Home / ComeDonChisciotte / SARKOQUI, SARKOLA’

SARKOQUI, SARKOLA’


DI MARCO TRAVAGLIO
L’Unita

Ora che Sarkozy ha vinto in Francia, in Italia saltano tutti sul carro del vincitore. Anche quelli che fino all’altroieri stavano su quello di Ségò a portar sfiga. Nella destra all’italiana, Bellachioma in testa, son diventati tutti più sarkoziani di Sarkò, dimenticando che Sarkò non si è mai alleato coi fascisti né coi nazisti, mentre i nostri sì; che lui ha difeso i Pacs, mentre i nostri sono contrari persino ai Dico; che lui ha difeso i gay dagli attacchi del Vaticano, mentre i nostri li brucerebbero; che lui ha annunciato il ritiro dall’Afghanistan, mentre da noi nemmeno la sinistra oserebbe tanto; che lui le ha cantate a Bush anche sul clima, mentre i nostri non sanno nemmeno cosa sia. Ma dove i nostri provincialotti danno il meglio di sé è sul tema della legalità e dei doveri.

Come ha scritto Michele Serra, «abbiamo la destra più antilegalitaria del mondo» che esalta il legalitario Sarkozy: uno che, a sentirlo parlare, se gli capitasse a tiro un Bellachioma, un Previti o un Dell’Utri, chiamerebbe la Gendarmerie.Qui destra e sinistra si tengono da un anno alla Camera un pregiudicato interdetto dai pubblici uffici, con l’aggiunta di altri 24 condannati e una sessantina di inquisiti. Perfino Mastella è un fervente ammiratore di Sarkò. Pare sia lo stesso Mastella che, nella sua qualità di ministro della Giustizia, ha fatto sapere al Brasile che può tranquillamente estradare il pluriomicida Cesare Battisti perché tanto, da noi, le condanne sono un’opinione e anche l’ergastolo è trattabile. Poi, quando i parenti delle vittime han protestato, li ha tranquillizzati spiegando che ha dovuto dire così per farselo consegnare. Da qualche giorno lo assiste l’ottimo Gianpaolo Nuvoli, quello che voleva impiccare Borrelli a un lampione e dava dell’assassino a Caselli, poi è stato condannato per diffamazione a ben 400 mila lire, ma non ha mai pagato nemmeno quelle. Appena s’è saputo che era a spasso, Mastella l’ha promosso direttore generale del ministero della Giustizia.

Poi, naturalmente, tutti sul palco di Sarkozy a predicare legge e ordine. L’altra sera a Report è bastata un’intervista di tre minuti a un giudice francese per capire di che stiamo parlando: «Da noi la prescrizione scatta 3 anni dopo un reato minore, 10 anni dopo un reato grave, mai dopo un omicidio o una strage, ma solo se restano impuniti. Se viene incriminato qualcuno, la prescrizione s’interrompe fino al termine del processo. Così nessuno ha interesse a tirare in lungo e ai colpevoli conviene patteggiare». Basterebbe una legge di tre righe per farlo anche da noi, così si riuscirebbe persino a cancellare la ex-Cirielli e a rispettare almeno una delle 13.947 promesse elettorali dell’Unione. Ma pare brutto, e nessuno ci pensa. Così in Francia la prescrizione è a quota zero, in Italia falcidia un quarto dei processi. Ci vuole Sarkò per capire che il problema non sono le pene scritte nel codice, ma la certezza che vengano applicate? Che una giustizia che non spaventa i malfattori produce nuovi malfattori e li importa pure dall’estero? Che siamo il paradiso dei delinquenti, colletti bianchi e colletti neri, stranieri e nostrani?

Quanti esaltano il programma «legge e ordine» di Sarkò sono gli stessi che fino all’altroieri la menavano con le «troppe intercettazioni» e i «troppi detenuti» (rispetto a cosa?), anziché con i troppi reati e i troppi delinquenti. Gli stessi che ripetono «in carcere ci sono troppi tossicodipendenti ed extracomunitari», come se in Italia si arrestasse la gente perché si droga o per il colore della pelle. Gli stessi che un anno fa, con l’indulto extralarge, hanno liberato 30 mila furfanti e per 10 anni costringeranno la polizia e le Procure a indagare inutilmente, e i giudici a processare gente che, se colpevole, sarà condannata a pene virtuali. Intanto Cofferati, che ha preteso il rispetto della legge prima dagl’imprenditori (articolo 18) e poi dagl’immigrati e dai teppisti (le politiche per la sicurezza a Bologna), ha preso sberle da destra e da sinistra. Gherardo Colombo ha lasciato la toga denunciando la morte della legalità nell’indifferenza generale. E chi, in questi anni, ha parlato di legalità su MicroMega, l’Unità, Repubblica, Diario, in qualche oasi felice della tv o in piazza, è stato massacrato come criminoso, demonizzatore, forcaiolo, giustizialista, girotondino dagli stessi che ora s’innamorano della legalità perché l’ha detto Sarkò. A proposito: che sia un girotondino anche lui?

Marco Travaglio
Fonte: http://www.unita.it
Link: http://www.onemoreblog.it/archives/016233.html
09.05.2007

VEDI ANCHE: La vittoria di Sarkozy. Una svolta? Mah…

Sarkozy e il progetto atlantico

Pubblicato da Davide

  • tamerlano

    Boh… ora sta a vedere che il neocon filoatlantico Sarkozy è il best dei best…
    Ma quando mai?
    E poi il pluriomicida (???) Cesare Battisti accusato da un pentito di essere il mandante di omicidi è quantomeno dubbio.
    http://www.carmillaonline.com/archives/2005/09/001506.html#001506

    Travaglio ha il culto della Giustizia e dello Stato da contrapporre al marciume della politica, non lo sfiora il sospetto che gli uni e gli altri siano tutti egualmente marci (O forse si?)
    Che Legge e Ordine, siano quelli di Lorsignori, tutti complici o conniventi o sordi e ciechi di ben altri crimini che quelli presunti di Battisti.