipendenti pseudo pagati. Adesso purtroppo per loro e per noi il giochino di : banca dammi 500.000 euro che 400.000 li investo e 100.000 ci compro la macchina nuova è finito . Adesso le banche chiamano e dicono :- Sig. Rossi ha un fido di 500.000 deve tornare tra una sett. ed ecco che con il mercato bloccato e con i soldi spesi in bella vita quelle stesse persone che dal nulla hanno fatto i migliardi ora si ammazzano. Forse è meglio così …. se fossi al loro posto ..pensando di essere un grande imprenditore che analf. dal nulla sono diventato qualcuno e adesso torno ad essere una nullità e dopo una vita passata a lodarmi allo specchio … lo specchio smettesse di dirmi che sono il più bello del reame …forse … e dico forse … mi verrebbe in mente di farla finita. Morale: non vi siete accorti di aver vissuto 30-40 anni di improbabile realtà ? non vi siete accorti che non siete diventati qualcuno per merito vostro, ma per un mero piacere dell’economia ? non vi siete accrti che da 10 anni ne con la terza media ne con laurea si riesce a far qualcosa ? questo cartello aimè denota come il gioco si è rotto per tutti e ora i bambini al parco cercano di capire chi è stato…per dirlo alla mamma quando tornerà. purtroppo.

  13. ci mancava il commento che trasformava la poesia in merda

  14. parti tu per primo con le bombe contro i banchieri?sei tu il messia?

  15. wow,laurea al bar dello sport,tesi sugli slogan…dati,numeri testimonianze,please.Migliaia di imprenditori..tutti davanti allo specchio e macchina bella a credito?porta le prove o torna al bar,hai proprio capito tutto.Di solito cerco sempre il dialogo,ma di fronte a queste estreme generalizzazioni e demagogie e’troppo

  16. Infatti.
    Che poi tra PD e PDL non c’è differenza di fondo.

  17. Con questo cinismo non risolvi nulla. Colui al quale hai risposto, invece… Amico, farti sentire una merda, colpevole tu, vittima, è uno dei loro modi di distruggerti e continuare a dominarti. Intaccare la stima di se’ delle persone, un modus operandi che parte con il solito “abbiamo vissuto” – leggi: “avete VOI vissuto” – “al di sopra delle nostre” – leggi: “vostre” – “possibilità”.
    Detto in tutte le lingue dei paesi che saccheggiano con un modus operandi calcato.

    Invece gli italiani non si meritano affatto questo, nè i greci, neppure lo meritavamo noi argentini negli anni 90 fino al 2001, non lo meritano di certo gli irlandesi, i portoghesi, gli spagnoli.
    Non si meritano essere beffati, ingannati, traditi, derisi, incolpati, castigati, flagellati.

    NESSUNO SI MERITA NIENTE DI QUESTO. Cominciare a capirlo sarebbe una sorta di empowerment che permetterebbe di rimettersi in piedi e reagire. Reagire. Reagire. Reagire.

    Smettere di difenderci dalla paura attraverso l’autocolpevolezza, il cinismo, l’ostracismo o quel che sia. Superare la paura. Reagire.

    Cacciarli via. Uscire dall’Euro. Riprendersi la Banca Centrale. Uscire dalla NATO. Riacquistare libertà. Rinascere.

    E’ stato fatto tante volte nel corso della Storia dell’Umanità.

  18. 1) Può la crescita realizzarsi con l’aumento della pressione fiscale?
    2)In fase di recessione l’aumento della già alta pressione fiscale, e la diminuzione degli investimenti dello stato, possono creare virtuosismi di crescita?
    3) L’aumento del costo dell’ energia può incentivare lo sviluppo?
    4) l’aumento delle tasse sulla casa può alimentare gli investimenti nel settore dell’ edilizia?

    POPOLO SOVRANO O ALTO TRADIMENTO ?

  19. In termini generali potrei anche essere daccordo l’albero della cuccagna prima o poi dobbiamo capire che non poteva durare. In genere è proprio il passaggio dall’infanzia all’età adulta che contrassegna la comprensione che il mondo non è un gioco e ci sono responsabilità da assumersi. Forse molti paesi, compresa l’Italia, hanno vissuto in una sorta di età infantile per troppi anni. Qualcuno poteva immaginare che spostando masse di persone da un’economia prettamente agricola che aveva la sua forza nel lavoro manuale in un’economia cittadina industrializzata qualche sconquasso l’avrebbe prodotto. Forse la propaganda che per decenni ha descritto certe categorie di lavoro come più insulse che andare a rubare poteva immaginare un rigetto nella popolazione. I giovani degli anni 70, 80 .. sono cresciuti con l’idea che andare a zappare la terra, costruire case, riparare impianti elettrici, spazzare per terra erano infamie della peggior specie. E visto che tutto si misura con la realizzazione individuale certo promettevano ben poca realizzazione. Quindi è cresciuto a dismisura il numero di quelli che hanno cercato di ottenere il pezzo di carta, spesso anche in Facoltà palesemente inutili, ma anche le altre sono state saturate. Quindi molti si sono trovati con il culo per terra. Il problema è che il potere ha propagandato ciò che è successo, fra l’altro in questo modo ha giustificato l’arrivo di milioni di disperati da schiavizzare con la scusa che quei lavori non li fa più nessuno. Ma il punto è che uno potrebbe in termini generali anche essere daccordo con la riforma delle pensioni, del lavoro e con la crescita delle responsabilità e dei sacrifici … del ministro Fornero, come più volte hanno detto bisogna aprire gli occhi non si può più vivere come nel paese dei balocchi. Ok, allora partiamo dall’assunto che sia così, nonostante le colpe siano da ricercare non nel popolino ma nel potere. Il problema è un altro ed è il fatto che la riforma delle pensioni e del lavoro … riguardano solo appunto la plebaglia mentre i nostri Signori e Padroni rimangono ancorati al paese di bengodi. E quindi su ciò non si può transigere se tu che impartisci la lezione sei il primo a disattenderla, giusta o meno che sia la lezione, non si può accettare. La Fornero che piange ha stipendio assicurato di lusso a tempo indeterminato all’Università come Professore ordinario, idem dicasi per suo marito e anche per la sua generazione futura la figlia. Lo stesso vale per tutti gli altri delinquenti che ci amministrano. Parlano di sacrifici ma si dimenticano di dire che questi riguardano solo gli schiavi perchè il Re ne è immune. E allora se permetti prima si taglia la testa al Re e poi si parla di come è giusto che le cose vadano fatte anche assumendosi la responsabilità di aver vissuto sopra le proprie possibilità.

  20. Ti devo dire che col lavoro che faccio, contatto soltanto le micro imprese per parlare coi titolari e guadagnamo su questo. Se per disgrazia c’e’ 1 giorno di festa, tutti i titolari delle attivita’ vanno in vacanza per 1 settimana, a pasqua siamo stati piu’ di 1 settimana fermi nella mia lavorazione, poi il 2 giugno pensavamo di essercelo salvati, in quanto cadeva di sabato, invece siamo stati 1 settimana fermi come se capitasse infrasettimanale.
    Ancora oggi nel 2012 con la grande crisi che c’e’, gli imprenditori si comportano come delle teste di cazzo, lasciando tutto il lavoro ai dipendenti. Poi si mettono a piangere che le loro attivita’ chiudono. Ad alcuni titolari, dopo aver dimostrato compassione per il loro stato fallimentare, gli ho fatto notare che lasciano anche dei dipendenti senza lavoro e mi hanno risposto piuttosto snervati che: “i dipendenti sono tutelati, noi no”. Mi piacerebbe rispondergli, ti facevi 10 settimane di vacanze all’anno mentre lui faceva lo schiavetto per te e vuoi pure essere tutelato?
    Le rivoluzioni le hanno portate avanti sempre quelli del ceto medio disse paolo barnard, quindi prima andranno in fallimento ‘sti incompetenti e prima cambiera’ davvero qualcosa. Anche se la rivoluzione in italia secondo me si e’ congelata in attesa delle elezioni.
    Saluti

  21. A tutti quelli che pensano che “abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità, il giochino è finito, etc”: è uno slogan che fa comodo a quelli che hanno già soldi/potere e che voi ripetete come dei bravi utili idioti sbraitando con la bava alla bocca che bisogna “ridistribuire la ricchezza!!!!!!!!!” (altra illusione per utili idioti) – Insomma, il cervello le inventa tutte pur di continuare a mangiare la stessa merda.

  22. @George: alcuni qui in Sardegna sono partiti molto prima ma, come si dice, erano altri tempi. Conosco dei “napoletani” e “siciliani” (con tutto il rispetto perchè sono amici e buoni conoscenti,e sopratutto sono stati miei clienti e hanno fatto un buon passaparola) che quando andavano “in continente” dormivano nel furgone o addirittura sotto , per terra .Si facevano il mazzo uscendo alle 4 del mattino per andare nei mercatini comunali: oggi ci sono tanti giovani e pensionati che si alzano anche loro alle 4 del mattino per andare a cercare di lavorare al mercato all’ingrosso, ma c’è la fila e non sempre trovano come raccimolare i 50 euro giornalieri. Oggi anche se rimani sveglio tutta la notte,a meno d iavere la tessera numero xxxx, non fai niente: se poi sei dotato o baciato dalla fortuna o hai le conoscenze giuste, senza offesa per nessuno, sei o dall’altra parte o se hai a cuore la tua nazione e il suo popolo fai in modo di aiutare il prossimo. Mi fanno vedere le tshirt o le buste in tessuto del Conad o Coop che sono made in PRC: costano una miseria ma,come direbbe Blondet, hanno anche viaggiato e il carburante costa. Mi chiedo perchè ogni tanto si fanno osservazioni come la mia, o per incoraggiare si ricorda o si dice (tutto da dimostrare) che negli Usa hanno o avrebbero ripreso a costruire e fabbricare dentro i confini nazionali.Poi il giorno dopo o una settimana dopo rettificano: no, le aziende vanno in Messico.Poi di nuovo retromarcia, tornano negli Usa. Da noi lo stesso: prima vanno in Romania, poi cambiano e vanno in Serbia (lo ha detto anche Report: mi cojoni!). Ora io so che davo dai tre ai 5 stipendi e mi hanno fatto fuori nel 2004, o meglio nel duemila ferito a morte e in coma per 4 anni…quando mi stavo risollevando, colpo alla nuca e a tradimento. Se oggi volessi rifare qualcosa, e ci sto pensando, potrei tirare fuori due buste paga oltre la mia. Ma ho bisogno di ossigeno e a un che è appena uscito da un fallimento non danno niente, non concedono nè fiducia nè seconda possibilità: sarei dovuto finire dietro le sbarre,anche per un giorno, e avrei un sacco di privilegi in più, indennità eccetera.Ma a me è andata male, e ho solo il diploma di scuola media superiore, maturità classica: ovvero il classico coglione ,sfigato,fottuto.

  23. Io senza soldi e potere dico che effettivamente abbiamo vissuto al di sopra e che occorre redistribuzione. Cosa proponi tu?

  24. Ancora con sta storia. Gia’ ho risposto all’altro commentatore. E poi quale sarebbe la poesia dell’articolo?

  25. Concordo, ora la colpa sarebbe di monti invece di monti piu’ gli ultimi 20 anni di politiche sbagliate, VOTATE e legittimate dai cittadini. Per fortuna che adesso i cittadini non vogliono piu’ legittimarli, anche se purtroppo il PD non e’ in calo come il PDL, ma e’ un inizio.

  26. Marshall, tu sei un dritto, hai scritto frasi profondamente veritiere.

    “Forse la propaganda che per decenni ha descritto certe categorie di lavoro come più insulse che andare a rubare poteva immaginare un rigetto nella popolazione. I giovani degli anni 70, 80 .. sono cresciuti con l’idea che andare a zappare la terra, costruire case, riparare impianti elettrici, spazzare per terra erano infamie della peggior specie. E visto che tutto si misura con la realizzazione individuale certo promettevano ben poca realizzazione. Quindi è cresciuto a dismisura il numero di quelli che hanno cercato di ottenere il pezzo di carta, spesso anche in Facoltà palesemente inutili, ma anche le altre sono state saturate.”

    Da incorniciare.

  27. GARANTIRE il welfare sociale (sanità, casa, trasporti pubblici, etc) usando la moneta sovrana (cascasse il mondo quelle cose restano, niente discorsi che mancano soldi o bisogna risparmiare) – TUTTO QUELLO CHE VIENE DOPO (e può venire solo dopo) è una questione di scelte politico/economiche.

  28. Parlo della contro rivoluzione neoliberista,in italia,parte dal 79,anno del divorzio BC/TESORO..nel mondo con reagan,la tacher,gorbaciov e ancor prima con gli esperimenti in america latina.Guarda il rapporto PIL/DEBITO PUBBLICO dal dopo guerra ad oggi vedrai che la INSOSTENIBILITA del debito parte da quegli anni…Lupo,so che hai sempre cercato l’onesta’.Il successo vero e’quello,fossi anche l’unico a sostenerlo.Mi auguro tu possa risollevarti

  29. natal76:

    E’ ormai un anno che leggo i vari articoli e spesso ne trovo alcuni molto interessanti e altri un po’ meno …spesso avrei voluto iscrivermi e commentarne alcuni dicendo la mia, ma ho sempre pensato che fosse tempo sprecato.

    direi che hai proprio ragione: tempo sprecato.

    Oggi ho deciso di iscrivermi e commentare questo articolo o meglio questo cartello,

    potevi tranquillamente continuare a dirti : tempo sprecato 😉

    scritto probabilmente da un signore sui 65 che è in procinto di fallire perchè la banca non gli da più credito.

    ma anche no…..

    Dopo essermi laureao ho trovato subito lavoro

    e la cosa si configura come un mistero misterioso….

    ma fino ad alcuni anni fa mi sono sempre chiesto come molti ..possiamo dire quasi tutti coloro che hanno inz. una attività negli anni 70-80 hanno creato un impero dal nulla pur essendo degli emeriti incomp.

    se fossero stati DAVVERO incompetenti, l’impero non lo creavano.
    anche 50 anni fa’ ci voleva voglia di lavorare, di rischiare e idee per andare avanti.

    mentre adesso non conosco amici o coetanei laureati come me o non, che abbiano fatto qualcosa se non lavorare come schiavetti per questi pseudo analfabeti che abbisognao di gente che abbia studiato per le loro imprese.

    evidentemente tu ed i tuoi amici non avete voglia di rischiare il vostro bel culetto impiantando un’attività.
    molto meglio lasciare il rischio a qualcun altro e poi lamentarsi se si è addirittura costretti a lavorare…..

    Con la crisi ho capito come gira il mondo e come le banche giochino un ruolo fondamentale oggi con la depressione/recessione e ieri con il bum.

    so che non si dovrebbe, ma francamente da un “laureato” in genere ci si aspetta che conosca l’ortografia della parola “boom”……

    Quel signore che chiuderà a luglio dovrà ritenersi fortunato come molti altri che oggi si ammazzano e falliscono dovrebbero invece riderci sopra

    sì, in effetti dover buttare alle ortiche una vita di lavoro è veramente esilarante…..

    perchè loro …quelli del dopo guerra hanno avuto una opportunità che noi giovani 30 enni e via scendendo non avremo mai.

    e questo è l’unico punto sul quale mi sento di darti ragione…. salvo poi farmi cadere nuovamente la palle a leggere il seguito…..

    Grazie alla cascata di soldi che le banche hanno foraggiato ai tempi a un mercato fiorente e alla disponibilità di credito alle imprese sono partiti dal nulla e hanno messo su imprese grasse e feconde con dipendenti pseudo pagati.

    a parte l’ennesimo insulto alla grammatica (alla faccia della laurea), anche qui hai inanellato una bella serie di sciocchezze:
    le banche NON hanno mai aperto i cordoni della borsa se non portavi garanzie, a parte negli ultimi 20 anni quando concedevano mutui e prestiti a cani e porci (e si è visto come è finita);
    i dipendenti erano così “pseudo pagati” che in molti casi, solamente risparmiando qualche anno, potevano comprarsi casa pur continuando a mantenere la famiglia…. ed erano pure monoreddito!!!!

    Adesso purtroppo per loro e per noi il giochino di : banca dammi 500.000 euro che 400.000 li investo e 100.000 ci compro la macchina nuova è finito.

    francamente non so di quali imprenditori tu stia parlando…. forse di ricucci tuo e del furbetti del quartierino…..
    i truffatori ci sono sempre stati e sempre ci saranno, ma questo non significa che TUTTI siano così.

    Adesso le banche chiamano e dicono :- Sig. Rossi ha un fido di 500.000 deve tornare tra una sett. ed ecco che con il mercato bloccato e con i soldi spesi in bella vita quelle stesse persone che dal nulla hanno fatto i migliardi ora si ammazzano.

    e dopo un’altra coltellata all’ortografia, un bel giudizio su persone che non conosci e situazioni che probabilmente risiedono solo nella tua testolina.

    Forse è meglio così …. se fossi al loro posto ..pensando di essere un grande imprenditore che analf. dal nulla sono diventato qualcuno e adesso torno ad essere una nullità e dopo una vita passata a lodarmi allo specchio … lo specchio smettesse di dirmi che sono il più bello del reame …forse … e dico forse … mi verrebbe in mente di farla finita.

    certo che è meglio così.
    se sapessi di dare lavoro ad uno come te mi sparerei di sicuro!

    Morale: non vi siete accorti di aver vissuto 30-40 anni di improbabile realtà ? non vi siete accorti che non siete diventati qualcuno per merito vostro, ma per un mero piacere dell’economia ? non vi siete accrti che da 10 anni ne con la terza media ne con laurea si riesce a far qualcosa ? questo cartello aimè denota come il gioco si è rotto per tutti e ora i bambini al parco cercano di capire chi è stato…per dirlo alla mamma quando tornerà. purtroppo.

    morale: la Vita (quella con la maiuscola) non ti ha insegnato nulla (ancora).
    ma pazienta ancora un po’: ognuno ha la possibilità di imparare dai propri errori, e ho l’impressione che tu, freguggin, nel futuro prossimo imparerai un saaaaaacco di cose interessanti…..

  30. “abbiamo”????
    abbiamo CHI?????
    forse tu, freguggin, io no di sicuro, e come me ce ne sono un sacco che si sono fatti il culo per portare a casa la pagnotta.
    dovreste piantarla di seguire come pecore certi slogan, creati apposta per giustificare politiche recessive nell’economia e nei diritti individuali.

  31. Cattivone!

  32. Perche’, cosa c’e’ di strano a portare a casa la pagnotta con fatica? Ma hai il computer vero? Magari non sai che milioni di persone non ce l’hanno pur facendosi il culo come te. Peraltro anch’io ho portato a casa la pagnotta. Le politiche recessive sono una bella invenzione, in quanto nascono anche dal consumismo, o forse tu non compri mai niente? Meglio il commento piu’ sopra che perlomeno non piange miseria ma propone soluzioni piu’ politiche. Tra l’altro: che significa freguggin?

  33. Per garantire tutto quello che dici in certi paesi piu’ virtuosi comunque hanno politiche anche di risparmio e anche in Svezia hanno dovuto tagliare certi costi. Per il resto, sono d’accordo con te.

  34. Quando si parla di economia in Cdc riesco sempre a imparare molte nozioni avanzate e mi tolgo il cappello di fronte a molti lettori per la preparazione che hanno. Piccolo particolare: e’ una preparazione accademica che ha la visione soprattutto italiana. Quando per esempio si parla di recessione, coloro che non vogliono sentir parlare di tagli dicono che e’ tutto un problema di ingiustizia sociale pianificata dall’alto. In parte e’ vero. In parte pero’ e’ giusto dire, come alcuni hanno detto, che TUTTI, anche i cosiddetti proletari (italiani), abbiamo vissuto al di sopra dei mezzi disponibili. Infatti anche un paese tendenzialmente virtuoso come la Svezia gia’ da anni ha dovuto tagliare certe generose elargizioni “sociali” perche’ comunque se si vive in un clima dove i padroni del vapore non ti prendono per i fondelli (come in Italia) la gente e’ disposta a disciplinarsi per il bene del Paese. Questo non e’ un discorso liberista, ne’ marxista, ne’ di nessuna etichetta, e’ la semplice realta’, che non e’ bianca o nera ma grigia.

  35. Era il luglio del 1981, non 1979, quando venne “consumato” il divorzio tra la Banca d’Italia ed il Ministero del Tesoro, su proposta del democristiano Beniamino Andreatta e grazie all’opera di Carlo Azeglio Ciampi, all’epoca direttore dell’istituto.
    Grandi eroi della patria, i due suddetti…..

  36. Negli anni settanta la gioventù non aveva paura di partire con le bombe contro i padroni. Ma al giorno d’oggi alla gente basterebbe votare partiti antisistema.

  37. andyconti:

    Perche’, cosa c’e’ di strano a portare a casa la pagnotta con fatica?

    per me sicuramente nulla, ma pare che abbia vissuto al di sopra delle mie possibilità….

    Ma hai il computer vero?

    si direbbe di si.
    la stessa macchina da 4 anni, e pure pagata in contanti…. si vede proprio che ho vissuto al di sopra delle mie possibilità!!

    Magari non sai che milioni di persone non ce l’hanno pur facendosi il culo come te.

    oibò, ed io che credevo che, vivendo al di sopra delle nostre possibilità, tutti ce l’avessero, anche solo come soprammobile….

    Peraltro anch’io ho portato a casa la pagnotta.

    allora anche tu vivi al di sopra delle tue possibilità!!!!

    Le politiche recessive sono una bella invenzione, in quanto nascono anche dal consumismo, o forse tu non compri mai niente?

    questa me la segno e poi la posto su qualche blog di economia, così pure loro si fanno 4 risate di cuore, che di questi tempi ce n’è tanto bisogno.

    Meglio il commento piu’ sopra che perlomeno non piange miseria ma propone soluzioni piu’ politiche.

    cortesemente, potresti indicarmi dove, nel mio post, avrei pianto miseria??

    Tra l’altro: che significa freguggin?

    è Genovese, diminutivo di freguggia = briciola, quindi briciolina, termine affettuoso con il quale ci si riferisce ai bambini.

    P.S. vi dicono di aver vissuto così e ci credete, semplicemente perché si viveva meglio e quindi, facendo il confronto con oggi, vi sembra davvero di aver vissuto al di sopra delle vostre possibilità.
    così, anziché dare addosso a chi ci ha ridotti in queste condizioni, ve la prendete con voi stessi, quasi foste voi la causa del problema, invece dei porci che si sono rubati l’italia…..
    ecco, questo è stato sicuramente il loro successo più grande: fottervi facendovi credere che siete stati voi a farlo.

  38. è il settembre 1979 quando Ciampi diventa governatore di bankitalia e comincia immediatamente la sua “cura”; basta guardare i suoi primissimi atti, assai diversi da quelli di Baffi.
    la formalizzazione andreattiana del 1981 non fa altro che legalizzare il golpe che è già avvenuto quasi due anni prima, con l’allontanamento di Baffi e prima ancora con l’eliminazione di Moro.
    molti non erano ancora convinti della bontà della cura, allora … Bologna, 2 agosto 1980. Il messaggio è stato molto chiaro e chi doveva capire ha capito … ed ha ubbidito.

  39. Il tuo Ps nasconde una grande tragedia Castigo.A cosa serve veramente alle elite’ indurre nelle coscenze collettive il senso di colpa del VIVERE AL DI SOPRA DELLE PROPRIE POSSIBILITA?Serve forse per indurre nei boccaloni del consumismo fine a se stesso,vippismo,macchina alla moda,gratta e vinci e donne nude una vita piu etica,sobria e di buon senso?Perche la buona fede di chi crede alla propaganda e’questa(al punto di dichiarare LE TRAGEDIE SON TROPPO POCHE)…NO..Serve a DELEGITTIMATE E SPODESTARE Le scelte che uno stato sovrano puo fare a favore di tutti.Le stesse scelte che nel lungo cammino umano,seppur poco,ha permesso(ad alcuni con speranza di contagio a tutti i popoli) di togliere con forza da tante legislazioni il diritto di possedere schiavi,di permettere di gestire il risparmio di una parte di ricchezza prodotta collettiva per costruire scuole,strade,aquedotti,servizi fognari,servizi sanitari per tutti,o di creare legislazioni a tutela dei deboli(anche se spesso non applicate)o di creare legislazioni che permettono all’organizzazione collettiva(lo stato come ideale)di togliere in tasse ai ricchi per dare ai poveri..ricchi intendendo le grandi immense fortune,con la legittimazione concettuale che certe fortune,superati determinati limiti,non provengono da meriti individuali.Quale senso di colpa puo avere il 50enne che perde il lavoro,magari avendo vissuto sobriamente e non ad aperitivi,con genitori malati e figli a carico?….E i boccaloni del consumismo fine a se stesso?Ad uno scopo preciso son plasmati dal circuito mediatico .

  40. A cosa serve veramente alle elite’ indurre nelle coscenze collettive il senso di colpa del VIVERE AL DI SOPRA DELLE PROPRIE POSSIBILITA?Serve forse per indurre nei boccaloni del consumismo fine a se stesso,vippismo,macchina alla moda,gratta e vinci e donne nude una vita piu etica,sobria e di buon senso?Perche la buona fede di chi crede alla propaganda e’questa(al punto di dichiarare LE TRAGEDIE SON TROPPO POCHE)…NO..Serve a DELEGITTIMATE E SPODESTARE Le scelte che uno stato sovrano puo fare a favore di tutti.Le stesse scelte che nel lungo cammino umano,seppur poco,ha permesso(ad alcuni con speranza di contagio a tutti i popoli) di togliere con forza da tante legislazioni il diritto di possedere schiavi,di permettere di gestire il risparmio di una parte di ricchezza prodotta collettiva per costruire scuole,strade,aquedotti,servizi fognari,servizi sanitari per tutti,o di creare legislazioni a tutela dei deboli(anche se spesso non applicate)o di creare legislazioni che permettono all’organizzazione collettiva(lo stato come ideale)di togliere in tasse ai ricchi per dare ai poveri..ricchi intendendo le grandi immense fortune,con la legittimazione concettuale che certe fortune,superati determinati limiti,non provengono da meriti individuali.Quale senso di colpa puo avere il 50enne che perde il lavoro,magari avendo vissuto sobriamente e non ad aperitivi,con genitori malati e figli a carico?….E i boccaloni del consumismo fine a se stesso?Ad uno scopo preciso son plasmati dal circuito mediatico

  41. Le risposte sono ovviamente no…tutte le scuole basilari economiche lo dicono..ma dovresti specificare sulla crescita/farla sostenibile/sviluppo…sugli immobili farli intelligenti(restauri a risparmio senza deturpare l’ambiente)…se non specifichi questi”dettagli”…(so che non e’questo il tuo punto sollevato)dai man forte ai vari LE TRAGEDIE SON TROPPO POCHE/VIVIAMO SOPRA LE NOSTRE POSSIBILITA/IL MONDO E’FINITO/MARX AVEVA PREDETTO/LE CRISI SONO TOCCASANA

  42. sì, ma vaglielo a spiegare a quelli che abbiamo vissuto sopra le nostre possibilità (c’ho il porsce caienne comprato a rate…. -la grammatica e l’ortografia le ho massacrate apposta-), abbiamo derubato il terzo mondo (in effetti i miei schiavi mi consentono di non lavorare….), la natura (sempre buona, ma provate a vivere per un mese in un bosco con quello che avere addosso e poi vedete com’è buona….) soffre maltrattata dall’uomo cattivo e tutte le altre cagate politicamente corrette……

  43. No. “vivere al di sopra delle proprie possibilità” non è una realtà, è una frase slogan di tipo moralistico e senza alcun senso. Lo scopo di questo slogan è quello di giustificare agli occhi del popolo certe scelte economiche dettate in realtà da tutt’altri motivi.