Segreteria Nazionale FISI: dal 15 lottino tutti i lavoratori

Massimo Antonino Cascone per ComeDonChisciotte

Intervista a Ciro Silvestri della Segreteria Nazionale del FISI – Federazione Italiana Sindacati Intercategoriali – sullo sciopero indetto dal 15 al 20 ottobre contro il Green Pass nei luoghi di lavoro, in quanto forma massima di discriminazione sociale.

* * *

Buongiorno Segretario. La prima domanda che le faccio, affinché tutti i lettori possano prendere confidenza con la vostra realtà è: cos’è il FISI e quali categorie di lavoratori rappresenta?

Il FISI, è una federazione di associazioni sindacali e copre, in buona sostanza, tutte le categorie del mondo del lavoro, attraverso un’azione intercategoriale.

Principalmente al momento operiamo soprattutto a sostegno dei sanitari, che come ricordiamo sono stati i primi ad essere stati obbligati alla vaccinazione. Le nostre battaglie rispetto al mondo sanitario però comprendono anche l’abolizione dell’esclusività di rapporto, il riconoscimento della libera professione e il riconoscimento dell’indennità di esclusività, il tutto per ridare valore a tutte le professioni sanitarie. A tale scopo è stata costituita la Categoria FISI Professioni Sanitarie, Amministrative, Tecniche e Sociali nonché la categoria dedicata al personale Medico. Il Segretario Nazionale di Categoria è il dott. Pasquale Bacco.

Siamo molto attivi inoltre sul fronte dell’istruzione, perno su cui si fonda una società democratica, proponendoci anche come un sindacato scuola aperto a tutti i lavoratori del comparto (insegnanti e non) fino ad arrivare all’università, indipendentemente dal rapporto di lavoro. Rispetto a tale ambito del mondo del lavoro, sono io il referente.

Siamo un sindacato giovane ma deciso e coerente nelle nostre posizioni. Per noi nessun lavoratore deve essere lasciato indietro.

 

– Segretario Silvestri che cosa prevede lo sciopero che avete indetto dal 15 al 20 ottobre?

Prima di tutto ci tengo a precisare che lo sciopero non è di semplice rivendicazione sindacale per motivi secondari, ma è uno sciopero politico.

Le motivazioni sono chiare ma è importante ribadirlo: quello che sta accadendo nel mondo del lavoro già per alcune categorie, e dal 15 per tutti i lavoratori, è abominevole; lo sciopero è stato proclamato per le gravi violazioni costituzionali a cui stiamo assistendo, violazioni che ledono i diritti dei lavoratori e legittimano comportamenti discriminatori nei luoghi di lavoro, oltre ad incidere pesantemente sul reddito.

Lo sciopero ad oltranza, per 5 giorni, è un atto forte, che il governo non potrà ignorare. Per questo motivo siamo felici che ad aderire alla nostra chiamata siano anche i portuali di Trieste, i quali stanno dando una lezione a tutti gli italiani su cosa vuol dire lotta di classe.

 

– Quali problemi sono sorti con la Commissione di Garanzia rispetto al vostro sciopero?

La Commissione di Garanzia ha formulato “un invito” a revocare lo sciopero, adducendo come motivazione che non si possa prolungarlo per 5 giorni, soprattutto poiché proclamato in una data molto vicina allo sciopero generale dell’11 ottobre.

Ovviamente data la gravità delle motivazioni e del momento non potevamo che respingere questo invito. Come dicevo, la stessa adduceva problemi di rarefazione e di durata, dimenticando che tali obiezioni non sono previste dall’art 2 comma 7 della Legge 146/90 che regolamenta gli scioperi per il pubblico servizio. Oltretutto, quando si è espressa la Commissione, si era già esposta la Presidenza del Consiglio a riguardo, pubblicando sulla piattaforma istituzionale lo sciopero e quindi legittimandolo.

Posso confermare quindi che la segreteria si è presa tutta la responsabilità della proclamazione, proprio per rassicurare anche i lavoratori. Nel caso ci fossero ritorsioni sui lavoratori, siamo pronti ad affrontare qualsiasi battaglia legale per sostenere chi sta lottando per la libertà propria ed altrui.

 

– Qual è la posizione del FISI rispetto allo sciopero generale dell’11 ottobre?

Premetto che non ci piace parlare delle iniziative degli altri e preferiamo restare concentrati sul nostro lavoro. Quello che mi sento di dire a riguardo è che sicuramente lo sciopero dell’11 non nasceva per opporsi al Green Pass, e questo i lavoratori lo hanno capito.

In un momento come questo è importante avere delle posizioni chiare, che vadano al di là delle rivendicazioni fin ora fatte dai vari sindacati. Quello che ci stanno imponendo con il Green Pass è il radicale cambiamento dei rapporti umani all’interno della società, e questo ovviamente si riflette anche nel mondo del lavoro, per questo bisogna essere decisi rispetto alla lotta da portare avanti. Basta avere due piedi in una scarpa.

 

– Secondo lei Segretario cosa succederà dopo il 15 ottobre?

Il 15 ottobre rappresenta uno spartiacque per questa delicatissima battaglia, non ci sarà più spazio per gli equivoci. Spero che questa data potrà essere ricordata in futuro non per l’applicazione del Green Pass in sé, ma come un momento chiave di condivisione e coordinamento sempre più ampio della lotta che stiamo portando avanti come cittadini e lavoratori.

Se il governo non farà marcia indietro sarà evidente a tutti che queste misure non sono di contenimento del contagio e di prevenzione sanitaria ma semplicemente di controllo sociale…e queste cose qualcuno, anche in TV, non le nasconde più oramai. Si tratta quindi semplicemente di alzare la testa e dire basta uniti.

Da venerdì capiremo chi è schierato in difesa del popolo italiano e chi no; saranno finalmente smascherati i doppiogiochisti.

 

– Successivamente alle vicende di Roma, si teme che il governo possa varare delle misure restrittive rispetto al diritto di sciopero sancito dall’art 17 della nostra Costituzione. Che idea si è fatto a riguardo?

Per quanto i fatti di Roma del 9 ottobre siano di inaudita gravità per la violenza che ne è scaturita, bisogna precisare che non è corretto parlare di piazza violenta.

Piazza del Popolo era gremita, e tutti stavano solo esercitando il proprio diritto alla protesta rispetto a delle misure politiche, che non sbagliamo a definire liberticide e distruttrici della concetto di uguaglianza tra i cittadini. I pochi violenti, per altro già noti, vanno isolati e puniti ma senza penalizzare il popolo.

La possibilità che i fatti di Roma possano essere pretestuosamente strumentalizzati per limitare ulteriormente le libertà c’è, ma non dobbiamo lasciare che un episodio possa comprimere i diritti di tutti. Non fatevi ingannare dai servizi televisivi ed i programmi di approfondimento che additano tutti come fascisti e/o facinorosi, la realtà è bene altra. In tutta Italia ci sono proteste da mesi che non hanno provocato scontri e violenze, e per questo, secondo noi, bisogna insistere sulla via delle proteste pacifiche, per indurre il Governo a dimettersi o a ritirare le misure di limitazione introdotte con provvedimenti anticostituzionali.

 

– Segretario la ringrazio per questa intervista, che speriamo arrivi a tutti i lavoratori che ci leggono

Grazie a lei

sciopero FISI

Massimo Antonino Cascone

 

Notifica di
21 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Rnamessaggero
Utente CDC
14 Ottobre 2021 19:33

Aderisco per forza , non si trova una farmacia libera per i tamponi e pagare il pizzo per poter lavorare . Poi avrò tempo per documentarmi sul FISI , intercategoriale da quanto ho capito dovrebbe comprendere anche i metalmeccanici .

AnalisiPredittiva
Utente CDC
Risposta al commento di  Rnamessaggero
16 Ottobre 2021 1:07

Scusa le domande.

Intendevi dire che le farmacie sono sprovviste di test?

oppure che devono “processare” troppi tamponi?

oppure che uno è ANCHE OBBLIGATO AD ANDARE IN FARMACIA x FARE IL TEST quindi le liste sono piene?

Non esistono TEST fai date?

Grazie

halak
Utente CDC
14 Ottobre 2021 20:03

La CGIL mi ha inviato un invito a partecipare alla manifestazione “antifascista” di sabato prossimo a Roma. Probabilmente non si sono accorti che i nuovi fascisti, quelli al passo coi tempi, sono già al potere. Organizzano treni e pullman. che facce di bronzo. Oramai sono un caaf, non un sindacato. Ce l’avessero gli oppositori del regime questa facilità di organizzare, questo semaforo verde. Ricordo che nel 2002 mi fecero partecipare ad un’oceanica manifestazione contro l’abolizione dell’articolo 18 dello statuto dei lavoratori. Centinaia di migliaia di persone riempivano il Circo Massimo. Cofferati pronunciò un secco e definitivo no. Mi ricordo che comprai anche la maglietta con la scritta: art. 18 io non ci sto! Pochi anni dopo, quando l’abolizione la chiese Renzi, non fecero nulla, si trovarono d’accordo, prestarono acquiescenza. La prima volta mi presero in giro e fu colpa loro. Ma se mi facessi prendere in giro ancora, sarebbe colpa mia. Una volta difendevano i lavoratori, ora si abbracciano con Draghi, già funzionario della Goldman Sachs, già finanziere internazionale, già privatizzatore del paese. Nell’ora più buia stanno con lui. Che schifo, che pena.

Ricciardo
Utente CDC
14 Ottobre 2021 20:37

finiremo tutti sospesi, come la Costituzione peraltro.

AnalisiPredittiva
Utente CDC
14 Ottobre 2021 20:47

Ma non si farebbe prima ad andare direttamente a roma e buttarli tutti fuori dalla finestra del quirinale e parlameneto? Chi si lamenterebbe? neanche i parenti..

nicolass
Utente CDC
14 Ottobre 2021 21:40

ATTENZIONE!!!! … non diamo notizie fuorvianti .. domani 15 Ottobre non c’è nessuno sciopero perché chi sciopera rischia delle sanzioni in quanto lo sciopero non è autorizzato. Domani invece ci si presenta sul luogo di lavoro e senza entrare nel suddetto si dichiara al proprio principale di non essere in possesso del Green Pass o di non essere disposti ad esibirlo..a questo punto si viene sospesi dal lavoro come prevede la normativa. Se si entra fisicamente nel luogo di lavoro si rischia invece di essere multati per cui è importante non farlo. Questo è il senso della protesta di domani … non scioperare perché non ci sono le condizioni per farlo. Diamo le informazioni corrette. Grazie

Ultimo aggiornamento 5 giorni fa effettuato da nicolass
Rnamessaggero
Utente CDC
Risposta al commento di  nicolass
14 Ottobre 2021 21:58

Grazie per l’ informazione .

nicolass
Utente CDC
Risposta al commento di  nicolass
14 Ottobre 2021 22:12

https://www.youtube.com/watch?v=PX1-DeDTG4Y
questo video dell’Avv. Mori spiega bene tutto

Ultimo aggiornamento 5 giorni fa effettuato da nicolass
lunanera
Utente CDC
14 Ottobre 2021 22:11

Domani dove c’e’ l’autorizzazione si sciopera, per esempio in Campo S. Geremia a VE- alle 10,00 in piazza Ferretto a Mestre alle 15,00 in altre citta’ basta informarsi ma domani si deve bloccare tutto autorizzazione o meno

nicolass
Utente CDC
Risposta al commento di  lunanera
14 Ottobre 2021 22:15

domani non si sciopera in senso canonico perché si rischiano sanzioni in quanto lo sciopero non è autorizzato… invece prima ci si fa sospendere dal datore di lavoro in conseguenza della mancata esibizione del Green Pass e solo dopo si partecipa allo sciopero o ad altre forme di protesta. In questo modo una volta sospesi non si rischia nulla solo la retribuzione https://www.youtube.com/watch?v=PX1-DeDTG4Y

nicolass
Utente CDC
14 Ottobre 2021 22:19

Chi sia questa fantomatica Fisi e il suo presidente non è dato sapere

sbregaverse
Utente CDC
14 Ottobre 2021 22:48

Telelobotomizzati,inoculati,rincoglioniti,vilipesi,in più vessati e angosciati dal quotidiano,ogni dì porta pena,non abbiamo contezza della nostra condizione di servaggio materiale ed immateriale.

Ultimo aggiornamento 5 giorni fa effettuato da sbregaverse
uomospeciale
Utente CDC
14 Ottobre 2021 23:45

Domanda a chi non si è vaccinato:

Se vi capita come è capitato a me di dover fare lavori lunghi e importanti dal dentista:

( tre ore tre con la bocca spalancata a 30 centimetri dalla bocca del dentista più l’infermiera, entrambi che mi alitavano addosso peggio di una coppia di amanti strafatti)

Come fate?

Ultimo aggiornamento 5 giorni fa effettuato da uomospeciale
IlContadino
Utente CDC
Risposta al commento di  uomospeciale
15 Ottobre 2021 7:34

Salve Uomo, spiega meglio, non capisco bene, perdona, il problema è che i tizi che alitano sono quasi sicuramente vaccinati e quindi portatori di chissà quale sostanza aliena mutante, giusto?
Brutta bega in effetti

uomospeciale
Utente CDC
Risposta al commento di  IlContadino
15 Ottobre 2021 13:18

No, volevo solo dire che avendo avuto dei conoscenti che ci sono rimasti secchi con il covid e dei parenti che si sono fatti 1 mese e mezzo intubati in terapia intensiva uscendone con gravi danni fisici permanenti a 8 mesi di distanza, mi domandavo come un non vaccinato possa affrontare situazioni ad altissimo rischio di contagio come quella da me vissuta e descritta.
Ma visto che qui mi si replica con argomenti di “finta epidemia” credo sia inutile chiederlo.
Ciascuno di noi è libero di fare della propria vita quello che meglio crede, specie quando le conseguenze delle sue azioni riguardono sè stesso in prima persona.
Ma è una perdita di tempo discutere di rischi con chi non crede neppure che questi rischi esistano.
Ragion per cui per me l’argomento si chiude qui.

oxalidaceae
Utente CDC
Risposta al commento di  uomospeciale
15 Ottobre 2021 13:51

Sei davvero un uomo speciale. Tu ti sei inoculato e ti preoccupi per noi senza inoculo.
Sai, noi siamo una brutta razza, siamo tronfi delle nostre ragioni, siamo pieni zeppi di propaguli di un patogeno bizzarro chiamato “dubbio”.
Perdonaci se puoi.

Bertozzi
Utente CDC
Risposta al commento di  oxalidaceae
16 Ottobre 2021 15:34

Beh, sono continui a
‘atti di amore’, che noi miopi complottari non riusciamo a riconoscere.

IlContadino
Utente CDC
15 Ottobre 2021 7:14

Suggerisco questa lettura, articolo di S. Brizzi, si intitola “Un giorno di preghiera e digiuno”, parla del 15 ottobre, di Gandhi, di guerrieri, di resistenza e lucertoloni che invadono la terra. Aria pura insomma;)
http://www.salvatorebrizzi.com/?m=0

Ultimo aggiornamento 5 giorni fa effettuato da IlContadino
oxalidaceae
Utente CDC
Risposta al commento di  IlContadino
15 Ottobre 2021 11:37

Ecco. Libera nos a malo. E dopo la necessaria purificazione di corpo e mente, non sarebbe male impiegare il resto del tempo a disinstallare tutti quei social che sanno tutto di chi li usa (spesso senza comprendere che, invece, chi è veramente usato è il fruitore del social stesso). Sanno tutto di chi li usa (male), comprese le eventuali nostalgie, i vuoti esistenziali o i desideri, e quello che ancora non è ben compreso da tanti è che gli stessi (i soliti noti) sanno poi subdolamente incanalare il disagio nel più bieco materialismo, pilotando le genti a compulsare acquisti che arrivano dopo poche ore, quasi sempre con un sorriso sardonico stampato sul pacco. Quei sorrisi sardonici stanno velocemente uccidendo il nostro piccolo brillante ingegno di trovare la soluzione geniale alternativa, perlomeno a quei bisogni di mancanza o carenza. A volte, la soluzione al vuoto pneumatico emozionale che sta permeando il Mondo, può semplicemente essere una pacca amica sulla spalla o un salvifico caldo abbraccio (comprendo che non è esattamente un costosissimo scaldacollo alla moda fatto di casimirra di peli di capra hircus, ma potrebbe essere ancora meglio, e pure a gratis). Se non si fosse inciampati in questi grandi inganni,… Leggi tutto »

oxalidaceae
Utente CDC
15 Ottobre 2021 11:55
oxalidaceae
Utente CDC
15 Ottobre 2021 14:13

Ma che siano questi i primi sintomi da danno dovuto alle terapie geniche?

Questo ha sempre detto delle boiate pazzesche, adesso però le sta sublimando…
https://t.me/guerrieriperlaliberta/3932

21
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x