Home / ComeDonChisciotte / SPAGNA E ITALIA UGUALI SUL LAVORO, NON SULLE REGIONI

SPAGNA E ITALIA UGUALI SUL LAVORO, NON SULLE REGIONI

DI MAURIZIO BLONDET
rischiocalcolato.it

(al prossimo taglio come minimo vogliamo il seppuku)

Elsa Fornero è il nostro ministro del Lavoro. Anche il governo spagnolo di Mariano Rajoy ha una ministra del Lavoro: si chiama Fatima Baez. Ed esattamente come la Fornero, anche quella sta attuando la “riforma del lavoro”, facendosi forte della disoccupazione al 23%. La riforma dovrà, ha detto Fatima Baez, “restituire fiducia ai lavoratori e imprenditori, perchè possano superare la crisi insieme e il licenziamento sia l’ultima opzione”.

Suona bene, ma un po’ vago. Javier Diaz-Gimenez, economista alla IESE Business School di Madrid, ha tradotto la neolingua della ministra nella seguente frase più brutale, ma più chiara: si tratta di ammorbidire la legislazione del lavoro: “La prima misura da prendere è ridurre il costo del lavoro, che è eccessivo, limitando le indennità di licenziamento; la seconda è sbarazzarsi dei contratti temporanei per instaurare un solo contratto di durata indeterminata”, ma “più facile da interrompere”.

Sembra la copia di quel che fa’ la Ferrero. Strano. L’una sta copiando l’altra? Più probabilmente, le due ministre tecniche obbediscono allo stesso foglio d’ordini emanato dallo stesso ente superiore. Quello che ha insediato i governi tecnici nell’Europa del Sud. Trilateral? Bilderberg? Goldman Sachs? Fate voi.

Ma c’è una cosa in cui il tecnico Monti non imiterà il governo Rajoy: il trattamento verso le Regioni. Per sostenere quelle iberiche, finanziariamente strangolate, Madrid ha aperto loro una linea di credito di 10 miliardi di euro; ma in contropartita, il governo centrale intende esercitare il controllo sui bilanci regionali. Ogni aiuto sarà condizionato all’adozione di un piano per la riduzione del deficit regionale, validato da Madrid, sulla linea dei tagli che già colpiscono la sanità e l’istruzione.

Insomma Madrid procede, di fronte alla Regioni ispaniche, come Berlino vuol fare agli stati malconci della zona euro: controllare preventivamente i bilanci della nazioni bisognose di aiuti, imponendo tagli alle spese. Ciò che è illegittimo a livello europeo in quanto arrogante violazione delle sovranità (tanto vale che la Merkel ci mandasse governatori tedeschi: sarebbe tutto più chiaro), ma è perfettamente giustificato all’interno della Spagna, dove le Regioni (nonostante i forti autonomismi baschi e catalani) non hanno, ovviamente, la sovranità.

lombardocuffaro Spagna e Italia uguali sul Lavoro, non sulle Regioni (Maurizio Blondet)

(la meglio gioventù)

Ma in questo, anche se volesse, il governo Monti non potrebbe imitare il governo Rajoy, per un semplice motivo: ha bisogno dei partiti per far passare le sue “riforme”, e i partiti non voterebbero mai per mettere sotto controllo centrale le spese delle Regioni, che sono loro feudi clientelari e grassi centri di corruzione. Le spese dello stato stanno per un certo verso sotto l’occhio dell’opinione pubblica; le spese regionali sfuggono meglio all’attenzione, anche se fanno impallidire quelle dello stato. Soprattutto in termini di sprechi, sono scandalosi pozzi senza fondo: la Sicilia spende il doppio della Lombardia (avendo metà dei suoi abitanti), la Campania il triplo del Veneto; tutte insieme hanno speso un miliardo di euro nel 2011 solo per mantenere i loro consiglieri regionali; 7 miliardi (14 mila miliardi, in vecchie lire) per le giunte e gli uffici regionali. Sono circa altri 240 miliardi di euro che si aggiungono alla spesa pubblica: qui sì che sono possibili grossi risparmi e tagli, perchè proprio nelle Regioni c’è tanto grasso che cola. Basta ricordare che i contribuenti del Nord trasferiscono ogni anno, da decenni, alle Regioni del Meridione, senza miglioramento dell’arretratezza meridionale.

Ma il governo, tecnico o no, non ha alcuna possibilità di mettere un freno a questi folli spenditoi locali: mai otterrebbe una maggioranza parlamentare per riformare questo colabrodo di denaro pubblico a cui poppano voluttuosamente tutti i partiti. Cadrebbe immediatamente. E inoltre le Regioni hanno “l’autonomia finanziaria” (scritta nella Costituzione, art. 119) di cui sono gelosissime, e una legge costituzionale (dunque varata da maggioranza qualificata) del 2001 che ha abolito i controlli sugli atti regionali, in precedenza esercitati dal governo centrale. Senza contare le Regioni che sono “autonome” per legge divina, fra cui brilla la Sicilia. Da allora, queste entità sono buchi neri di spesa, irresponsabili e insindacabili, ancorchè molte di esse esibiscano debiti colossali. Basti dire che la Regione Sicilia paga i suoi consiglieri regionali più dei senatori della repubblica: 19.850 euro al mese. E che la stessa Sicilia spende 240 milioni di euro l’anno per la “formazione professionale” dove foraggia un esercito di presunti docenti, e alla fine dei quali corsi solo uno studente e mezzo trova effettivamente lavoro. Ragion per cui il procuratore della Corte dei Conti ha recentemente dichiarato: «L’effettivo avviamento al lavoro di un giovane siciliano pesa sui contribuenti 72 mila euro, non so davvero se ne valga la pena».

Ma che lo Stato non osi mettere becco, men che meno esigere la consegna dei libri contabili: i governatori delle Regioni si coalizzano nella protesta, mobilitano le loro affollate clientele, i partiti (ciascuno dei maggiori ha un qualche governo regionale) difendono con le unghie la loro “autonomia”. E così continuano a spendere come pare a loro. Ossia a sprecare e rubare.

In tal modo, accade questo fatterello paradossale: il governo centrale italiano accetta il “fiscal compact” europeo, ossia di mettere i suoi bilanci sotto il controllo preventivo dei commissari europei, rinunciando all’ultimo brandello di sovranità e divenendo di fatto una macro-regione della Germania, che occhiutamente impone il pareggio di bilancio e la riduzione del debito al 60% del Pil; e nello stesso tempo, non può imporre la sua sovranità alle sue Regioni, controllandone i conti e le spese, come riesce a fare la Spagna.

In altri termini: le Regioni sono più “sovrane” dello stato centrale.

Ciò non è altro, in fondo, il motivo stesso della nascita delle Regioni. I lettori più giovani possono non saperlo, ma lo stato italiano non è sempre stato regionale; anche se la creazione di Regioni era iscritta nel bronzo della Costituzione (che per certe parti è invece di pastafrolla), per molti decenni s’è lasciata inattuata questa parte. E la popolazione non ha mai espresso scontento di essere sotto uno stato centralizzato, mai la richiesta di “autonomie” regionali è stata espressa a livello popolare. Era un ordine dall’alto a volerle.

ugolamalfa Spagna e Italia uguali sul Lavoro, non sulle Regioni (Maurizio Blondet)

(compagno di grembiule)

Infatti a battersi per l’istituzione delle Regioni fu da dopoguerra Ugo La Malfa, gran massone, l’uomo del Partito Repubblicano, appoggiato da Cuccia e da Mattioli delle Commerciale, ossia il fiduciario della finanza internazionale: l’unico italiano dahgli anglo-americani agli incontri di Bretton Woods in cui si mise in atto l’ordine monetario mondiale dei vincitori. Benchè il Pri di La Malfa avesse sì e no il 3 per cento dei voti, la DC se lo associò fin dal primo governo De Gasperi, perchè senza i repubblicani nel governo, non arrivavano i soldi del piano Marshall: dunque i desideri di La Malfa erano legge. E il perchè volesse le Regioni, il La Malfa lo chiarì in tutte le sedi: servivano ad erodere la sovranità degli stati-nazione. Il progetto europeista di Jean Monnet (che distribuiva i soldi del piano Marshall per incarico della Lazard) era infatti un’Europa di Regioni, senza stati, o con stati spettrali. L’autorità degli stati doveva essere sminuita e smangiata sia dall’alto (dalla Unione Europea) sia dal basso, dalle Regioni appunto.

Nel gran progetto mondialista, globalizzazione deve accompagnarsi alla regionalizzazione del mondo. Piccole entità sub-sovrane, senza dimensioni economiche nè peso politico per negoziare a livello europeo con qualche credibilità. Questo era il progetto. La Germania disfatta fu la prima ad essere spezzata in Laender, su comando alleato. Alla regionalizzazione della Francia (il più antico stato unitario d’Europa) si oppose De Gaulle, finchè potè. La Spagna fu centralizzata fino a quando durò Francisco Franco, il sopravvissuto dell’era precedente, e per questo Madrid ha ancora voce in capitolo sulle spese regionali. Oggi , il progetto si realizza, ma sotto una forma paradossale: è la Germania l’unico ente sovrano che comanda sugli altri stati denazionalizzati: un esito che farà rivoltare nella tomba La Malfa, Jean Monnet e Andrè Meyer della Lazard Brothers….

Maurizio Blondet
Fonte: www.rischiocalcolato.it
Link: http://www.rischiocalcolato.it/2012/02/spagna-e-italia-uguali-sul-lavoro-non-sulle-regioni-maurizio-blondet.html
5.01.2012

Pubblicato da Davide

  • Stopgun

    Come facevo a capire negli anni ’70 questa mostruosità?

    Eppure mi interessavo di politica e mi davo da fare e non c’era nessuno che mi spiegava come stavano le cose.

    Ho capito queste cose solo da poco ed ho capito che la battaglia più importante di WW2 è stata quella di Bretton Woods.

  • ilBabbaleo

    Sì, diciamolo finalmente, uno dei problemi più grandi dell’Italia sono le Regioni, non le Province. Le Regioni, come dice bene Blondet, “feudi clientelari e grassi centri di corruzione”, elemosinieri di lavori inutili, devastatrici del territorio e chi più ne ha più ne metta!

  • maremosso

    Diciamo tutta la verità non soltanto mezza verità perchè in questo modo si vuole capovolgere subdolamente l’importanza delle autonomie. Il bilancio dello stato italiano non va male per colpa delle regioni, della loro esistenza in termini generali, va male per colpa dei conti pubblici delle regioni meridionali. E le regioni meridionali vanno male per colpa dei comportamenti dei loro abitanti. Mettiamo i puntini sulle i.

  • MATITA
  • Truman

    C’era una vecchia discussione nei forum da cui sembrava che fosse la Val D’aosta la regione con il costo pro-capite più alto per lo stato. In assoluto invece è la Sicilia, che ha molti più abitanti.

    https://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&p=55940

  • Giovina

    “Diciamo tutta la verita’………E le regioni meridionali vanno male per colpa dei comportamenti dei loro abitanti.”

    QUESTA NON E’ TUTTA LA VERITA’, E’ SOLO LA VERITA’ DI MEZZA ITALIA.

  • Truman

    Sul termine seppuku è utile wikipedia:

    Seppuku [it.wikipedia.org].

  • Defcon1

    Detto forse in maniera un po’ drastica ma il concetto e’ ineccepibile.

  • ws

    questa e’ la verita’ dei BILANCI ( quando ci sono …in calabria nemmeno quelli )
    Cmq, questa e’ una diatriba e’ superata , la “zavorra” ha superato la spinta del””galleggiante” , l’italia affondera’ “unita ” ( anzi direi in… ” CONCORDIA ” :-))

  • bysantium

    E’ vero che Blondet scrive di sprechi, e sprechi enormi da parte delle regioni ma mi pare che la tesi di fondo, ben più importante, consti nella funzionalità delle regioni alla perdita di sovranità degli Stati e quindi al progetto americano e massone di quest’Europa che si va concretizzando in una macroregione affidata ad un vassallo, la Germania, con tanti Paesi tributari, fra i quali certamente l’Italia.
    Per me l’unica speranza sarebbe un colpo di coda della Francia – nazione con vocazione potenzialmente attiva e dominante – che rifiutasse la subalternità alla Germania e coagulasse i Paesi del sud. Purtroppo la Francia al posto di de Gaulle ha Sarkozy, per ora.

  • Tonguessy

    Molto significativa l’espressione della Fornero che sta avendo serie difficoltà nella defecazione. Resta da ricordare che ciò che le ha causato quelle lacrime è ben misera cosa se paragonato al cetriolone che ci ha propinato. Prevedo una carenza di produzione di fazzolettini a breve.

  • ilBabbaleo

    Sapere perchè veramente vada male il bilancio italiano è impresa improba. Generalizzerò la mia visione laziale, ma non vedo nelle Regioni una progettualità che vada al di là del sottobosco governativo, dei favori agli amici, della ricerca del consenso elettorale dei parenti, degli amici, degli amici degli amici: è nella loro natura, e più autonomia gli si dà, più è così. Mi sembra che anche la fauna regionale nordica stia sfornando ottimi esemplari. Del resto il contributo nordico alla situazione attuale è stato fondamentale: basta vedere quanti Presidenti del Consiglio il Nord ha dato all’Italia dall’Unità ad oggi di fronte allo sparuto numero di “meridionali”. Sarà per questo che, andando da Nord a Sud, qualsiasi infrastruttura (strade, ferrovie, reti elettriche) diventa sempre più rada?

  • Triscele

    Dal web un punto di vista siciliano:

    …Se è vero che molti tributi restano in Sicilia al 100 %, è anche vero che allo Stato sono riservati (sempre al 100 %) altri tributi che complessivamente fruttano circa 13 miliardi l’anno: si tratta delle imposte di produzione, delle entrate da monopoli e di quelle da giochi e scommesse.

    Questo senza contare che anche il “riscosso” degli altri tributi, trattenuto integralmente in Sicilia, non è che una parte del “maturato” nella stessa Regione.

    In pratica le Regioni che hanno altrove la sede legale e in Sicilia solo una filiale, un ramo, etc. non versano una lira alle casse regionali. Per farle un esempio, il Banco di Sicilia versava alcune centinaia di milioni l’anno che adesso, in quanto Unicredit, sono versate a Milano.
    Ma quelle imposte “non sono prodotte” a Milano, bensì in Sicilia com’era sino a pochi anni fa. Tanto che, per ipotesi di scuola, se la Sicilia fosse un paese a sé, queste sarebbero tassate nuovamente in Sicilia e non nel Continente.

    Quindi, l’affermazione che la Sicilia non contribuisce alle spese statali, è formalmente e sostanzialmente falsa.

    Poi anche il dato sui dipendenti regionali è assolutamente sballato. Per Statuto la Sicilia dovrebbe farsi carico di tutta la spesa pubblica, escluse solo le forze armate.

    … In pratica quelli che in gran parte d’Italia sono dipendenti statali, in Sicilia sono dipendenti regionali pagati con i soldi dei Siciliani (quel 100 % di cui si diceva prima). Saranno quindi anche fatti nostri quanti sono o no? Vero è che non tutto il personale dello Stato è stato ancora trasferito alla Regione (scuola, università, polizia, il costo di mezza sanità circa), ma se questo avvenisse, voi che fareste? Gridereste ancora di più allo scandalo perché i dipendenti della Regione sono ancor di più aumentati? Non funziona così.

    La Sicilia non è una Regione, come riduttivamente pensate voi, è praticamente uno Stato, e infatti sostituisce lo Stato quasi dappertutto.

    Comunque, a conti fatti, tra trasferimenti al fondo sanitario (circa 2 miliardi), altri piccoli trasferimenti alla Regione e trasferimenti agli enti locali, spese dirette per quelle funzioni che lo Stato non ha ancora trasferito alla Regione, ogni anno lo stato spende in Sicilia circa 12 miliardi di euro, ben meno quindi di quelle che preleva.

    …Insomma lo scandalo è inventato a tavolino, come non ha senso la “spesa standard” in una Regione che per Statuto deve vivere delle proprie risorse. Se le spende male, sono i Siciliani che pagano, non gli Italiani.

    E infine una considerazione elementare, che manca da tutto ciò.

    Se l’Italia è un paese unito, sarebbe fisiologico che lo Stato redistribuisca risorse dalle regioni a reddito più alto verso quelle a reddito più basso. Si può anche predicare una redistribuzione nulla, ma a questo punto si sta dicendo ai Siciliani e ai Sardi che è molto più conveniente per loro chiedere l’indipendenza.

    Se già oggi lo Stato riceve dalla Sicilia (che è mediamente più povera del resto del Paese) più di quello che dà (perché, mi creda, le cose stanno effettivamente così, nonostante la disinformazione organizzata cui, purtroppo, anche Report si è accodata), che senso ha dire che è ancora troppo e che la Sicilia deve contribuire ancora al Paese?

    In fondo l’Italia non ce l’ha prescritta il medico; ricordate sempre che ci avete conquistato con la forza e con la frode.

    Ora avete dei doveri di solidarietà e di coesione economica nei confronti di tutto il Paese che voi, o i vostri predecessori, avete voluto costruire.

    Altrimenti, mi permetta, se siamo così tanto un peso morto, perché non ci abbandonate al nostro destino? Il vero fatto è che all’Italia non conviene, mentre conviene mettere le mani addosso alle nostre risorse e al nostro portafoglio, trovando sempre qualche complicità in loco.

    Senza però arrivare all’indipendenza, lo sa che lo Statuto integralmente applicato costringe la Sicilia a vivere delle proprie risorse al netto solo di un unico trasferimento per recuperare il gap infrastrutturale?

    Perché non ci fate applicare il nostro Statuto e ci lasciate in pace?

    In fondo non vi chiederemmo più una lira.

    Credo che la cruda realtà è che voi vogliate “anche” i nostri soldi per pagare i “vostri” debiti. E questo, alla lunga, non può funzionare…

    Massimo Costa – Università degli studi di Palermo