Home / ComeDonChisciotte / SOPRAVVIVERE AL CROLLO: L'URSS ERA MEGLIO PREPARATA DEGLI USA AL COLLASSO

SOPRAVVIVERE AL CROLLO: L'URSS ERA MEGLIO PREPARATA DEGLI USA AL COLLASSO

PARTE II

DIMITRY ORLOV
Energy Bullettin

[15] Il settore agricolo
sovietico era notoriamente inefficiente. Molte persone coltivavano e
raccoglievano da sole il proprio cibo anche in periodi relativamente
prosperi. In ogni città esistevano magazzini di generi alimentari,
stoccati secondo uno schema di allocazione fornito dal governo. C’erano
pochissimi ristoranti e gran parte delle famiglie cucinava e mangiava
a casa propria. Fare la spesa era piuttosto laborioso e comportava il
trasporto di pesanti carichi. A volte era simile all’andare a caccia:
inseguire quell’inafferrabile pezzo di carne acquattato dietro la
cassa di qualche negozio. Perciò la gente era ben preparata per ciò
che venne dopo.

Negli Stati Uniti la
maggior parte della gente compra il cibo al supermercato, il quale viene
rifornito da luoghi molto distanti grazie ad autocarri refrigerati.
Molte persone non si disturbano nemmeno a fare la spesa e mangiano al
fast food. Quando qualcuno cucina, raramente lo fa mettendo insieme
gli avanzi. Tutto questo è assai poco salutare e gli effetti sul girovita
nazionale sono chiaramente visibili in qualunque parcheggio. Un sacco
di persone, che escono e entrano ciondolando dalla loro auto, non sembrano
pronte a ciò che sta per succedere. Se all’improvviso dovessero iniziare
a vivere come i russi, gli esploderebbero le ginocchia.

        Sopravvivere
        al crollo
        Sanità

        Image Hosted by ImageShack.us

        Image Hosted by ImageShack.us

        • Pubblica

        • Privata

        • Cure
          di base gratuite

        • Medicinali
          per profitto

        • Focalizzata
          sulle cure di base e la prevenzione

        • Focalizzata
          su geriatria, casi cronici, oncologia, medicina di pronto soccorso,
          psicofarmaci e chirurgia plastica
        Cure
        di base
        Rimedi
        popolari
        © 2006 Dmitry Orlov
        16

[16] Il governo sovietico
destinava risorse ai programmi di vaccinazione, al controllo delle malattie
infettive e alle cure di base. Operava direttamente attraverso un sistema
di cliniche, ospedali e sanatori di proprietà dello Stato. Le persone
affette da malattie terminali o da condizioni croniche avevano spesso
motivo di lamentarsi ed erano costrette a pagarsi cure private, se avevano
i soldi.

Negli Stati Uniti la
medicina ha per fine il profitto. Sembra che alla gente questo fatto
non importi per nulla. Ci sono ben pochi campi di attività in cui gli
americani rinnegherebbero la motivazione del profitto. Il problema è
che quando l’economia viene asportata, viene asportato anche il profitto,
insieme ai servizi che un tempo contribuiva a motivare.

        Sopravvivere
        al crollo
        Educazione

        Image Hosted by ImageShack.us

        Image Hosted by ImageShack.us

        • Pubblica
          e gratuita

        • Prestiti
          onerosi agli studenti

        • 8
          anni di solito sufficienti

        • 12
          + 4 anni producono molti semi-istruiti

        • I
          bambini vanno a scuola a piedi

        • I
          bambini vanno a scuola con l’autobus o l’autista

        • Piccole
          scuole di quartiere

        • Enormi
          scuole grandi come città
        “La
        generazione perduta”
        Analfabetismo
        e ignoranza
        © 2006 Dmitry Orlov
        17

[17] Il sistema educativo
sovietico era generalmente di eccellente qualità. Produceva una popolazione
oltremodo colta e numerosi tecnici specializzati. L’educazione era
gratuita ad ogni livello, ma le persone che raggiungevano i livelli
d’istruzione più alti ricevevano spesso uno stipendio e avevano vitto
e alloggio gratuiti. Il sistema educativo resistette piuttosto bene
al collasso economico. Il problema era che i laureati non avevano più
un lavoro ad attenderli dopo la laurea. Molti di loro persero il proprio
tenore di vita.

Il sistema universitario
degli Stati Uniti produce molte cose buone: ricerca governativa e industriale,
squadre sportive, formazione professionale… Ma l’educazione primaria
e secondaria non riesce ad ottenere in 12 anni ciò che i sovietici
generalmente ottenevano in 8. Le enormi dimensioni di questi istituti
e le spese necessarie a mantenerli si riveleranno probabilmente non
più sostenibili in un ambiente post-collasso. L’analfabetismo è
già oggi un problema negli Stati Uniti e dobbiamo aspettarci che peggiori
drasticamente.

          Sopravvivere
          al crollo
          Energia

          Image Hosted by ImageShack.us

          Image Hosted by ImageShack.us

          • Autosufficiente

          • Importa
            il 65% di petrolio e molto gas naturale

          • L’eccedente
            viene esportato

          • Produzione
            nazionale in calo

          • Proprietà
            del governo

          • Fornita
            da privati

          • Controllo
            dei prezzi

          • Affarismo
          Scorte,
          razionamento
          “Insufficienza
          del mercato”
          © 2006 Dmitry Orlov
          18

[18] L’Unione Sovietica
non aveva bisogno di importare energia. Il sistema di produzione e distribuzione
in certi momenti vacillò, ma non crollò mai. Il controllo dei prezzi
mantenne le luci accese perfino durante l’impazzare dell’iperinflazione.

Il termine “insufficienza
del mercato” sembra adattarsi perfettamente alla situazione energetica
degli Stati Uniti. I mercati liberi, di fronte alla carenza di alcuni
beni di prima necessità, tendono a sviluppare tendenze perniciose.
Durante la Seconda Guerra Mondiale, il governo degli Stati Uniti comprese
questa situazione e razionò con successo molti beni, dalla benzina
ai ricambi per bicicletta. Ma questo accadeva tanto tempo fa. Da allora,
l’inviolabilità dei liberi mercati è diventata un articolo di fede.

        Sopravvivere
        al crollo
        Conclusione:
        L’Unione
        Sovietica

        era
        preparata molto meglio

        al
        collasso economico

        rispetto
        agli Stati Uniti

        ©
        2006 Dmitry Orlov
        19

[19] La mia conclusione
è che l’Unione Sovietica era assai meglio preparata degli Stati Uniti
al collasso economico.

Ho lasciato fuori due
importanti asimmetrie tra queste superpotenze, poiché esse non hanno
nulla a che fare con la capacità di essere preparati al collasso. Semplicemente,
alcuni paesi sono più fortunati di altri. Ma le citerò adesso per
amor di completezza.

In termini di composizione
etnica e razziale, gli Stati Uniti somigliano alla Jugoslavia più che
alla Russia, perciò non possiamo aspettarci che dopo il collasso essi
rimangano pacifici come lo rimase la Russia. Le società etnicamente
miste sono fragili e hanno la tendenza ad esplodere.

In termini religiosi,
l’Unione Sovietica era relativamente sprovvista di culti apocalittici.
Ben poche persone in Russia desideravano che una palla di fuoco atomico
grande quanto un pianeta annunciasse il secondo avvento del loro salvatore.
E questo fu davvero una benedizione.

        Sopravvivere
        al crollo
        Politica


        Image Hosted by ImageShack.us

        Image Hosted by ImageShack.us

        • Ideologicamente
          frustrata

        • Ideologicamente
          frustrati

        • Il
          Partito Comunista

        • Il
          Partito Capitalista e… L’Altro Partito Capitalista

        • In
          grado di annientare la protesta

        • In
          grado di ignorare la protesta

        • Nascondeva
          i libri

        • Falsificava
          i libri
        ¶¶¶¶ Preparazione
        al collasso totale
        ¶¶¶¶

        ©
        2006 Dmitry Orlov
        20

[20] Un settore in
cui non riesco a scorgere nessun “gap di collasso” è quello della
politica nazionale. Le ideologie saranno anche diverse, ma la cieca
aderenza ad esse non potrebbe essere più uguale.

E’ di sicuro più
divertente guardare due partiti capitalisti che si azzuffano piuttosto
che avere un solo partito comunista per cui votare. Gli argomenti su
cui si azzuffano sono spesso piccoli simulacri simbolici di politica
sociale, scelti per agevolare la simulazione di un atteggiamento pubblico.
Il Partito Comunista offriva un’unica pillola amara. I due Partiti
Capitalisti offrono la scelta tra due placebo. L’ultimissima innovazione
sono le elezioni al fotofinish, dove ogni partito ottiene il 50% dei
voti e il risultato viene estratto dalle dicerie statistiche, come un
coniglio da un cappello.

Il sistema utilizzato
dagli americani per affrontare il dissenso e la protesta è certamente
più avanzato: perché imprigionare i dissidenti quando si può semplicemente
lasciarli strillare al vento finché ne hanno voglia?

L’approccio americano
alla contabilità è più sottile e sfumato di quello sovietico. Perché
mettere su certe statistiche il segreto di stato, quando si può semplicemente
distorcerle, con metodi oscuri? Ecco un semplice esempio: l’inflazione
è “tenuta sotto controllo” sostituendo [nelle statistiche] gli
hamburger alle bistecche, allo scopo di minimizzare l’aumento dei
pagamenti destinati alla spesa sociale.

        Sopravvivere
        al crollo

        Image Hosted by ImageShack.us

        Un
        approccio alla politica nazionale collaudato, che faccia risparmiare
        tempo, sicuramente funzionante per ogni superpotenza che sta collassando
        1
        – Non prestate attenzione ai politicanti nazionali: il collasso serve
        solo ad incoraggiarli. Rappresentano una distrazione colossale. Restate
        concentrati

        2
        – Non prendeteli neanche in giro (per quanto invitante sia). Se li
        ignorate del tutto, spariranno dalla vostra vista più in fretta
        3
        – Alexander Solzhenitsyn (che nel 1970 vinse il Premio Nobel per la
        letteratura) creò un’utile massima che lo aiutava a sopravvivere
        nel GULAG. Può essere utile anche a voi.
        “Non
        credere a loro, non temerli, non chiedere nulla di loro”.

        (E’
        colui che da solo ha sfidato il governo Sovietico, ed ha vinto!)

        ©
        2006 Dmitry Orlov
        21

[21] Molte persone
sprecano un sacco di energie a protestare contro il loro irresponsabile,
immobile governo. A me sembra solo un enorme spreco di tempo, vista
l’inefficacia di queste proteste. Costoro si accontentano forse di
leggere delle proprie imprese sui giornali esteri? Io credo che si sentirebbero
meglio se semplicemente togliessero la voce ai politici, come i politici
la tolgono a loro. E’ facile come spegnere il televisore. Se ci provassero,
probabilmente noterebbero che nulla è cambiato nelle loro vite, proprio
nulla, tranne forse il miglioramento del loro umore. Potrebbero anche
scoprire di avere adesso più tempo da dedicare a cose più importanti.

        Sopravvivere
        al crollo
        Sopravvivere
        al crollo

        Quali
        sono le alternative?

        • Un
          grande sforzo da parte del governo

        • Una
          soluzione per il settore privato

        • Pateracchi
          alla riscossa!

        • Fai
          da te
        (Non
        tutti i problemi hanno una soluzione).

        ©
        2006 Dmitry Orlov
        22

[22] Ora cercherò
di delineare alcuni approcci, realistici e non, per superare questo
“gap di collasso”. La mia breve lista di rimedi potrà sembrare
un po’ semplicistica, ma tenete conto che si tratta di un problema
molto difficile. In effetti, è importante tenere conto del fatto che
non tutti i problemi hanno una soluzione. Posso promettervi che non
risolveremo il problema entro stasera. Quel che cercherò di fare sarà
di illuminarlo un po’ da diverse angolazioni.

          Sopravvivere
          al crollo
          Sopravvivere
          al crollo

          Un
          grande sforzo da parte del governo?

          • Non
            c’è un governo capace o competente (11 settembre, Iraq, Katrina,
            ecc.)

          • La
            gente non sembra gradire o aver fiducia nel proprio governo (chissà
            perché)

          • Uno
            sforzo concertato è improbabile (scarsa comprensione della portata
            del problema)

          • Cercherebbe
            di sviare o di ritardare il collasso piuttosto che prepararsi ad esso
            (perdita di tempo)

          • Potrebbe
            in effetti accelerarlo (basti ricordare la Perestroika di Gorbaciov)
          (Non
          è un progetto realistico).
          ©
          2006 Dmitry Orlov
          23

[23] Molte persone
se la prendono con l’irresponsabilità e l’immobilismo del governo.
Dicono spesso cose tipo “Qui ci vorrebbe un…”, seguito dal nome
di un grande progetto governativo di successo appartenente al glorioso
passato: un Piano Marshall, un Progetto Manhattan, un programma Apollo.
Ma in nessun libro di storia si parla di governi che si preparino per
il collasso. La Perestroika di Gorbacev fu un esempio del tentativo
di un governo di evitare o rinviare il collasso. Probabilmente riuscì
solo ad affrettarlo.

          Sopravvivere
          al crollo
          Il
          programma politico del Partito del Collasso

          (Un
          po’ di cose che il governo USA dovrebbe fare se improvvisamente decidesse
          di rendersi utile)

          • Abbandonare
            tutti i reattori nucleari (la cosa migliore da fare, dato che nessuno
            sa come disarmarli)

          • Spostare
            il carburante nucleare esaurito dalle sacche di deposito nei pressi
            dei reattori in qualche luogo più sicuro

          • Disarmare
            e distruggere le armi nucleari prima che cadano nelle mani sbagliate

          • Disarmare
            e ripulire le basi militari in tutto il mondo. Rimpatriare le truppe
            invece di lasciarle abbandonate in territori ostili. Congedare i militari,
            riorganizzarli come unità di autodifesa a livello locale

          • Accelerare
            la pulizia di siti tossici di scorie, miniere abbandonate, riserve nucleari
            per prevenire le catastrofi ambientali che sono ancora evitabili.

          • Mettere
            insieme un programma completo di amnistia per i carcerati prima che
            le prigioni vengano chiuse per mancanza di fondi. Fornire ai prigionieri
            rilasciati vitto e alloggi ad uso gratuito per prevenire un’ondata
            criminale.

          • Proclamare
            un giubileo: remissione di tutti i debiti, dato che non saranno comunque
            rimborsabili
          ©
          2006 Dmitry Orlov
          24

[24] Ci sono alcune
cose a cui mi piacerebbe che il governo provvedesse in vista del collasso.
Sono particolarmente preoccupato per le installazioni, i siti di stoccaggio
e le discariche di materiali tossici e radioattivi. Le future generazioni
non saranno in grado di tenerli sotto controllo, soprattutto se il riscaldamento
globale li farà finire sott’acqua. C’è in giro una quantità di
questa robaccia sufficiente ad ammazzare la maggior parte di noi. Sono
anche preoccupato per i soldati abbandonati al di là dell’oceano:
abbandonare i propri soldati è una delle cose più vergognose che un
governo possa fare. Le basi militari d’oltreoceano dovrebbero essere
smantellate e i loro contingenti rimpatriati. Mi piacerebbe anche che
l’immensa popolazione carceraria venisse ridotta progressivamente,
in maniera controllata e preventiva, piuttosto che attraverso una caotica
amnistia generale proclamata a causa della sopravvenuta mancanza di
fondi. Infine, credo che questa farsa dei debiti che non potranno mai
essere ripagati sia durata abbastanza. Un colpo di spugna potrà dare
alla società il tempo di rimettersi in piedi. Capite quindi che non
sto chiedendo miracoli. Benché, se una qualsiasi di queste cose venisse
fatta sul serio, io stesso lo considererei un miracolo.

      Sopravvivere
      al crollo
      Sopravvivere
      al crollo

      Una soluzione
      per il settore privato?

      Free Image Hosting at www.ImageShack.us
      1
      – Eliminare la necessità di fornitori
      2
      – Eliminare la necessità di profitti
      3
      – Eliminare la necessità di flusso di cassa
      4
      – Eliminare la necessità di acquirenti
      (Non
      è un progetto realistico).
      ©
      2006 Dmitry Orlov
      25

[25] Una soluzione
al collasso del settore privato non è impossibile: solo molto, molto
improbabile. Alcune aziende statali sovietiche rappresentavano di fatto
degli Stati nello Stato. Erano a capo di ciò che costituiva un vero
e proprio sistema economico completo e potevano sopravvivere anche senza
l’ausilio del sistema economico esterno. Esse mantennero tale struttura
anche dopo che furono privatizzate. Facevano impazzire i consulenti
di management occidentali con i loro immensi asili per l’infanzia,
le case di riposo, le lavanderie e le cliniche gratuite. Tutte queste
cose, vedete, non facevano parte del loro settore di competenza. C’era
bisogno di sfoltirle e di razionalizzare le loro operazioni. Ma i guru
del management occidentale trascurarono la cosa più importante: il
settore di competenza centrale di queste aziende stava nella loro capacità
di sopravvivere al collasso economico. Magari i giovani genii fondatori
di Google si faranno un baffo di tutto questo, ma non credo che i loro
azionisti faranno lo stesso.

        Sopravvivere
        al crollo
        Sopravvivere
        al crollo

        Pateracchi
        alla riscossa!


        L’Unione
        Sovietica aveva raggiunto un livello più alto di prontezza nei confronti
        del collasso con una totale negligenza ed uno scarso rendimento economico.
        Quindi possiamo farcela, se (non) proviamo.

        • Scarsità
          di alloggi

        • Massicci
          sprechi ed inefficienze

        • Scarsità
          di cibo

        • Corruzione
          dilagante

        • Lungaggini
          burocratiche

        • Cattivo
          uso delle proprietà del governo
        Tutto
        ciò aveva aiutato la gente a prepararsi mentalmente e fisicamente per
        il collasso, dando loro qualcosa di cui occuparsi una volta accaduto
        ©
        2006 Dmitry Orlov
        26

[26] E’ importante
capire che l’Unione Sovietica ottenne la propria preparazione al collasso
senza volerlo, e non in virtù di qualche programma di esercitazioni.
Il collasso economico ha un suo modo di trasformare le negatività economiche
in elementi positivi. L’ultima cosa che vogliamo è un’economia
perfettamente funzionante, prospera e in espansione che un bel giorno
collassa all’improvviso, lasciando tutti nelle peste. Non è necessario
per noi raggiungere le leve del comando economico e della pianificazione
centrale per eguagliare la spenta performance sovietica in questo campo.
Abbiamo i nostri metodi, che funzionano altrettanto bene. Io li chiamo
“pateracchi”. Si tratta di soluzioni ai problemi che creano più
problemi di quelli che risolvono.

Datevi un’occhiata
attorno e vedrete pateracchi spuntare in ogni dove, in ogni ramo di
attività: abbiamo pateracchi militari come l’Iraq, pateracchi finanziari
come l’ormai condannato sistema pensionistico, pateracchi sanitari
come le assicurazioni private sulla salute, pateracchi legali come il
sistema che tutela la proprietà intellettuale. Il peso combinato di
tutti questi pateracchi ci sta spingendo lentamente ma inesorabilmente
verso il basso. Se ci spingerà abbastanza in basso, allora, quando
arriverà il collasso economico, ci sembrerà di saltare dalla finestra
del pianterreno. Dobbiamo solo favorire questo processo, o perlomeno
non interferire con esso. Perciò se qualcuno vi viene a dire “Voglio
costruire un pateracchio che funziona a idrogeno”, incoraggiatelo
in tutti i modi! Non sarà utile quanto un pateracchio che bruci i soldi
direttamente, ma è comunque un passo nella giusta direzione.

        Sopravvivere
        al crollo
        Sopravvivere
        al crollo

        Fai
        da te: le cose da non fare

        • Non
          alimentate i fuochi del progresso e della prosperità economici. Ritirate
          i vostri soldi dai mercati finanziari. Investite i risparmi in beni
          durevoli e di valore permanente. Togliete il patrimonio dalla circolazione.
          Eliminate i debiti e siate meno dipendenti dal reddito fisso.

        • Non
          sforzatevi di ottenere la realizzazione economica. Considerate con ottimismo
          il massimo tempo libero, l’indipendenza e la responsabilità limitata.
          Non lavorate troppo duramente o per troppe ore.

        • Non
          partecipate inutilmente all’economia. Fatelo il meno possibile. Riutilizzate
          più che potete. Limitate i vostri bisogni fisici. Progettate di ridurli
          ulteriormente in seguito.
        ©
        2006 Dmitry Orlov
        27

[27] Certi tipi di
comportamento economico, che sono molto diffusi, non sono prudenti a
livello personale e sono anche controproducenti per l’obiettivo di
colmare il “gap di collasso”. Qualunque comportamento che produca
prosperità e continua crescita economica è controproducente: più
in alto si salta, più duro sarà l’atterraggio. E’ traumatico passare
dall’avere un ingente fondo per la pensione al non avere nessun fondo
per la pensione a causa di un crollo del mercato. E’ anche traumatico
passare da un salario alto a un salario basso, o a nessun salario. Se
poi, oltre a questo, vi siete anche tenuti incredibilmente occupati
e all’improvviso vi trovate senza niente da fare, allora sarete davvero
in pessima forma.

Un collasso economico
è il peggior momento possibile per avere un crollo nervoso, eppure
è proprio questo che accade di frequente. Le persone psicologicamente
più a rischio sono gli uomini di successo di mezza età. Quando la
loro carriera finisce di colpo, i loro risparmi svaniscono e le loro
proprietà non valgono più nulla, sparisce anche gran parte della loro
autostima. Essi tendono a ubriacarsi fino alla morte e a suicidarsi
in quantità straordinarie. Poiché essi sono le persone più esperte
e capaci, questa è per la società una perdita terribile.

Se l’economia, e
il posto che occupate all’interno di essa, è importante per voi,
ci resterete molto male quando se ne andrà. Dovete coltivare un atteggiamento
di composta indifferenza, ma dev’essere più che un semplice concetto.
Dovete sviluppare lo stile di vita, le abitudini e la robustezza fisica
per resistere. Sono necessari molta creatività e molti sforzi per vivere
un’esistenza soddisfacente ai margini della società. Dopo il collasso,
questi margini potrebbero trasformarsi nel miglior posto in cui vivere.

          Sopravvivere
          al crollo
          Sopravvivere
          al crollo: tocca a voi!

          • Il
            crollo sovietico è stato assolutamente terribile per la maggior parte
            della gente. Molti di loro sono morti. Quando l’economia degli Stati
            Uniti collasserà sarà molto peggio.

          • Ci
            sono voluti 10 anni alla Russia per riprendersi. Gli Stati Uniti non
            avranno le risorse che hanno permesso alla Russia di riprendersi (energia
            da esportare, paesi confinanti economicamente integri).

          • Un’ulteriore
            crescita economica non è né possibile né auspicabile. La moderna
            economia industriale non è necessaria alla crescita culturale o spirituale,
            e pone una minaccia alla sopravvivenza dell’uomo.

          • La
            fiducia nelle istituzioni condannate è nociva. Il governo è già inutile.
            Il settore del commercio sarà presto fuori uso. Dato che per voi saranno
            inutili, potete iniziare ad essere inutili per loro prima del tempo.
          ©
          2006 Dmitry Orlov
          28

[28] Spero di non aver
dato l’impressione che il crollo sovietico sia stato una passeggiata
nel parco, perché al contrario è stato davvero spaventoso, in molti
sensi. Il punto che voglio sottolineare è che quando a crollare sarà
questa economia, sarà molto peggio. Un altro punto che voglio sottolineare
è che un collasso, qui, sarà probabilmente permanente. I fattori che
permisero alla Russia e alle altre repubbliche ex sovietiche di riprendersi,
qui non sono presenti.

A dispetto di tutto
ciò, io credo che in ogni epoca e in ogni circostanza, le persone riescano
a trovare a volte non solo gli strumenti e un motivo per sopravvivere,
ma anche illuminazione, pienezza e libertà. Se possiamo trovarli anche
dopo che l’economia sarà collassata, perché non iniziare a cercarli
adesso?

Grazie.

~~~~~~~~~~~~~~~ Note
Editoriali ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Energy Bulletin ha
pubblicato ieri (3 dicembre) un brano di questa conferenza (Dec 3),
e Dmitry ha comunicato che il suo piccolo server web è stato sommerso
dalle richieste. Anche se è positivo che il suo scritto abbia un tale
seguito, VI PREGHIAMO di non accedere al documento tramite il suo server
(Club Orlov). Lo stesso contenuto si trova qui, sul server più potente
di Energy Bulletin.


Orlov ha molte intuizioni acute, espresse tramite il suo humor nero.
Colpisce in particolare la forte argomentazione che dà a proposito
del fatto che la gente in Unione Sovietica fosse effettivamente meglio
preparata ad un collasso perché

  • Aveva imparato ad essere
    più autonoma
  • Molti fattori decisivi (come
    gli alloggi e i trasporti) erano regolati dal settore statale che era
    più stabile rispetto a quanto avrebbe potuto essere il settore privato.

Il cinismo di Orlov
a proposito della possibilità di un’azione intelligente da parte
del governo era giustificata con tutta probabilità nel caso dell’Unione
Sovietica, ma ritengo che sarebbe un errore tragico rinunciare agli
sforzi di cambiare la direzione che stanno prendendo gli Stati Uniti.
I Sovietici avevano scarse possibilità di far funzionare le istituzioni
democratiche. Noi questa possibilità ce l’abbiamo.

-BA

AGGIORNAMENTO: il 4
marzo 2007 Dmitri Orlov scrive:

Lei ha scritto che
“i Sovietici avevano scarse possibilità di far funzionare le istituzioni
democratiche”. Questo non è del tutto vero. La Perestroika e la
Glasnost implicavano tutte una democrazia, e secondo me questo aveva
la stessa possibilità di successo del sistema disperatamente manipolato
che negli Stati Uniti passa per democrazia (anche se molto meno di una
democrazia corretta e moderna, nella quale il regime di Bush sarebbe
stato escluso dal potere un bel po’ di tempo fa, dopo un semplice
voto di sfiducia da parte del Parlamento ed elezioni anticipate). Il
problema è che, in uno scenario di collasso, la democrazia è l’ultimo
sistema di governo efficace a cui si possa pensare (si pensi a Weimar,
o al governo russo ad interim) – un tema che tratto in Lezioni
Post-Sovietiche
.

Per finire, io non
penso che definirmi cinico sia proprio corretto: sono stato per molto
tempo negli Stati Uniti, e ho osservato il sistema diventare sempre
meno funzionale con ogni stagione politica di passaggio. Mi sembra che
non sia necessariamente cinico essere in grado di individuare una direzione
omogenea, ma potrebbe significare semplicemente essere osservatori.

AGGIORNAMENTO (30 ottobre
2007):

Abbiamo notato un’affluenza
di visitatori alla pagina dell’articolo di Dmitry Orlov da quando
la cita in vari siti web. Dmitry scrive che il suo nuovo libro, “Reinventare
il collasso”, è atteso a primavera con la New Society Publishers.

Dimity Orlov
Fonte: http://www.energybulletin.net/
Link: http://www.energybulletin.net/node/23259
04.12.2006

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di CRISTINA MAZZAFERRO e GIANLUCA FREDA

VEDI ANCHE: SOPRAVVIVERE AL CROLLO: L’URSS ERA MEGLIO PREPARATA DEGLI USA AL COLLASSO (PARTE PRIMA)

Pubblicato da Davide

  • Tonguessy

    Dice il commentatore:
    “ritengo che sarebbe un errore tragico rinunciare agli sforzi di cambiare la direzione che stanno prendendo gli Stati Uniti. I Sovietici avevano scarse possibilità di far funzionare le istituzioni democratiche. Noi questa possibilità ce l’abbiamo.”
    Fiducia futurista. Utile ricordare il vecchio Carles Bukowski:
    “La differenza tra democrazia e dittatura è che mentre in democrazia prima si vota e poi si prendono ordini, in dittatura non si perde tempo con il voto”