“Abbiamo punito chi dice la verità e premiato i criminali” Ron Paul su Assange

“Diari di guerra in Iraq” a dieci anni: la verità è tradimento

Ron Paul

Ronpaullibertyreport.com

Lo scopo del giornalismo è scoprire la verità, in particolare la verità scomoda, e pubblicarla a beneficio della società. In una società libera, dobbiamo essere informati degli atti criminali compiuti dai governi in nome del popolo. Nel corso della storia, i giornalisti hanno scoperto i molti modi in cui i governi mentono, imbrogliano e rubano – e le grandi cose che faranno per impedire alla gente di scoprire la verità.

Fondamentali sono i grandi giornalisti come Seymour Hersh, che ci ha raccontato la tragedia del massacro di Mai Lai e gli orrori avvenuti nella prigione di Abu Ghraib in Iraq.

La scorsa settimana è stato l’anniversario della pubblicazione da parte dell’organizzazione Wikileaks di Julian Assange, della denuncia di illeciti del governo degli Stati Uniti. Si tratta di una denuncia che può essere considerata alla pari con il lavoro fatto da Hersh. La pubblicazione dei “Diari della guerra in Iraq” ci ha mostrato tutta la brutalità dell’attacco americano all’Iraq. Ci ha detto la verità sull’invasione e l’occupazione USA di quel paese. Quella non era una guerra di difesa contro una nazione che ci minacciava con armi di distruzione di massa. Quella non era la liberazione del paese. Non stavamo “portando la democrazia” in Iraq.

No, il rilascio di quasi 400.000  rapporti classificati dell’esercito americano ci ha mostrato in modo dettagliato e sporco come  l’attacco statunitense fosse stata una guerra di aggressione, basata su bugie, in cui centinaia di migliaia di civili furono uccisi e feriti.

Abbiamo appreso che l’esercito americano ha classificato chiunque avesse ucciso in Iraq come “combattente nemico”. Abbiamo appreso che più di 700 civili iracheni sono stati uccisi per “essersi avvicinati troppo” a uno delle centinaia di posti di blocco militari statunitensi, comprese le future mamme incinte che si precipitarono all’ospedale.

Abbiamo appreso che il personale militare degli Stati Uniti consegnava regolarmente i “detenuti” alle forze di sicurezza irachene dove sarebbero stati torturati e spesso uccisi.

Assange dopo dieci anni dopo che con il suo coraggioso atto giornalistico ha cambiato il mondo esponendo uno dei crimini del secolo, si trova in isolamento in una prigione del Regno Unito. Nella prigione  letteralmente combatte per la sua vita: se fosse estradato negli Stati Uniti, affronterebbe 175 anni in una prigione “supermax” per aver commesso “spionaggio” contro un paese di cui non è cittadino.

Sulla guerra in Iraq abbiamo punito chi dice la verità e premiato i criminali. Persone che consapevolmente ci hanno mentito sulla guerra come Dick Cheney, George W. Bush, gli “esperti” neocon di Beltway e la maggior parte dei media, non hanno dovuto affrontare né punizioni né la vergogna professionale per le loro azioni. In effetti, sono usciti senza problemi e molti hanno persino prosperato.

Julian Assange ha spiegato di aver pubblicato i diari della guerra in Iraq perché “sperava di correggere alcuni degli attacchi alla verità avvenuti prima della guerra e che sono continuati da quando quella guerra è ufficialmente finita”. Eravamo soliti lodare i giornalisti coraggiosi che non avevano paura di affrontare i “cattivi”. Adesso li torturiamo e li imprigioniamo.

Il presidente Trump ha sottolineato che l’attacco degli Stati Uniti all’Iraq è una delle “guerre stupide” che si era impegnato a porre fine. Ma non sapremmo nemmeno la metà di quanto quella guerra sia stata stupida – e malvagia – se non ci fossero state le azioni coraggiose di Julian Assange e dell’informatore Chelsea Manning. Il giornalismo non dovrebbe essere un crimine e il presidente Trump dovrebbe perdonare immediatamente Assange.

L’articolo in lingua originale: http://www.ronpaullibertyreport.com/archives/iraq-war-diaries-at-ten-years-truth-is-treason

Fonte: https://www.vietatoparlare.it/ron-paul-il-presidente-trump-dovrebbe-graziare-assange/