Home / ComeDonChisciotte / SHINZO ABE, IL NUOVO PRIMO MINISTRO GIAPPONESE VUOLE STAMPARE SOLDI PER TUTTO IL MONDO

SHINZO ABE, IL NUOVO PRIMO MINISTRO GIAPPONESE VUOLE STAMPARE SOLDI PER TUTTO IL MONDO

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

DI AMBROSE EVANS-PRITCHARD
telegraph.co.uk

Con il suo arrivo il nuovo leader Shinzo Abe, in Giappone, ha promesso di far approvare vere e proprie politiche di rilancio per tirare fuori il suo paese dalla crisi e far scendere la quotazione dello yen, ammonendola Banca Centrale del Giappone di non sfidare la volontà del popolo.

Un profondo cambiamento nella strategia economica da parte del paese creditore più importante del mondo potrebbe rivelarsi un potente tonico per l’economia globale, stimolando le borse e i mercati obbligazionari – una variante del “carry trade” (1) dell’inizio di questo decennio, ma potenzialmente su scala più ampia.

Nella foto: Angela Merkel e Shinzo Abe. Il Partito Liberal Democratico di Abe ha riportato una vittoria schiacciante la scorsa domenica.

“Pensiamo che questo potrebbe essere l’inizio di un nuovo ciclo di reflazione per il sistema globale, che combinandosi con la ripresa degli Stati Uniti segnerà un punto di svolta nella crisi”, ha detto Simon Derrick della BNY Mellon.

“È estremamente importante per la crescita mondiale, e i mercati stanno cominciando a prenderne atto”, ha detto Lars Christensen della Danske Bank.

Abe del Partito Liberal Democratico (LDP) ha conseguito una vittoria schiacciante domenica scorsa, assicurandosi i due terzi – una “super-maggioranza” – nella Dieta e, con i suoi alleati, potrà imporsi su qualsiasi veto del Senato.

Forte di un mandato prorompente, Abe ha detto di voler “stabilire un accordo politico” con la Banca del Giappone per darsi come obiettivo una inflazione forzata al 2%, rinforzata da un “illimitato” stimolo monetario.

“È molto raro che la politica monetaria sia al centro delle elezioni. Abbiamo fatto una campagna sulla necessità di battere la deflazione, e la nostra tesi ha ottenuto un forte consenso. Spero che la Banca del Giappone accetti i risultati e prenda una decisione appropriata”, ha detto.

La minaccia nelle sue parole non deve essere interpretata. Ha già minacciato di cambiare la legge che disciplina la Banca del Giappone, se si rifiutasse di conformarsi. “Si sta prendendo la strada per un attacco a tutto campo contro la deflazione”, ha dichiarato Jesper Koll, il Direttore azionario della JP Morgan in Giappone.

Abe ha intenzione di dare forma a un consiglio economico a “punta di lancia”, un cambiamento nella strategia fiscale e monetaria, sbriciolando l’indipendenza della Banca Centrale.
Il consiglio è quello di darsi un obiettivo di crescita al 3% del PIL nominale, che abbraccia una teoria voluta da una piccola brigata di “monetaristi di mercato” in tutto il mondo. “Questo è un grosso problema. Non c’è stata nessuna crescita nominale del PIL in Giappone da 15 anni”, ha detto Christensen.

Lo yen si è deprezzato bruscamente a Y 84.48 nei confronti del dollaro lunedì scorso, la quotazione più debole da quasi due anni, perché gli operatori scommettono che il LDP questa volta sarà capace di piegare la Banca del Giappone alla sua volontà.

Lo yen si è indebolito del 5% nell’ultimo mese, contribuendo a far rialzare l’indice Nikkei del 10%. La borsa di Tokyo è ancora giù del 75% rispetto al picco del 1989. I prezzi dei terreni sono diminuiti di due terzi.

Il LDP prevede quello che alcuni hanno definito un “fondo di guerra valutaria” per indebolire lo yen con un blitz di acquisti di obbligazioni estere, copiando il successo ottenuto dalla Svizzera nel proteggere il franco.

L’effetto dell’ acquisto di un numero illimitato di titoli da parte della Svizzera è stato quello di finanziare la maggior parte del deficit di bilancio della zona euro negli ultimi anni, stampando denaro fresco. Se il Giappone cercherà di ripetere la stessa operazione – con un’economia di gran lunga più grande – ci provocherebbe una raffica di Quantitative Easing (2) per il mondo.

La disgrazia del Giappone come paese creditore con tre miliardi di dollari di patrimonio netto all’estero è che i flussi di denaro da paradisi sicuri provocano un rafforzamento dello yen durante una crisi, costringendo la politica ad adottare scelte finanziarie “pro-cicliche” quando non sarebbero opportune, come fu per il disastro nucleare di Fukushima e per la saga del debito sovrano in Europa.

L’effetto di uno yen forte ha soffocato gli esportatori giapponesi, portando ad uno “svuotamento” la manifattura nazionale che ha chiuso ed ha portato gli impianti aziendali all’estero. Le importazioni di combustibile hanno sostituito la chiusura delle centrali nucleari ed hanno dato un’altra scossa all’aumento delle importazioni.

L’effetto combinato di questi due fattori ha fatto evaporare del tutto lo storico surplus commerciale del paese e non è stato aiutato negli ultimi mesi dal boicottaggio parziale dei prodotti giapponesi in Cina dopo la il questione dell’isola Diayou-Senkaku.

L’onere di aver uno yen troppo forte è finalmente diventato troppo pesante da portare. Opinione maturata dopo aver perso veramente tanto denaro.

Anche se il Giappone è intrappolato in una deflazione cronica, si tratta di uno stabile – quasi confortevole – equilibrio. Il valore “reale” del risparmio è in aumento, in netto contrasto con l’Occidente.

Stephen Jen, della S L J Macro Partner, ha detto che la Banca del Giappone ha ragione a preoccuparsi per un ritorno dell’inflazione che potrebbe scatenare un picco del costo del debito e una fuga dai titoli di Stato giapponesi (JGB).

“Ogni significativo sell-off dei titoli JGB potrebbe innescare un serio problema nel sistema bancario giapponese. I titoli del JGB giapponese posseduti dalle banche ammontano al 900% del loro patrimonio di base”. Meglio affidarsi al diavolo che conosci.

Il Professor Richard Werner dell’Università di Southampton, autore di Princes of the Yen, ha detto che la Banca del Giappone è responsabile per non aver permesso al paese di scrollarsi di dosso la sua crisi finanziaria nei primi anni 1990 e per i successivi due decenni perduti in una crisi permanente. Ha accusato la banca di essersi sempre trascinata in tutte le fasi decisionali e di aver costretto i governi a fare affidamento su enormi disavanzi pubblici.

Questo mix che lega perdite fiscali e monetarie ha spinto il debito pubblico al 240% del PIL. Per il paese sarebbe stato meglio se la banca avesse immediatamente bloccato l’offerta di denaro con dei prestiti pluriennali. “Ci sono voluti 20 anni e la Fed-Ben-Bernanke per vedere come si fa.”

“Il nuovo Primo Ministror Abe ha le idee giuste, ma la Banca del Giappone sa come contrastarlo. Dopo aver visto la rigidità con cui si muove il Giappone da oltre 20 anni – spesso nella direzione sbagliata – voglio vedere i dettagli prima di essere sicuro che stia accadendo qualcosa di veramente grande” ha detto il Professor Richard Werner.

Ambrose Evans-Pritchard
Fonte: http://www.telegraph.co.uk
Link: http://www.telegraph.co.uk/finance/economics/9751609/Japans-Shinzo-Abe-prepares-to-print-money-for-the-whole-world.html
19.12.2012

Traduzione per www.ComeDonChisciotte.org a cura di ERNESTO CELESTINI

Note:

1) http://www.borsaitaliana.it/notizie/speciali/valute/operazioni-finanziarie-valute/carry-trade/currency-carry-trade.htm

2) http://it.wikipedia.org/wiki/Alleggerimento_quantitativo

Pubblicato da Davide

  • gattocottero

    Propongo uno scambio: ai nippo lasciamo Mario Monti e noi ci prendiamo a suo posto Shinzo Abe.

  • rebel69

    Mi accontenterei pure di Bashar al-Assad

  • kenoby

    hahaha

  • nigel

    Magari

  • karson

    ahahaha.. io gli darei pure Passera e la Fornero.. e glie li darei anche in cambio di Rafael Correa.. se proprio Shinzo fosse occupato..

  • Concorde

    Ma perchè tanta fatica da far fare a sti poveretti di giapponesi , non basterebbe che ognuno con la propria stampante domestica si stampasse tutto il denaro che gli servirebbe per comprarsi tutto ciò che ha sempre sognato d’avere, denaro magari personalizzato con il proprio faccione…sai che bello!!!

  • azul

    Come si vede dalla foto, Angela aveva approfittatao della visita in Giappone per far fare al fido Mario il bollino blu, non ci resta che sperare che il bravo Shinzo abbia inserito nel HD di Monti un virus nipponico, all’insaputa della Merkel. Dall’espressione di Mario nella foto, però, non si direbbe purtroppo.

  • mediterraneo

    pure io ,un uomo vero al posto di un catto-usuraio

  • geopardy

    Così oltre alla Cina,per quanto riguarda la produzione e gli Usa per quanto riguarda lo stampare carta straccia no limit, avremo un altro concorrente da fronteggiare in entrambi i settori.

    A quel punto anche l’Europa dovrà farlo, il Brics pure, finchè la massa finanziaria sarà talmente grande che ci scambieremo solo quella un giorno.

    Dimenticavo, nel frattempo via con le “grandi opere” planetarie e con tutti i derivati “tossici” che si creeranno per sostenere e giustificare una tale massa monetaria.

    Mi sa che qua tra qualche anno partirà una super bolla finanziaria da far paura veramente.

    Siamo all’apoteosi della finta economia.

    Siamo alla guerra mondiale finanziaria?

    Se questa “ripresa” mondiale sfociasse in un fallimento globale, cosa succederà dopo?

    Geo

  • geopardy

    Concordo con Concorde.

    Geo