Home / ComeDonChisciotte / SOCIETA' ISRAELIANA: UN CONSENSO NAZIONALISTA

SOCIETA' ISRAELIANA: UN CONSENSO NAZIONALISTA

DI SYLVIANE WANGEN
Mondialisation

La recente aggressione israeliana in Libano è diventata oggetto di un consenso quasi totale in Israele. Né lo spettacolo delle distruzioni, delle morti di civili, delle centinaia di migliaia di profughi per le strade, né la stessa perdita dei suoi soldati e la risposta contro le sue città di frontiera ed Haïfa l’hanno fatta vacillare. La maggioranza degli intellettuali, in particolar modo “di sinistra”, ha sostenuto la guerra. E ciò che, finalmente, ha turbato la maggioranza della società israeliana, è il fatto di non “aver vinto la guerra”. Oggi in Israele, il dibattito non verte sulla legittimità del lancio dell’offensiva, né sulla legalità dei mezzi utilizzati o sugli enormi danni causati, ma sulle debolezze dei servizi d’ informazioni e sulla cattiva condotta della guerra. Perché questo consenso? Ci sono più livelli di spiegazione, alcuni che dipendono dalla reazione immediata, altri che rinviano alla Storia antica e più recente.

Il 25 giugno 2005, un soldato israeliano in uniforme è catturato in un campo militare a Gaza. Israele ne approfitta immediatamente per scatenarsi senza una reale reazione della Comunità internazionale. E’ stata la grande ripetizione prima del Libano. Il 12 luglio, un’azione militare di Hezbollah si conclude con parecchie morti di militari e l’eliminazione di due soldati alla frontiera libanese con israele. La reazione è immediata e così massiccia che è impensabile che non sia stata preparata a lungo in anticipo.Perché certamente, tutto non comincia a Gaza il 25 giugno ed in Libano il 12 luglio.Queste aggressioni fanno parte della lunga catena di avvenimenti che vorrebbero portare all’impossibilità dell’ istituzione di uno Stato Palestinese sovrano con le frontiere di prima della guerra del 1967 e, inoltre, al rimodellamento del Medio Oriente ed al suo asservimento alla potenza americana. Tuttavia fin dall’inizio, ci sono stati Israeliani che si sono ribellati contro l’attacco al Libano. Hanno manifestato quasi tutti i giorni dinanzi agli uffici del Primo Ministro e del Ministro della Difesa. Ma, poco visibili poiché occultati dalla stampa, erano ben poco numerosi: all’inizio alcune centinaia; poco a poco il loro numero è passato a un migliaio, quindi a molte migliaia. Questo numero resta molto debole se lo si compara con le mobilitazioni che avevano provocato nel 1982 l’invasione israeliana del Libano dopo i massacri di profughi palestinesi nei campi di Sabra e di Chatila. Come spiegare un tale consenso?

Dal timore esistenziale alla “guerra giusta”

In primo luogo, la paura. Tanto il successo dell’azione armata che ha dato il via alla risposta israeliana che la resistenza imprevedibile di un piccolo gruppo di guerriglia ed il fatto che dei missili poco sofisticati abbiano potuto raggiungere città all’interno di Israele ha minato la fiducia che gli Israeliani avevano nelle loro capacità militari e nell’effetto di dissuasione del loro potente esercito. “Abituati all’utilizzo unilaterale della violenza, i cittadini dello Stato di Israele, in questi giorni, sono completamente disorientati e, come al solito, hanno una forte sensazione di essere vittime, vittime dell’odio in quanto ebrei”, ha scritto Michel Warschawsky [1]. Fin da quale distanza questi missili possono colpire Tel-Aviv? L’Israeliano medio si è sentito in pericolo, cosa che ha rafforzato il suo riflesso nazionalistico, “tribale”. Ha sentito più o meno confusamente che la morte fosse all’angolo e potesse colpire ovunque. Questa sensazione ha rafforzato la paranoia nazionale e si è tradotta da un lato con un sostegno più forte alla guerra, anche da parte della “sinistra”, e dall’altro ad uno slittamento verso la destra più estrema da parte di Benyamin Netanyahou. Da questo punto di vista, i razzi di Hezbollah hanno ancora fatto rivivere questi riflessi istintivi che portanoa sostenere l’unità nazionale e legittimare, agli occhi di un’opinione pubblica persuasa che l’avversario la vuole distruggere, il terrorismo militare dello Stato israeliano e la sua azione distruttiva. Tanto più essendo gli avversari presentati come islamisti, la cui immagine è demonizzata e terrorizzante. Dunque un timore profondo, interiore, esistenziale. Una sensazione di essere stati attaccati senza ragione. In questo contesto, le incursioni israeliane quotidiane, terrestri, marittime, aeree, nello spazio libanese che non sono mai cessate anche dopo il ritiro israeliano del 2000, come l’eliminazione e l’assassinio di cittadini libanesi in territorio libanese nei mesi precedenti sono passati sotto silenzio. Gli Israeliani hanno il diritto “di difendersi” con tutti i mezzi…

Qualunque siano le ragioni, che si sentano attaccati al sud da elementi di Hamas, al nord da Hezbollah, dei gruppi islamisti, qualificati come terroristi proprio quando riguardano obiettivi militari e che rispettano lunghi periodi di tregua chiedendo l’applicazione del diritto internazionale, gli Israeliani hanno la sensazione che hanno il dovere di partecipare alla “guerra contro il terrorismo” del loro amico ed alleato americano, che i loro dirigenti presentano come la punta di diamante. Che attaccando senza pietà i popoli da cui questi combattenti provengono, sono in una “guerra giusta”, il braccio armato di una crociata del bene contro il male. Quando si demonizza il nemico, quest’ultimo non è più considerato umano. Il diritto e la compassione non sono allora più contemplati.

Questa sensazione di legittimità della violenza utilizzata è stata consolidata dall’atteggiamento della Comunità internazionale [2]. Il rifiuto di questa di condannare l’aggressione israeliana si inserisce,adottando i concetti lanciati da Israele [3], nella rilettura del senso del conflitto: le causalità sono invertite e gli aggressori diventano attaccati, cosa che porta a sancire le zone occupate. Ciò contribuisce ad alimentare la doppia sensazione israeliana d’impunità e di legittimità.

Tutto ciò non spiega il consenso dinanzi allo spettacolo dell’orrore inflitto, né la mancanza di riflessione che si traduce nell’isolamento tragico di Israele nella regione che questo scatenarsi di violenza inevitabilmente trascinerà. Ma quale informazione ricevono gli Israeliani ?

Il ruolo dei media nella formazione del consenso

Alcuni coraggiosi giornalisti hanno provato a far sentire la loro voce. I loro articoli sono stati a volte pubblicati nelle pagine “opinioni” di giornali come Ha’aretz, ma sono stati annegati nella schiacciante macchina di propaganda dell’esercito. Questa ha invaso i grandi mass media audiovisivi ed anche la stampa scritta. I generali, in uniforme o non, si succedevano della mattina alla sera, per commentare, spiegare e giustificare dando comunicati di vittoria e riducendo al minimo i fallimenti e le perdite israeliane. Tutti i mass media (eccetto alcuni siti Internet come quello di Gush Shalom) hanno completamente occultato le notizie sulle manifestazioni contro la guerra. È spesso troppo facile accusare i mass media quando l’opinione si infiamma. Ma in questo caso è interessante leggere su quest’argomento Uri Avnery, appassionato giornalista professionista che, dall’inizio della guerra, ha pubblicato nel sito Internet della sua organizzazione, Gush Shalom, una cronaca bi-settimanale spiegando la situazione in Israele ed in particolare dello stato dell’opinione pubblica [4]. Ha spiegato, nel suo articolo del 2 settembre, questo fenomeno di messa al passo dei mass media dietro il governo e l’esercito (vedere alla fine dell’articolo)

Il fallimento degli intellettuali del “campo della pace”?

In tali periodi, gli intellettuali svolgono generalmente il ruolo di rivelatori di coscienza. Intellettuali, in particolar modo “di sinistra”, in Israele non ne mancano. Purtroppo, la maggioranza di loro ha sostenuto la guerra con entusiasmo. Fin dall’inizio e quasi fino alla fine, autori di livello internazionale come Amos Oz, A.B. Yehoshua e stesso David Grossman o Yoram Kaniuk hanno giustificato la guerra ed hanno scritto comunicati di sostegno. Amos Oz ha scritto un articolo in favore che è stato diffuso in grandi giornali stranieri. Uri Avnery ha analizzato questi fatti nel suo articolo del 6 settembre. Commenta: “Non penso che la guerra avrebbe raggiunto proporzioni così mostruose senza il sostegno massiccio della gente” di sinistra ma”(5) che ha reso possibile la formazione di un consenso generale, senza intendere la protesta del campo della pace coerente.” Questo consenso ha portato via il partito Meretz, il cui guru è Amos Oz, e la pace ora (…)””

Perché quest’unisono? Queste persone che si dicono di “sinistra-ma” erano ostruite dal criticare un governo nel quale un dirigente laburista, Amir Peretz, svolgeva un ruolo di primo piano? L’argomentazione avrebbe spiegato tuttalpiù il silenzio ma non un sostegno così attivo. E, in ogni caso, davanti delle sfide così importanti, questa spiegazione politicante non sarebbe bastata.

Le ragioni di fondo del consenso israeliano

A questa questione Tamar Pelleg, Israeliana d’origine polacca scampata al nazismo, avvocatessa di prigionieri palestinesi, ci ha risposto: “Questa parte, ampia, del campo della pace appartiene alla maggioranza sionista di Israele. Globalmente sostiene anche l’attuale politica mondiale americana e le sue iniziative. In termini israeliani, è preoccupata dal “problema demografico” cioè il timore di avere troppi palestinesi in Israele e nei territori occupati. Quest’ossessione è alla base delle sue idee politiche e delle sue azioni”.

Questa risposta collega le ragioni del consenso israeliano per la guerra a tutta la storia del conflitto Israeliano palestinese. Raggiunge in ciò Uri Avnery quando, nella sua cronaca del 6 settembre, ritorna sul ruolo della “sinistra” israeliana: “(…) dall’inizio del movimento laburista ebreo nel paese, la sinistra-ma ha sofferto per una contraddizione interna: era allo stesso tempo socialista e nazionalistia. Di queste due componenti, il nazionalismo era di gran lunga più importante”. E, dopo avere dato esempi sull’organizzazione sindacale israeliana, Histadrout, e sull’ideologia dei kibboutz, conclude:” “in tutte le vere prove, questa contraddizione interna della sinistra sionista (come gradiscono chiamarsi essi stessi) diventa ovvia. È la radice della doppia personalità “di sinistra-ma”. Sia quando i cannoni tuonano e sia
che le bandiere sono issate, quelli di “sinistra-ma” si mettono sull’attenti e salutano.

Si possono distinguere tre livelli di spiegazione. Il primo in riferimento allo spirito dei fondatori dello Stato di Israele: “Lo Stato di Israele, quando si è stabilito, ha scelto di presentarsi in Asia occidentale come conquistatori europei che si considerano come capofila” della razza bianca “ed un padrone degli autoctoni. (..). Non era inevitabile (…). ma, dopo ogni passo enorme avanti (dei palestinesi e degli Arabi), c’è stato un passo dietro israeliano (…)”(6)

Il secondo livello di spiegazione s’ inserisce nel contesto dell’attuale politica americana di guerra delle civiltà.” Tutto avviene come se la società israeliana, nella sua maggioranza ebrea, interiorizzasse tutta la retorica della destra americana della crociata contro il terrorismo (islamico) e consolida oggi il suo statuto d’elemento straniero alla regione. (7)Infine un terzo livello di spiegazione sta nel cambio della specificità del conflitto israelo-palestinese: l’integrazione da parte della società israeliana delle argomentazioni date dai dirigenti israeliani per spiegare il fallimento di Camp David e radicare l’idea che i negoziati con i palestinesi sono impossibili per colpa degli interlocutori “poiché rifiuterebbero anche il principio della pace”.

La società israeliana non ha inteso l’avvertimento del rimpianto professore Yechayahou Leibovitz che aveva previsto dove andava a finire Israele se quest’ultimo non avesse reso i territori occupati al termine della guerra. Fin dal 1967: l’occupazione “trasformerà il popolo israeliano in un popolo di poliziotti e di agenti segreti”. Nel 1973: “Se non ci sono possibilità di pace, non ci sono neppure sicurezze ‘possibili. Se non ci sono frontiere sulle quali ci si intenda, non ci sono frontiere sicure. L’idea che linee rinforzate, raccomandate dai ragionamenti della geografia militare, garantiscano la sicurezza, è confutata dalla storia (…) Il possesso di territori (occupati) o di “linee” non garantisce affatto la sicurezza”. Più tardi, parlando di Hezbollah a proposito dell’invasione del Libano all’inizio degli anni ’80 che qualifica di “pazzia criminale”: “Il fenomeno Hezbollah stesso è il prodotto del fatto che il popolo palestinese vive sotto la nostra sovranità e che occupiamo una parte del territorio libanese.” Ed a proposito del fallimento di una soluzione del conflitto con i palestinesi:” “È un nostro difetto. Insistiamo a volere predominare il popolo palestinese. “(8)”

Oggi un vivo dibattito attraversa Israele: Sylvain Cypel riassume così (9): “Due tendenze si delineano nei dibattiti vigorosi. La prima mira a rimediare alle principali incurie “logistiche”. Se Israele non ha vinto, è perchè era male preparato. La seconda rimette in discussione la logica anche della forza come risposta spontanea ad ogni situazione conflittuale con i suoi vicini. A seconda che si adotti l’uno o l’altro dei due atteggiamenti, gli insegnamenti da trarre sono diametralmente opposti. I primi sono, sottolinea l’autore, molto maggioritari. La società israeliana, facendo la scelta della forza, si mette in pericolo. Crea le condizioni di un aumento di violenza contro se stessa e nel suo grembo. La società internazionale può aiutarla ad aprire gli occhi obbligando, anche con sanzioni, il suo governo a scegliere la via del diritto al posto di quella della forza. Perciò le forze che si oppongono alla logica del conflitto di civiltà devono arrivare a fare di questa regione, non il centro di gravità di questo sedicente “conflitto” ma quello,
per il quale è particolarmente ben messa, del dialogo tra le civiltà.

QUANDO NAPOLEONE VINSE A WATERLOO (Estratto)

DI URI AVNERY

Quando è scoppiata la guerra la gente dei media ha cominciato ad allinearsi e a marciare compatta come un’armata propagandistica. Tutti i media, senza eccezione, erano diventati organi dello sforzo bellico, adulatori di Olmert, Peretz e Halutz, si entusiasmavano alla vista della devastazione in Libano e tessevano lodi sulla “fermezza della popolazione civile” nel nord di Israele. La gente è stata esposta ad una pioggia incessante di cronache di vittoria, che continuavano (letteralmente) da mattina a notte fondaIl governo ed i portavoce dell’esercito, insieme al team di Olmert decidevano cosa e quando doveva essere pubblicato e, ancora più importante, cosa doveva essere taciuto. Questo si è tradotto in una “mistificazione del linguaggio”. Invece di parole precise comparivano espressioni fuorvianti: quando violente battaglie infuriavano in Libano, i media parlavano di “scontri a fuoco”. Il codardo Hassan Nasrallah si “nascondeva” nel suo bunker, mentre il nostro coraggioso Capo di Stato Maggiore dirigeva le operazioni dalla sua postazione sotterranea (soprannominata “la tana”). I vigliacchi “terroristi” Hezbollah si nascondevano dietro donne e bambini e operavano dall’interno dei villaggi, in modo completamente diverso dal nostro Ministro della Difesa e dal Capo di Stato Maggiore che si trovano nel cuore dell’area israeliana a maggior densità di abitanti. I nostri soldati non erano catturati in un’azione militare, ma “rapiti” come vittime di banditi, mentre il nostro esercito “arresta” i leaders di Hamas. Gli Hezbollah, come è noto, sono “finanziati” da Iran e Siria, in modo totalmente diverso da Israele che “riceve un generoso supporto” dai nostri grandi amici ed alleati, gli Stati Uniti. (…)

Sylviane de Wangen + Uri Avnery
Fonte: http://www.mondialisation.ca
Link
07.12.2006

Traduzione per wwww.comedonchisciotte.org a cura di CICE G.O.

Note:

(1) Michel Warschawski, “la guerra preventiva permanente di Israele ed i limiti dell’unilateralità”, 20 luglio 2006, http://www.afps.org

(2) Cf. articolo in questo stesso numero pagina 38.

(3) pilota la sua reazione all’avviso del piano di disimpegno unilaterale di Gaza, la sua qualificazione della parte Kadima di parte moderata, la sua accettazione dello Stato di Israele nel gruppo dei paesi occidentali all’ONU.

(4) tutte le cronache di Uri Avnery si trovano nel sito Internet del AFPS: http://www.france-palestine.org/mot9.html Il lettore ci perdonerà di costruire quest’articolo da partire principalmente da queste cronache. Ma è l’autore fra i pochi che ha preso immediatamente e più chiaramente la posizione contro la guerra, che ha più osservato l’evoluzione dell’opinione israeliana per questo periodo e che la ha analizzata con i suoi quasi 70 anni di partecipazione alla vita politica sul posto.

(5) facendo riferimento all’inizio del suo articolo: “Durante la recente guerra, ho spesso inteso frasi che cominciano con: “sono di sinistra, ma…”. Queste parole erano invariabilmente seguite da un’opinione di destra.

(6) Uri Avneri “rottweiler dell’America”, 26 agosto 2006.

(7) Meron Benvenisti, “il rovesciamento non è lontano”, juillet 2006, www.france-palestine.org

(8) Joseph Algazy, Mauvaise coscienza di Israele, intervista con Yechayahou Leibovitz, il mondo edizioni, 1994.

(9) Sylvain Cypel, “l’impotenza della potenza”, il mondo, 20-21 agosto 2006.

Pubblicato da Davide