SETTANT'ANNI DOPO, HITLER VOLEVA DAVVERO LA GUERRA ?

DI PATRICK J. BUCHANAN
vdare.com

Il primo settembre del 1939, settant’anni fa, l’esercito tedesco attraversava la frontiera polacca. Il 3 settembre, la Gran Bretagna dichiarava guerra.

Sei anni dopo erano morti 50 milioni di cristiani ed ebrei. La Gran Bretagna era a pezzi e in bancarotta, la Germania un cumulo di rovine fumanti. L’Europa era stata la scena del più brutale conflitto conosciuto all’uomo e i civili avevano subito orrori peggiori che i soldati.

Nel maggio 1945, le orde dell’Armata Rossa avevano già occupato tutte le maggiori capitali dell’Europa centrale: Vienna, Praga, Budapest, Berlino. Cento milioni di cristiani erano sotto il dominio della più barbara tirannia della storia: il regime bolscevico del più grande dei terroristi, Iosif Stalin.

Quale causa poteva giustificare tali sacrifici?

La guerra tra Germania e Polonia era scaturita da un alterco per una cittadina grande come Ocean City, MD, in estate. Danzica, tedesca per il 95%, era stata separata dalla Germania a Versailles in violazione del principio di autodeterminazione enunciato da Woodrow Wilson. Persino i leader britannici pensavano che la città dovesse essere restituita.

Perché Varsavia non negoziò con Berlino che stava lasciando intravedere l’offerta di un territorio, a mo’ di risarcimento, in Slovacchia? Il motivo è che i Polacchi avevano ricevuto garanzia da parte della Gran Bretagna che, se la Germania avesse attaccato, la Gran Bretagna e il suo impero sarebbero venuti in soccorso della Polonia.

Ma perché la Gran Bretagna avrebbe concesso una simile garanzia non richiesta ad una combriccola di colonnelli polacchi, dando loro il potere di trascinarla in una seconda guerra con la più potente nazione in Europa?

Danzica valeva una guerra? Diversamente dai sette milioni di abitanti di Hong Kong ceduti a Pechino dai Britannici contro il loro volere, gli abitanti di Danzica chiedevano a gran voce di riunirsi alla Germania.

Ecco la risposta: la garanzia non riguardava Danzica, e neanche la Polonia. Riguardava l’imperativo morale e strategico di “fermare Hitler!” dopo che questi aveva dimostrato, stracciando l’Accordo di Monaco e con esso la Cecoslovacchia, di essere alla conquista del mondo. E a questa bestia nazista non lo si poteva permettere.

Se vero, sarebbe un punto convincente. Gli Americani, dopo tutto, erano pronti ad usare le bombe atomiche per tenere l’Armata Rossa lontana dalla Manica. Ma dove sono le prove che Hitler – le cui vittime fino al marzo del 1939 ammontavano ad una piccola percentuale di quelle del generale Pinochet o di Fidel Castro – era alla conquista del mondo?

Dopo Monaco nel 1938, la Cecoslovacchia effettivamente si frantumò e separò. Eppure si consideri cosa è stato delle sue parti.

I Tedeschi dei Sudeti ritornarono sotto il governo tedesco come desideravano. La Polonia si annesse la piccola e contestata regione di Teschen, dove vivevano migliaia di Polacchi. Gli ancestrali territori ungheresi nel sud della Slovacchia furono restituiti all’Ungheria. La Germania garantiva piena indipendenza agli Slovacchi. Quanto ai Cechi, essi si rivolsero a Berlino per ottenere lo stesso trattamento degli Slovacchi, ma Hitler insistette affinché accettassero un protettorato.

Ora, si può certo disprezzare quanto fu fatto, ma in che modo la spartizione della Cecoslovacchia prova la spinta hitleriana verso la conquista del mondo?

Ecco la replica: se la Gran Bretagna non avesse concesso la garanzia e non fosse entrata in guerra, dopo la Cecoslovacchia sarebbe stato il turno della Polonia, poi della Russia, poi della Francia, poi della Gran Bretagna, poi degli Stati Uniti.

Adesso parleremmo tutti tedesco.

Ma se Hitler era alla conquista del mondo – Gran Bretagna, Africa, Medio Oriente, Stati Uniti, Canada, Sud America, India, Asia, Australia – perché dedicò tre anni alla costosissima costruzione del Siegfried Stellung per proteggere la Germania dalla Francia? Perché iniziò la guerra senza navi di superficie, né trasporti per le truppe e con solo ventinove sommergibili oceanici? Come si conquista il mondo con una marina militare che non è in grado di uscire dal Mar Baltico?

Se voleva il mondo, perché Hitler non fece costruire bombardieri strategici, anziché bimotori Dornier e Heinkel che dalla Germania non potevano raggiungere neppure la Gran Bretagna?

Perché permise che l’esercito britannico lasciasse Dunkerque?

Perché offrì la pace ai Britannici, due volte dopo la caduta della Polonia, e di nuovo dopo la caduta della Francia?

Perché, quando cadde Parigi, Hitler non pretese la flotta francese, come gli Alleati pretesero ed ottennero la flotta del Kaiser? Perché non pretese le basi nella Siria controllata dalla Francia per attaccare Suez? Perché implorò Benito Mussolini di non attaccare la Grecia?

Il motivo è che Hitler voleva terminare la guerra nel 1940, quasi due anni prima di quando i treni cominciarono i loro viaggi verso i campi.

Con la Polonia Hitler non aveva mai voluto la guerra, ma un’alleanza come quelle che aveva con la Spagna di Francisco Franco, l’Italia di Mussolini, l’Ungheria di Miklos Horthy e la Slovacchia di padre Jozef Tiso.

Di fatto, perché volere la guerra quando nel 1939, con l’eccezione della Francia, era circondato da vicini alleati, amici o neutrali? E aveva messo una croce sopra l’Alsazia, perché riconquistarla significava entrare in guerra contro la Francia e ciò avrebbe significato la guerra contro la Gran Bretagna, il cui impero egli ammirava e che aveva sempre cercato come alleato.

Nel marzo 1939, Hitler non aveva confini con la Russia. Come poteva allora invadere la Russia?

Winston Churchill aveva ragione quando la chiamò “La guerra inutile”, la guerra che potrebbe dimostrarsi il colpo mortale alla nostra civiltà.

Patrick J. Buchanan (non necessita di presentazioni)
Fonte: www.vdare.com
http://www.vdare.com/buchanan/090831_hitler.htm
31.09.2009

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ORIANA BONAN

42 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
GCT
GCT
8 Settembre 2009 1:10

“Sei anni dopo erano morti 50 milioni di cristiani ed ebrei.”

Se uno leggerà tra mille anni la frase di questo “storico”, potrà capire che i morti della II^ G.M. furono circa 25 milioni di cristiani e 25 milioni di ebrei.

levred
levred
8 Settembre 2009 1:39

“Patrick Joseph “Pat” Buchanan (2 novembre 1938) è un politico statunitense. È stato consigliere dei presidenti americani Richard Nixon, Gerald Ford e Ronald Reagan, è stato inoltre il primo conduttore del programma della CNN Crossfire. Ha cercato di farsi candidare dai Repubblicani per le presidenziali nel 1992 e nel 1996. Nel 2000, ha partecipato alle presidenziali con il Reform Party. È cofondatore della rivista The American Conservative e una fondazione veteroconservatrice, The American Cause. Ha pubblicato su Human Events, National Review, The Nation e Rolling Stone. Oggi è commentatore politico per la televisione via cavo MSNBC, segue la corsa per la Casa Bianca, è presente nella trasmissione The McLaughlin Group ed è spesso ospite di Hannity and Colmes.” from WKIPEDIA Un’altro uomo della destra simpatizzante del più famoso uomo di destra del ‘900: Adolf Hitler. Alla destra capitalista e politica americana di Henry Ford e Rockefeller, passando per il gotha della finanza, quell’uomo coi baffetti era una benedizione. L’odierna forza delle destre è tale che non mi stupirei se si procedesse entro cinquant’anni (forse molto prima) ad una completa riabilitazione di Hitler. Daltronde chi ci avrebbe difeso dall’onda rossa bolscevica, chi avrebbe salvato il capitale e i suoi interessi? Il… Leggi tutto »

Tonguessy
Tonguessy
8 Settembre 2009 2:07

Da un maccartista come Buchanan non ci si può aspettare che frasi del tipo “Cento milioni di cristiani erano sotto il dominio della più barbara tirannia della storia: il regime bolscevico del più grande dei terroristi, Iosif Stalin.”

La più barbara tirannia della storia è quella che ha determinato la morte di almeno un centinaio di milioni di indigeni solo nelle americhe (ed un numero mai calcolato negli altri continenti) ed è la tirannia dell’imperialismo, succursale del Mercato. E’ una tirannia che non lascia scampo a chi si trova in mezzo, fossero anche i lavoratori che hanno fino a ieri cooperato (sotto ricatto monetario) per la realizzazione del medesimo.
Tralascio volentieri di commentare il resto delle deliranti affermazioni di pseudostoria o fantastoria del cronista tipo “Con la Polonia Hitler non aveva mai voluto la guerra”.

Oh, certo che no. Prima si annesse la Cecoslovacchia per possedere gli importanti impianti dell’industria pesante (necessaria alla guerra, casomai vi fosse sfuggito) e poi invase la Polonia ma mai avrebbe voluto uccidere anche un solo uomo, quella santa persona. La sfiga alle volte…..

lucamartinelli
lucamartinelli
8 Settembre 2009 2:32

l’articolo lascia il tempo che trova. frutto della fantasia di un personaggio non molto distante dal nazismo. la benevolenza nei confronti di Hitler lascia stupefatti. ricostruisce la storia come meglio crede, pur di sostenere le sue tesi. schieratissimo, perdona tutto a una parte e si scaglia contro l’altra. se il nazismo è stato fermato lo dobbiamo soprattutto alla resistenza del popolo russo, che ha pagato col piu’ alto numero di morti, mentre a ovest la guerra si fermava (41-43). come se Gran Bretagna e Stati Uniti stessero a guardare come andava a finire ad oriente. d’altra parte è notissimo l’anti-sovietismo viscerale di W. Churchill. Dopo Stalingrado l’mpegno degli alleati occidentali si risveglio’. Churchill non a caso affermava: “bisogna stringere la mano ai sovietici il piu’ a est possibile”. ovviamente le spiegazioni della politica anglo-americana sono piu’ complesse e articolate, e trovano i loro fondamenti nell’economia e negli equilibri mondiali. l’Armata Rossa viene definita “orda” mentre Hitler quasi un chierichetto. mi fermo qui, non volendo annoiare nessuno. comunque, a mio avviso, l’articolo è insignificante dal punto di vista storico. saluti a tutti

Jarek
Jarek
8 Settembre 2009 2:38

“Patrick J. Buchanan (non necessita di presentazioni)” Non so veramente chi e’ quel tizio, ma non mi interessa neanche. Alcuni precisazioni: 1. …La guerra tra Germania e Polonia era scaturita da un alterco per una cittadina grande come Ocean City, MD, in estate. Danzica” Danzica nel’ 1939 aveva 250 000 abitanti ( Ocean City – 7 130 ) 2.”Danzica, tedesca per il 95%, era stata separata dalla Germania a Versailles in violazione del principio di autodeterminazione enunciato da Woodrow Wilson. Persino i leader britannici pensavano che la città dovesse essere restituita. ” Danzica non era mai esklusivamente la cita tedesca, tutt’altro (Nel XII secolo, la Polonia venne divisa in diverse province sotto la supremazia dell’Alto Duca di Cracovia. In realtà il Ducato di Pomerania stava riacquistando sempre più indipendenza. Danzica fu la capitale di un’intera dinastia di duchi, i più famosi dei quali furono Mestwin I (1207–1220) Swantipolk II il Grande (1215–1266) e Mestwin II (1271–1294) Nel 1235 circa, la città contava qualcosa come 2.000 abitanti e le venne garantito un capitolo (dal duca Swantipolk) che incorporava il Diritto di Lubecca. Sempre più mercanti dalle città di Lubecca e Brema, della Lega Anseatica, si insediarono nella città. Ufficialmente riconosciuta come… Leggi tutto »

wonderland
wonderland
8 Settembre 2009 3:16

alcune osservazioni di questo storico di destra possono, a mio avviso, non del tutto fuorvianti.
Nel senso che se vediamo il mondo economico (e non solo quello) come una lobby di “famiglie” che hanno in mano il principali mercati (sopratutto quelli + fruttuosi) da almeno un centinaio di anni (vedi Rockfeller o come si scrive …), beh allora Hitler magari e’ stato attaccato da americani e inglesi, non tanto per i crimini che stava commettendo quanto perche’ non rientrava nello schema economico di questi signori.

Questa ovvio e’ solo un ipotesiti complottista: nelle zone buie della storia la fantasia lavora meglio ma a volte a pensare male ci si azzecca.

Forse Hitler stava cercando di ribellarsi a questa lobby per creare il suo “ordine” e essendo uscito dai binari e’ stato castigato … dico forse.

Rimane il fatto che ha commesso crimini di cui l’uomo si dovrà vergognare per anni e che minano il concetto di “umanità”… questo non solo per gli atti criminali dei nazzi, ogni popolo ha il suo spettro nel cassetto.

Jarek
Jarek
8 Settembre 2009 3:36

Se si racconta un’ mucchio di stron… con massimo di buona volonta’ si puo trovare qualcosa di verosimile… Questo pero’ non cambia la sostanza.

LucaV
LucaV
8 Settembre 2009 3:51

Hitler voleva terminare la guerra nel 1940. Però non voleva la guerra! Ma quando scrivono gli articoli sono posseduti?
Hitler non vuole la guerra…però invade la Polonia! Subito dopo vuole la pace…mah! Allora non ivadere la Polonia no?!
Ok io non voglio la guerra col vicino di casa…però intanto gli caco nel giardino!

maumau1
maumau1
8 Settembre 2009 3:56

Danziza era stata sottratta alla Germania con la prima guerra mondiale..
quindi legittimo che la Germania se la riprendesse,quindi legittimo che ove la Polonia non accettasse fosse invasa.

ciao

Jarek
Jarek
8 Settembre 2009 4:37

Spiegati meglio, per favore.

materialeresistente
materialeresistente
8 Settembre 2009 4:42

Nel maggio 1945, le orde dell’Armata Rossa avevano già occupato tutte le maggiori capitali dell’Europa centrale: Vienna, Praga, Budapest, Berlino. Cento milioni di cristiani erano sotto il dominio della più barbara tirannia della storia

Direi che questa frase è sufficiente per:
1- non continuare a leggere questa roba
2- stampare l’articolo su carta morbida
3- pulirmi il culo dopo aver defecato.

nautilus55
nautilus55
8 Settembre 2009 5:43

Articolo di scarsissimo peso storico: più che da un politico, sembra scritto da un qualsiasi studente liceale. Il che, dovrebbe farci riflettere sulla reale levatura dei politici e degli storici statunitensi.

castigo
castigo
8 Settembre 2009 6:25

LOL…. hai proprio ragione!!
in effetti al tempo si faceva la coda per andare a vivere nel “paradiso dei lavoratori”……

castigo
castigo
8 Settembre 2009 6:33

Tonguessy:

Da un maccartista come Buchanan non ci si può aspettare che frasi del tipo “Cento milioni di cristiani erano sotto il dominio della più barbara tirannia della storia: il regime bolscevico del più grande dei terroristi, Iosif Stalin.”

sarà anche un “maccartista”, ma trovo che l’unica cosa esagerata nella frase citata sia quel “la più barbara”, perchè non mi pare ci siano ancora dubbi sul fatto che quella di nonno giuseppe fosse una tirannia.

Tonguessy
Tonguessy
8 Settembre 2009 7:12

Questa è pura disinformazione o debunking. Nessuno nega che Stalin abbia usato la popolazione russa per i suoi scopi e con metodi che non condivido nemmeno in minima parte. Ma da questo a difendere lo stato dell’unione come il migliore del mondo e fanculo gli altri ce ne corre. L’errore grossolano è mettersi su un piedistallo quando questo è stato costruito sullo schiavismo, sulla deportazione e sul premeditato sterminio della popolazione autoctona.
Non esite una minima superiorità etica che un americano possa vantare nei confronti di chicchessia, nemmeno di Pol Pot. E scusa la franchezza.

Tonguessy
Tonguessy
8 Settembre 2009 7:22

Posto questo commento relativamente all’idea che un qualsiasi capoccia americano possa vantare delle supremazie etiche rispetto ai nazisti. Non hanno a cuore i loro stessi figli, figuriamoci quelli degli altri. E la differenza con i nazisti, quindi, dove sarebbe? Non furono gli americani del D-Day a sconfiggere i nazisti. Nel d-day semplicemente buttarono allo sbaraglio migliaia di ventenni senza alcuna esperienza per potere andare a Yalta con dei numeri validi per pretendere spazi geopolitici nella devastata europa postbellica. L’articolo da cui ho preso lo spunto è il seguente, scritto da Eric Margolis, istruttore di storia militare http://www.ericmargolis.com/political_commentaries/getting-to-the-tru… “La Wehrmacht e la Luftwaffe erano già a pezzi molto prima del D-Day (…) la seconda guerra mondiale non fu vinta con lo sbarco in Normandia come il mito racconta. L’esercito e l’aviazione nazista erano già stati fatti a pezzi dalle battaglie titaniche del fronte orientale (cioè dai Russi ndt) I numeri parlano da soli: i Russi distrussero il 75-80% di tutte le divisioni tedesche- 4 milioni di soldati- e la maggior parte della Luftwaffe. L’Armata Rossa perse 14 milioni di soldati ed un numero simile di civili. L’Armata Rossa distrusse 507 divisioni dell’Asse. Sul fronte occidentale dopo il D-Day gli alleati distrussero… Leggi tutto »

mat612000
mat612000
8 Settembre 2009 8:06

Morirono anche tanti atei ed agnostici…

castigo
castigo
8 Settembre 2009 8:13

Tonguessy:

Questa è pura disinformazione o debunking.

perchè??
forse l’unione sovietica era un paradiso??
a sentire chi ci ha vissuto verrebbe quasi da dubitarne…..

Nessuno nega che Stalin abbia usato la popolazione russa per i suoi scopi e con metodi che non condivido nemmeno in minima parte. Ma da questo a difendere lo stato dell’unione come il migliore del mondo e fanculo gli altri ce ne corre. L’errore grossolano è mettersi su un piedistallo quando questo è stato costruito sullo schiavismo, sulla deportazione e sul premeditato sterminio della popolazione autoctona. Non esite una minima superiorità etica che un americano possa vantare nei confronti di chicchessia, nemmeno di Pol Pot. E scusa la franchezza.

quindi solo un appartenente ad una cultura/popolazione che non si è mai macchiata, nell’arco della storia dell’umanità, di alcun crimine, è autorizzato ad esprimere giudizi/opinioni su fatti storici, seppure incontrovertibili, pena l’automatica inconsistenza del giudizio/opinione??
allora stiamo freschi……

Tonguessy
Tonguessy
8 Settembre 2009 10:13

Forse il mio italiano non è dei migliori, ma ho già detto che non condivido in nessun modo l’operato di Stalin. Se vuoi continuare a chiedermi se l’ex-URSS di quei tempi fosse un paradiso fai pure. Ma secondo te le anguille sono scivolose? Per la seconda storia occorre fare dei distinguo. Nessuno nega ad uno storico made in USA di esperimere le proprie opinioni (nè per simmetria lo si può negare ad un politologo made in Russia), ma quando si leggono certe castronerie mi sembra giusto controbattere. Ho le mie riserve nei confronti di ciò che scrive di Panarin e le ho contro Buchanan. Nei confronti di quest’ultimo ho argomentato che è facile scrivere frasi ad effetto tipo “Cento milioni di cristiani erano sotto il dominio della più barbara tirannia della storia: il regime bolscevico” dimenticandosi della PROPRIA tirannia storica e dei danni da essa causati (e sui quali non hai espresso la minima opinione, devo notare…). Questo è, di nuovo, debunking. Ovvero suscitare un polverone per sviare l’attenzione dall’armadio pieno di scheletri che si ha in casa, manipolando dati e informazioni a uso propagandistico. Quindi ripeto, a costo di sembrare noioso: prima di parlare di ingiustizie in casa altrui… Leggi tutto »

MespE
MespE
8 Settembre 2009 11:25

Eh sì Dio benedica il pio Giùgascvili!

MespE
MespE
8 Settembre 2009 11:26

Eh sì Dio benedica il pio Giugascvìli!

francescafederici
francescafederici
8 Settembre 2009 12:05

quest’articolo a mio giudizio è un chiaro tentativo di quel “revisionismo alquanto pericoloso e molto in auge in questo momento storico.Nel tentativo di assoggettare Stalin gli alleati hanno lasciato fare fino a quando L’Unione Sovietica ha iniziato ad avanzare respingendo i tedeschi,allora si sono intervenuti, troppa paura che Stalin potesse assorbire fette enormi di paesi invasi dalla Germania,sino ad allora niente aveva convinto gli alleati,nè le informazioni in loro possesso sui campi di concentramento,nè le atrocità commesse dai nazisti nei paesi occupati.
Credo che si stia perdendo come diceva Gherardo Colombo “il vizio della memoria”,saluti a tutti

Santos-Dumont
Santos-Dumont
8 Settembre 2009 13:35

Tanto per mettere i puntini sulle i: dedicato soprattutto – ma non solo – a chi difende i bolscevichi affermandone una (molto) relativa superiorità morale sui nazisti. I bolscevichi non ebbero nessuna remora nel mettere fine al vero comunismo anarchico di Nestor Makhno in Ucraina, che permetteva l’autogestione delle terre in pieno stile libertario senza diktat da parte di organi di partito, e che stava funzionando bene, evidenza che fece evidentemente “tremare le gambe” ai bolscevichi accentratori di potere. La Maknovicina (esercito rivoluzionario anarchico) si trovo presa tra due fuochi, avendo pure le armate bianche filozariste di Denikin da fronteggiare; malgrado l’eroismo dei resistenti e alcuni successi iniziali, di fronte a forze numericamente preponderanti alla fine soccombette. Questo trattamento riservato dai “compagni” rimase talmente impresso nella popolazione ucraina, così come i pogrom della collettivizzazione forzata (10 milioni di morti, mica noccioline) ispirati dalla “guida illuminata” del partito comunista, che durante l’invasione nazista si arrivò all’assurdo (a prima vista, ma comprensibile dal punto di vista ucraino) di accogliere inizialmente i nazisti come “liberatori”; salvo poi combattere sia loro che i sovietici per mezzo dell’Esercito Insurrezionale Ucraino – UPA. Comunque non si capisce da quale pulpito questo ex-lacchè di Nixon sputi sentenze.… Leggi tutto »

castigo
castigo
9 Settembre 2009 1:29

Tonguessy: Forse il mio italiano non è dei migliori, ma ho già detto che non condivido in nessun modo l’operato di Stalin. Se vuoi continuare a chiedermi se l’ex-URSS di quei tempi fosse un paradiso fai pure. Ma secondo te le anguille sono scivolose? allora devi spiegarmi come puoi considerare (cito) disinformazione o debunking la frase in oggetto. Per la seconda storia occorre fare dei distinguo. cioè che certa “storia” è più storia di un’altra?? 😀 Nessuno nega ad uno storico made in USA di esperimere le proprie opinioni (nè per simmetria lo si può negare ad un politologo made in Russia), ma quando si leggono certe castronerie mi sembra giusto controbattere. Ho le mie riserve nei confronti di ciò che scrive di Panarin e le ho contro Buchanan. Nei confronti di quest’ultimo ho argomentato che è facile scrivere frasi ad effetto tipo “Cento milioni di cristiani erano sotto il dominio della più barbara tirannia della storia: il regime bolscevico” dimenticandosi della PROPRIA tirannia storica e dei danni da essa causati (e sui quali non hai espresso la minima opinione, devo notare…). e allora, di nuovo, devi spiegarmi cosa cazzo c’entra la storia americana con la frase in oggetto. forse… Leggi tutto »

vic
vic
9 Settembre 2009 3:18

Per semplificare ricordiamo solo la terna:
Spagna della conquista – Impero Britannico – USA

Qual e’ la mentalita’ di fondo ed il modo di agire? Sempre quello.

Non per niente Aznar-Blair-Bush erano sulla stessa lunghezza d’onda.
Avevano la stessa memoria storica.

Non illudiamoci che la mentalita’ nazistoide sia sparita.
Non e’ un caso che si eserciti una gran pressione su quei paesi che con questa mentalita’ ebbero ben poco da spartire, e che in quanto a democrazia hanno lezioni da dare a tutti quanti.

Saluti cordiali

vic
vic
9 Settembre 2009 3:22

Per semplificare ricordiamo solo la terna:
Spagna della conquista – Impero Britannico – USA

Qual e’ la mentalita’ di fondo ed il modo di agire? Sempre quello.

Non per niente Aznar-Blair-Bush erano sulla stessa lunghezza d’onda.
Avevano la stessa memoria storica, un comun modo di porre l’Occidente.

Non illudiamoci che la mentalita’ nazistoide sia sparita.
Non e’ un caso che si eserciti una gran pressione su quei pochi paesi che con questa mentalita’ ebbero ben poco da spartire, e che in quanto a democrazia hanno lezioni da dare a tutti quanti.

Saluti cordiali

Tonguessy
Tonguessy
9 Settembre 2009 7:27

“Cento milioni di cristiani erano sotto il dominio della più barbara tirannia della storia: il regime bolscevico del più grande dei terroristi, Iosif Stalin.” devi spiegarmi come puoi considerare (cito) disinformazione o debunking la frase in oggetto. Si tratta di spostare l’asse dell’attenzione da certi problemi per focalizzarla su altri. Questo è il debunking. Adesso devi TU spiegarmi come può un maccartista (una di quelle persone che appena hanno sentore di comunismo danno inizio alle persecuzioni in stile Torquemada) dare un giudizio EQUANIME su questioni storiche di questa portata. La mia idea (e qui chiudo, perchè parlare con i difensori dei maccartisti va il di là delle mie volontà di dialogo) è che un difensore delle discriminazioni sociali e politiche NON HA DIRITTO DI FORMALIZZARE ACCUSE DI ALCUN TIPO. Questo, che tu lo voglia capire o no, si chiama DEBUNKING. Ovvero (e lo ripeto per l’ultima volta) la volontà di mantenere l’attenzione su alcune tematiche per sviarla da temi scomodi e di difficile gestione su piano logico, politico e/o etico. “devi spiegarmi cosa cazzo c’entra la storia americana con la frase in oggetto”. Se hai voglia di ASCOLTARE te lo spiego pure: si da il caso che Buchanan sia un… Leggi tutto »

castigo
castigo
9 Settembre 2009 11:46

Tonguessy: “Cento milioni di cristiani erano sotto il dominio della più barbara tirannia della storia: il regime bolscevico del più grande dei terroristi, Iosif Stalin.” devi spiegarmi come puoi considerare (cito) disinformazione o debunking la frase in oggetto. Si tratta di spostare l’asse dell’attenzione da certi problemi per focalizzarla su altri. Questo è il debunking. LOL…. ha fatto una affermazione relativa al contesto del discorso. ha detto che uno dei risultati della guerra fu una feroce dittatura. è forse FALSO?? e non è un debunker [it.wikipedia.org], quello è un’altra cosa….. Adesso devi TU spiegarmi come può un maccartista (una di quelle persone che appena hanno sentore di comunismo danno inizio alle persecuzioni in stile Torquemada) dare un giudizio EQUANIME su questioni storiche di questa portata. La mia idea (e qui chiudo, perchè parlare con i difensori dei maccartisti va il di là delle mie volontà di dialogo) è che un difensore delle discriminazioni sociali e politiche NON HA DIRITTO DI FORMALIZZARE ACCUSE DI ALCUN TIPO. ri-LOL…. e seguendo questa tua fantasiosa teoria allora TU, italiano, gassatore di eritrei e seviziatore di jugoslavi (tanto per riferirci a periodi storici vicini, che se andiamo a scavare…..), NON HAI NESSUN DIRITTO DI ESPRIMERE… Leggi tutto »

castigo
castigo
9 Settembre 2009 12:27

Tonguessy: Posto questo commento relativamente all’idea che un qualsiasi capoccia americano possa vantare delle supremazie etiche rispetto ai nazisti. Non hanno a cuore i loro stessi figli, figuriamoci quelli degli altri. E la differenza con i nazisti, quindi, dove sarebbe? infatti non c’è nessuna differenza. nazi, usa, urss, gb, tutti indistintamente hanno commesso nefandezze di ogni genere. e a norimberga, alla sbarra, anche i vincitori avrebbero fatto la loro porca figura….. Non furono gli americani del D-Day a sconfiggere i nazisti. Nel d-day semplicemente buttarono allo sbaraglio migliaia di ventenni senza alcuna esperienza ma vedi, figliuolo, nessun soldato “nasce imparato”, come dicono a napoli. e gli usa non avevano truppe con esperienza di combattimento se non quelle che già erano in azione in italia e che avevano fatto esperienza in nord africa. quindi restavano solo i famosi ventenni…… a meno di non farsi prestare un paio di divisioni delle SS 😉 per potere andare a Yalta con dei numeri validi per pretendere spazi geopolitici nella devastata europa postbellica. L’articolo da cui ho preso lo spunto è il seguente, scritto da Eric Margolis, istruttore di storia militare http://www.ericmargolis.com/political_commentaries/getting-to-the-tru… può essere anzi quasi certamente fu così, per sancire in questo modo la… Leggi tutto »

castigo
castigo
9 Settembre 2009 12:31

oh, perbacco, guarda un po’, sul sito del margolis un articolo dal titolo…. come dire…. illuminante??

DON’T BLAME HITLER ALONE FOR WORLD WAR II [www.ericmargolis.com]

Kevin
Kevin
9 Settembre 2009 14:21

“io però preferisco aver vissuto in questa colonia travestita da finta democrazia piuttosto che in unione sovietica o in uno dei paesi da questa controllati.
chissà perchè…….” Evidentemente preferisci illuderti.

Tonguessy
Tonguessy
9 Settembre 2009 14:55

“seguendo questa tua fantasiosa teoria allora TU, italiano, gassatore di eritrei e seviziatore di jugoslavi (tanto per riferirci a periodi storici vicini, che se andiamo a scavare…..), NON HAI NESSUN DIRITTO DI ESPRIMERE GIUDIZI.”

Certamente non sono stato nè io nè i miei parenti diretti a eseguire quelle turpi operazioni etniche. Magari abbiamo cercato di contrastarle, e magari mio nonno si è fatto alcuni anni di campo di concentramento per questi motivi. Questo contrariamente al Buchanan che segue una filosofia maccartista di persecuzione anticomunista e si arroga il diritto tutto torquemadiano di criticare chi ha appena messo al rogo
Merita essere ricordata l’atomica sganciata da quelli come lui a Nagasaki e Hiroshima per mostrare i muscoli all’ex URSS.
Da quella gente NON ACCETTO LEZIONI DI ETICA!

Fine delle trasmissioni

Tonguessy
Tonguessy
9 Settembre 2009 15:02

“ma vedi, figliuolo”

FIGLIUOLO? Ma chi pensi di essere? Fatti un giro prima di blaterare insulsaggini di questo calibro, PLEASE.
NON sono nè tuo figlio nè tuo parente nè tantomeno tuo amico.

castigo
castigo
9 Settembre 2009 16:15

Tonguessy: “seguendo questa tua fantasiosa teoria allora TU, italiano, gassatore di eritrei e seviziatore di jugoslavi (tanto per riferirci a periodi storici vicini, che se andiamo a scavare…..), NON HAI NESSUN DIRITTO DI ESPRIMERE GIUDIZI.” Certamente non sono stato nè io nè i miei parenti diretti a eseguire quelle turpi operazioni etniche. e certamente non sarà stato buchanan o i suoi parenti diretti ad ammazzare tutti i poveri indiani americani….. però è amerikano, fa parte di un popolo che ha ammazzato e schiavizzato eccetera eccetera, quindi non ha diritto di parola, giusto?? e sulla base dello stesso metro, da te medesimo costruito, nemmeno tu hai questo diritto, perchè sei italiano, fai parte di un popolo che ha ammazzato e schiavizzato eccetera eccetera……… Magari abbiamo cercato di contrastarle, e magari mio nonno si è fatto alcuni anni di campo di concentramento per questi motivi. Questo contrariamente al Buchanan che segue una filosofia maccartista di persecuzione anticomunista e si arroga il diritto tutto torquemadiano di criticare chi ha appena messo al rogo guarda che tu stai messo peggio di lui, quando ad arrogarti diritti di critica assortiti….. Merita essere ricordata l’atomica sganciata da quelli come lui a Nagasaki e Hiroshima per mostrare… Leggi tutto »

castigo
castigo
9 Settembre 2009 16:29

Tonguessy:

noto con piacere che hai risposto alla domanda che ti ho fatto 😀

“ma vedi, figliuolo”

FIGLIUOLO? Ma chi pensi di essere? Fatti un giro prima di blaterare insulsaggini di questo calibro, PLEASE.

il giro l’ho fatto e mi sono imbattuto in uno come te che spara sciocchezze con una spocchia ed una supponenza senza pari, tentando di coprire con un mare di fuffa la sua mancanza di argomenti.

NON sono nè tuo figlio

e ti è andata di culo……

nè tuo parente nè tantomeno tuo amico.

e qui è andata di culo a me 😀
ciao neh, e piantala di straparlare di etica, italiano gassatore di etiopi e seviziatore di jugoslavi….

P.S. noto con piacere che hai risposto alla domanda che ti ho fatto 😀

castigo
castigo
9 Settembre 2009 16:29

Tonguessy:

noto con piacere che hai risposto alla domanda che ti ho fatto 😀

“ma vedi, figliuolo”

FIGLIUOLO? Ma chi pensi di essere? Fatti un giro prima di blaterare insulsaggini di questo calibro, PLEASE.

il giro l’ho fatto e mi sono imbattuto in uno come te che spara sciocchezze con una spocchia ed una supponenza senza pari, tentando di coprire con un mare di fuffa la sua mancanza di argomenti.

NON sono nè tuo figlio

e ti è andata di culo……

nè tuo parente nè tantomeno tuo amico.

e qui è andata di culo a me 😀
ciao neh, e piantala di straparlare di etica, italiano gassatore di etiopi e seviziatore di jugoslavi….

castigo
castigo
9 Settembre 2009 16:32

Kevin:


“io però preferisco aver vissuto in questa colonia travestita da finta democrazia piuttosto che in unione sovietica o in uno dei paesi da questa controllati. chissà perchè…….” Evidentemente preferisci illuderti.

dove la vedi la mia illusione?
ho forse affermato che qui va tutto bene, che la nostra “democrazia” funziona, che gli usa sono il nostro fido alleato??

Tonguessy
Tonguessy
10 Settembre 2009 2:18

“comincio a capire nessuno”

Un giorno comincerai anche a capire perchè è stato bannato definitivamente?

renatino
renatino
10 Settembre 2009 12:05

Signor PATRICK J. BUCHANAN, non lo sa che hitler aveva una paura tremenda degli inglesi e delle sue armi chimiche che aveva “assaggiato” quando era soldato durante la 1a guerra mondiale?! Ma che storico è se non sa nemmeno questo piccolo insignificante particolare?! Churchill dal canto suo voleva usarle quando su londra piombarono i bombardieri tedeschi ma non potè farlo perchè non ne aveva sufficenza. Cosa che invece hanno fatto, con il gas mostarda, gli italiani “brava gente” contro gli etiopi!!

castigo
castigo
10 Settembre 2009 14:33

Tonguessy:

“comincio a capire nessuno”

Un giorno comincerai anche a capire perchè è stato bannato definitivamente?

perchè ti sei lamentato con gli admin??
povero piccolino, si è offeso tanto tanto ed è corso dalla mammina….. ma non eri tu che minacciavi le persone chiedendo confronti fisici??
francamente molto meglio il nessuno bannato del nessuno tonguessy.
quello almeno diceva qualcosa di sensato, anziché la solita fuffa “politicamente corretta”….

Sassicaia
Sassicaia
10 Settembre 2009 16:32

Sul fatto che quella di stalin sia stata la piu’ barbara tirannia della storia
non aveva dubbi nemmeno il suo compagno di partito Nikita Kruscev che
ne denuncio’ i crimini al soviet supremo e al mondo intero.Gli stessi sovietici
hanno rimosso la salma del seminarista georgiano dal pantheon degli
eroi dell’unione sovietica per riporla in un anonimo cimitero destinato agli
sconosciuti:anche loro riconoscono che e’ un personaggio da dimenticare.

Sassicaia
Sassicaia
10 Settembre 2009 16:47

Ennesimo articolo del revisionismo storico in atto sia da destra che da
sinistra:lo scopo e’ quello di far credere che non tutte le colpe della seconda
guerra mondiale siano da addossare alla Germania ma anche alle democrazie occidentali,usa compresi.La solita stucchevole litania.
Se un paese annette l’Austria,invade cecoslovacchia,Polonia,Grecia,
Jugoslavia,Danimarca,Norvegia,Belgio,Olanda,Lussemburgo,Unione Sovietica
e dichiara guerra agli Stati Uniti,sterminando e deportando intere popolazioni,
affermando la superiorita’ della razza tedesca,cosa altro avrebbe dovuto fare
perche’ noi lo indicassimo come il maggior responsabile della seconda guerra
mondiale?Ma e’ una teoria che fa comodo a destra perche’ tenta inutilmente
di rivalutare la Germania nazista decisamente indifendibile,fa comodo a sinistra perche’ vuol mettere sempre al centro di tutti i mali il Satana americano e i suoi turpi alleati occidentali,Inghilterra e Francia.Davvero sconcertante,dopo Irving un altro pessimo revisionista.