Home / ComeDonChisciotte / SE PO' FFA

SE PO' FFA

DI MIGUEL MARTINEZ
Kelebek

“Yes, we can!” è lo slogan dei democratici americani, e fa pensare a una schiera di venditori in giacca e cravatta sotto la frusta del loro animatore: “Can we increase sales by ten per cent this year?” “Yes we can!” “By twenty percent?” “Yes we can!”

I copioni veltroniani hanno tradotto lo slogan. Che da noi suona “se po’ ffa’“, la frase cara a innumerevoli oscuri mediatori per conto di onorevoli e di cardinali.

Le prossime elezioni saranno un duello tra Silvio Berlusconi e Walter Veltroni per decidere quale dei due potrà trasformare l’Italia in qualche forma di regime presidenzialista.

L’Italia è quello che è, e chiunque vinca, finirà impantanato anche lui; ma rimane il fatto che due maschi stanno litigando per avere più potere di quanto abbiano avuto i loro predecessori, a parte Benito Mussolini.

Solo che i due devono contendersi il paese a colpi di immagine, lavorando su due elementi.

Il primo è la Novità.

Che Silvio Berlusconi, ormai settantenne, stia sempre lì per fare la rivoluzione, lo sappiamo da quattordici anni.

Mentre Walter Veltroni, che divenne vicepresidente del Consiglio la bellezza di dodici anni fa ed è parte organica dell’attuale governo, lancia “dodici proposte innovative per cambiare l’Italia“.

Proposte approvate ieri in un video di saluto da Francesco Totti, seconda autorità morale di Roma dopo il Papa.[1]

L’altro elemento che  sfruttano sia Berlusconi che Veltroni che tutti, è la Jeune Fille (leggere con attenzione l’articolo che linkiamo qui).

Infatti, i due maschi si manifestano al mondo attraverso alcune femmine-immagine.[2]

La destra punta su quel fenomeno paradossale che è il puttaniere con il crocifisso d’oro al collo, tutto telecomando, turismo sessuale e matrimonio in chiesa.

Si parla infatti di seggi sicuri a destra per varie troiette spettacolari, recuperate dal Grande Fratello o da altre discariche virtuali, anche se sembra che nulla sia stato ancora definito.

Più sottile e interessante la femmina-immagine di Veltroni: Marianna Madia, ventisettenne “ricercatrice”.[3]

Il Partito che Cambia Tutto offre un seggio sicuro, quindi, a una rappresentante di quell’immensa schiera di figli (e soprattutto figlie) della piccola borghesia, che hanno studiato tanto, perso tanti treni e si arrangiano precariamente e onestamente. Il grande serbatoio del ceto intellettuale subalterno. Dove risiede la forza identitaria del centrosinistra.

Dice la Madia di se stessa, “Porterò tutta la mia straordinaria inesperienza”. E aggiunge, come in uno spot per detersivi, “Se una come me è stata chiamata per questo ruolo vuol dire che è in corso una rivoluzione. Una rivoluzione dolce.

Anzi, c’è pure il finto scandalo: Madia nega di essere lei che ha scalzato De Mita dalle liste del Partito Democratico.

E su questo, soffermiamoci un attimo.

Intanto, nella società mediatica della pseudotrasgressione, se non c’è scandalo, non c’è divertimento, e quindi attenzione.

Solo che lo “scandalo” verso cui si attira l’attenzione consisterebbe nella sostituzione del vecchio e corrotto notabile democristiano con una giovane bella e simpatica.

Lo scandalo, abbiamo detto, è finto.

Uno, perché dubito che qualunque essere umano normale avrebbe trovato “scandalosa” la sostituzione.

Due, perché la Madia è capolista nel Lazio, e De Mita notoriamente non è laziale.

Ma come si crea comunque lo scandalo inesistente? Negandolo, come fa la Madia.

L’ottimo David Lognoli, che è ricercatore precario (fisico) sul serio, ha scoperto chi è davvero la Ragazza-Detersivo di Veltroni.

O meglio, lo ha letto su un altro blog, ma da solo non ci sarei arrivato, e poi volevo fare un po’ di pubblicità lo stesso all’ottimo blog di David.

L’altro blog ha scoperto che Veltroni non ha trovato Marianna Madia “in fila al supermercato”.

Marianna Madia, infatti, è figlia di un consigliere di una “lista civica per Veltroni“, amico personale di Veltroni.

Lei lavora alla Presidenza del Consiglio, mentre “collabora” con  l’Agenzia Ricerche e Legislazione fondata da Andreatta e attualmente nell’orbita di Enrico Letta (da qui la sua qualifica come “ricercatrice”) e conduce pure una trasmissione alla Rai.

E siccome un certo mondo è molto piccolo, Marianna Madia è pure l’ex fidanzata di Giulio Napolitano, figlio del presidente della Repubblica. No, nemmeno Giulio è un giovane ricercatore, è un sistemato professore universitario.

Metto qui una foto che risale ai bei tempi della loro relazione. Non per la Madia, ma perché è la prova che anche i figli dei potenti possono avere un ghigno da deficienti.  

napolitano

Note (parecchie e lunghe, oggi):

[1] Veltroni ieri è riuscito anche a combinare un mediatico abbraccio pre-elettorale tra due parenti di vittime degli anni Settanta – Giampaolo Mattei, figlio e fratello di tre proletari di Primavalle bruciati vivi da un commando di borghesi-bene di Potere Operaio, e Rita Zappelli, madre di Valerio Verbano, giovane di sinistra ucciso a sangue freddo da un commando neofascista.
 
Sacrosanto il superamento dei massacri demenziali di allora, ma il messaggio che manda Veltroni è quello del “perdono” esteso a tutti coloro che hanno “peccato” di antagonismo, da una parte o dall’altra. E Santa Madre Chiesa ci insegna che chi estende il perdono, possiede le chiavi del paradiso e dell’inferno, nonché molte chiavi terrene.

[2] Tra i minori, una Jeune-Fille ha scippato direttamente il primo piano. “La Destra” candiderà infatti la Daniela Santanché come premier.

[3] Veltroni ha imbarcato anche l’operaio-immagine (suo malgrado), Antonio Boccuzzi, sopravvissuto al rogo della Thyssen.

 Michele Nobile, nel suo saggio su “la politica come professione” in Forchettoni Rossi. La sottocasta della sinistra radicale (Massari editore, 2007), documenta come nel parlamento uscente vi siano attualmente due deputati operai (uno eletto nella Rosa nel Pugno, uno nell’Ulivo) e tre o zero senatori operai (secondo le fonti). Nessuno, comunque, in tutta la “sinistra radicale”.

Boccuzzi siederà in parlamento guardato a vista da Pietro Ichino, il grande teorico della demolizione dei diritti sociali, anche lui patrocinato da Veltroni.

Miguel Martinez

Fonte: http://kelebek.splinder.com/
25.02.08

Pubblicato da Davide

  • mat612000

    http://www.reti-invisibili.net/valerioverbano/articles/art_13132.html
    http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2005/01_Gennaio/29/primavalle.shtml
    Della kermesse veltroniana ho trovato particolarmente agghiacciante la trovata della “riconciliazione” tra i parenti dei morti neri e quelli dei morti rossi.
    Come potrete agevolmente constatare dai link sopra, Walter è andato a pescare proprio due delitti sostanzialmente senza giustizia (per il rogo di casa Mattei ci sone dei colpevoli senza pena e per l’omicidio Verbano nessun colpevole e nessuna pena), perchè?
    Come si può pensare che riconciliare due lutti possa significare superare un periodo storico sul quale sono più i misteri e gli omissis che qualche brano di verità e di giustizia?
    Come può esserci riconciliazione senza una verità (anche giudiziaria)?
    Io rispetto il dolore dei diretti interessati e spero che questo gesto li abbia aiutati, ma non riesco a rispettare chi di questo dolore fa un uso bassamente strumentale.
    Non so perchè la sig.ra Verbano e il sig. Mattei abbiano acconsentito a tale gesto (forse il loro è un messaggio di speranza che tali episodi non si verifichino mai più), ma a livello politico e pubblico una riconciliziane su fatti mai accertati con chiarezza equivale alla loro rimozione, ad un colpo di spugna: “damose da fa” + “scordamuce o passato”…orribile…vergognoso…un paese senza memoria, un paese senza giustizia che futuro può avere?

  • Tao

    Segni particolari: sponsorizzata tre volte. Per sua stessa ammissione la neocapolista nel Lazio per Veltroni, Marianna Madia, classe 1980, romana, deve dire grazie a chi l’ha portata fino a qui, a iniziare dal «maestro di vita», come lo definisce lei stessa, Giovanni Minoli, per continuare con Enrico Letta («che ad una ragazzina non ancora laureata ha dato la possibilità di entrare all’Arel», il Centro studi economici promosso dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio). E ovviamente a Walter Veltroni a cui è bastato un colloquio dopo la segnalazione degli altri due padrini per decidere che quella sarebbe stata la sua Marianna.

    La ragazza, capello con boccoli biondi, aria da pariolina ricevuta in dote dalla famiglia di noti avvocati della capitale (suo zio Titta Madia difende Clemente Mastella), amicizie giuste come quella con Albertina Carraro, ringrazia e spiega i punti fondamentali del suo programma: «Io penso che sia urgente ritrovare il tempo delle idee e dell’amore». Un po’ preoccupata – «Sento il peso della responsabilità che mi attende; spero non mi sovrasterà» – ma felice.

    E mentre Marianna si gode i suoi giorni di gloria incoronata non solo candidata e capolista ma anche «economista», come l’ha presentata Veltroni (laurea in scienze politiche con lode nel 2004), la base del partito democratico, i ragazzi che hanno lavorato alle primarie e che da anni si impegnano in politica, nelle federazioni, e che aspettavano l’occasione da sempre, sospendono il giudizio. Silenzio che condividono con le donne del Pd.

    Sarà perché non conoscono la nuova collega, sarà per dissenso, sarà per non creare occasioni di polemica, o per stupore. L’unica a parlare per spezzare questo silenzio imbarazzato è Franca Chiaromonte: «La candidatura come capolista, dietro Walter Veltroni, di Marianna Madia mi convince come donna e come democratica. E le parole di Marianna mi convincono ancor più che la strada del rinnovamento è davvero iniziata».

    E mentre nel partito la nuova Marianna altera umori e fa discutere, sul web corre un passaparola di rassegnata critica. E di informazioni biografiche sull’astro nascente del Pd. A iniziare dal padre, Stefano Madia, amicizie di destra negli Anni 70, attore prima (un premio a Cannes per «Caro papà») e consigliere comunale con una lista civica per Veltroni fino alla sua morte nel 2004.

    Vita privata scandagliata senza pietà anche per il fidanzamento con il figlio del presidente della Repubblica Napolitano, Giulio, che dopo anni di corteggiamento, riuscì a farla capitolare in tempo per andare alla festa del 2 Giugno al Quirinale. Amore sfumato presto, e dimenticato con il lavoro all’Arel e a organizzare il pensatoio «Vedrò» per Enrico Letta, prima, e poi alla televisione con Giovanni Minoli che le ha affidato un programma sui temi ambientali, ECubo, quattro puntate a tarda notte.

    Sul sito degli studenti della Bicocca impazzano i commenti. Sulla sua ascesa professionale iniziata quando non era laureata, con il posto all’Arel: «C’è gente che nemmeno da laureata trova posti simili». Sul suo curriculum: «È fortunata… è stata scelta tra 1000 altre ragazze, non fosse che sia la figlia di Stefano Madia, sia la ex del figlio di Giorgio Napolitano». Sulla sua qualifica professionale: «Ed è proprio grazie a questa non meglio precisata collaborazione con l’Arel che i media potranno presentarla come “giovane economista”». E sulla sua promessa: «Porterò la mia inesperienza in Parlamento».

    Fonte: http://www.lastampa.it
    23.02.08

    2 – LETTERA: “LA MADIA SAREBBE OTTIMA PER UN GOVERNO A GUIDA MONTEZEMOLO PIÙ CHE VELTRONI”

    Riceviamo e pubblichiamo:

    Caro Dago,
    sono un elettore del PD, sconcertato dalla candidatura della Marianna Madia. Al riguardo ti segnalo che al sito http://www.imtlucca.it ( nota di Cani Sciolti – scuola di ‘alti studi’ fondata da Marcello Pera, ex presidente del Senato) dove è possibile trovare un suo “conference paper” del luglio 2007 dove la signorina parla della deregolamentazione del mercato del lavoro. Secondo la Madia:

    “I risultati della flessibilità interna (.il lavoro part-time può essere usato per migliorare le preferenze di ore lavorate e per aumentare la fedeltà.) indicano che ad una maggiore percentuale di lavoratori part-time è associata una migliore capacità di innovazione. Questo effetto è più forte per le imprese che operano nei settori high-tech.

    Dall’altro lato, la flessibilità esterna (utile per l’adattamento quantitativo del lavoro ai requisiti dell’impresa mediante il facile ricorso al o a contratti temporanei…) per le imprese nei settori high-tech, un maggiore turnover influenza negativamente sia la probabilità di introdurre innovazione di prodotto o di processo sia la percentuale di nuovi prodotti nelle vendite totali. (.) contratti di lavoro come il lavoro interinale o i contratti temporanei influenzano positivamente il grado di innovazione dell’impresa, anche se solo per le imprese in settori low-tech.

    Per le imprese in settori high-tech, un grado maggiore di flessibilità esterna influenza negativamente la capacità dell’impresa di innovare. In ogni caso, questi risultati suggeriscono che c’è un ottimo di flessibilità, dietro il quale la flessibilità del lavoro dell’impresa può negativamente influenzare la capacità di un’impresa di innovare e, quindi, di sopravvivere e svilupparsi.”

    Per la capolista del PD a Roma, dunque, la ricetta è W il precariato. Se poi è nel settore manufatturiero, ancora meglio perché aumentiamo la competitività.

    D’accordo che il PD non si presenta con la Sinistra Arcobaleno, ma questo peccato di gioventù è del Luglio 2007. La Madia sarebbe ottima per un Governo a guida Montezemolo più che Veltroni.

    La flessibilità del lavoro è un argomento di riforme strutturali importante. Ma, almeno in campagna elettorale, con una capolista così, meglio che Veltroni non parli più di lotta al precariato…

    Alberto 68

    Dagospia 23 Febbraio 2008

  • Tao

    Andiamo avanti con la storia di Marianna (o Maria Anna) Madia, Jeune Fille-novità di Walter Veltroni e capolista del suo “Partito Democratico” nel Lazio. [1]

    Mentre leggete, tenete presente in ogni momento alcune cose fondamentali.

    Le colpe dei padri non ricadono sui figli.

    I legami tra persone non costituiscono, in genere, saldi complotti, ma incontri transitori, dove gli amici di ieri si perdono o diventano i nemici di oggi.

    Il 90% di ciò che scrivo qui perderebbe immediatamente di senso, se dovesse dimostrarsi falsa l’affermazione, non documentata, secondo cui Marianna Madia sarebbe la nipote di Titta Madia.

    Ciò premesso, scopro che Marianna Madia è una research fellow di Institutions Markets Technologies (IMT), che Repubblica definisce “il superateneo di Lucca voluto da Pera” o più semplicemente “l’ateneo di Pera”, e il cui presidente è stato anche a lungo Presidente della Fondazione Magna Carta, sempre di Marcello Pera.

    L’IMT è uno dei vari “centri di eccellenza” più o meno privati che, grazie ai loro padrini politici, riesce a godere di fondi pubblici distolti dalle università.

    Oppure, si viene a sapere che l’Arel, il pensatoio dove la Madia lavora, è stato fondato anche da Francesco Cossiga (che poi condivide con la Madia una fisioterapista di nome Mascia).

    Ma su Canisciolti trovo un’altra informazione curiosa, tratta a sua volta da Dagospia, che però come al solito non dà la fonte: lo zio di Marianna Madia sarebbe Titta Madia.

    Titta Madia è, o è stato, insieme consigliere del ministro di Giustizia (cioè di Clemente Mastella), avvocato di Pio Pompa e avvocato di Nicolò Pollari; ma anche difensore dello stesso Clemente Mastella e della sua ormai famosa moglie.

    Clemente Mastella a sua volta ha nominato Titta Madia e consorte (Mastella ha sempre curato i valori della famiglia) nel comitato direttivo della Scuola della Magistratura, che Mastella stesso ha promosso a Benevento.

    Titta Madia, che ovviamente deve essere un avvocato veramente capace (non affidi la tua libertà a un cretino solo perché raccomandato) ha anche difeso il capo della Guardia di Finanza, il generale Paoletti e pure Sergio Billè, il gioviale presidente della Confcommercio arrestato tempo fa.

    Nella difesa di Pio Pompa come in quella di Billè, Titta Madia ha collaborato con un certo Nicola Madia.

    Ma l’avvocato Titta Madia, mi chiedo, non ha ormai più di cento anni?

    Perché il nome lo ricordo, dalla mia prima adolescenza di assiduo frequentatore di bancarelle di libri usati: Titta Madia era l’autore di Rodolfo Graziani. L’Uomo, de I capi incatenati, scritto in onore del maresciallo Pétain, e altri testi simili.

    Adesso andando su Google, il mistero si chiarisce.

    C’era un Titta Madia, 1894-1976, che chiameremo “senior”, il più famoso cittadino di Petilia Policastro in provincia di Crotone e avvocato.

    C’è oggi un Titta Madia, che chiameremo “junior”, nato nel 1947, che esercita a Roma, dove sappiamo che si trovano gli eredi di Titta Madia sr; e ci sono oggi anche due Nicola Madia avvocati, che possiamo presumere siano rispettivamente il fratello e il figlio di Titta Madia jr.

    Titta Madia jr dirige oggi la rivista “L’Oratore del giorno” fondato oltre 70 anni fa da Titta Madia sr. e da un certo Nicola Madia.

    Credo che possiamo dedurre tranquillamente che Titta Madia jr sia il nipote di Titta Madia sr; e che Nicola sia uno di quei nomi che si tramandano ogni volta che sia possibile, per mantenere saldi i legami di clan.

    E chi era Titta Madia sr?

    Giovanni Battista Madia detto Titta, figlio di Nicola (e vi sorprende?), è stato una figura archetipica del notabile meridionale colto, che si è dedicato alle due grandi vocazioni retoriche dell’Ottocento: l’avvocatura e la politica. Pagò il prezzo che ancora si chiedeva alle élite dei tempi, partendo volontario nella prima guerra mondiale, dove fu ferito, guadagnandosi quell’aria sacrale che avrebbe circondato i mutilati di buona famiglia (di quelli comuni, meglio non parlarne).

    Fu tra i primi deputati fascisti del Sud, e divenne di nuovo deputato nel dopoguerra, ovviamente nelle liste del Movimento Sociale; e fino alla morte, fu membro del Comitato Centrale dell’MSI.

    Ricordiamo che essere missino al Sud era cosa molto diversa dall’esserlo al Nord, dove c’era stata la guerra civile. Una cosa molto più tranquilla, ma anche esente dalle tentazioni socialiste che provavano i fascisti settentrionali.

    Nell’unica biografia che ho trovato in rete di Titta Madia sr, c’è un brano che dice tutto sull’Italia:

    “Nel 1926 Madia interviene per allontanare dal “Fascio” di Crotone e dalle Amministrazioni gli elementi più intransigenti che costituiscono un pericolo per la vita della Città e del suo intero territorio; si ricorda ancora l’allontanamento dei Podestà di Petilia e di Cotronei perché non rispondenti alla linea di moderazione: in questo modo egli cerca di legare al partito fascista gli elementi che appartengono alla classe più accreditata e moderata, per cultura e tradizioni, e per cariche sostenute.”

    Ed è esattamente questo il capolavoro dei Madia-gattopardi di tutti i tempi: prendere la rivoluzione del momento, qualunque sia, e assorbirla negli interessi della “classe più accreditata e moderata”, mettendo alla porta gli illusi che hanno creduto a Garibaldi, al socialismo, a Mussolini o al comunismo, poco importa.

    Cosa c’entra Marianna Madia?

    Sarebbe un immenso errore, e un’ingiustizia, fare come gli squallidi commissari telematici dell’antifascismo sbirresco, che vedono ovunque complotti e infiltrazioni, “inquinamenti” e “sdoganamenti”.

    Solo un demente potrebbe squalificare Marianna Madia perché il suo bisnonno (se tale è) ammirava Rodolfo Graziani.

    Però il quadro diventa interessante, se lo guardiamo da un punto di vista antropologico.

    Diamo di nuovo un’occhiata a tutta la lista di nomi che abbiamo citato tra ieri e oggi:

    Veltroni, Marcello Pera, Clemente Mastella, Nicolò Pollari, i notabili fascisti del Meridione, Cossiga, la fisioterapista Mascia, i capi della Guardia di Finanza e di Confcommercio; e aggiungiamo dalla galleria di ieri, Giulio Napolitano, Beniamino Andreatta, Enrico Letta, Gianni Minoli (che alla Rai protegge la giovane Madia).

    A cosa somiglia?

    Non a qualche monolitica congiura.

    Sembra proprio la lista degli invitati a una festa, anzi – se ci mettiamo anche Titta Madia sr, a cent’anni di feste.

    Dove non conta affatto l’appartenenza alla destra (il vecchio patriarcato calabrese), al centro (Clemente Mastella e Marcello Pera) o alla sinistra (Veltroni e Napolitano), ma semplicemente, il biglietto di invito.

    E Marianna Madia, a quanto pare, con il biglietto di invito ci è nata.

    Mica è un delitto.

    Però qui si cade in un equivoco facile.

    Se Marianna Madia è nata con il biglietto di invito, vuol dire che è una lavativa incapace? Ovviamente no. Veltroni non avrebbe bruciato il posto di capolista nella capitale d’Italia per fare un favore a qualche amico.

    Ma allora che problema c’è, se è raccomandata, ma capace?

    E’ proprio quello che fa paura.

    Perché la Marianna sembra esattamente il prototipo dei tecnici del dominio, l’operosa formichina che lavora instancabilmente per affermare gli interessi del mondo in cui è cresciuta.

    Che dire, ad esempio – ma dove lo trova il tempo? – della scelta di partecipare, sotto le ali di Enrico Letta [2], all’organizzazione di un “pensatoio bipartisan” e “inter-polista” che si chiama “VeDrò l’Italia al futuro”?

    Miguel Martinez
    Fonte: http://kelebek.splinder.com/
    26.02.08

    Nota:

    [1] In Lombardia il capolista veltroniano è Matteo Colaninno, Vice Presidente della Confindustria e Presidente del Consiglio Centrale Giovani Imprenditori, vicepresidente del gruppo Piaggio e membro di ben 13 consigli d’amministrazione.

    Il Giornale, in perfetta ma brillante malafede, scaglia la prima pietra intervistando una giovane precaria pugliese cui Colaninno aveva offerto un lavoro di sei mesi a 250 euro al mese.

    [2] Nel caso ve ne foste dimenticati, quando si passò dal governo Berlusconi a quello Prodi, Enrico Letta subentrò all’incarico di suo zio, Gianni Letta, l’eminenza grigia di Berlusconi e il presidente della Fininvest Comunicazioni. Proprio lo stesso incarico, quello di sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

  • Hassan

    “…ma rimane il fatto che due maschi stanno litigando…”

    Cos’è un insulto ? Essere “maschi”… anzi, maschi
    adesso è diventato un insulto ?
    Un qualcosa di cui vergognarsi magari ?
    Altrimenti che senso ha scrivere “due maschi” in quel modo, segnando
    la parola in grassetto ?
    Anche Martinez da quel che mi risulta è maschio, e forse allora
    dovrebbe vergognarsi anche lui ?
    O forse lui è un pò meno “maschio” ? Magari un maschietto
    ?

    Certo che la Propaganda Misandrica Femminista sta facendo grossi danni nelle
    povere testoline dei maschi occidentali…

    Tutti così solerti nel darsi le martellate nei coglioni nella speranza
    di raccattare un pò di figa,
    o addirittura accontentarsi di qualche “pacca virtuale” da un paio
    di bloggers femmine…

  • mat612000

    Non c’è niente da vergognarsi…tranquillo…io un po’ solo mi vergogno del sito che hai linkato…forse la parte evidenziata che tanto ti ha colpito voleva semplicemente far notare che, alla fine, nonostante tante chiacchere fatte siamo uno dei pochi paesi d’Europa a non avere nemmeno una donna come candidata ad essere capo del governo.