Home / ComeDonChisciotte / …SAPEVAMO CHE TUTTA LA BASE INDUSTRIALE DEL SUD EUROPA SAREBBE STATA DISTRUTTA

…SAPEVAMO CHE TUTTA LA BASE INDUSTRIALE DEL SUD EUROPA SAREBBE STATA DISTRUTTA

DI PAOLO BARNARD
paolobarnard.info

Il Prof. Alain Parguez, uno degli insider più straordinari nella genesi del Colpo di Stato Finanziario europeo fin dagli anni di Francois Mitterrand (nella foto), e uno dei relatori del prossimo Summit MMT in Italia, mi ha scritto fra le altre cose:

“Porterò le ultimi ricerche che svelano come il golpe finanziario sia stato attentamente pianificato da Francia e Germania che sono le eminenze grigie dell’asse Vaticano-Bruxelles. Ma fin dai tempi di Mitterrand, i suoi consiglieri sapevano perfettamente che tutta la base industriale del sud Europa sarebbe stata distrutta, per formare lì un nuovo impero ‘coloniale’. Ora, per venire ai giorni nostri, va detto, e vi spiegherò, come i debiti nazionali europei, e i presunti danni che comportano, siano stati grandemente sopravvalutati. Perché? Perché le grandi banche devono essere sovra-compensate per le loro perdite dovute alla speculazione su quei debiti. Infatti i tassi d’interesse ‘shylockiani’ sui debiti dell’Eurozona sono una cornucopia per le grandi banche europee e per le corporations che li percepiscono. L’Euro è comunque destinato a collassare, portandosi con sé le austerità, la distruzione di ogni spesa di Stato produttiva e le privatizzazioni selvagge.

Venendo al vostro Summit, mi inchino di fronte agli italiani, perché un evento di questo tipo sarebbe impossibile qui in Francia o in Germania.”

Non so se vi rendete conto di quali siano stati i giochi che hanno portato a questa catastrofe della democrazia e dei redditi. Sono 10 anni che li denuncio. Venite al Summit MMT in Italia, iscrivetevi e contribuite la vostra quota. Vi garantisco che nessuno di voi se ne andrà il 26 febbraio senza la certezza di aver fatto una delle cose più fondamentali di tutta la sua vita.

Paolo Barnard
Fonte: http://paolobarnard.info
Link: http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=320
25.01.2012

Pubblicato da Davide

  • vsntnnicola

    hahahahahaha…..

  • glab

    ?!?!?!?!?!

  • lucamartinelli

    ????????????????????????Mi sembra che i fatti diano ragione al nostro Paolone.

  • Maxim

    Venite al Summit MMT in Italia, iscrivetevi e contribuite

    non ci contare 🙂

  • Lestaat

    “…Francia e Germania che sono le eminenze grigie dell’asse VATICANO-BRUXELLES…”

    Di quali fatti parli?
    E’ la più gigantesca boiata che abbia mai sentito…è solo un’altra delle tante spiegazioni sciocche frutto del pensiero unico.
    Le cose sono molto più elementari da comprendere e gli stati/nazione sono solo comparse che fanno esattamente quello che ci si aspetta, inconsciamente e spontaneamente.
    Mette una tristezza ormai st’omino…

  • AlbertoConti

    Insomma, il Papa complotta per renderci tutti pecorelle, guidate dal cane pastore tedesco, con la complicità dei rentiers francesi. E già, m’era sfuggito il succo della crisi mondiale!

  • lino-rossi

    il Vaticano ne ha parecchie di colpe, ma questa proprio non ci sta.
    il buon Parguez farebbe bene a stare più concentrato e con un atteggiamento più rigoroso.
    nonostante questa brutta scivolata spero molto nel successo dell’iniziativa di Barnard.

  • gattocottero

    Io ho versato la mia quota e andrò al summit MMT organizzato da Barnard per febbraio.

    Barnard sta facendo una cosa grandiosa e spero che questo summit abbia la massima risonanza possible.

  • Iacopo67

    Neanche io ho capito bene come c’entri il Vaticano, e che importanza possa avere in questa storia. Però Ida Magli (“La dittatura europea”) vedeva i vertici della chiesa come schierati dalla parte dell’ Europa, della globalizzazione. Sarebbe interessante saperne di più.

  • embros13

    Continuo a non capire lo scopo pratico del summit. Facciamo un salto temporale e immaginiamo di avere appena partecipato alla tre giorni in 100.000 presenti. Abbiamo capito come ci stanno trombando, e abbiamo capito la sonata della MMT….E ADESSO???????
    Quale é il prossimo passo??????
    LO RIPETO, NON É CHE STIAMO METTENDO IL CARRO DAVANTI AI BUOI?

  • embros13

    SIAMO OSTAGGI SU UN TRENO DIROTTATO VERSO LA CATASTROFE E COSA FACCIAMO? ORGANIZZIAMO UN CORSO PER MACCHINISTA FERROVIARIO E DOPO, SE NE ABBIAMO IL TEMPO, CI PROPONIAMO GENTILMENTE AI DIROTTATORI PER DARLI IL CAMBIO ALLA GUIDA?
    UNA MONETA SOVRANA RICHIEDE UNA NAZIONE SOVRANA E NON VICEVERSA.

  • marcello1991

    non capisco tutte le critiche al summit che non può essere che positivo.

    certo è più facile stare col culo sulla sedia e alzarsi solo quando qualcuno proporrà una soluzione certa e definitiva e dove magari pensiamo di guadagnarci anche…

    non funziona così il mondo se vuoi qualcosa te lo devi sudare.

    Non capisco poi chi deve per forza trovare una causa ed un effetto temporali solo per trovare una scusa x continuare a stare col culo sulla sedia.
    Una nazione non ritrova la sua sovranità perchè la gente si fa le seghe su internet, il solo fatto che 1300 persone si riuniranno è una vittoria è un qualcosa che spezza le regole, ma non lo capite?
    Certo è facile trovare scuse per non agire… perchè agire è faticoso, inoltre chi critica il summit dovrebbe avere l’umiltà di dire che non ci capisce un cazzo perchè questa è la realtà nessuno è un superman nessuno è ogniscente…. ripeto il summit è onorevole perchè ed è degno di rispetto perchè degno di rispetto sono le 1300 personoe che muoveranno il culo dalla sedia e si guarderanno in faccia x 3 giorni!!

  • leoncino1977

    E’ comodo non sapere le cose… Così quando saremo nella merda si potrà dire “MA IO NON LOSAPEVO!”, ottima scusa per non agire.
    La MMT è una cosa seria, non perchè lo dice Barnard, è una teoria economica condivisa da diversi premi nobel per l’ economia tipo, Paul Krugman ( per chi non lo conosce http://it.wikipedia.org/wiki/Paul_Krugman ).
    E il fatto che i sostenitori della MMT sono stati i primi a prevedere la crisi dei mutui, delle banche e dei debiti sovrani, vorrà pur dire qualcosa… Anche se nel 2005 / 2006 venivano derisi…

    http://www.cobraf.com/forum/coolpost.php?topic_id=3561&reply_id=328558

    Io comunque a Febbraio al summit sulla MMT ci sarò.

    Buona notte a tutti.

  • embros13

    Personalmente non ho criticato il summit ma ne ho chiesto lo scopo piú volte non ricevendo alcuna risposta, perché soluzione mi sembra simile a quella utilizzata da coloro che per portare la pace lo fanno a suon di bombardamenti. E se la risposta deve essere che non ti devi aspettare “una causa ed un effetto temporali” tanto vale stare col culo sulla sedia. Ritengo positivo il fatto che le persone si preoccupino di come stanno andando le cose ma non si deve neanche avere la presunzione di pensare che la partecipazione al summit dia l´esclusiva alla preoccupazione. Vorrei capire anche quali regole spezzano 1300 persone che, chiamate a raccolta, intervengono acriticamente in risposta all´emotivitá della situazione e chiamate dal guru del momento, quando se volevano, anziché farsele spiegare, potevano rimboccarsi le maniche e responsabilmente approfondire le teorie economiche dell´acqua calda. Tra l´altro ti dico come io mi sudo quello che voglio, rifiutando QUALSIASI compromesso, cercando di fare tutto in autosuffienza, utilizzando il baratto per il 50% delle spese che sono quelle indispensabili, mangiando cibi semplici, frutta e verdura, l´acqua del rubinetto per bere, utilizzando le mie gambe per spostarmi o i mezzi pubblici o la bici, rifiutando tv, telefonino e grande distribuzione, vivendo sobriamente, aiutando e sostenendo chi ha bisogno per quello che mi é possibile, agendo in prima persona INDIVIDUALMENTE perché non devo delegare nessuno e perché, ti svelo un segreto, la massa é e sará sempre controllata/controllabile/infiltrabile/manipolata/strumentalizzata non si scampa, e addirittura si muoverá come il potere auspica che si muova proprio quando é stato preparato un piano “alternativo”. Il sottoscritto non pensa di trovare soluzioni facili e certe perché non ne esistono e l´unico guadagno che mi aspetto é l´essere trattato con rispetto e da persona capace di pensare e di dominare correnti emotive indotte ma per comprendere questo si deve aver compreso il meccanismo del sistema e prenderne di volta in volta le contromisure. E per farlo, anche se non sono superman, non ho dovuto pagare l´ingresso ad una convention in pieno stile new economy. L´unico lusso che mi sono permesso é stato comprare quintali di libri, usati, al mercatino delle pulci. L´economia deve essere uno strumento al servizio dell´uomo, se l´uomo ne diventa schiavo si deve cambiare sistema e questo, si, é scomodo. Tanti individui che pensano e si muovono di conseguenza formano una rete, tanti individui che si fanno pensare e si fanno muovere di conseguenza formano una massa.

  • AlbertoConti

    Mi associo a Lino Rossi e a tutti quelli che augurano la riuscita di questo summit. A chi parteciperà rivolgo l’invito a curarsi anche della riuscita del feedback condiviso in rete, che offra a tutti la possibilità di cogliere facilmente (nei limite del possibile) l’essenza del pensiero MMT. Per la “scuola austriaca” abbiamo Francesco Carbone che da anni fa un egregia opera divulgativa. Per me sono “pezzi” importanti del puzzle, che una volta assimilati consentiranno a chiunque voglia essere indipendente nel pensiero di farsi la propria visione delle cose, magari critica nelle conclusioni delle varie “scuole”, ma sicuramente arricchita da esse. La sfida che abbiamo di fronte è quella di affrontare la complessità per non farsi sopraffare da essa. Buon cammino a tutti.

  • greiskelly

    provo a risponderti io. Il summit è utile per iniziare a divulgare la consapevolezza di come c stanno fregando (prima ai 1300, poi nelle piazze a milioni): ed è qui che sta la risposta. Siamo una massa governabile/governata, ma ciò che spaventa l’elite è l’opinione pubblica. Per questo vuole dirigerla/manipolarla. Se noi rendiamo diffusa l’idea che la pensione, la sanità, la pubblica istruzione, la ricerca, ecc, sono possibili grazie ad una questione monetaria, questa verrà richiesta a forza dalla maggioranza. Nessuno accetterà più l’idea di perdere la pensione per via di una crisi manipolata, per finanziare le elite. Per finanziare i cacciabombardieri e i loro sporchi giochi di potere. Se poi pensi che anche questa è l’ennesima manipolazione, l’ennesimo buco nell’acqua di autoassoluzione per dire “io qualcosa ho fatto”, staremo a vedere

  • greiskelly

    provo a risponderti io. Il summit è utile per iniziare a divulgare la consapevolezza di come c stanno fregando (prima ai 1300, poi nelle piazze a milioni): ed è qui che sta la risposta. Siamo una massa governabile/governata, ma ciò che spaventa l’elite è l’opinione pubblica. Per questo vuole dirigerla/manipolarla. Se noi rendiamo diffusa l’idea che la pensione, la sanità, la pubblica istruzione, la ricerca, ecc, sono possibili grazie ad una questione monetaria, questa verrà richiesta a forza dalla maggioranza. Nessuno accetterà più l’idea di perdere la pensione per via di una crisi manipolata, per finanziare le elite. Per finanziare i cacciabombardieri e i loro sporchi giochi di potere. Se poi pensi che anche questa è l’ennesima manipolazione, l’ennesimo buco nell’acqua di autoassoluzione per dire “io qualcosa ho fatto”, staremo a vedere

  • gattocottero

    La vedi tutta la gente che sta ora protestando in piazza?

    Ecco, immaginati se si dotassero di una piattaforma di questo tipo come base politica (possibile con la MMT promossa da Barnard):

    RIVOLTA GENERALE INSIEME A STUDENTI E OPERAI, ECCO LA PIATTAFORMA COMUNE

    Il costo del carburante deriva da due cose:
    1) le tasse, che stanno crescendo perché dobbiamo “abbassare lo spread” in quanto non disponiamo di una moneta sovrana e a causa di ciò i popoli europei stanno venendo affamati
    2) le guerre insensate contro i paesi produttori di petrolio, Iraq, Libia, e ora Iran

    In altre parole la piattaforma comune c’è:
    1) NO A QUESTO SISTEMA ECONOMICO CHE CI STA MANDANDO TUTTI IN ROVINA
    2) NO ALLA GUERRA

  • lino-rossi

    la scuola austriaca, iperliberista all’ennesima potenza, è agli antipodi della MMT; per essa non deve esistere il welfare (testuali parole di Mises) e tutte le proposte di Keynes sono viste come il fumo negli occhi.
    spero proprio che la scuola austriaca sia il più presto possibile accantonata definitivamente: ha già fatto troppi danni.

  • embros13

    I motivi sono validissimi ed anche la teoria, che conosco, e difatti non la critico, ma sto sottolineando da tempo che senza PROGRAMMAZIONE DEFINITA non si combina niente perché, e l´abbiamo giá visto con altri movimenti, si diventa manipolabili-strumentalizzati e si creano le basi dell´ennesimo cambio di forma per mantenere la medesima sostanza. Questi ed altri motivi per protestare c´erano anche prima, domandati perché anche in presenza di grandi movimenti non é cambiato nulla. La base comune dovrebbe essere uno STATO SOVRANO perché senza questa premessa non si va lontano. Bisogna cambiare le abitudini e le strategie

  • rasna-zal

    Concordo con Lino.

    F. Hayek esponente principale della “Scuola”, di cui la Thatcher si fregiava di avere amicizia e profonda stima, consigliò la stessa di agire nel Regno Unito come M. Friedman e i suoi Chicago Boys avevano fatto nel Cile di Pinochet…

    Tanto che, il pugno di ferro con cui la “Lady” spezzo l’economia del carbone e con cui impose la prima ondata di liberismo in europa, privatizzando le più importanti aziende pubbliche inglesi, fu giudicato dallo stesso Hayek come poco incisivo, mentre gli inglesi hanno vissuto una rivolta interna tra operai – minatori e migliaia di poliziotti a difendere le nuove posizioni liberali del Regno.

    Non ho trovato nulla di interessante nella Scuola Austriaca.


    Per il resto mi unisco ad entrambi voi e spero che Barnard riesca a fare un buon lavoro, ma soprattutto spero in quello che gli attivisti, che stavolta si sono messi in gioco, riusciranno a fare a loro volta.
  • Georgejefferson

    Io ci saro’….non posso prevedere gli sviluppi futuri…ma intanto,questa scuola,voglio capirla meglio.Ho la convinzione assoluta che esista da sempre il segreto del denaro…minuziosamente tenuto nascosto dalle elitè…quel segreto voglio carpire…anche se mi serviranno tanti studi…e non perche mi illudo che sia una magia che risolva il mondo….ma semplicemente lo strumento piu importante che l’uomo hà e aveva per alimentare la fiducia reciproca e solidale degli uomini di buona volontà…che a loro volta avrebbero alimentato nelle masse un sentimento piu umano di concorrenza onesta e cooperativa.

  • embros13

    Ti ringrazio per la risposta, . Non metto assolutamente in dubbio la buona fede di Barnard (di cui, come moltissimi, ho seguito le inchieste giornalistiche e gli articoli di denuncia), ed ho giá espresso apprezzamenti per il solo fatto che migliaia di persone cerchino di impegnarsi per il futuro del paese o di quello che ne rimarrá, ribadendo peró che il non partecipare al summit non significa disinteressarsi o non agire in tale ambito. L´opinione pubblica non ha niente di temibile perché viene progettata a tavolino dall´elite, chi la teme sono i burattini che occupano momentaneamente il palcoscenico. Cerco di far capire che é la volontá politica che manca non le teorie economiche, e la politica risponde alle necessitá dell´elite. Quindi la prioritá a mio avviso dovrebbe essere l´instituzione della sovranitá(cominciando ad uscire dall´UE ). La mia paura (ma questo é un mio problema)é che si formi l´ennesimo movimento esclusivo per belle anime che al primo bivio saranno trascinate verso un binario morto…

  • AlbertoConti

    Quando un’analisi è corretta e illuminante, anche solo di uno dei tanti aspetti del sistema, per me è un tassello da tenere in considerazione. Tutt’altra cosa è il sistema teorico, più o meno alternativo, che una “scuola” propone, a partire dal corpo completo delle sue analisi storiche, ognuna delle quali ha una sua valenza corretta o criticabile. Da quel che ne so sia gli austriaci che la MMT propongono utopie squilibrate, anche se opposte per certi versi. Gli americani ignorano completamente la trave che è nel loro occhio, il ruolo planetario del dollaro nell’epoca dell’imperialismo americano.

  • rasna-zal

    … Caro Alberto, non sono ancora riuscito a trovare quel “tassello” di cui parli.

    Ho capito che non sei un ortodosso ultra-liberista e che la tua posizione scaturisce da vari e personali punti di vista su altrettante teorie economiche, ma una tantum dammi un indizio più efficace… 😉