Home / ComeDonChisciotte / SICILIA: I PARTITI CI SCASSARONO LA MINCHIA

SICILIA: I PARTITI CI SCASSARONO LA MINCHIA

DI ALESSIO MANNINO
ilribelle.com

Il risultato delle elezioni siciliane appare inequivocabile: la cosiddetta democrazia rappresentativa è rifiutata da metà della popolazione. Nel caso della Sicilia, dal 52% degli aventi diritto al voto.

I cittadini non si sentono più tali, se per cittadino s’intende recarsi alle urne. È il segnale di uno smottamento che vedeva già poco tempo fa i partiti al loro minimo storico di consenso, nei sondaggi: appena il 4%. Ciò non significa automaticamente che alle politiche 2013 si avrà una replica tale e quale, se non maggiore, di un astensionismo che ha assunto nell’isola proporzioni bibliche. La competizione a livello nazionale funge da richiamo pavloviano per le masse, in larga parte convinte irrazionalmente di partecipare ad un game show in cui si decide la loro sovranità come popolo.

Nella foto: Il candidato del Movimento 5 stelle alla presidenza della Regione siciliana, Giancarlo CancelleriNiente di tutto questo, come sappiamo: il voto generale serve come rito di legittimazione e anestetizzazione popolare per ratificare i disegni dei mercati padroni che decretano le nostre sorti tramite il braccio armato delle istituzioni sovranazionali (Ue, Bce, Fmi).  I siciliani, in ogni caso, hanno inviato un messaggio chiaro. Evidentemente, neppure la mafia, grande collettrice di preferenze, ha le idee chiare su quale cavallo puntare.

Ma se guardiamo all’interno del 47% dei votanti, i due dati che riguardano il MoVimento 5 Stelle (18% per il candidato governatore Cancelleri, quasi il 15 per la lista) dicono che l’appello di Beppe Grillo, combattivissimo e conscio dell’importanza di questa tornata regionale come trampolino per l’anno prossimo, ha fatto breccia. Se considerato, come in effetti è, quale voto di protesta trasversale, sommandolo a quello degli astenuti si arriva ad uno stratosferico 65-70% di elettori che dice basta al sistema dei partiti. E infatti, il Pd di Crocetta, analizzato sotto la lente dell’intero corpo elettorale, cioè di tutti i potenziali votanti, governerà con appena il 6 per cento. Il trionfalismo di Bersani, dunque, è semplicemente grottesco. Si può essere o non essere d’accordo sul valore anti-sistema del movimento di Grillo, ma, a meno che non marcisca subito lasciandosi corrompere dalle lusinghe e dalle logiche del Palazzo, la sua funzione è oggettivamente quella di rappresentare al suo interno quel cinquanta per cento e passa di senza voce per scelta.

Secondo me, le due rivolte, l’astensione e il grillismo, sono le facce di una stessa medaglia. E il secondo ha la responsabilità storica di dover utilizzare la maggioranza no-voto come il proprio potenziale esercito, da non cedere ai truffatori di destra-sinistra-centro. In questo modo, e solo se alzeranno la posta in gioco, i 5 Stelle potranno volgere a buon fine, cioè in senso sovvertitore, la natura mistificante della scheda elettorale.

Un’altra considerazione interessante, infine, si ricava dallo spoglio siculo. A vincere (si fa per dire) è la stessa identica alleanza che reggeva la Regione fino a ieri: Partito Democratico più Udc. L’Udc che era di Lombardo e di Cuffaro, l’Udc erede della Democrazia Cristiana, che sappiamo bene cos’era in Sicilia. E il vincitore (per modo di dire) Crocetta, ha il coraggio di parlare di “rivoluzione”. Qui non c’è neppure un millesimo di scarto, neanche una parvenza di novità.

Il Pdl con il fascistone Musumeci sotto il profilo politico non esce con le ossa più rotte dell’avversario di centrosinistra, perché entrambi bastonati dall’onda del rifiuto. Numericamente, e clientelarmente, invece, sì, perché il centrodestra aveva fatto cappotto in Sicilia ai tempi d’oro di Berlusconi. Oggi, il gracile Alfano perde rovinosamente pure nella sua Agrigento.

Morale. Crocetta dovrà venire a patti o con gli pseudo-indipendentisti di Miccichè (ma per piacere, il separatismo siciliano ridotto a burletta) o addirittura con Musumeci (la candidata Fiom dell’estrema sinistra è praticamente nulla). La Sicilia è avviata all’ingovernabilità, al mercanteggiamento in Assemblea, all’inveterato costume del tirare a campare – e nel frattempo lucrare. Tutti ottimi presupposti per un rafforzamento dell’astensione da una parte e dei grillini dall’altra.

Alessio Mannino

www.ilribelle.com
30.10.2012

Per gentile concessione de “La Voce del Ribelle”

La Voce del Ribelle è un mensile – registrato presso il Tribunale di Roma,
autorizzazione N° 316 del 18 settembre 2008 – edito da Maxangelo
s.r.l., via Trionfale 8489, 00135 Roma. Partita Iva 06061431000
Direttore Responsabile: Valerio Lo Monaco
All rights reserved 2005 – 2008, – ilRibelle.com – RadioAlzoZero.net
Licenza SIAE per RadioAlzoZero n° 472/I/06-599
Privacy Iscrizione ROC – Registro Operatori della Comunicazione – numero 17509 del 6/10/2008

Pubblicato da Davide

  • Kvas

    ” Se considerato, come in effetti è, quale voto di protesta trasversale, sommandolo a quello degli astenuti si arriva ad uno stratosferico 65-70% di elettori che dice basta al sistema dei partiti.”

    Ma perché??
    Son 2 cose completamente diverse, che il M5S sia un movimento e non un partito è solo un quisquilia linguistica. Fa politica e la fa col sistema attuale, da qui a diventare un partito manca solo l’ufficializzazione.
    Non votare è una cosa completamente diversa e, per fortuna i siciliani l’hanno capito (mi auguro).

  • zingaro

    Sono solo due modi diversi di combattere, uno più pacifista e uno più fondamentalista. Ma il nemico è uno solo.
    Se il movimento 5 stelle tiene (in moralità, combattività, onestà eccetera) alle prossime elezioni molti dei non votanti di oggi si recheranno alle urne, e proprio per dare forza al movimento 5 stelle.

  • karson

    Io ho fiducia in quei 15 del 5stelle eletti in Sicilia, lo sanno che saranno “osservati speciali” da parte non solo dei Siciliani.. se cominceranno ad attuare quello che hanno detto (per quello che possono dall’opposizione)saranno un trampolino di lancio per le prossime elezioni politiche nazionali davvero eccezionale. l’importante ora è che non si facciano corrompere da quei vecchi marpioni di politicanti vecchio stile.

  • diotima

    Bersani considera un risultato eccezionale la vittoria di Crocetta… L’ennesima dimostrazione che questa gente vive fuori dalla realtà. con 70 consiglieri su 90, il pd “vincente” avrà breve vita a mio umile parere. Quello che potrà permettergli di governare è la logica della sopravvivenza a suon di alleanze con gente “variegata”. Del resto ,in questi anni, con la giunta lombardo il pd ha dato più volte dimostrazione della sua lungimiranza politica…..

  • rebel69

    Quoto

  • AlbaKan

    Dal blog di Paolo Franceschetti:

    In Sicilia vince Rosa(rio) Croce(tta) [paolofranceschetti.blogspot.it]

    [www.tanogabo.it]

     

  • Kvas

    Se non cambi il sistema ne rimani invischiato. Le logiche di potere ti mangiano, nessuno ne è immune, il sistema va cambiato dall’esterno, non legittimato con il voto. Io mi auguro sinceramente che la gente un giorno lo capisca e la smetta di andare a votare.
    Il voto è l’illusione che viene concessa alla massa di contare qualcosa, pazzesco che nel terzo millennio la gente non l’abbia ancora capito!!

  • catzuFelics

    Analisi abbastanza lucida.
    Temo che si avvererà anche la profezia finale, ma ho qualche flebilissima speranza nel contrario.
    Crocetta mi sembra una persona valida e onesta, anche se politicamente è stato un po’ “puttanella”.
    è sorretto da una coalizione schifosa, ma adesso a promesso quantomeno di tagliare gli sprechi vergognosi (consulenti, superstipendi etc.) chiedendo l’aiuto del CinqueStelle.
    LO FACCIA! Sarebbe davvero una mezza rivoluzione.
    Ma temo che i suoi amici Udc e Pd glielo impediranno.
    PS: Quello che mi è dispiaciuto di più è stato il flop della Sinistra. Che resterà fuori dall’Ars.

  • catzuFelics

    *«Adesso HA promesso»
    Scusate il gravissimo errore

  • Ercole

    beato te che vedi ancora una ….sinistra..quella cozzaglia di rinnegati spero che scompaiano per sempre ,sono la stampella del capitale…la vera sinistra o e rivoluzionaria o e il nulla.

  • catzuFelics

    Quelli della Lista Fava non riesco a considerarli traditori.
    Se fossero stati dei venduti non penso che avrebbero fatto quella lista sfigatissima e penso sarebbero corsi dietro a Pd e Udc, che erano già abbastanza favoriti, non credi?
    Per il resto condivido il tuo pessimismo