Home / ComeDonChisciotte / SPIE TEDESCHE METTONO BOMBE IN KOSOVO?

SPIE TEDESCHE METTONO BOMBE IN KOSOVO?


DI MILO DRULOVIC E SIMONE SANTINI
Clarissa.it

La notizia è clamorosa: tre cittadini tedeschi sono stati
arrestati a Pristina con l’accusa di terrorismo. Lo scorso 14 novembre
una bomba era esplosa contro l’Ufficio Civile Internazionale della Ue
nella capitale kosovara. L’attentato, evidentemente dimostrativo, aveva
causato danni all’edificio ma nessuna vittima né feriti.

Poche ore dopo le autorità kosovare traevano in arresto tre
cittadini tedeschi di cui non sono state fornite le
generalità. La notizia, trapelata sul giornale locale
Express, è stata quindi confermata da “Der Spiegel” e dal
“Suddeutsche Zeitung”.
Le autorità tedesche si sono limitate a smentire
categoricamente che apparati governativi germanici possano in qualunque
modo essere implicati in attentati all’estero, eventualità
definita semplicemente “assurda”. Anche l’appartenenza dei tre uomini
ai servizi è stata smentita, almeno ufficialmente i tre non
avevano alcun accreditamento e non godono di immunità
diplomatica. Secondo “Der Spiegel” (ma la notizia non è
confermata) il gruppo lavorava proprio negli uffici oggetti
dell’attentato.

Il caso sta creando non poco imbarazzo e tensione tra Berlino e
Pristina. Il momento è particolarmente delicato, visto che
sono in corso negoziati per il passaggio di poteri tra la missione
UNMIK delle Nazioni Unite e la missione Eulex della UE, per l’organismo
che avrà il compito dell’amministrazione civile sul Kosovo
su cui vige un protettorato internazionale dalla fine della guerra del
1999.

Mentre Bruxelles e Belgrado avevano raggiunto un accordo sulla
definizione giuridica della nuova missione Eulex, Pristina l’ha
radicalmente rigettato ritenendolo un passo indietro rispetto alla
dichiarazione unilaterale di indipendenza dalla Serbia proclamata lo
scorso febbraio.

L’attentato dei giorni scorsi era subito stato messo in relazione con
le vicende contrastate dei negoziati. Ma con quali scopi? Ora l’intrigo
diventa internazionale.

Milo Drulovic e Simone Santini
Fonte: http://www.clarissa.it
Link
25.11.2008

Pubblicato da Davide

  • Lestaat

    Che sia segno di una virata filo-russa delle UE?
    Prima Sarko e la Georgia, poi il nanetto, forse per non sentirsi inutile, che spara clamorose frasi anti-americane..ora questo….
    mmm

    è interessante..

  • Lestaat

    Aggiungo:
    e Repubblica ora insinua anche…
    interessante l’articolo sull’attentato a Mumbai

    http://www.repubblica.it/2008/11/sezioni/esteri/india-attentato-2/giallo-terroristi/giallo-terroristi.html

    insinuazioni quantomeno bizzarre dato che situazioni del tutto simili (con partecipanti occidentali ad attentati) si sono già verificate sia in Irak che in Georgia

  • myone

    Ora come ora quello che succedera’ sempre nel dopo, dara’ luce agli eventi che sono la causa tattica e di giustificazione per decisioni. Forse questi attentati sono come uno stimolo di avvertimento per aggregarsi ad una parte di protezione, anche se a quanto sembra, decisioni e considerazioni politiche tipo l’ indipendenza del cosovo, facciano tendere a riflettere su decisioni di quale parte considerare come alleata. Sti modi fanno propio schifo. Poveri uomini degli alti ranghi. Sembrano giocare ai primitivi. Conoscono solo le clave.